Intervista all'esperta di Fisher-Price: «Anche i genitori dovrebbero divertirsi con i giochi»

Intervista all'esperta di Fisher-Price: «Anche i genitori dovrebbero divertirsi con i giochi»

Katja Fischer
Zurigo, il 16.12.2021
Traduzione: Giulia Gobbo

Come faccio a trovare il giocattolo giusto? Il puzzle di legno è meglio del cubo lampeggiante? E quando c'è troppa tecnologia? La psicologa dello sviluppo Lieselotte Ahnert è un nuovo membro del team di esperti Fisher-Price e ci fornisce informazioni.

Chi cerca un regalo per un bambino o una bambina, si troverà in un'enorme giungla di giocattoli. Grande, piccolo, colorato, rumoroso, lampeggiante, di legno o di plastica: l'offerta di giochi è quasi ingestibile. E alla fine, cosa c'è di utile? La psicologa tedesca Liselotte Ahnert studia da anni lo sviluppo dei bambini e recentemente è entrata a far parte del team di esperti del produttore di giocattoli Fisher-Price. In un'intervista, la settantenne dice cosa conta quando si sceglie un giocattolo. E perché i giochi elettronici sono migliori della loro reputazione.

Signora Prof. Dr. Ahnert, lei è la nuova «esperta Fisher-Price», sembra molto divertente. Il suo lavoro ha in gran parte a che fare con i giochi?
Lieselotte Ahnert: Come psicologa dello sviluppo, ho passato molti anni a ricercare le condizioni dello sviluppo nell'infanzia e ho giocato molto con i bambini. Se sono ancora molto piccoli e le loro competenze linguistiche sono rudimentali, soprattutto i giochi permettono di entrare nel loro mondo interiore. Giocare fornisce anche eccellenti opportunità per impartire conoscenze, per promuovere il linguaggio e per sostenere il primo sviluppo motorio ed emotivo.

Quale contributo apportano le sue conoscenze a Fisher-Price?
Faccio parte del team di esperti. Questo significa che spiego lo sviluppo dei bambini piccoli, i loro rapporti con gli oggetti e la loro interazione con i giocattoli. Rispondo a domande come: cosa pensa il bambino? Come può essere sostenuto nel suo sviluppo? Cosa è dannoso? Sono tutti risultati dei miei anni di ricerca.

Oggi chi cerca un giocattolo è quasi sopraffatto dall'enorme offerta. Come fanno i genitori a trovare la cosa giusta per il loro bambino o la loro bambina?
Ci si può orientare con le informazioni sull'età. Nei primi anni di vita il rapido sviluppo è evidente e i bambini di un anno differiscono molto da quelli di due o tre anni. Di conseguenza, le caratteristiche di sviluppo sono molto diverse e dipendono tanto dall'età.

Giocattoli a bizzeffe. Un negozio di giocattoli può sopraffare genitori e bambini.
Giocattoli a bizzeffe. Un negozio di giocattoli può sopraffare genitori e bambini.
Immagine: Shutterstock

Ma non tutti i bambini della stessa età sono allo stesso livello.
Sì, queste caratteristiche possono variare molto da bambino a bambino nella stessa fascia d'età, motivo per cui anche le cause comportamentali genetiche vengono utilizzate nelle ultime ricerche sullo sviluppo. Mentre un bambino risponde agli stimoli musicali, un altro è interessato ai processi tecnici come la costruzione di edifici o ad attività di cura come giocare con le bambole. I genitori conoscono queste preferenze e dovrebbero basare la loro scelta di giocattoli su di esse.

Ha senso ignorare le preferenze individuali per offrire al bambino nuove opportunità di gioco?
Provare un giocattolo completamente nuovo e comprare una bambola per il bambino esperto di tecnologia e un'autopompa per il bambino che preferisce le bambole, per esempio, non porta da nessuna parte. Già a partire da un'età molto precoce, i bambini scelgono in modo indipendente le loro aree di attività e di interesse secondo i loro bisogni di sviluppo. Pertanto, prima o poi ignoreranno le offerte di gioco che non sono conformi ai loro interessi.

Cosa considera un «buon» giocattolo?
Quando soddisfa l'area di interesse del bambino o della bambina. Il giocattolo dovrebbe essere sviluppato per la rispettiva fascia d'età in modo che il bambino possa mettere in pratica le abilità corrispondenti. Infine, il gioco deve essere appropriato alla fase di sviluppo e non deve richiedere troppo.

Ma neanche troppo poco?
Sì, perché un buon giocattolo deve anche avere il potenziale per condurre il bambino nella fase successiva dello sviluppo. In parole povere: il bambino dovrebbe essere incoraggiato a provare qualcosa in più di prima. I genitori possono mostrare queste possibilità attraverso alcune semplici strategie di gioco.

