Quando il porno diventa indispensabile
RetroscenaSessualità

Quando il porno diventa indispensabile

Natalie Hemengül
Zurigo, il 24.02.2022
Immagini: Thomas Kunz
Traduzione: Nerea Buttacavoli

Quando il consumo di contenuti pornografici sfugge di mano, chi ne è colpito si ritira sempre di più. Si vergogna. Nell'intervista, l’esperta spiega in primo luogo come si arriva a questo punto e perché è importante cercare aiuto.

In media erano esattamente nove minuti e 55 secondi. Questo è quanto tempo i visitatori hanno trascorso sul portale per adulti Pornhub per sessione l'anno scorso. Non sembra tanto. Ma cosa succede se il consumo di porno inizia ad avere una vita propria? Le persone che guardano film pornografici eccessivamente, a lungo termine consumano materiale per ben oltre questi poco meno di dieci minuti a sessione. Questo ha delle conseguenze. La sessuologa e psicoterapeuta Dania Schiftan spiega le dinamiche all'opera nella dipendenza dal porno e come porre le basi per un approccio sano alla pornografia.

Dania, tu dici che il porno può essere divertente, portare varietà alla sessualità e contribuire all'eccitazione. Sono d'accordo con te. Ma com'è che il consumo di porno diventa problematico per alcune persone?
Dania Schiftan: Il problema sta nella disponibilità illimitata. Rende difficile il giusto approccio al porno e può avere un impatto negativo su di noi. La maggior parte delle forme di contenuto pornografico sono disponibili gratuitamente e con un solo clic su Internet. Questo accesso senza barriere comporta che sempre più giovani, che stanno appena scoprendo e sviluppando la loro sessualità, vengano confrontati con queste immagini e filmati fin dall'inizio e quindi collegano inconsciamente la masturbazione ai contenuti pornografici. Dal punto di vista della terapia sessuale – ovvero tralasciando le questioni etiche e legali – questo può portare a delle difficoltà.

Come appaiono queste difficoltà?
Coloro che sperimentano la loro sessualità solo in combinazione con il porno hanno un'esperienza unidimensionale. Faccio un esempio: prendiamo un uomo e chiamiamolo Ben – potrebbe benissimo essere anche una donna. Ben sta in una posizione molto passiva sulla sua sedia e fissa lo schermo mentre strofina un certo punto del suo pene. La sua attenzione è interamente incentrata sul film porno sullo schermo. Ben ha anche la possibilità di mandare avanti e indietro il video a seconda delle necessità o di cambiare video facilmente.

Ai tempi delle VHS, le cose erano probabilmente un po' diverse.
Il tutto sarebbe stato molto più impegnativo. Ben certamente non si sarebbe alzato cinque volte per cambiare la cassetta. Così Ben, di questi tempi, può dare la caccia ai punti salienti del porno con pochi clic. Con il tempo, questi punti salienti devono diventare sempre più forti perché Ben raggiunga lo stesso livello di eccitazione. In un certo senso diventa apatico.

A cosa è dovuto?
Se tutta l'attenzione è fuori dal corpo, cioè sul porno, manca al proprio corpo. Quello che succede al suo interno è percepito come sempre meno spettacolare perché la botta percepita visivamente prende il sopravvento. Il risultato: le persone come Ben devono cercare sempre più a lungo per trovare materiale pornografico in grado di eccitarle. Spesso, il contenuto del porno consumato diventa anche più spinto con il tempo. Tutto questo porta a una perdita di controllo, per cui le fantasie e i comportamenti sessuali non possono più essere regolati adeguatamente.

Immagino che quando qualcuno come Ben è in una relazione, questo influenzi il sesso.
Nella sessualità di coppia, soprattutto nelle relazioni a lungo termine, manca questa botta che si è abituati a ricevere dal porno. Molti si rendono conto in seguito di non riuscire nemmeno a raggiungere uno stato di eccitazione senza i porno. Questo può gravare su una relazione.

Quali sono le lotte interiori delle persone colpite?
Quando le persone non sono più in grado di eccitarsi senza l'aiuto dei porno, spendono sempre più tempo ed energia per cercare di raggiungere quell'eccitazione. Se la botta dei porno non soddisfa più le aspettative – cioè se non è più abbastanza forte o viene a mancare – inizia lo stress. Queste persone quindi consumano di più e più a lungo per sentire quella botta. Alcuni finiscono persino per avere problemi legali perché usano il computer dell'azienda o guardano materiale illegale. Anche la scuola, il lavoro, le finanze, la salute e i contatti sociali possono risentirne.

In un caso come questo parliamo di dipendenza nel senso classico?
C'è un'ipotesi secondo la quale le dipendenze cambiano il nostro cervello. Se questo sia anche il caso del porno non si può dire per certo. Dalla ricerca ci sono risultati che parlano sia a favore che contro questo. Tuttavia, la questione di come classificare questo comportamento, cioè se come una dipendenza nel senso classico o come un'abitudine, gioca un ruolo subordinato nel mio lavoro di terapista sessuale. L'effetto alla fine è lo stesso: le persone colpite soffrono per il loro comportamento di utilizzo e le sue conseguenze.

Un gruppo specifico è particolarmente a rischio?
Per molto tempo si è detto che solo gli uomini fossero colpiti da questo fenomeno, ma questo non è più vero. Soprattutto perché ci sono sempre più contenuti pornografici prodotti specificamente per un target femminile. Tuttavia, i giovani uomini tendono ad essere più a rischio – anche perché sono particolarmente ricettivi agli stimoli visivi.

Ci sono dei segnali che indicano che qualcuno ha sviluppato una dipendenza dalla pornografia?
Specialmente in tempi di telelavoro, quando i contatti sociali sono fortemente limitati, è particolarmente difficile riconoscerlo. Soprattutto perché le persone colpite conducono sempre più spesso una vita isolata. Chiunque sospetti qualcosa sul proprio partner dovrebbe sollevare la questione e chiedere alla persona interessata di fare una sessione di terapia o di consulenza. Sfortunatamente, molti sono completamente ignari del fatto che esiste un aiuto per loro nell'ambito della dipendenza dalla pornografia. C’è chi può aiutare. Si può prendere seriamente il problema e lavorare su se stessi. Non c'è niente di cui vergognarsi.

La dipendenza dalla pornografia può essere paragonata all'alcolismo o alla dipendenza da droghe e dai giochi d'azzardo?
La sessualità è un bisogno naturale. Non ci si può abituare a farne a meno. Il corpo funziona a modo suo. Ma quello che osservo spesso: le persone associano la loro sessualità a queste dipendenze. Per esempio, ci sono persone che riescono a fare sesso solo quando sono brille o completamente ubriache – perché altrimenti si vergognano troppo o hanno altre difficoltà. Oppure ci sono persone che prendono farmaci per avere un'erezione o per percepire il sesso più intensamente.

Cosa succede alla sessualità quando si tolgono le droghe?
Se le persone riescono a superare le loro dipendenze attraverso la terapia, la sessualità può anche «perdersi» nel processo perché manca la botta data dalla dipendenza. Vale lo stesso con la dipendenza dalla pornografia. Pertanto, l'astinenza non è una soluzione. Il bisogno di una sessualità non svanisce nel nulla non appena la sostanza che crea dipendenza viene eliminata. Le persone colpite perdono semplicemente l'accesso alla loro sessualità attraverso una tale misura.

Quale approccio adotti quindi nella terapia?
Le persone colpite devono innanzitutto imparare di nuovo a vivere la loro sessualità in modo diverso. Hanno bisogno di imparare come innescare e percepire il loro eccitamento senza ricorrere a una sostanza che crea dipendenza o al porno. È un riapprendimento e un'espansione della sessualità in modo che i pornodipendenti si allontanino gradualmente dal bisogno di vedere un video, affinché raggiungano un punto in cui possono toccarsi e prestare attenzione alle reazioni del proprio corpo. Ad un certo punto questo torna ad essere di nuovo abbastanza e si può godere di una sessualità senza questo stimolo visivo esterno.

Come posso immaginare questo processo?
Non tolgo mai il porno completamente alle persone, in quanto per loro è una fonte affidabile di eccitazione. Tuttavia, consiglio ai miei pazienti di mettere in pausa il porno per dieci secondi dopo un certo tempo per poter osservare la loro eccitazione. Con il tempo, le pause diventano più lunghe. Se si annoiano con il video che stanno guardando, consiglio loro di non cambiare immediatamente il clip, ma di lasciarlo continuare. Un’altra opzione: girare via lo schermo. Ci sono diversi modi per rompere gli schemi abituali di comportamento nel consumo di porno.

Quindi non si tratta necessariamente di allontanarsi del tutto dal porno?
Esatto. Piuttosto, l'obiettivo è fare di nuovo spazio per altre cose. Per me è importante che le persone colpite capiscano questo: finché i porno sono legali, il problema non sono i film, ma gli effetti del consumo sbagliato. In generale ho una semplice regola quando si tratta di porno: eccitarsi una volta con i porno e due o tre volte senza. Con questa routine, si mantiene una sorta di equilibrio e ci si concentra sul proprio corpo a lungo termine.

Quali misure preventive pensi che sarebbero utili per proteggere gli adolescenti da una potenziale dipendenza?
Il più delle volte, genitori, insegnanti e simili parlano male del porno e consigliano di non guardarlo. Alcuni dei loro motivi: trasmettono una falsa immagine del ruolo della donna e sono eticamente riprovevoli. Queste critiche sono assolutamente giustificate – ci sono ancora molte cose da migliorare nell'industria del porno mainstream – ma non aiutano veramente i bambini e i giovani. La curiosità rimane. Prima o poi entreranno comunque in contatto con materiale pornografico. Per esempio, quando viene inviato al loro cellulare. Dal mio punto di vista, questo è un fattore di cui bisogna semplicemente tenere conto di questi tempi. I bambini e i giovani dovrebbero quindi essere educati per affrontare tali contenuti. Questo significa che anche i genitori devono confrontarsi con l’argomento. Solo così possono essere un punto di riferimento e spiegare ai loro figli cosa succede in questi film.

Cosa provano i giovani che entrano in contatto per la prima volta con materiale pornografico?
Ho vissuto ripetutamente la situazione in cui i giovani mi chiedono: «Oddio, bisogna davvero essere capaci di fare quello che ho visto in quel porno?». A queste domande bisogna rispondere. E non si può fare se si demonizza categoricamente l’argomento. In questo modo, i bambini e i giovani adulti si sentono abbandonati. Sarebbe bello se potessimo creare una società in cui i bambini e i giovani si sentano liberi di dire: «Ho visto qualcosa che mi ha irritato», oppure «Mi è piaciuto quello che ho visto, ma è normale che mi piaccia?». Con una cultura favorevole alla conversazione che offre spazio alle domande, allo scambio e al dibattito, possiamo ridurre al minimo il rischio che qualcuno prenda l'abitudine di consumare molti porno per mesi e trovarsi poi in difficoltà ad uscirne.

Dania Schiftan lavora da 14 anni come sessuologa e psicoterapeuta nel suo studio di Zurigo. Lavora anche come psicologa per Parship. Scopri di più su di lei e sul suo lavoro in questa intervista:

Trovi gli altri articoli della serie qui:

A 70 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Sono una fanatica estrema di Disney e il mio mondo è tutto rosa e fiori. Venero le serie tv anni '90 e sono devota alle mie sirenette. Se non sto danzando sotto una pioggia di glitter, mi trovi a un pijama party o a incipriarmi il naso. P.s.: con la giusta tecnica puoi conquistarmi. 


Sessualità
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader