Muore il gatto di casa: i motivi per comprarne un altro
Guida

Muore il gatto di casa: i motivi per comprarne un altro

Traduzione: Sanela Dragulovic

Luna, la gatta di Veronica Bielawski, miagola solo da quando il suo coinquilino Loki è mancato per complicazioni da calcoli alla vescica. La traduttrice di Digitec Galaxus dovrebbe procurarsi un nuovo amico per Luna o tenere solo lei? Una domanda controversa, alla quale la psicologa degli animali ha una risposta.

In realtà, Veronica Bielawski ha sempre voluto un cane. Tuttavia, questo non si concilia con la vita della traduttrice di Digitec Galaxus. Così la ventiseienne è scesa a compromessi qualche anno fa. E ha acquistato gatti che si comportano come cani: Ragdoll e Ragamuffin. Queste razze sono note per il loro affetto. In teoria. Per Luna non è mai stato così, almeno fino alla morte del suo compagno, il tenero Loki. Questo ha cambiato tutto. Ma partiamo dall'inizio.

I Ragdoll sono tra i gatti domestici più grandi del mondo. Sono molto socievoli, tranquilli e devoti. Quando vengono sollevati, si lasciano penzolare come bambole di pezza. I Ragamuffin sono il risultato dell'incrocio tra Ragdoll e varie altre razze di gatti. Si tratta di un tentativo di correggere difetti genetici e malattie derivanti da allevamenti dubbi. Il loro nome era originariamente una parolaccia. Tuttavia, è stato adottato comunque. Anche i Ragamuffin sono gatti domestici grandi e coccolosi.

Tutto inizia con la sabbia per casa

È l'inverno 2023. Veronica nota che nell'appartamento c'è sabbia della lettiera dei gatti. «Passavo l'aspirapolvere fino a cinque volte al giorno», ricorda. Dato che i suoi gatti d'appartamento si comportavano come al solito, ha pensato che qualcosa non andasse con la lettiera. Così ne ha acquistato una autopulente. Grazie all'app, si accorge che il gatto Loki a volte va in bagno ogni dieci minuti. La cosa la insospettisce.

Durante il controllo annuale in primavera, lo fa notare al veterinario. A Loki vengono prelevati il sangue e le urine. Non viene riscontrato nulla di anomalo, a parte valori del sangue leggermente peggiori rispetto all'ultimo controllo. «Poiché il mio gatto era in sovrappeso, abbiamo pensato che fosse per questo motivo. Così ho prestato più attenzione alla sua alimentazione e ho acquistato un distributore di cibo automatico. Ma tutta l'alta tecnologia non è servita a nulla», dice Veronica.

Una fine dolorosa

È sabato mattina, 8 luglio 2023. Veronica partecipa alla «Muddy Angel Run» di Zurigo, una famosa corsa femminile che sensibilizza sul cancro al seno. Prima di andarsene, nota che Loki sembra insolitamente calmo. Se al suo rientro la situazione non fosse cambiata, farà un salto dal veterinario. Quando torna a casa, Loki è già in pessime condizioni. «Era apatico, faceva strani versi e vomitava. È stato terribile», ricorda. Veronica contatta il veterinario d'emergenza e porta Loki fino allo studio di Eschenbach LU. Una volta lì, a Loki vengono rilevati valori ematici molto bassi e una vescica troppo piena. Poi, dopo la radiografia, lo shock: innumerevoli calcoli vescicali che bloccano l'uretra.

I calcoli vescicali non sono di per sé pericolosi per la vita se vengono riconosciuti e rimossi rapidamente. I sintomi tipici sono: infezioni alla vescica, minzione più frequente e talvolta sanguinolenta, in quantità minore del solito, spesso anche fuori dalla lettiera. Se i calcoli vescicali arrivano all'uretra, la situazione può diventare critica. Una possibile conseguenza è l'ostruzione delle vie urinarie, dove l'urina può risalire fino ai reni. Questo può portare a insufficienza renale e avvelenamento da urina.

Veronica viene inviata con Loki alla clinica di emergenza di Hünenberg ZG. Qui la vescica deve essere svuotata e i calcoli vescicali rimossi. Poiché l'operazione richiede più tempo, Veronica torna a casa nel frattempo. «Non appena sono arrivata a casa, ho ricevuto una telefonata. Loki non ha retto l'anestesia. Era troppo debole», dice Veronica. Così è tornata indietro per dare l'ultimo saluto al suo gatto. «Ancora oggi ho i sensi di colpa per non essermi accorta prima della situazione. Purtroppo, certi gatti sono così: non fanno vedere quando le cose non vanno bene. Ci ho però provato. Mi manca molto Loki», dice.

I ricordi di Veronica di Loki: l'urna e un quadro del gatto dipinto da sua madre.
I ricordi di Veronica di Loki: l'urna e un quadro del gatto dipinto da sua madre.
Fonte: Darina Schweizer

Ci sono diversi modi per mantenere vivo il ricordo del tuo amico peloso.

  • Retroscena

    La zampa di Lucky vicina al cuore: come immortalare il tuo animale domestico

    di Darina Schweizer

Il preludio dell'opera del gatto

Veronica non è l'unica a sentire la mancanza di Loki. Nei giorni successivi alla morte del gatto, la sua compagna di casa Luna, altrimenti poco appariscente, inizia improvvisamente a miagolare spesso e forte. «È molto allarmante. A volte mi ricorda un po' un bambino che piange», dice Veronica. Inoltre, la gatta cerca sempre di stare vicino a lei e alle altre persone. Anche se questo attaccamento è tipico della razza, non è tipico di Luna. A differenza di Loki, lei è sempre stata riservata, dice Veronica. «Mi chiedo se le manchi Loki. Per lei è sempre stato il fratellino fastidioso che la rincorreva per casa e che a volte la prendeva a schiaffi. Ma forse lei lo amava comunque molto. Devo comprarle un nuovo compagno di giochi?»

Il consiglio della psicologa degli animali

Molti proprietari di gatti si trovano di fronte a questa domanda quando muore un animale. Anche la psicologa degli animali Katharina Aeschimann viene spesso interpellata a questo proposito. Conosce molto bene le esigenze dei felini.

  • Retroscena

    Super tata per gatti: la psicologa per animali insegna le buone maniere

    di Darina Schweizer

Per la psicologa degli animali, è chiaro che i gatti d'appartamento non dovrebbero essere tenuti da soli. «Anche se c'è sempre qualcuno in casa, questo non sostituisce l'amico gatto», dice. Se un animale muore, spesso accade che il gatto superstite cerchi il suo compagno miagolando. Soprattutto quando il veterinario non viene a casa per addormentarlo. «In questo modo, l'animale sopravvissuto non capisce dove sia andato l'amico e continua a cercarlo», conclude la psicologa. Alcuni veterinari offrono la cosiddetta eutanasia a domicilio. In seguito, lasciano ai proprietari e ai compagni dell'animale un po' di tempo per salutare l'animale deceduto.

Ma a cosa si deve prestare attenzione se si vuole un secondo animale dopo la morte del gatto? Katharina Aeschimann dice che le cose più importanti sono:

  • un carattere simile
  • circa la stessa età
  • lo stesso sesso

Nel caso di Veronica e della sua Luna di sei anni, trovare un compagno di giochi della stessa età potrebbe non essere così facile. «I gatti più anziani che si trovano nei rifugi sono spesso liberi e solitari e hanno vissuto a lungo da soli. Anche se non si sa mai. Oppure si può chiedere a un allevatore. Spesso hanno gatti un po' più vecchi da dare via che devono essere sterilizzati», spiega Katharina Aeschimann, che alleva lei stessa gatti Maine Coon.

Se si vuole assolutamente acquistare un gatto giovane da affiancare a uno più anziano, un solo animale non è sufficiente, secondo la psicologa. «Se ne dovrebbero comprarne due, in modo che i giovani possano giocare tra loro. Il gatto più anziano deve essere lasciato libero di decidere se vuole partecipare o meno. In ogni caso, dovrebbe avere un posto dove ritirarsi. Ad esempio, con uno sportello a chip per rifugiarsi in un'altra stanza».

Anche il sesso del gatto può essere determinante. Secondo la psicologa degli animali, i gatti maschi tendono a giocare in modo più violento. Le femmine sono spesso infastidite da questa situazione. «In realtà, con i gatti di casa, consiglio sempre di tenere animali dello stesso sesso. A meno che il maschio non sia gentile perché, ad esempio, è cresciuto con molte sorelle», dice Katharina Aeschimann.

Il futuro di Luna

Veronica non è ancora sicura se procurarsi un altro amico peloso per la dolce Luna. Si concede un po' di tempo per pensare. Nel frattempo, è particolarmente attenta ai bisogni di Luna e trascorre molte ore a coccolare l'amica a quattro zampe, che la segue ovunque vada. Quindi, in un certo senso, Veronica ha un «cane», almeno per il momento.

Cosa pensi del tenere dei gatti in casa? Meglio tenerli da soli o in coppia? Fammelo sapere lasciando un commento!

gatti (Brigitte Eilert-Overbeck, Tedesco)
Manuale
10.10

gatti

Brigitte Eilert-Overbeck, Tedesco

I gatti comprerebbero i topi (Hans-Ulrich Grimm, Tedesco)
Saggistica
15.70

I gatti comprerebbero i topi

Hans-Ulrich Grimm, Tedesco

gatti (Brigitte Eilert-Overbeck, Tedesco)
10.10

gatti

Brigitte Eilert-Overbeck, Tedesco

I gatti comprerebbero i topi (Hans-Ulrich Grimm, Tedesco)
15.70

I gatti comprerebbero i topi

Hans-Ulrich Grimm, Tedesco

Immagine di copertina: Darina Schweizer

A 48 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Una ragazza di città, tornata dalla campagna alla vita urbana che ha trasformato la sua mansarda in una casa al mare con aloe e fari. Amante degli animali e interessata alla psicologia, ha un aspetto innocuo, un umorismo nero e un gusto criminale per i libri. Un giorno vorrebbe essere in grado di scoccare una freccia come Mulan. 


Animali da compagnia
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

Commenti

Avatar