Non sei connesso a internet.
Corporate logo
SportCiclismoViaggiReportage 216

Con la Single Speed fino in Marocco #1: inizio con qualche ostacolo

Dopo l'ultimo esame, Jonathan e Christoph decidono di andar fuori, alla scoperta del mondo. Non tutto-incluso sulle Isole Canarie, bensì senza-niente per il Marocco: solo con le loro Single Speed e bagagli leggeri. Qui raccontano la loro avventura.

I nostri primi giorni in cifre: 370 chilometri, 2000 metri di altitudine, 4 kebab, 10 panini al cioccolato, circa 24 litri di bevande, 1 chilo di orsetti gommosi. Alimentazione ottimale dopo un’ottima preparazione, che è la chiave di un viaggio di successo. Dopo l’ultimo esame di Christoph abbiamo esattamente 4 ore di tempo, poi si va col binario 7 a Ginevra. Da lì ci sediamo in sella e iniziano le due tappe più lunghe del nostro viaggio. Parlando di pianificazione perfetta: Jonathan ha dimenticato di mettere in valigia i suoi pantaloni da bicicletta.

Dopo i primi chilometri incontriamo due commilitoni, Jacques e Olivia. Equipaggiati con borse da sella e biciclette da tour, guardano con occhio critico la nostra attrezzatura. Ma non abbiamo tempo per confronti di questo tipo. Dal momento che non possiamo mai arrivare in Marocco al loro passo d'uomo, passiamo a una marcia superiore (almeno mentalmente).

Merci, Louise

In viaggio siamo sempre alla ricerca di acqua potabile. E questo nella Valle del Rodano. I paesaggi francesi possono anche essere idillici e meravigliosi, ma sembra che i cittadini abbiano bandito tutti i supermercati dai loro villaggi. Dopo un'ora all’asciutto vediamo Louise. Siede su una panchina del parco e ci affascina con la sua bellezza come una sirena con il suo canto. Dopo aver scambiato qualche parola e il commento, che per lei è già abbastanza lontano andare dal suo piccolo villaggio in questo più grande, dove lavora come parrucchiera, ci dice che il negozio del villaggio è a 50 m di distanza lungo la strada. Come abbiamo fatto a non vederlo? Probabilmente anche Louise nota che questi due estranei sono un po' troppo concentrati.

Dove possiamo trovare dell’acqua?

Dieta a base di kebab

Il primo giorno siamo molto sportivi e pedaliamo fino a tarda sera. Troviamo solo un ristorante turco aperto. La specialità principale, il «kebab», è perfetta dopo una giornata faticosa.

Il giorno seguente ci svegliamo all’alba studentesca (alle 9), Jonathan compra i pantaloni da bicicletta e lasciamo questo deserto idillico per prepararci alle nostre prime salite.

Meglio andar bene a piedi che male con la Single Speed.

Il professore ci offre il caffè

Presto, la fame si fa sentire. Noi due ingenui pensavamo di poter sfuggire al mondo accademico, ma il bar di Thierry e sua figlia è proprio lì. Per vent'anni, Thierry è stato professore e poi ha deciso di aprire un bar in onore di sua madre. Invece di torturare gli studenti con l'istruzione, ora rende i suoi simili felici con il caffè. Dobbiamo aver fatto un'impressione piuttosto disperata, perché ci offre di riempire le nostre bottiglie d'acqua (incl. cubetti di ghiaccio). L'uomo sa come rendere felici i ciclisti!

Thierry e sua figlia ci rimettono in piedi.

Finalmente lo studio è servito a qualcosa

Finalmente in Provenza, abbiamo un giorno libero. Perché allora non fare una pedalata di recupero sul Mont Venoux? Beh… sì, abbiamo provato seguendo i nostri navigatori satellitari offline. Ma, che dire, in qualche modo siamo finiti su un lago con il wakeboard.

A proposito di fallimenti: il nostro viaggio, finora, non è stato totalmente libero dai guai. Per la seconda volta nella nostra vita (la prima volta è stata per rendere orgogliosi i nonni) abbiamo potuto applicare le nostre conoscenze da ingegneri meccanici per rattoppare la ruota posteriore della bicicletta di Christoph.

To be continued...

Scopri dove ha avuto inizio questa storia leggendo qui.

Due studenti, un obiettivo: <strong>con la Single Speed fino in Marocco</strong>
CiclismoReportage

Due studenti, un obiettivo: con la Single Speed fino in Marocco

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Due studenti, un obiettivo: <strong>con la Single Speed fino in Marocco</strong>
CiclismoReportage

Due studenti, un obiettivo: con la Single Speed fino in Marocco

Possiamo presentarvi le bici della <strong>Fam. Huber</strong>?
Presentazione di prodotti

Possiamo presentarvi le bici della Fam. Huber?

<strong>Progetto Velocipedia:</strong> le più belle bici mai costruite
CiclismoNovità e trend

Progetto Velocipedia: le più belle bici mai costruite

User
Wir fahren diesen Sommer von Zürich aus los, probieren uns mit Fixies im Skidden, brettern über Pässe und machen erst wieder halt, wenn wir am Strand von Marokko angekommen sind.

2 Commenti

3000 / 3000 caratteri

User e3ric

Was für eine gear ratio habt ihr?

03.09.2018
User Jonathan Perraudin und Christoph Zuidema

Hi Eric
Wir fahren mit 46/17. Also 46 Zähne vorne an der Kurbel und 17 Zähne hinten. Wir sind sehr zufrieden damit, alles in allem ein guter Kompromiss. Aber um ehrlich zu sein, hatten wir auch keine Zeit, anderes auszuprobieren ;-)

05.09.2018
Rispondi