Sciopero per il clima:  pollo finto contro il collasso
Novità e trendCucina & Gourmet

Sciopero per il clima: pollo finto contro il collasso

Simon Balissat
Zurigo, il 15.03.2019
Traduzione: Leandra Amato
Il 15 marzo, giovani di tutto il mondo scendono in piazza per scioperare e chiedere lo stato di emergenza climatica. Per settimane tengono sui carboni ardenti aziende e politici. Anche Lukas Böni di «Planted» partecipa alla manifestazione a Zurigo. Lui stesso ha da tempo iniziato a cambiare opinione con la sua start up.

«Planted» vuole vendere carne di pollo vegetale per la prima volta all'inizio dell'estate. Le proteine del pisello e altre fibre vegetali sono la base del prodotto, che ha una struttura incredibilmente simile a quella del pollo. Dietro questo progetto si cela tanto lavoro meticoloso. È stato sviluppato da due scienziati alimentari, mentre l'economista e co-fondatore Pascal Bieri si occupa dell'aspetto economico di «Planted». «Aiutiamo a proteggere l'ambiente emettendo molto meno CO2, sprecando meno acqua e consumando meno terra», dice Pascal Bieri mentre armeggia ai fornelli con una padella piena di «Planted Chicken». Abbiamo un appuntamento al ristorante «Bellavista» del Politecnico di Zurigo. Qui presenta il «Planted Chicken» in esclusiva per gli ospiti invitati ad una gara di start up e lo cucina lui stesso.

Pascal Bieri e i suoi due co-fondatori vogliono variare il mercato alimentare con «Planted»
Pascal Bieri e i suoi due co-fondatori vogliono variare il mercato alimentare con «Planted»

Con carne vegana al terzo posto

«Planted» si è classificato terzo nella competizione nella sala vicina. Dieci startup hanno presentato i loro prodotti in una presentazione di tre minuti, una cosiddetta «Pitch». Il pubblico e un gruppo di esperti hanno valutato le presentazioni. Argomento dominante: sostenibilità. Materiali isolanti sostenibili, calcestruzzo sostenibile e alimentazione sostenibile. L'obiettivo di «Planted»: trovare partner del settore della ristorazione e dell’alimentazione per procedere con il prossimo passo. «Il prossimo autunno punteremo probabilmente ad un giro di finanziamenti», dice Bieri.

«Finora abbiamo ricevuto 150 000 franchi attraverso la borsa di studio ETH Pioneer Fellowship. L'intera azienda è il risultato della mia tesi di master», dice il terzo co-fondatore Eric Stirnemann, mentre riempie le baguette tagliate con verdure, salsa e pezzi di carne. «Al momento è una vera e propria tendenza. Cibo rispettoso dell'ambiente e vegetariano, ma senza sacrificare il morso e la struttura fibrosa della carne». Startup simili provenienti dagli Stati Uniti hanno ricevuto centinaia di milioni di dollari da noti investitori, tra cui il fondatore di Microsoft Bill Gates e Google. Queste aziende imitano la carne bovina, mentre «Planted» si concentra sul pollo e vuole distinguersi.

Placeholder image
placeholder

placeholder

(Ancora) costoso come il pollo biologico

Per adesso, «Planted Chicken» non è disponibile nei banchi frigo. «A maggio vogliamo fornire alcuni ristoranti e vedere come vanno le cose», dice l'uomo d'affari Pascal. In questo modo la disponibilità dei prodotti è garantita. «Entrare nel commercio al dettaglio fin dall’inizio potrebbe comportare delle brutte sorprese. Non abbiamo ancora le capacità», afferma Eric. All'inizio delle vendite nei ristoranti, «Planted» è probabilmente costoso come la carne di pollo biologica. Più successo ha, più il prodotto diventa economico.

Eric, Lukas e Pascal di Planted (da sinistra a destra)
Eric, Lukas e Pascal di Planted (da sinistra a destra)

La strada per il successo è stata tracciata: il cambiamento climatico non è mai stato un argomento così onnipresente come oggi, soprattutto tra i giovani. Grazie allo sciopero globale per il clima o alla giovane attivista sedicenne Greta Thunberg, che ha combattuto contro il cambiamento climatico anche prima dell'ONU, le grandi aziende sono costrette a pensarci su. «Planted» può approfittare della situazione per affermarsi.

A 11 persone piace questo articolo


Simon Balissat
Simon Balissat
Editor, Zurigo
Quando 15 anni fa ho lasciato il nido di casa, mi sono improvvisamente ritrovato a dover cucinare per me. Ma dalla pura e semplice necessità presto si è sviluppata una virtù, e oggi non riesco a immaginarmi lontano dai fornelli. Sono un vero foodie e divoro di tutto, dal cibo spazzatura alla cucina di alta classe. Letteralmente: mangio in un battibaleno..

Potrebbero interessarti anche questi articoli