Retroscena

Sulle tracce della corsa: «Il cervello si spegne – in un certo senso»

Michael Restin
16.09.2022
Traduzione: Rebecca Vassella

Da dove arriva questa sensazione di benessere, ricompensa di ogni corsa? Ciò che accade nel cervello durante la corsa non interessa solo agli scienziati dello sport come Leonard Braunsmann. Una conversazione sul caos nella testa, sul beneficio dell'autodeterminazione e sul «rumore cerebrale» che viene sempre trascurato.

Per andare da Leonard Braunsmann, prendo le scale ovviamente. Mentre salgo al quarto piano, il mio polso si alza, il mio respiro accelera e ripercorro nella mia testa le domande da porgli. È assistente di ricerca presso l'Istituto per il Movimento e le Neuroscienze dell'Università tedesca dello Sport di Colonia e ha condotto uno studio insieme alla dottoressa Vera Abeln che mi interessa: il progetto «ClearMind» si occupa di capire se e come la corsa riduce il caos nella mente. Una sensazione che probabilmente conosci anche tu. Questo è il motivo per il quale non prendo mai l'ascensore prima di avere esami o colloqui. Voglio rimanere in movimento il più lungo possibile, per riordinare i miei pensieri. Ora vorrei sapere di più su cosa c'è di neuroscientifico dietro a questa sensazione. Eccomi arrivato al quarto piano. Tre respiri profondi. Ora devo porre la mia domanda.

Ciao Leonard, sei già andato a fare una corsa oggi?
Leonard Braunsmann: no, oggi no (ride). In realtà non vado molto a correre, preferisco andare in bici.

Anche questo va bene. Le cicliste e i ciclisti sono i beniamini della diagnostica delle prestazioni. Vale anche per la neuroscienza?
Sì, questo vale anche per il cervello. Quando si pedala, è possibile sedersi in modo stabile sull'ergometro e non muovere troppo la testa. I movimenti della corsa, invece, possono provocare segnali di interferenza nella misurazione dell'attività cerebrale. Questo rende più difficile la misurazione durante l'attività sportiva. Altro motivo per cui il ciclismo è così popolare nella ricerca.

Leonard Braunsmann è specializzato in argomenti di neuroscienze.
Leonard Braunsmann è specializzato in argomenti di neuroscienze.

Una buona parola chiave qui è segnale di interferenza. Per la ricerca «ClearMind» sono state effettuate misurazioni EEG prima e dopo la corsa, cioè sono state misurate le onde cerebrali. Si trattava di studiare il «rumore cerebrale», che trovo molto azzeccato come termine. Ci si può subito immaginare che qualcosa vada in tilt in testa. Quali sono le neuroscienze alla base di questo fenomeno?
Il rumore cerebrale fornisce informazioni sulla comunicazione delle cellule nervose nel cervello. Fino ad ora, per quasi 100 anni, sono state studiate solo le oscillazioni. Si tratta di oscillazioni regolari dovute all'attività dei neuroni. Solo da pochi anni si è iniziato a studiare più da vicino anche l'attività non oscillatoria. Si tratta di una specie di rumore di fondo che si trova «sotto» le oscillazioni. Per molto tempo si è pensato che si trattasse di un segnale di interferenza, il quale veniva quindi filtrato.

Perché improvvisamente è diventato interessante?
Eppure, nel frattempo si sa che ha una rilevanza funzionale. È correlata all'età, per esempio. Più si invecchia, più è presente questo rumore. Esiste anche una correlazione con alcuni domini delle capacità cognitive. Grazie a queste scoperte, è diventato di maggiore importanza. Tuttavia, non è mai stato studiato come questa attività cerebrale cambi dopo l'esercizio fisico. Poiché gli studi per quanto riguarda le oscillazioni sono molto eterogenei, cioè giungono a risultati diversi, abbiamo voluto indagare solamente questo «nuovo» parametro.

Conosciamo tutti la sensazione di benessere e di lucidità che si prova dopo aver corso. Almeno spero. Cosa volete scoprire esattamente?
Si tratta di imparare a comprendere meglio i meccanismi neurofisiologici: quali sono i processi cerebrali responsabili di questa sensazione di benessere dopo la corsa? Per scoprirlo, abbiamo voluto influenzare consapevolmente il benessere dei soggetti sottoposti al test durante una delle due corse. Durante la prima abbiamo comunicato: ora puoi correre per 30 minuti, come vuoi tu...

Bellissimo!
...sì, ma quattro settimane dopo, durante la seconda corsa, abbiamo dato delle direttive e delle istruzioni per influenzare il benessere e l'esperienza di autonomia. Ecco però cosa i soggetti sottoposti al test non sapevano: l'obiettivo era quello di ritrovare la stessa velocità di corsa che avevano raggiunto durante la prima corsa. Abbiamo utilizzato le misurazioni EEG per studiare come questa direttiva influisca sull'attività cerebrale. Inoltre, il benessere è stato valutato con dei questionari e le prestazioni cognitive sono state misurate con dei test. Abbiamo esaminato questi tre elementi prima e dopo la corsa.

I soggetti sottoposti al test hanno corso sulla pista per 30 minuti ciascuno: una volta in modo completamente libero, una volta secondo le direttive.
I soggetti sottoposti al test hanno corso sulla pista per 30 minuti ciascuno: una volta in modo completamente libero, una volta secondo le direttive.

Cosa avete notato del rumore cerebrale?
Abbiamo notato che dopo entrambe le corse, il rumore si è ridotto. Questo può essere interpretato come una disattivazione corticale, durante la quale il cervello si spegne in un certo senso. Questo è già stato osservato nelle bande di oscillazione alfa e beta. Abbiamo potuto così dargli un fondamento scientifico, tenendo in conto l'attività non oscillatoria. È interessante notare che dal punto di vista neurofisiologico c'è una differenza tra la corsa condizionata dagli altri oppure da noi stessi.

Adesso sono curioso.
Abbiamo utilizzato due parametri, chiamati offset e pendenza, e due punti di misurazione dopo la corsa. Una volta a cinque minuti, la seconda 25 minuti dopo. Se si confronta ciò che accade tra queste due misurazioni, si notano cambiamenti solo dopo la corsa condizionata dagli alti. Dopodiché, l'attività è aumentata in uno dei parametri e diminuita nell'altro. Nella corsa autodeterminata, invece, entrambi i parametri erano costantemente bassi. Gli effetti erano quindi più stabili. È una differenza interessante. Perché significa che il cervello reagisce in modo diverso in presenza di direttive. Sembra che debba lavorare di più, il che ha un effetto a lungo andare.

Le direttive rendono la vita difficile al cervello

Lo capisco benissimo. Quando vado a correre, non seguo un piano di allenamento. Tuttavia, sono spinto da una certa ambizione, che metto sempre in discussione prima o poi. Ti racconto del mio percorso di corsa e di quest'albero, davanti al quale passo poco prima di superare la collina. Non pretende nulla, anzi. Mi chiede, proprio come fa Leonard con i suoi soggetti, del mio benessere. Mi rallegro ogni volta e ascolto la mia voce interiore. Tutto a posto? Finora ero convinto di essere autodeterminato per strada. Ora mi chiedo se questo sia effettivamente vero.

Come stai? Il mio amico albero pone una domanda saggia.
Come stai? Il mio amico albero pone una domanda saggia.

Mi identifico bene con i soggetti della vostra ricerca. Non si trattava di atleti agonisti, ma di persone che corrono per motivi di salute. Io lo faccio, come molti di noi, in modo apparentemente autodeterminato. Tuttavia, il mio smartwatch vibra quando ho corso un chilometro e io reagisco. Così però non sono sempre leggermente condizionato dagli altri?
Ottima osservazione. Sostanzialmente abbiamo scoperto che la corsa ha anche un effetto positivo sui livelli psicologici quando vengono date delle direttive. Cioè sul benessere e sulla cognizione. Abbiamo riscontrato miglioramenti in entrambe le corse. Però nelle corse autodeterminate, i miglioramenti erano talvolta più pronunciati. Di conseguenza, l'esperienza di autonomia sembra essere significativa.

Quindi basta con lo smartwatch?
Un orologio come questo può anche contribuire alla motivazione però. Inoltre, il monitoraggio delle corse può essere interessante per le persone che corrono per hobby. Ma se si tratta puramente di una questione psicologica – ad esempio, se vuoi solo schiarirti le idee – può essere più utile lasciare l'orologio spento e correre a piacimento.

Lo rifarò qualche volta. Quali aree cerebrali reagiscono in modo particolare alla corsa?
Nell'attività cerebrale non oscillatoria che abbiamo studiato, gli effetti sono stati osservati in tutta la corteccia. Tuttavia ci sono anche studi – anche del nostro gruppo di lavoro – che giungono alla conclusione che qualcosa succede soprattutto a livello prefrontale. Quest'area è associata, tra l'altro, alle emozioni e ai processi cognitivi. Questo spiegherebbe perché ci si sente meglio e più produttivi dopo la corsa. Ma anche in questo caso i risultati sono eterogenei. Nello studio «ClearMind», invece, abbiamo scoperto che il cervello si spegne ovunque in modo casuale. Tuttavia, questa sembra essere una proprietà speciale dell'attività aperiodica e potrebbe indicare che il cervello nel suo complesso lavora in modo più efficiente e sincrono dopo la corsa.

Dopo tutto, sono sulle tracce dei segreti della corsa. È il nostro modo naturale di spostarci e lo facciamo da qualche milione di anni in più rispetto all'andare in bicicletta, per esempio. C'è un effetto più grande rispetto ad altri sport?
In generale, sembra che gli sport aerobici, cioè di resistenza, abbiano effetti più grandi sull'attività cerebrale. Nell'allenamento di forza, ad esempio, sono meno pronunciati. In studi precedenti, abbiamo riscontrato che anche la preferenza per uno sport oppure l'assuefazione sembrano essere fondamentali. Le reazioni che si manifestano a livello psicologico e cerebrale dipendono anche da ciò che si ama fare o si fa regolarmente. La corsa sembra essere particolarmente amata per ottenere questo effetto.

Due persone sedute che parlano di corsa.
Due persone sedute che parlano di corsa.

Bisogna allenarsi per poter provare questo effetto?
Le persone che iniziano a praticare sport mostrano cambiamenti nell'attività cerebrale, come anche i triatleti ambiziosi. Ci sono anche studi, ad esempio su persone anziane, che dimostrano che anche camminare ha un effetto sull'attività cerebrale. Pertanto, questo effetto sembra essere presente dai giovani agli anziani e dai principianti ai professionisti. L'importante è uscire e muoversi.

All'inizio hai detto che il rumore cerebrale aumenta con l'età. Quali conclusioni si possono trarre da questo?
Poiché il parametro viene studiato solo da poco tempo, la questione degli effetti a lungo termine è ancora aperta. Si tratta di un approccio che potrebbe essere approfondito. Se sia possibile ridurre l'aumento del rumore in età avanzata attraverso un intervento di allenamento fisico, che potrebbe avere effetti positivi anche sulle prestazioni cognitive a lungo termine.

Anche nella mia di testa c'è rumore. Le menti criminali come le mie dovrebbero essere mandate a correre per 30 minuti e quanto durerebbero gli effetti positivi dopo? Chiedo per un capo...
Sì, sarebbe consigliabile, ma non solo da un punto di vista psicologico e neuroscientifico. Che si tratti di una corsa o di una passeggiata. Mezz'ora dopo, l'effetto era ancora misurabile su di noi. Si tratta di una fascia oraria che molti studi menzionano. In alcuni casi vengono indicati periodi più lunghi, ma anche molto più brevi. Anche per quanto riguarda la durata degli effetti positivi in termini di cognizione, non ci sono ancora prove chiare. A lungo termine, sappiamo già da studi longitudinali che una maggiore attività fisica si correla positivamente con molte aree della salute fisica e mentale.

Tengo duro: almeno è indiscutibile che la corsa non rimette in moto solo le gambe, ma anche la testa.
In realtà, il cervello si spegne in un certo modo, nel senso che i neuroni comunicano tra loro in modo più ordinato. In questo contesto, è interessante notare che i nostri soggetti si sono sentiti più attivi dopo entrambe le corse. Quando il rumore cerebrale diminuisce, siamo meno bloccati da tutti i pensieri. Ci schiariamo di nuovo le idee.

Cosa mi è rimasto impresso: quando il cervello si spegne, a volte la vita è migliore.
Cosa mi è rimasto impresso: quando il cervello si spegne, a volte la vita è migliore.
Foto di copertina: © DSHS

A 34 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Scienziato sportivo, padre di alto livello e ufficiale di casa al servizio di Sua Maestà la Tartaruga.


Sport
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Salute
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

3 commenti

Avatar