Modelli di relazione: «La gente è più disposta a sperimentare»
RetroscenaSessualità

Modelli di relazione: «La gente è più disposta a sperimentare»

Natalie Hemengül
Zurigo, il 22.12.2021
Immagini: Thomas Kunz
Traduzione: Leandra Amato

Vivere in modo monogamo è solo uno dei tanti modelli relazionali. Ho intervistato la terapista sessuale Dania Schiftan sull'intero spettro di possibilità e le sfide collegate.

Due persone impegnate solo l'una con l'altra: la monogamia è il modello più comune, ma anche il più inflessibile sul mercato delle relazioni. Scopro perché è così e quali sono le alternative in una conversazione con la sessuologa e psicoterapeuta Dania Schiftan.

Dania, l'ultima volta abbiamo parlato di fedeltà nelle relazioni e abbiamo toccato il tema delle forme di relazione. Quali modelli esistono e come si presentano in termini concreti?
Dania Schiftan: Arrivi subito con una domanda alla quale non posso rispondere esattamente (ride).

Perché?
Ogni modello di relazione presenta un numero infinito di sfumature possibili. Ecco perché preferisco darti un abbozzo dei diversi «binari» sui quali le relazioni possono generalmente muoversi.

Con piacere.
Quando si parla di relazioni, la prima cosa a cui la maggior parte delle persone pensa è una relazione monogama. Le persone che entrano in una relazione di questo tipo si impegnano a passare la loro vita con un solo partner. Può anche succedere che qualcuno tradisca segretamente. Questo significa che questa persona è solo formalmente monogama. Poi c'è la monogamia seriale, cioè quando qualcuno sta sempre e solo con una persona finché non è insoddisfatto. In questo caso termina la relazione, solo per passare ad un'altra relazione monogama con qualcun altro.

Immagino che questo sia anche il tipo di relazione che incontri più spesso nella tua vita quotidiana come terapista sessuale?
Esatto. Ci sono concetti meno comuni, come il poliamore, che presuppone che qualcuno possa essere in una relazione sessuale e amorosa con più persone allo stesso tempo. Anche qui, ci sono molte varianti diverse, per esempio: partner primari, vari partner secondari e relazioni in cui tutte le parti sono uguali.

Si può essere davvero creativi... Ci sono molte possibilità di suddivisione e definizione. Un altro concetto che permette anche un margine di manovra è quello della relazione aperta: si tratta di relazioni fisse che stabiliscono regole su chi può avere una relazione sessuale con chi.

Ora capisco perché hai detto che non potevi rispondere a questa domanda in dettaglio.
Soprattutto le forme alternative di relazioni come il poliamore o le relazioni aperte permettono un sacco di possibilità creative. Ad esempio, il numero di partner coinvolti. O la questione di chi può entrare in quale tipo di relazione con chi, dove e come. Inoltre, qui abbiamo toccato solo alcuni modelli. In mezzo, ce ne sono molti altri da scoprire.

Questo comporta sicuramente delle sfide... Affinché tutti siano felici in una relazione, non importa di che tipo, è necessario un alto grado di auto-riflessione, ma anche la capacità di comunicare. Per fare questo, è necessario conoscere le proprie esigenze e i propri limiti. Più una forma di relazione è vissuta in modo creativo, più energia occorre. Più una forma di relazione è classica, più è plasmata dalla società e più regole impone. Questo significa che puoi attenerti a una sorta di quadro che dice a te e al tuo partner cosa è permesso nella relazione e chi fa cosa.

Puoi essere più specifica?
Guardiamo il tutto come uno spettro. Da un lato, c'è la classica relazione eterosessuale monogama con la sua tradizionale distribuzione dei ruoli: il marito va a lavorare, mentre la moglie si occupa della casa e del nucleo familiare. Questa distribuzione dei compiti è prescritta dalla società. Questo significa che se scelgo questo tipo di relazione, metto meno in discussione me stessa o la mia controparte, dando per scontate le condizioni quadro e le regole. Più mi allontano da un lato dello spettro, cioè più libera e creativa è la mia forma di relazione, più devo comunicare e discutere con tutte le persone coinvolte nella mia costellazione di relazioni per stabilire le regole della relazione e capire tutti i bisogni.

Come appare l'altra estremità dello spettro?
La forma più complessa di relazione è certamente un'entità composta da una grande varietà di persone di diversi orientamenti sessuali che sono in una relazione amorosa oltre che in una relazione sessuale tra di loro. Questa forma include tutti i tipi di emozioni e azioni. Senza comunicazione, una tale unione non è affatto possibile.

Le persone possono avere diversi tipi di relazioni.
Le persone possono avere diversi tipi di relazioni.

Nella tua esperienza, l'interesse per nuove forme di relazioni è aumentato negli ultimi anni?
La gente è più disposta a sperimentare. L'argomento viene fuori più spesso nelle mie sessioni di terapia. Penso che sia fantastico, perché mi dimostra che le persone guardano oltre, si rendono conto che hanno una scelta e possono farla. Questi sono buoni presupposti per una relazione soddisfacente. Se invece le coppie entrano passivamente, cioè senza pensarci bene, in una costellazione di coppia sposata classica, può succedere che non si sforzino più. Poi pensano: ora sono sposato e va bene così.

La cornice prefabbricata come capro espiatorio della propria insoddisfazione.
Questo non significa necessariamente che il matrimonio monogamo sia il modello sbagliato per queste coppie. Tuttavia, la terapia di coppia può aiutare in questo caso ad affrontare attivamente il problema e a dirigere la relazione in una direzione che entrambi percepiscono come appagante. In generale: coloro che pensano prima di entrare in una relazione e si danno la possibilità di scegliere tra diversi modelli hanno più probabilità di rimanere vivi, svegli e riflessivi. Non importa se alla fine si sceglie un matrimonio monogamo o un gruppo poliamoroso. L'importante è che le persone decidano consapevolmente cosa conviene di più a loro.

Quindi non esiste giusto o sbagliato?
Proprio così. Alcuni sono convinti che la vera intimità avviene solo quando concentrano la loro attenzione su una sola persona. Altri sostengono che proprio perché sono coinvolti con diverse persone, si fanno coinvolgere solo da quelle con cui vogliono veramente stare. Secondo me, entrambi gli argomenti hanno senso.

Cosa succede se non mi piace più il modello che ho scelto?
Questo accade spesso ed è una buona cosa, perché cambiamo durante la nostra vita. A volte è il modello che non si adatta più, a volte solo un certo aspetto o il modo in cui una relazione si è stabilita. Allora le coppie vengono nel mio studio per elaborare, con il mio sostegno, una nuova forma di relazione che vada bene a entrambi. Questo può essere il caso, per esempio, se le circostanze della vita sono cambiate. Recentemente ho avuto con me una coppia che era, per definizione, in una relazione aperta. Cioè, entrambi potevano vivere la loro sessualità con altre persone, solo che l'unione tra loro era esclusiva. Poi lei è rimasta incinta e si è resa conto che non era più a suo agio con questa situazione. Un'altra coppia eterosessuale che ho assistito aveva anche delle relazioni omosessuali. Dopo una diagnosi di cancro, l'uomo non voleva più continuare.

Perché molti mettono in dubbio le loro relazioni più oggi che in passato?
Da un lato, i media riprendono più spesso questi temi, dall'altro, ha a che fare con i cambiamenti sociali: la gente comincia a capire che si può desiderare più dell'amore e amare qualcuno senza desiderare quella persona. Che si può separare la relazione sessuale dalla relazione amorosa, se lo si vuole. Vediamo le sfumature per cui forme alternative di relazioni sessuali sono più accettate. In generale, si parla più della sessualità in quanto tale. Inoltre, al giorno d'oggi non siamo più così dipendenti finanziariamente da altre persone, possiamo avere figli e creare famiglie attraverso altri canali. Sono tutte semplificazioni che aprono nuove possibilità e fanno sì che le persone che prima non potevano permettersele siano ora più creative e più in pace con se stesse.

Quali pregiudizi affrontano le persone che scelgono un modello di relazione alternativo?
I pregiudizi abbondano, e da tutte le parti. Tuttavia, secondo la mia esperienza, sono più forti quando sono coinvolti i bambini. Infatti, molti sono dell'opinione che sarebbe dannoso per un bambino se i genitori vivono in costellazioni di relazioni alternative. A mio parere, questo non deve essere assolutamente il caso. Finché sono genitori amorevoli che trattano i loro figli con cura, il tipo di relazione non dovrebbe avere importanza.

Dania Schiftan lavora da 14 anni come sessuologa e psicoterapeuta nel suo studio di Zurigo. Lavora anche come psicologa per Parship. Scopri di più su di lei e sul suo lavoro in questa intervista:

Trovi gli altri articoli della serie qui:

A 29 persone piace questo articolo


Natalie Hemengül
Natalie Hemengül

Editor, Zurigo

Sono una fanatica estrema di Disney e il mio mondo è tutto rosa e fiori. Venero le serie tv anni '90 e sono devota alle mie sirenette. Se non sto danzando sotto una pioggia di glitter, mi trovi a un pijama party o a incipriarmi il naso. P.s.: con la giusta tecnica puoi conquistarmi.

Sessualità

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader