Decalcificare correttamente il bollitore

Decalcificare correttamente il bollitore

Raphael Knecht
Zurigo, il 16.02.2021
Traduzione: Sanela Dragulovic
Per una zuppa calda o un tè rilassante, il mio bollitore non ha un momento di riposo in questi mesi di telelavoro. Per garantire che i sapori non si alterino, decalcificare regolarmente e correttamente è essenziale.

Mi piace cucinare e i risultati che ottengo non sono nemmeno male. Eppure, ogni tanto cedo alla pigrizia e mi concedo una minestra istantanea. Soprattutto ora che lavoro da casa e consumare pasti caldi è rilassante in inverno. Anche se non sono un grande fan del tè – lo bevo solo quando sono malato – la pandemia ha cambiato anche questa abitudine. Per molto tempo, il mio bollitore è stato rinchiuso in un armadio prima di trovare il suo posto fisso sul bancone della cucina ed essere costantemente in funzione. Di conseguenza, ora è sempre pieno di calcare. Perché le mie zuppe e i miei tè continuino ad avere un buon sapore e non ci siano tracce di calcare, devo pulire e decalcificare il bollitore regolarmente. Con gli strumenti giusti e trucchi astuti, è facile e veloce nella stragrande maggioranza dei casi.

Da dove arriva tutto questo calcare?

La formazione di calcare risale ai tempi preistorici e si è formato da conchiglie e carapaci di animali. Essendo uno dei minerali più abbondanti nella crosta terrestre, viene assorbito dalle acque sotterranee, e quindi dall'acqua potabile – nonostante gli impianti di depurazione e il trattamento delle acque. Con l'aiuto di sistemi di decalcificazione, viene quasi completamente neutralizzato in molte case, ottenendo acqua dolce e poco calcarea. Senza queste misure, l’acqua che scorre dal rubinetto risulta dura e calcarea. Che si abbia acqua dolce o dura, non si può mai evitare completamente l'accumulo di calcare. Fortunatamente, il calcare non è pericoloso per noi umani, almeno nella misura in cui scorre dai nostri rubinetti.

Spesso si vedono residui di calcare anche sui sanitari.
Spesso si vedono residui di calcare anche sui sanitari.

Quando si fa bollire l'acqua in un bollitore o in una pentola, si formano residui visibili di calcare. Questo può accadere anche in bagno o sulla terrazza quando si annaffiano i fiori – praticamente ovunque ci sia di mezzo l'acqua. Più alto è il contenuto di calcare nell'acqua, cioè più dura è l'acqua, più velocemente e più depositi di calcare si formano. Appena l'acqua evapora, rimangono le molecole di calcare. Si tratta quindi delle fastidiose macchie bianco-grigie che rimangono su tutti i tipi di superfici.

Il bollitore è terreno fertile per il calcare

Il bollitore è predestinato ad ospitare depositi di calcare. Non importa se disponi di un modello più vecchio con una serpentina di riscaldamento esposta o un apparecchio più moderno che la nasconde sotto una base intermedia: il calcare si accumula molto rapidamente in entrambi i modelli. Questo perché l'acqua viene bollita, e dato che non la si versa mai tutta, quella che rimane evapora rapidamente. Ripeti questo processo più volte per qualche giorno e ti ritroverai con uno strato di calcare sul fondo o sulla serpentina del bollitore.

Elimina il calcare dal fondo e dal beccuccio del bollitore.
Elimina il calcare dal fondo e dal beccuccio del bollitore.

Anche se i depositi di calcare non sono direttamente dannosi per noi e per il bollitore, possono alterare il sapore. Inoltre, vedere i residui di calcare galleggiare nel tè o nella zuppa non è molto invitante. Inoltre, il dispositivo può perdere efficienza con il passare del tempo. Questo perché il calore della serpentina deve attraversare lo strato di calcare prima di riuscire a portare l'acqua ad ebollizione. Si spreca così inutilmente energia, il che non è solo dannoso per l'ambiente ma anche per il tuo portafoglio. Ecco perché è importante decalcificare regolarmente.

Decalcificare con prodotti decalcificanti

Ci sono decalcificanti, speciali appositamente sviluppati per decalcificare elettrodomestici come il bollitore o la macchina del caffè. Il vantaggio rispetto ai rimedi naturali casalinghi è che questi decalcificanti contengono già il dosaggio ottimale per contrastare il calcare. Inoltre, se si seguono le istruzioni del produttore, non si può quasi sbagliare. Effetti collaterali indesiderati come strani odori o danni al dispositivo non si verificano quasi mai.

Il decalcificante per elettrodomestici pulisce il tuo bollitore in un attimo.
Il decalcificante per elettrodomestici pulisce il tuo bollitore in un attimo.

Segui sempre le istruzioni che trovi nella o sulla confezione. Queste differiscono leggermente a seconda del decalcificante, che tuttavia hanno tutti lo stesso principio di base. Aggiungi il decalcificante all’acqua, nelle quantità prescritte dal produttore, versa il tutto nel bollitore e lascia agire per almeno 45 minuti. Sciacqua in seguito il bollitore una o due volte con acqua pulita e il calcare dovrebbe essere sparito.

Decalcificare con il limone

Un modo più ecologico per rimuovere il calcare dal bollitore è il succo di limone. Il succo, o meglio l'acido contenuto nel succo di limone, dissolve anche i depositi di calcare. Puoi usare uno spremiagrumi per spremere un limone fresco, del succo di limone preconfezionato oppure del limone in polvere. Questo approccio è anche più economico dei decalcificanti disponibili in commercio. Inoltre, il limone non lascia odori sgradevoli nel bollitore, al contrario: lascerà un odore piacevole e fresco.

La potenza dell'acido citrico scioglie quasi ogni accumulo di calcare.
La potenza dell'acido citrico scioglie quasi ogni accumulo di calcare.

Per pulire il tuo bollitore con l'acido citrico, diluiscilo con acqua. Poiché l'acido concentrato è troppo aggressivo per i materiali del bollitore, mescolalo con acqua in un rapporto di 1:3. Nel caso di limone in polvere e di alcuni concentrati di succo di limone, troverai le indicazioni relative al dosaggio sulla confezione. Tuttavia, la miscela non deve essere bollita in quanto l'acido citrico non è resistente al calore. Lascia la soluzione acida nel bollitore per almeno 45 minuti. Qualora non tutti i depositi di calcare fossero sciolti, lascia agire per altri 15 minuti. Infine, sciacqua il bollitore con acqua pulita e la decalcificazione ecologica è finita.

Decalcificare con aceto

Quando si tratta di pulire con rimedi casalinghi, l'aceto è l'arma delle meraviglie per eccellenza, ed è per questo che viene usato per quasi tutti i pasticci e si trova in quasi tutte le case. L'aceto è anche ottimo per decalcificare superfici ed elettrodomestici. L'acido acetico è quello che dissolve il calcare, rendendo il tuo bollitore di nuovo pulito. L'aceto è relativamente economico ed è ecologicamente sicuro, come l'acido citrico, ed è molto efficace.

L'aceto è lo smacchiatore domestico universale per eccellenza.
L'aceto è lo smacchiatore domestico universale per eccellenza.

Per pulire il bollitore con l'aceto, aggiungi un po’ di aceto a una tazza di acqua. Se il bollitore è molto sporco, avrai bisogno di due o tre tazze d'acqua e un po' più di aceto. Rispetto all'acido citrico, è possibile far bollire la miscela aceto-acqua nel bollitore. Dopo di che, sciacqua immediatamente. Se il bollitore non è ancora completamente privo di calcare, ripeti il processo una seconda volta. Per il calcare molto ostinato, lascia agire per due o tre ore. Dopo la decalcificazione con aceto, è necessario sciacquare bene il bollitore con acqua e poi farlo bollire due o tre volte per eliminare l’odore. Non inalare mai direttamente il vapore dell'aceto caldo, perché attacca le mucose e le vie respiratorie.

Decalcificare con il lievito in polvere

Il lievito in polvere non è solo ottimo per preparare una deliziosa torta. La polvere bianca è un ottimo rimedio casalingo contro varie macchie e come decalcificante, perciò puoi usarla tranquillamente anche per decalcificare il tuo bollitore.

Il lievito in polvere è un'altra arma segreta contro il calcare.
Il lievito in polvere è un'altra arma segreta contro il calcare.

Versa un pacchetto di lievito in polvere nel bollitore, riempilo di acqua e fai bollire. Attenzione a non riempirlo al massimo, perché la miscela di acqua e lievito tende a creare schiuma durante l’ebollizione. Per sviluppare il pieno effetto, la miscela deve agire per almeno un'ora. Sciacqua il bollitore e fai bollire acqua pulita una o due volte e il tuo bollitore tornerà a splendere.

Decalcificare con altri rimedi

Se l'aceto, il lievito in polvere e il limone non hanno rimosso il calcare, puoi provare con tab decalcificanti o compresse per dentiere. Grazie alla loro forte reazione chimica in acqua, dissolvono anche i depositi di calcare più ostinati. Dato che puoi usarle addirittura per rimuovere il calcare dell'urina nel WC, il calcare del bollitore non dovrebbe essere un problema. Basta mettere le compresse nel bollitore e aggiungere un litro d'acqua, scaldare, lasciar agire e sciacquare con acqua pulita.

Le compresse per dentiere puliscono anche il bollitore.
Le compresse per dentiere puliscono anche il bollitore.

Anche l'aspirina è un buon rimedio. Metti l’aspirina nel bollitore, in polvere o in compresse, aggiungi un litro d'acqua e fai bollire. Dopo aver lasciato agire per circa un'ora, svuota e sciacqua il bollitore con acqua pulita. Se necessario, ripeti questo processo per eliminare tutte le incrostazioni di calcare. Quello che non si dovrebbe fare con questo o qualsiasi altro metodo, è raschiare i depositi di calcare con un cacciavite, un coltello o un altro strumento appuntito. Altrimenti si rischia di danneggiare la superficie, la serpentina di riscaldamento o l'elettronica del bollitore.

A 46 persone piace questo articolo


Raphael Knecht
Raphael Knecht
Senior Editor, Zurigo
Se non mi sto cibando di "ciugnate" dolci a volontà vuol dire che sono in qualche palestra: l’unihockey è una mia grande passione, sia come giocatore che come allenatore. Nei giorni di pioggia puoi scovarmi ad avvitare e svitare i miei PC, robot o altri giocattoli elettronici. La musica mi accompagna costantemente. La vita sarebbe dura senza giri in bici sulle strade di montagna ed intense sessioni di sci di fondo.

Potrebbero interessarti anche questi articoli