Intervista a un esperto di auto elettriche: «I timori sull'autonomia sono infondati»

Martin Jungfer
Zurigo, il 23.07.2022
Traduzione: Martina Russo

Hans Fischer guida in modalità elettrica dal 2017 e conosce molti dei modelli attuali grazie a test approfonditi. Ne conosce anche i vantaggi e i problemi.

Sono un neofita delle auto elettriche. Mi sposto in modo ecologico, ma non sono un grande esperto dell'argomento.

A differenza di Hans Fischer, che si definisce un appassionato di mobilità elettrica e che, con il suo blog di tecnologia dal 2010 è un punto di riferimento importante per quanto riguarda la gestione dell'energia, l'energia solare e le auto a trazione elettrica. Negli ultimi tre anni, l'ingegnere elettrico e padre di famiglia si è dedicato al tema della mobilità elettrica del futuro anche dal punto di vista professionale. Hans è fondatore e co-proprietario di Solar Manager AG, che vende software di controllo per l'utilizzo ottimale dell'energia solare generata, ad esempio, sui tetti delle case.

Per l'intervista, ci siamo incontrati dove il futuro può già essere vissuto dal vivo: presso le stazioni di ricarica elettrica dello svincolo autostradale di Kemptthal.

Hans, grazie mille per averci dedicato del tempo per questa intervista. Ho pensato di incontrarci qui, visto che devo comunque ricaricare la mia auto... Ma è già quasi completamente carica.

Hans Fischer: (ride) Sì; come la maggior parte delle persone, sopravvaluti quanto va caricata l'auto quando sei in viaggio. Soprattutto perché hai il privilegio di ricaricarla a casa.

È vero, ti ho raccontato che con il Solar Manager che hai inventato carico l'elettricità dell'impianto solare in modo controllato nella batteria dell'auto.

Durante i mesi estivi dovresti sempre avere energia sufficiente per gli spostamenti quotidiani verso l'ufficio, giusto?

Corretto. Ma in realtà ero io a voler farti le domande! Dunque: le previsioni sulle vendite di auto elettriche al momento sono molto positive. Potrebbe trattarsi di un finto trend?

Non conosco nessuno che voglia tornare al motore a combustione dopo aver acquistato un'auto elettrica. L'esperienza di guida con accelerazione senza decelerazione, l'elevata efficienza, la silenziosità dell'auto e, naturalmente, l'aspetto ecologico: sono tutti già argomenti forti.

Tuttavia, molte persone rimangono scettiche. Quali sono le tre maggiori preoccupazioni o paure di cui senti parlare regolarmente?

In primo luogo, c'è sicuramente la questione dell'autonomia. In secondo luogo, la preoccupazione che non ci siano abbastanza opzioni di ricarica lungo il percorso. E terzo... (pensa) ... forse la questione della batteria dell'auto, se ha un ciclo di vita sufficiente o meno.

Tu cosa ne pensi? Ad esempio, per quanto riguarda l'autonomia delle auto elettriche?

Che sono timori infondati, almeno nella stragrande maggioranza dei casi. Io stesso, ad esempio, sono spesso in giro per lavoro e quindi guido più della media. Grazie alle batterie di grandi dimensioni, le auto elettriche di oggi possono tranquillamente percorrere dai 300 ai 400 chilometri prima di dover essere ricaricate.

Ma non basta per andare in vacanza.

In Svizzera puoi andare praticamente ovunque. Ma capisco cosa intendi. Quando vado in Italia con la mia famiglia, prevedo delle soste per ricaricare l’auto. Anche chi viaggia su auto non elettriche fa qualche pausa qua e là. Per andare in bagno, fare rifornimento o mangiare. Una sosta del genere può durare anche 15 minuti. E nello stesso lasso di tempo posso ricaricare la mia auto.

Ma la ricarica veloce in viaggio ha un prezzo.

È vero, ma anche se pago 79 centesimi per un chilowattora, è più o meno lo stesso costo della benzina o del diesel se calcolo i costi per 100 chilometri. E la ricarica veloce è comunque un'eccezione per chi guida un'auto elettrica. Ho fatto qualche ricerca. Nonostante passi molto tempo al volante, uso la ricarica veloce per poco meno del 15%. Per molte persone la media sarà ben al di sotto del 10%.

Perché ricaricano l’auto nel garage o nella tettoia di casa?

Sì, è la norma. Qui, ad esempio, la batteria si ricarica completamente durante la notte a una tariffa elettrica bassa per pochi franchi. O, ancora meglio, gratuitamente grazie a un impianto solare sul tetto, se per un attimo dimentichi i costi una tantum per l'installazione dell'impianto.

Hans Fischer è solito caricare la sua VW ID.4 elettrica presso la cassetta a muro nel garage di casa.
Hans Fischer è solito caricare la sua VW ID.4 elettrica presso la cassetta a muro nel garage di casa.

Tuttavia, chi vive in un condominio spesso si trova in difficoltà perché non ha questa opzione.

Si tratta di un problema reale che deve essere risolto anche a livello politico, in particolare con il diritto a una stazione di ricarica per le persone che vivono in appartamenti in affitto. Esistono già proposte in tal senso. È improbabile che le persone che oggi non possono ricaricare a casa optino per un'auto elettrica. Dal mio punto di vista, i datori di lavoro avrebbero una grande opportunità.

In che modo?

Le aziende potrebbero offrire strutture di ricarica ai propri dipendenti. Sarebbe un benefit interessante.

Alcune aziende offrono già l'uso gratuito di punti di ricarica ai loro clienti con auto elettriche. Mentre faccio la spesa, la mia auto si ricarica.

È una cosa positiva, ma è anche destinata a scomparire. Se ci saranno più auto elettriche in circolazione, o se questa offerta verrà sfruttata, potrebbero crearsi conflitti che le aziende vorranno evitare.

A proposito di problemi: ricaricare l'auto quando si è in viaggio a volte è un'avventura. Ci sono reti di ricarica diverse che vogliono schede di ricarica diverse, tariffe confuse, stazioni di ricarica che non funzionano...

È una bella differenza, se sei abituato a fare il pieno alle stazioni di servizio. Ma in Svizzera, o anche in Austria, Germania, Francia, Benelux, Italia settentrionale o Scandinavia, l'infrastruttura è già abbastanza buona. Ad esempio, io ho una carta di ricarica per la Svizzera di Move, una WeCharge di VW e una di EnBW, un'azienda energetica tedesca. Con queste carte posso ricaricare ovunque. E per pianificare i viaggi più lunghi esistono ottime app e siti web, come «A Better Route Planner» o «Pump», che conoscono i punti di ricarica giusti e calcolano le soste necessarie e il tempo di ricarica sul posto.

Ma spesso le stazioni di ricarica non si trovano in posti particolarmente suggestivi, vero?

Una volta mi sono fermato a una stazione di ricarica che si trovava in una zona industriale, vicino a un negozio di materiali edili. Non è molto allettante, perché ti siedi in macchina e aspetti di andartene. In Svizzera, nel 2018 l'Ustra ha lanciato un bando di gara per la realizzazione di 100 stazioni di ricarica rapida sulle autostrade. È vero, queste aree di sosta non sono sempre luoghi in cui vorresti trascorrere del tempo. Ma a volte puoi fermarti e goderti un bel pranzo al sacco.

La tecnologia è in costante miglioramento: non è meglio aspettare prima di comprare un’auto elettrica?

Secondo questo ragionamento, non dovresti comprare più nulla. Naturalmente lo sviluppo continua, ma le auto elettriche di oggi sono perfettamente adatte alla vita di tutti i giorni. Le auto a trazione elettrica con un'autonomia di 1000 chilometri, come dimostra lo studio di Mercedes EQXX (in tedesco), devono avere una struttura a forma di goccia per consumare poco carburante. Oppure diventeranno ancora più pesanti a causa della maggiore capacità della batteria.

Lo studio della Mercedes EQXX mostra come la silhouette dell'auto sia stata allungata per ottenere una minore resistenza all'aria.
Lo studio della Mercedes EQXX mostra come la silhouette dell'auto sia stata allungata per ottenere una minore resistenza all'aria.
Foto: Mercedes

Leggiamo regolarmente di tecnologie rivoluzionarie per le batterie che rendono la ricarica veloce quanto il rifornimento di benzina di oggi.

Queste notizie «rivoluzionarie» provengono spesso dagli istituti di ricerca. Potrebbero volerci anni prima che queste nuove tecnologie vengano adottate dal mercato di massa. E nella maggior parte dei casi, ci sono anche molti piccoli progressi che non vengono realizzati.

Poiché guido un'auto elettrica, posso percepire prima i miglioramenti del software; giusto?

Ma in questo caso ne beneficiano tutte le auto, perché gli aggiornamenti vengono rilasciati per qualsiasi modello, vecchio o nuovo. Si tratta dei cosiddetti aggiornamenti «over-the-air». Proprio come accade con gli smartphone. L'hardware fa parte del prodotto e delle sue prestazioni, ma anche il software è fondamentale. Lo stesso vale per l'auto elettrica.

Oggi non c'era una sola auto in carica nelle sei stazioni di ricarica di Kemptthal, quindi non avremmo avuto problemi a trovare un posto. Sarà così anche se in futuro ci saranno sempre più auto elettriche?

Passiamo al secondo timore della tua domanda precedente, ovvero: le strutture di ricarica. Dunque, in Svizzera abbiamo una densità relativamente alta di stazioni di ricarica e la situazione è in continuo miglioramento. Ma è ovvio che un'infrastruttura non può essere progettata per assorbire picchi estremi. Sarebbe semplicemente troppo costoso. Quando metà della Svizzera va in vacanza in montagna, potrebbero esserci tempi di attesa nei punti di ricarica più frequentati. Ma questo accade solo molto raramente e in determinati momenti.

Ricarica con vista: a casa, Hans Fischer carica l'elettricità solare dal suo tetto all’auto.
Ricarica con vista: a casa, Hans Fischer carica l'elettricità solare dal suo tetto all’auto.

Resta da vedere se le batterie delle auto elettriche funzioneranno a lungo termine e se avranno sempre la stessa autonomia che avevano all'inizio.

Oggi non è chiaro quale sarà la capacità delle batterie dopo dieci o quindici anni. Le auto elettriche non sono sul mercato da molto tempo. Tuttavia, le prime esperienze mostrano che l'usura della batteria dovrebbe essere molto meno problematica del previsto. L’autista di una Tesla ha già percorso più di un milione di chilometri.

È improbabile che questo convinca i fan delle auto a combustione...

È difficile raggiungere questo gruppo di persone con argomenti razionali. Per loro l'auto a combustione è quasi una religione. La pressione sull'acceleratore deve produrre un ruggito.

Per i garage, l'auto elettrica non è solo una benedizione.

Per le aziende, il passaggio alla mobilità elettrica elimina una parte significativa del proprio business. I motori elettrici richiedono molta meno manutenzione. Anche l'auto elettrica nel suo complesso richiede meno manutenzione, lasciando all'elettronica, ai freni e all'aria condizionata i componenti più importanti. È comprensibile che chi lavora nelle officine abbia paura per la propria attività. Ma il cambiamento non avviene da un giorno all'altro. Nell'UE non sarà possibile immatricolare nuovi veicoli a combustione fino al 2035. Quindi c'è abbastanza tempo per cambiare.

A 47 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Giornalista dal 1997 con sedi in Franconia, sul lago di Costanza, a Obvaldo e Nidvaldo e a Zurigo. Padre di famiglia dal 2014. Esperto in organizzazione editoriale e motivazione. Focus tematico sulla sostenibilità, strumenti per l'ufficio domestico, cose belle in casa, giocattoli creativi e articoli sportivi. 


Elettromobilità
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader