Come e dove trovare ispirazione sessuale da donna
RetroscenaSessualità

Come e dove trovare ispirazione sessuale da donna

Natalie Hemengül
Zurigo, il 06.04.2022
Immagini: Thomas Kunz
Traduzione: Nerea Buttacavoli

Riviste sessuali, porno o piuttosto un podcast erotico? Quando il desiderio ha bisogno di un aiutino, noi donne abbiamo meno opzioni tra cui scegliere rispetto agli uomini. In una conversazione con l’esperta, scopro perché è così e come possiamo comunque ottenere ciò di cui abbiamo bisogno.

Le ragazze dei «Sexy Sport Clips» del programma televisivo notturno vogliono il mio «cazzo». Ma io non ce l’ho. Questo è probabilmente anche il motivo per cui del porno con POV maschile non me ne faccio nulla. E le riviste per adulti in edicola? Sono esposte in alto, accanto agli ultimi numeri di GQ e Men's Health. L'uomo è la norma nell'industria erotica. Tutto per il suo piacere. Ma che ne è di noi donne? Mentre agli uomini vengono serviti su un piatto d’argento, noi dobbiamo andare alla ricerca di contenuti sessuali che tengano conto delle nostre esigenze. O è solo una mia impressione? Ho parlato con la sessuologa e psicoterapeuta Dania Schiftan su cosa deve comportare un format per coinvolgere noi donne e dove troviamo ispirazione per la nostra sessualità.

Come donna, ho l'impressione che la maggior parte dei contenuti sessuali sia prodotta principalmente per un pubblico maschile. Sbaglio?
Dania Schiftan: No, effettivamente è così. Gli uomini, a differenza di noi donne, sono più disposti a spendere soldi per contenuti sessuali. Di conseguenza, ci sono meno persone dedicate al mercato femminile perché non è così redditizio. Inoltre, alle donne piacciono altre cose. Naturalmente possiamo anche godere del contenuto per gli uomini. Tuttavia, le donne tendono ad essere sedotte meno dalla pelle nuda e più dalle storie e dalle emozioni. Questo rende la produzione di contenuti per le donne più costosa.

Le donne che spesso non provano un forte desiderio sessuale probabilmente sarebbero felici di un aiuto in materia di eccitazione...
Se il desiderio di sessualità diminuisce, questo può avere varie cause. Una ragione centrale per cui le donne, a differenza degli uomini, tendono a provare meno voglia, è il divario dell’orgasmo. Le donne vivono un deficit in termini di orgasmo. Questo significa che raggiungono l'orgasmo meno spesso dei loro partner sessuali maschili. Alcune poi pensano: «Se non ho nemmeno un orgasmo, che senso ha?». È un tipo di sessualità in cui non vogliono impegnarsi. Questo rende difficile per molte donne provare eccitazione di punto in bianco. E per aspettare che arrivi l'eccitazione o svilupparla lentamente spesso mancano i nervi e la pazienza. I contenuti pornografici sotto forma di video, letteratura, podcast, ecc. possono stimolare l'immaginazione e quindi avere un effetto acceleratore e di sostegno allo sviluppo del desiderio sessuale.

Quindi, in un certo senso, agiscono come un catalizzatore. Quali meccanismi sono all'opera qui?
Gli stimoli esterni, non importa di che tipo, hanno una cosa in comune: ci permettono di staccare la spina e incentrare la nostra attenzione su di essi. In questo modo, accendono la nostra eccitazione come una miccia. Quando il corpo raggiunge un certo livello di eccitazione, siamo più disposti ad avere rapporti.

Questo significa che certe donne raggiungono in questo modo un livello di eccitazione che difficilmente avrebbero raggiunto senza uno stimolo esterno?
Esatto. Con un consumo moderato, porno e co. possono abbassare la nostra percezione di desiderio sessuale.

  • RetroscenaSessualità

    Quando il porno diventa indispensabile

Quali opzioni concrete sono a disposizione di noi donne per stimolare la nostra immaginazione?
L'offerta per le donne è molto minore, ma ci sono comunque diverse fonti di ispirazione sessuale che possono aiutare le donne a riscoprire o rinnovare il loro desiderio. Ma prima di addentrarmi in offerte e possibilità concrete, dovremmo parlare della base che rende possibile l'eccitazione in primo luogo.

Quale sarebbe?
I nostri cinque sensi. Quindi vedere, sentire, toccare, assaporare e odorare. Attraverso di loro, gli stimoli sessuali diventano percepibili. Più sviluppiamo, alleniamo e attiviamo i nostri sensi, più intensamente percepiamo gli stimoli esterni e meglio possono assisterci nel contesto dello sviluppo della voglia. Se percepiamo contenuti che stimolano i nostri sensi, possiamo influenzare positivamente la nostra eccitazione.

Quando penso agli stimoli visivi, la prima cosa che mi viene in mente sono i porno. Cosa distingue il porno mainstream, che tende ad essere orientato verso gli uomini, dal contenuto prodotto specificamente per un target femminile?
Gli uomini reagiscono maggiormente agli stimoli visivi, vale a dire alle attività nel video così come alle diverse angolazioni e inquadrature della telecamera. È a questo che serve il porno mainstream, sempre più visto anche dalle donne. Il porno per donne, d'altra parte, enfatizza una storia, le circostanze o, in molti casi, l'autenticità delle emozioni che vediamo nel filmato. E poiché noi donne rispondiamo alle emozioni, siamo più coinvolte in questo modo.

E dove posso trovare questi filmati erotici? Difficile che siano su Youporn, no?
Consiglierei alle persone interessate di cercare consigli offline, nei negozi erotici. A Zurigo, per esempio, posso raccomandare «Sensuell» o «Special Moments». I film in questi negozi sono costosi, ma ai miei occhi ne vale assolutamente la pena perché le produzioni sono di alto livello.

Questo non costa solo soldi, ma anche uno sforzo.
Non c'è niente di cui vergognarsi in una consulenza. Al contrario. Aiuta a scoprire cosa trattano i film. In questo modo, si evita il dilemma che il porno mainstream in particolare porta spesso con sé: la caccia alla botta. Quindi il continuo saltare e mandare avanti veloce per trovare i punti salienti del film. Si passa precipitosamente da una posizione all'altra. Puoi guardare un film accuratamente selezionato in pace e tranquillità e immergerti nella storia. Inoltre, questi film a volte sono più lenti, a volte più veloci. Un equilibrio che fa bene al corpo e alle sue sensazioni. Un’alternativa: Talaya Schmid, docente d'arte e co-fondatrice di Porny Days, ha compilato una lista di film porno femministi con un tocco artistico.

La piattaforma OMGyes si occupa della scienza del piacere femminile. Fornisce brevi clip e tutorial in cui donne comuni si danno piacere senza censure masturbandosi davanti alla telecamera e poi parlando delle loro tecniche in un’intervista.
OMGyes non serve le persone come fonte di eccitazione, ma si considera esplicitamente come una piattaforma di apprendimento e di esercizio per le donne. Lo strumento è unico perché offre alle donne contenuti tecnicamente molto elaborati in cui le donne possono finalmente vedere: come lo fanno le altre donne?

Sembra rivoluzionario.
In un certo senso lo è. Le donne che vi partecipano mostrano in modo semplice e giocoso come creano momenti piacevoli per se stesse e come raggiungono l’orgasmo. Questo tipo di apprendimento è molto diverso dall’apprendimento teorico a cui siamo abituati, che di solito tralascia gli aspetti veramente centrali. L'idea alla base di questa offerta è quella di dare un esempio. Parliamo spesso di sessualità, ma non riceviamo quasi mai istruzioni o raccomandazioni concrete, per esempio, sulle tecniche di masturbazione. OMGyes colma questa lacuna.

A proposito di lacune: in edicola l'altro giorno ho visto una dozzina di riviste erotiche che ho avuto la sensazione fossero destinate principalmente a soddisfare il lettore maschile. Ci sono anche riviste erotiche per le donne?
Produrre riviste erotiche di alta qualità con una trama è assurdamente costoso. Ci sono stati tentativi come il «Fig Leaf» e anche «Alley Cat», che volevano mettere a fuoco il desiderio femminile, ma le riviste sono state interrotte perché non hanno venduto bene. Ma conosco donne a cui, per esempio, piace comprare e guardare libri erotici illustrati con fotografie di nudo artistico come alternativa.

Hai detto all'inizio che a noi donne piacciono le storie. I romanzi erotici sono probabilmente una buona alternativa ai pochi film porno e alle inesistenti riviste di sesso. Cosa possono fare alcune lettere alla nostra libido?
In passato, ci sono sempre stati scritti e libri che hanno scioccato la società rompendo i tabù. Uno degli esempi più famosi del nostro tempo è la trilogia BDSM «Cinquanta sfumature di grigio». Ha ricevuto molta attenzione e ha reso il BDSM accettabile. O almeno la discussione dell’argomento. Socialmente parlando, questo ha dato ai «cittadini normali» il permesso di trattare tali contenuti. E il successo dimostra che i libri suscitano la nostra curiosità sessuale. Ci danno l'opportunità di immergerci in un altro mondo e di provare certe preferenze prima di tutto nella nostra immaginazione. E sono utili per la nostra predisposizione a storie ed emozioni.

  • OpinioneLibri

    Im Bann der Erotik

Supponiamo che io legga «Cinquanta sfumature di grigio» per accendere il desiderio: devo prestare attenzione a qualcosa di specifico?
Con «Cinquanta sfumature di grigio», per le prime 20 pagine ero solo arrabbiata per come il libro era stato tradotto male in termini di lingua. Una volta che mi sono permessa di immergermi completamente nella storia e non farci caso, non mi importava affatto. Le emozioni e le azioni possono ancora toccarti, ma devi permetterlo.

Perciò consigli di continuare a farlo, anche se all'inizio mi fa sentire ridicola?
Assolutamente sì! A volte l'interesse viene suscitato solo dopo un po’ di tempo. Ecco perché è meglio leggere 50 pagine invece di fermarsi dopo 20. Spesso consideriamo i romanzi erotici scarsi, in termini di contenuto. Con «Cinquanta sfumature di grigio», per esempio, sono poche le persone che vorrebbero vivere la storia nella vita reale nello stesso modo. Tuttavia, ha anche una componente divertente una volta che si è immersi nella storia. Se si riesce a spegnere la testa, a non avere pregiudizi e giudicare, allora si può godere di questi libri e appropriarsi di certi aspetti per la propria sessualità.

Chi non ama leggere può anche ascoltare. Storie erotiche audio sono disponibili, per esempio, su Femtasy, una piattaforma di streaming il cui motto è «Ascolta fino a venire» (il sito è disponibile in inglese, tedesco e francese). Cosa ne pensi di offerte del genere?
Sono principalmente da intendere come una variazione e non intendono sostituire il porno. Su Femtasy troverai una vasta gamma di suoni sessuali, masturbazioni guidate e storie erotiche per accompagnarti durante la masturbazione o il sesso. Quello che trovo particolarmente bello è che puoi scegliere tra una varietà di narratori femminili e maschili, a seconda di cosa ti attrae di più. Quale voce troviamo piacevole è molto soggettivo. Un’altra cosa bella quando si ascoltano tali contenuti: puoi creare le tue proprie immagini nella testa e usare la tua immaginazione.

È possibile ascoltare musica per accendere il desiderio?
Ci sono canzoni erotiche. Un classico è «Moi Je T’Aime, Mois Non Plus». Se cerchi su Spotify, troverai numerose playlist per la giusta atmosfera. La musica può aiutare ad entrare in una specie di bozzolo che ti permette di non sentirti più. I rumori del sesso sono fonte di imbarazzo per molte persone. O la preoccupazione che i vicini possano sentire qualcosa. Attraverso la musica ci si isola e sappiamo dalla ricerca che la musica provoca emozioni. Pertanto, dovresti prima chiederti se preferisci un rapporto intimo, passionale o selvaggio e scegliere la musica da abbinare.

Un'ultima domanda: come faccio a scoprire quale dei formati erotici di cui abbiamo parlato funziona meglio per me e la mia immaginazione?
Puoi provare diversi formati con un atteggiamento aperto e silenziare la parte razionale che è in te. Ascolta il tuo corpo e interroga la tua vulva e la tua vagina: ti sta piacendo? Nella maggior parte dei casi, guardare o ascoltare una volta non è sufficiente. Sii paziente e immergiti più volte, perché nella vita quotidiana siamo esposti a un certo livello di stress. Di conseguenza, tendiamo a reagire negativamente se qualcosa non ci prende subito, perché non abbiamo comunque molto tempo.

Dania Schiftan lavora da 14 anni come sessuologa e psicoterapeuta nel suo studio di Zurigo. Lavora anche come psicologa per Parship. Scopri di più su di lei e sul suo lavoro in questa intervista:

Trovi gli altri articoli della serie qui:

A 18 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Sono una fanatica estrema di Disney e il mio mondo è tutto rosa e fiori. Venero le serie tv anni '90 e sono devota alle mie sirenette. Se non sto danzando sotto una pioggia di glitter, mi trovi a un pijama party o a incipriarmi il naso. P.s.: con la giusta tecnica puoi conquistarmi. 


Sessualità
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader