Se una pianta è la soluzione, qual è il problema?

Se una pianta è la soluzione, qual è il problema?

Carolin Teufelberger
Zurigo, il 12.03.2021
Traduzione: Nerea Buttacavoli
Dato che la maggior parte delle persone passa più tempo tra le proprie quattro mura, tanti cercano di abbellirle con più decorazioni e piante. Ma basta questo per stare bene a casa, o sarebbe utile considerare altri approcci e concetti abitativi?

Abitazione. Uno spazio adatto ad essere abitato. Il modo in cui si sceglie di sfruttare lo spazio è di fondamentale importanza in questo momento. Tutti noi siamo a casa molto più frequentemente, molti persino tutto il giorno. Si vive e si lavora nello stesso luogo. A causa di tutto il tempo trascorso a casa, le mancanze si fanno sentire di più. Progetti di fai da te e piante d'appartamento sono le nuove tendenze, soprattutto in città. Le piante sono così importanti che sono state persino classificate come beni essenziali dal governo federale e ai fiorai è stato permesso di rimanere aperti, a differenza di molti altri negozi.

Fuga dalle città

Naturalmente, le piante fanno bene al clima interno, rendono una casa più accogliente e possono avere effetti positivi sulla psiche. Ma la foresta di piante nel soggiorno è forse solo un tentativo di soddisfare il desiderio di trovarsi in una vera foresta? Il benessere è davvero definito dallo spazio abitativo, e non piuttosto dallo spazio vitale? Ora che praticamente tutti i vantaggi della città – gastronomia, cultura, incontri sociali – sono svaniti nel nulla, ciò che rimane è cemento, isolamento e anonimato. Una situazione che sembra infastidire molti. Dall'inizio della pandemia, la «fuga dalle città» è sulla bocca di tutti.

Dove lo spazio vitale diventa improvvisamente anche spazio di lavoro, indipendentemente dall'ufficio del datore di lavoro, le persone sono sempre più attratte dalla campagna. Teoricamente, dovrebbe farmi ancora più impressione la «fuga dall’agglomerato urbano». Senza voler offendere nessuno, questo concetto esiste solo per via della città e quindi funziona solo in combinazione con essa. Il lavoro è qui, così come la cultura. La natura, invece, si trova nell'altra direzione. L'agglomerato stesso è uno spazio di transizione senza una propria identità.

Forme abitative alternative

Ultimamente, ho parlato molto con gli amici di abitazioni e forme abitative. Anche se tutti noi amiamo la città in qualche modo, e troviamo la sua durezza e ruvidità esteticamente piacevole, si accumulano le idee su modi abitativi alternativi. Non sarebbe bello una specie di kibbutz, come in Israele? Un piccolo insediamento da qualche parte in campagna con beni e potere decisivo condivisi. Niente appartiene più all'individuo, ma c'è molto di più a disposizione di tutti. A un amico l’idea non piace affatto, gli mancherebbe la mobilità del trasporto pubblico e quindi la flessibilità per incontrare amici e familiari. E inoltre, gli piace la città di Zurigo: l'Uetliberg, la Limmat, il bosco del Käferberg – tutte le aree ricreative, quindi la natura.

L'unico pezzo di verde qui sono le orride piastre di plastica.
L'unico pezzo di verde qui sono le orride piastre di plastica.

Poco fa sono finita a parlare di questo argomento anche con la mia fisioterapista. Si trasferirà presto in un appartamento più piccolo. Tutta la roba che si è accumulata nel corso degli anni deve sparire. Mentre si libera fisicamente ed emotivamente di un peso, le si pone improvvisamente la questione di ridimensionarsi radicalmente e guadagnare in cambio in spontaneità. Un camper che racchiude tutto ciò di cui ha bisogno in pochi metri quadri, che le dà un senso di sicurezza ma le permette di spostarsi in qualsiasi momento.

Perdita del castello

Forse questa sicurezza manca in città: «My home is my castle», si dice. A casa mia posso ritirarmi, sono al sicuro da sguardi estranei, sono completamente in privato. Prova a chiedere ai miei vicini, che vivono dietro una facciata di vetro, se è così anche per loro. Ho la visuale libera su pressocché tutti gli appartamenti vicini, tranne quando le tende o le serrande sono chiuse giorno e notte. Ma anche le videochiamate concedono più impressioni private che mai negli spazi abitativi altrui. A meno che non gli piaccia postare stories su Instagram per ogni aspetto della loro vita privata già prima. Sì, anche i social media hanno parzialmente distrutto il nostro «castello».

Stiamo cominciando a renderci conto di questa distruzione, ora che tutto il trambusto intorno a noi in città non c'è più? Che abbiamo decorato i nostri appartamenti splendidamente per mesi, il che è stato divertente, ma che ora stiamo in casa e non ci sentiamo affatto a nostro agio, perché le circostanze ci stanno strette? Concediamo costantemente ai nostri vicini di vedere nelle nostre case, nel proverbiale specchio delle nostre anime, ma di conseguenza non costruiamo un rapporto con loro. Siamo solo un insieme casuale di individui che sono spazialmente vicini ma emotivamente completamente distanti. Il ponte levatoio del castello è sempre abbassato. Chiunque può entrare, ma nessuno rimane.

Chiaramente, il trambusto tornerà presto in città sotto forma di cultura e gastronomia. Ma forse i progetti di fai da te e le piante non riusciranno a colmare il vuoto fino ad allora. Forse la nostalgia per la natura è troppo grande, il pensiero di conoscere la gente del paese e di chiacchierare è troppo allettante. Inoltre, la crisi ci ha anche reso tutti creativi a riguardo dei modi in cui la cultura può essere vissuta. Sono emersi nuovi concetti e idee, è stata mostrata molta iniziativa personale. Cosa c'è di male in una festa in un kibbutz o in un piccolo bar mobile in un camper? Se troviamo tutte le piante intorno a noi all'esterno, c'è certamente spazio per tante altre cose, anche in uno spazio ristretto.

A 11 persone piace questo articolo


Carolin Teufelberger
Carolin Teufelberger
Editor, Zurigo
Ampliare i miei orizzonti: si riassume così la mia vita. Sono curiosa di conoscere e imparare cose nuove. Le nuove esperienze si nascondono ovunque: nei viaggi, nei libri, in cucina, nei film o nel fai da te.

Potrebbero interessarti anche questi articoli