Il coltello per l'isola deserta
Presentazione di prodottiCucina + Gourmet

Il coltello per l'isola deserta

Simon Balissat
Zurigo, il 07.04.2021
Traduzione: Nerea Buttacavoli
Se dovessi limitarmi a un solo coltello, non dovrei pensarci a lungo. Un buon coltello da cucina o un coltello Santoku è tutto ciò che serve. Un appello per l'unico vero strumento di taglio.

Su un’isola deserta puoi portare otto brani musicali, un libro (le opere di Shakespeare e la Bibbia, o gli scritti sacri corrispondenti della tua religione, ci sono già) e un oggetto di lusso (inanimato e che non può aiutarti nella fuga): è questa la premessa del programma radio BB4 «Desert Island Discs». Dal 1942, la domenica mattina su BBC 4 le celebrità affrontano questo esperimento di pensiero e giustificano le loro scelte per 45 minuti. Giustamente, «Desert Island Discs» è considerato uno dei migliori programmi radiofonici del mondo. L'idea di base è semplice e comprensibile, le risposte concedono sguardi profondi nella personalità delle celebrità e tu stesso prendi inevitabilmente parte a questo esperimento di pensiero. Ti chiedi automaticamente: «Quale scelta farei e perché?». Mentre personalmente avrei più difficoltà a scegliere i brani e il libro, per me l'oggetto di lusso è una scelta ovvia.

Un coltello.

Il coltello per l'isola deserta

I vantaggi di un coltello sono evidenti. Frutta e verdura ci saranno in abbondanza sull'isola, pesce o altri animali li dovrei catturare con mezzi semplici e un fuoco lo accenderei con qualche metodo à la Bear Grylls. Ho già visto tutto in sessioni infinite su YouTube. Been there, watched that. Un coltello aiuta immensamente in tutti questi compiti. Il coltello tascabile è la scelta più ovvia: forbici, lima, punteruolo, apriscatole e cavatappi – nel caso in cui lattine o bottiglie di vino raggiungessero in qualche modo la riva dell’isola deserta – sono a portata di mano nel piccolo tuttofare svizzero. A portata di mano è ottimo, il grande problema è la maneggevolezza.

I coltellini sono troppo maneggevoli – di conseguenza, ironicamente, sono poco maneggevoli.

Anche le mani piccole faticano ad afferrare il coltello correttamente e la lama è troppo corta per l'uso quotidiano. Per quanto fichi possano essere gli strumenti integrati, il coltello tascabile Victorinox non soddisfa a sufficienza i compiti di un coltello.

Victorinox-Chef Elsener: «Spare in der Zeit, dann hast du in der Not!»
HintergrundNachhaltigkeit

Victorinox-Chef Elsener: «Spare in der Zeit, dann hast du in der Not!»

«La rinuncia è forza», un proverbio arabo che voglio seguire lasciando a casa la cassetta degli attrezzi tascabile. L’oggetto che porto sull'isola deserta è un coltello da cucina o un Santoku.

Santoku sopra, coltello da cucina sotto. Uno dei due dev’essere sull’isola.
Santoku sopra, coltello da cucina sotto. Uno dei due dev’essere sull’isola.

Un momento incisivo

Sono passati ormai circa 15 anni da quando ho capito che l'arma multiuso per eccellenza in cucina non sono i coltellini con lama dentellata, ma i coltelli da cucina con lama grande. Da allora la mia vita è cambiata. Con la forza dell’effetto leva e in una sola mossa, taglio le cipolle in piccoli cubetti, i peperoni in strisce e il manzo in tartare. Con la lama larga schiaccio l'aglio, con la parte posteriore stacco le articolazioni del pollo con facilità. Da allora, «evangelizzo» amici e familiari per i coltelli con le lame grandi.

La scusa dei fan del coltello piccolo è sempre la stessa: «La lama grande mi spaventa». Posso contrastare questa paura diffusa dicendo che le ultime tre volte che mi sono tagliato, era per colpa di un coltello piccolo e smussato. Poiché manca l’effetto leva e il manico è troppo piccolo, quando uso coltelli piccoli scivolo più velocemente di quanto Kurt Cobain sia finito sulla cattiva strada. Perciò non porto con me sull’isola deserta né i coltellini, né i Nirvana.

Con lo zoo di verdure contro la solitudine

I coltelli piccoli hanno per certo motivo (di nicchia) di esistere. Se potessi portare due coltelli sull'isola deserta, il secondo sarebbe sicuramente piccolo. Le cipolle o le patate si sbucciano facilmente, le ammaccature nelle verdure possono essere rimosse con precisione e se mi annoio, posso ritagliarmi un intero zoo di animaletti, pedagogicamente parlando molto importanti per tenermi compagnia. Al di là di questo, però, i coltellini sono inutili perché non sono fatti per altri compiti.

Set coltelli per verdure (8cm)
Sconto sulla quantità
13.30
Victorinox Set coltelli per verdure (8cm)

Ora rimane da decidere quale coltello avrà l’onore di venire con me. Mentre i coltelli europei sono più adatti per pungere e infilzare per via della loro forma, i Santoku sono maestri assoluti nel tritare le verdure e la carne grazie alla loro lama larga senza punta, grazie alla quale non rimango impigliato da nessuna parte. In generale, il coltello da cucina europeo e la sua controparte giapponese, il Santoku, li considero entrambi molto maneggevoli. Mentre la forma del manico dei coltelli europei deve adattarsi alla mano, i coltelli giapponesi con manici rotondi o ottagonali offrono una presa perfetta anche per mani piccole o grandi.

Manico giapponese e europeo
Manico giapponese e europeo

Infine, il materiale della lama è il fattore decisivo. L'acciaio inossidabile è probabilmente la scelta migliore sull'isola. Faccio a meno dell'acciaio al carbonio, più robusto e affilato, ma che ama la ruggine e quindi vuole essere oliato. Uno di questi coltelli sarebbe quindi la mia scelta.

Coltello Santoku taglio cavo (17cm)
40.–
Victorinox Coltello Santoku taglio cavo (17cm)

Il che mi lascia affrontare la questione molto più difficile della musica e della letteratura. Sono sicuro che sceglierò una canzone di Billy Joel, ma quale? E il re del pop Michael Jackson lo lascio a casa? Anche un pezzo classico non può mancare, ma sarà Bach, Mozart o Beethoven? Letterariamente meglio Pirandello o qualcosa di più filosofico, come Nietzsche? Faccio il patriota optando per Frisch o Dürrenmatt? O meglio andare oltreoceano con Murakami o Poe? Contano le opere complete? In questo caso sceglierei Kafka... No, l’enciclopedia Brockhaus! Esiste ancora?

Queste decisioni probabilmente rimarranno sul filo del rasoio – o sulla lama del coltello – per sempre...

A 46 persone piace questo articolo


Simon Balissat
Simon Balissat
Teamleader Editorial, Zurigo
Quando 15 anni fa ho lasciato il nido di casa, mi sono improvvisamente ritrovato a dover cucinare per me. Ma dalla pura e semplice necessità presto si è sviluppata una virtù, e oggi non riesco a immaginarmi lontano dai fornelli. Sono un vero foodie e divoro di tutto, dal cibo spazzatura alla cucina di alta classe. Letteralmente: mangio in un battibaleno..

Potrebbero interessarti anche questi articoli