Non sei connesso a internet.
Corporate logo
SportCiclismoViaggiReportage 420

Con la Single Speed fino in Marocco #5: «Guys, where can we get cocaine?»

Dopo l'ultimo esame, Jonathan e Christoph decidono di andar fuori, alla scoperta del mondo. Non tutto-incluso sulle Isole Canarie, bensì senza-niente per il Marocco: solo con le loro Single Speed e bagagli leggeri. Qui raccontano la loro avventura. In questo episodio: tempo miserabile, strambe conoscenze e lieto fine.

A volte la tappa può anche essere preparata in modo dettagliato, ma ci sono delle forze maggiori che non si lasciano controllare. Ad esempio, i bollettini meteorologici dei quotidiani spagnoli sono tenuti solo in spagnolo e questa lingua non è il nostro forte. Così accade che un giorno andiamo a sud di Valencia aspettandoci il tipico tempo spagnolo (30 °C, sole – come sempre). Invece, delle nuvole scure si avvicinano e lentamente comincia a piovere. Beh, da veri avventurieri non ci lasciamo intimidire; prendiamo la nostra giacca da pioggia e continuiamo a pedalare sotto la pioggia battente: siamo felici di avere finalmente vestiti puliti.

Il lampo

Ma quando la pioggia si trasforma lentamente in un temporale, un fulmine a venti metri di distanza da noi colpisce un albero vicino alla strada e purtroppo non abbiamo montato il pacchetto parafulmine, entriamo nel bar più vicino in un piccolo villaggio con un livello di adrenalina molto elevato.

Nella pioggia, qualcuno ci chiede della «neve»

Osserviamo incuriositi mentre un'auto a noleggio si avvicina. Con fatica l'autista parcheggia di fronte al bar. Tre figure, più di trent'anni, che avrebbero vinto ogni gara di 3 giorni senza dormire, scendono dall’auto. Si siedono accanto a noi. Dopo aver bevuto mezzo litro di birra in tempo record (aspetta: uno di questi dovrebbe essere l’autista?), uno del gruppo viene da noi e ci chiede qualcosa in spagnolo. Non capiamo nulla, ma notiamo il suo accento inglese e rispondiamo con un accento svizzero-tedesco: «Sorry, what do you mean?»

E ripete: «Guys, where can we get cocaine?»

Sex, Drugs e Isostar

Per prima cosa pensiamo di rifilargli la nostra polvere Isostar e diventare ricchi, ma i suoi denti sembrano non poter più prendere neanche un grammo di zucchero, altrimenti si dissolverebbero per sempre. Così rispondiamo: «No idea, we're not from here». Quando chiede dove trovare qualche «ragazza generosa», pensiamo alla strada che abbiamo scoperto all'inizio in Spagna, ma non diciamo nulla. Questi signori hanno già abbastanza da fare con sé stessi.

Non appena la pioggia inizia a calmarsi e i tuoni si sentono solo da lontano, ripartiamo dopo un'ora e mezza di interruzione. Ci rendiamo conto che, nonostante la nostra incredibile potenza muscolare, non ce la faremo a raggiungere Alicante oggi. Nel deserto infinito in cui ci troviamo attualmente, un tempio del benessere sembra l'unico alloggio disponibile per la notte. Ancora una volta sogniamo di fare soldi con la nostra polvere Isostar, ma prenotiamo solo uno sgabuzzino per due e otteniamo comunque un biglietto d'ingresso per il centro benessere. Come può essere bella la vita.

Per oggi ne abbiamo abbastanza.
Bagnati e felici!

Cosa è successo finora:

<strong>Con la Single Speed fino in Marrocco #4:</strong> tori selvaggi e anziani ancora più selvaggi
CiclismoReportage

Con la Single Speed fino in Marrocco #4: tori selvaggi e anziani ancora più selvaggi

<strong>Con la Single Speed fino in Marocco #3:</strong> skid, vermut e malinconia
CiclismoReportage

Con la Single Speed fino in Marocco #3: skid, vermut e malinconia

<strong>Con la Single Speed fino in Marocco #2:</strong> sorpresa nell’ostello degli orrori
CiclismoReportage

Con la Single Speed fino in Marocco #2: sorpresa nell’ostello degli orrori

<strong>Con la Single Speed fino in Marocco #1:</strong> inizio con qualche ostacolo
CiclismoReportage

Con la Single Speed fino in Marocco #1: inizio con qualche ostacolo

Due studenti, un obiettivo: <strong>con la Single Speed fino in Marocco</strong>
CiclismoReportage

Due studenti, un obiettivo: con la Single Speed fino in Marocco

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Sarà senza catena la <strong>bici del futuro</strong>?
CiclismoNovità e trend

Sarà senza catena la bici del futuro?

<strong>Progetto Velocipedia:</strong> le più belle bici mai costruite
CiclismoNovità e trend

Progetto Velocipedia: le più belle bici mai costruite

User
Wir fahren diesen Sommer von Zürich aus los, probieren uns mit Fixies im Skidden, brettern über Pässe und machen erst wieder halt, wenn wir am Strand von Marokko angekommen sind.

4 Commenti

3000 / 3000 caratteri

User depratuningg

Gibt es noch #6 ? Irgendwie bekomme ich Lust auch mal wieder etwas weiter mit dem Velo zu fahren. Absoluten Respekt für die Tour , Fremdsprachen das immer zu reparirende Velo und die frage wo man übernachtet hielten mich bisher davon ab solche touren zu machen.

19.09.2018
User Jonathan Perraudin und Christoph Zuidema

Hoi Depratuningg
Ja, #6 ist in der Pipeline.
Cool, dass wir dich inspirieren konnten. Wir können es nur wärmstens empfehlen und aus eigener Erfahrung lösen sich solche Probleme unterwegs am besten.
Gruss
Jonathan und Christoph

19.09.2018
Rispondi