Ad esempio?
Possono mostrare al bambino o alla bambina come usare il giocattolo in un modo diverso. O fare domande per condurre il bambino su un'altra strada, lodandolo e incoraggiandolo per mantenere il suo interesse. Oppure possono lasciarlo giocare in modo indipendente, ma fargli sapere di tanto in tanto che è bravo e sta espandendo le sue abilità. In psicologia dello sviluppo, si parla di «coaching, guidance, reinforcement e feedback».

La psicologa tedesca Liselotte Ahnert studia da anni lo sviluppo dei bambini e fa parte del team di esperti Fisher-Price.
La psicologa tedesca Liselotte Ahnert studia da anni lo sviluppo dei bambini e fa parte del team di esperti Fisher-Price.
Immagine: Christian Thiel

Come sono cambiati i giocattoli negli ultimi anni in relazione alle scoperte della psicologia dello sviluppo?
Inizialmente, un gioco doveva catturare l'attenzione generale di un bambino o una bambina, stimolare ed espandere le sue attività. Il giocattolo doveva avere un colore attraente e permettere una varietà di azioni, anche l'imitazione di situazioni quotidiane. Tuttavia, le ricerche di psicologia dello sviluppo più recenti hanno dimostrato che i piccoli vogliono già giocare con gli altri verso la fine del primo anno di vita. Pertanto, sono diventati sempre più importanti i giocattoli che permettono interazioni multiple e dove anche i genitori possono divertirsi.

Che cosa piace ai genitori?
Si divertono quando anche loro vengono sorpresi, quando un giocattolo è innovativo, creativo e nuovo. Qualcosa che non conoscono dalla propria infanzia.

Spesso si dice che i giocattoli di una volta erano migliori e, a differenza di oggi, erano ancora fatti di legno. È vero?
Sni. I giocattoli di legno sono considerati robusti, privi di sostanze nocive e sostenibili. Grazie alle eccellenti proprietà del materiale, si sono dimostrati validi nella produzione di giocattoli.

Cosa manca ai giocattoli di legno?
Un bambino deve essere in grado di vivere una varietà di esperienze visive, tattili e acustiche già durante i primi mesi di vita. Per queste esperienze, è essenziale una vasta offerta di giocattoli, con materiali come il tessuto, il metallo e la plastica oltre al legno. Tuttavia, è scontato che devono essere privi di sostanze inquinanti.

  • Novità e trendGiocattoli

    Giocattoli nella top 10 del 2021

I bambini di oggi crescono in un mondo digitalizzato e i giocattoli si muovono in parallelo con i giochi educativi elettronici. Fa male?
La psicologia dello sviluppo moderna ha già dimostrato più volte che già i bebè possono distinguere l'ambiente animato da quello inanimato. Così sembrano sapere che l'ambiente animato è caratterizzato da attività e azioni intenzionali, mentre l'ambiente inanimato è inattivo e deve prima essere «mosso». Quindi, un giocattolo che fa qualcosa solo premendo un pulsante è un oggetto molto attraente e una conferma immediata di questa distinzione. Se un bambino familiarizza con diversi processi tecnici del nostro mondo moderno meccanizzato, queste esperienze sono senza dubbio benefiche per il suo sviluppo a lungo termine.

Quando c'è troppa tecnologia?
Dipende da quali conoscenze acquisisce un bambino, se continua a ripetere gli effetti tecnici e ne è soddisfatto. È sbagliato se si limita a premere sui pulsanti e sui tablet a caso, senza combinare nulla in modo logico, per esempio. Non è questa l'interazione che un bambino dovrebbe avere con la tecnologia.

C'è un giocattolo classico che è rimasto praticamente invariato per anni?
Ce ne sono parecchi. Friedrich Fröbel (1782-1852) e Maria Montessori (1870-1952) furono i primi a riconoscere che giocare può sostenere lo sviluppo, stimolare a essere curiosi e pensare, promuovere la crescita delle abilità e far progredire l'apprendimento. Sono considerati i pionieri dell'educazione precoce. I loro giochi, che consistono in blocchi di costruzione, puzzle, giochi di ordinamento e di accatastamento e molto altro, sono anche offerti come giocattoli per bricolage e di costruzione e sono diventati una parte indispensabile della produzione attuale di giocattoli.

Informazioni sulla persona: Lieselotte Ahnert è una professoressa di psicologia dello sviluppo presso il Dipartimento di scienze dello sviluppo applicate della Libera Università di Berlino e un'esperta Fisher-Price. La sua ricerca include studi approfonditi sulle condizioni di sviluppo dei bambini. Puoi anche leggere molto nel suo libro in tedesco «Wieviel Mutter braucht ein Kind?» (pubblicato nel 2020 da Beltz-Verlag; da ordinare qui presso Ex Libris, per esempio).

A 7 persone piace questo articolo


Katja Fischer
Katja Fischer

Senior Editor, Zurigo

Mamma di Anna e Elsa, esperta di aperitivi, fanatica del fitness di gruppo, aspirante ballerina e amante del gossip. Spesso addetta al multitasking e persona che vuole tutto, a volte chef di cioccolato e regina del divano.

Famiglia

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


Giocattoli

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


Bebè

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader