Come pulire il materasso: trucchi e consigli

Come pulire il materasso: trucchi e consigli

Raphael Knecht
Zurigo, il 10.03.2021
Post-editing/revisione: Nerea Buttacavoli
Quando ti sdrai sul tuo materasso, spesso sei in compagnia: acari della polvere, cellule della pelle e sudore si raccolgono sotto la superficie. Con i trucchi e i consigli giusti, ti libererai di questi ospiti sgraditi in pochissimo tempo.

Ti piace fare colazione a letto e lasci che i tuoi amici a quattro zampe dormano accanto a te? Oppure non permetti che nemmeno una briciola si avvicini alla tua camera da letto? In qualsiasi caso, che ti piaccia o meno, il materasso è come una spugna che assorbe lo sporco; e, se non lo pulisci regolarmente, insetti e acari ne faranno la propria casa. Può capitare di versare del caffè o altri liquidi e sostanze, che penetrano il copripiumino e il mollettone e lasciano macchie antiestetiche. A seconda della quantità, possono anche iniziare ad avere un cattivo odore. Pulire il tuo materasso correttamente e regolarmente lo manterrà bello all'esterno e pulito all'interno, e ne prolungherà la durata prevenendo la formazione di muffe e cattivi odori. Bene, iniziamo. Utilizza i prodotti e segui i consigli che trovi in questo articolo: potrai dormire sonni tranquilli per molto più a lungo.

Robin (Schiuma solida, 80 x 190 cm)
69.90
Micasa Robin (Schiuma solida, 80 x 190 cm)

Cosa ti serve

Se non ne usi già uno, ti consiglio di acquistare un coprimaterasso protettivo. Chiamato anche proteggimaterasso, non devi confonderlo con il coprimaterasso di base che ricopre tutti i materassi, né con la protezione che si utilizza in aggiunta al mollettone. Il coprimaterasso protettivo è una copertura separata che, come si intuisce dal nome, serve a proteggere il materasso da insetti, sporco e umidità. I modelli di qualità più elevata – e quindi più costosi – sono impermeabili, traspiranti, lavabili in lavatrice, a trama fitta e al tocco non sembrano fatti di plastica. Vale la pena acquistarne uno. E poi, se usi un coprimaterasso protettivo, non avrai nemmeno bisogno dei prodotti e delle procedure di pulizia di cui ti parlo in questo articolo.

I coprimaterasso di base proteggono il tuo materasso dalle macchie solo fino a un certo punto.
I coprimaterasso di base proteggono il tuo materasso dalle macchie solo fino a un certo punto.

Se non hai un coprimaterasso protettivo, avrai bisogno di un aspirapolvere. Assicurati che abbia un'aspirazione potente, più accessori per la pulizia e un filtro HEPA. Armati anche di una bottiglia spray per applicare i detergenti sul materasso, senza farli entrare troppo in profondità, e così evitare che si crei della muffa. Utilizza l’aceto per rimuovere macchie e cattivi odori. Per le macchie più ostinate, causate da cibo o bevande, usa del detersivo per piatti. Per macchie di urina o altra sporcizia causata dagli animali domestici, è meglio ricorrere agli appositi detergenti enzimatici. Un altro buon rimedio casalingo per sbarazzarsi delle macchie difficili è il bicarbonato di sodio. Anche il lievito in polvere è un ottimo prodotto per le situazioni più ostiche. Entrambi sono in grado di neutralizzare gli odori più sgradevoli. Per strofinare via le macchie, ti consiglio anche di usare un panno: è più resistente e non si strappa così facilmente come, ad esempio, la carta da cucina. Infine, se vuoi disinfettare alcune aree del materasso dopo la pulizia, avrai bisogno di un po’ di alcool etilico.

Tutti questi detergenti e utensili ti aiuteranno a far tornare il tuo materasso pulito.
Tutti questi detergenti e utensili ti aiuteranno a far tornare il tuo materasso pulito.

Quanto tempo ti serve

Se hai un coprimaterasso protettivo, solo pochi minuti. Tutto quello che devi fare è aprire la fodera e buttarla in lavatrice. Dopodiché, puoi lavare il coprimaterasso con il programma raccomandato dal produttore. Se però non utilizzi una protezione aggiuntiva per il tuo materasso, dovrai dedicare un po' più di tempo alla pulizia. Calcola 10 minuti per la pulizia con l’aspirapolvere. Se si tratta di un'emergenza, come ad esempio urina o caffè, ti serviranno almeno quindici minuti, che però non includono il tempo necessario all’asciugatura prima di poter aspirare e, se necessario, disinfettare le aree pulite. Per le macchie grandi e ostinate, invece, possono essere necessarie diverse ore.

Quanto tempo ci vuole per pulire il coprimaterasso? Dipende dalla lavatrice.
Quanto tempo ci vuole per pulire il coprimaterasso? Dipende dalla lavatrice.

Proteggi il tuo materasso

Torno a sottolineare l'importanza di un coprimaterasso protettivo: ti permette di pulire il materasso in pochi minuti anziché in varie ore, e tiene lontani forfora, polvere, acari, sudore, urina, caffè e altri liquidi dall’interno del materasso. Gli acari della polvere sono innocui, a meno che tu soffra di allergie. In quel caso possono causare starnuti, naso che cola o problemi respiratori. Quando cambi il tuo copripiumino, cosa che dovresti fare una volta alla settimana, controlla che tutte le cerniere del coprimaterasso protettivo siano ben chiuse. Finché usi sia il copripiumino che il mollettone e non ci sono grandi macchie sul coprimaterasso protettivo, è sufficiente lavarlo una o due volte l'anno. Se lo pulisci troppo spesso, perderà gradualmente la sua capacità protettiva.

Puoi prevenire le macchie e la muffa con un coprimaterasso protettivo. Fonte immagine: emma-matratze.ch
Puoi prevenire le macchie e la muffa con un coprimaterasso protettivo. Fonte immagine: emma-matratze.ch

Come rimuovere le macchie

Se usi un coprimaterasso, per prima cosa pulisci tutto ciò che è penetrato fino alla protezione attraverso il copripiumino e il mollettone. Poi rimuovi il coprimaterasso protettivo e lavalo secondo le istruzioni del produttore. Controlla che il coprimaterasso abbia effettivamente protetto la superficie sottostante e non ci siano macchie. In caso contrario, dovrai sostituire il coprimaterasso. Se invece non ne hai uno, dovresti passare l'aspirapolvere una volta al mese per prevenire che si annidino gli acari della polvere nel materasso. Più potente è l'aspirazione, meglio è. Monta l'accessorio per la tappezzeria e passalo su tutto il materasso: sopra, sotto e sui lati. Per gli angoli, i bordi e le cerniere, che a volte sono difficili da raggiungere, usa l'attacco sottile e allungato.

Usa un aspiratore con aspirazione potente per sbarazzarti degli acari e delle briciole.
Usa un aspiratore con aspirazione potente per sbarazzarti degli acari e delle briciole.

Come pulire un materasso senza protezione

Se non hai un coprimaterasso protettivo e hai versato del caffè, del vino o qualche altro liquido sul letto, usa della carta da cucina per assorbirlo. Più velocemente agisci, meno profondamente penetrerà all'interno del materasso. Poi prendi una bottiglia spray e riempila per metà con acqua calda e per metà con aceto. Per i liquidi grassi, aggiungi anche qualche goccia di sapone per le mani. Tratta le macchie con parsimonia, ma con precisione: se usi troppo detergente, c’è il rischio che penetri troppo profondamente nel materasso.

Utilizza la bottiglia spray per trattare le macchie in modo specifico, ma solo superficialmente.
Utilizza la bottiglia spray per trattare le macchie in modo specifico, ma solo superficialmente.

Poi prendi un panno e tratta le macchie fino a quando tutto lo scolorimento è sparito. Fai attenzione a non premere troppo forte, perché rischi di forzare i liquidi all'interno del materasso. Prova con movimenti brevi e circolari. Quando tutto lo sporco è scomparso, elimina i residui del detergente con qualche spruzzo d’acqua pulita e un altro straccio. Per sbarazzarti dell'urina degli animali, usa un detergente enzimatico. Tratta le tracce di urina il prima possibile, perché di solito all'inizio sono invisibili e potresti accorgertene solo quando è già troppo tardi. Il detergente enzimatico previene la formazione di brutte macchie dissolvendo le molecole dell'urina. Quando usi detergenti di questo tipo, segui sempre le istruzioni del produttore per evitare di danneggiare il materasso.

Usa un panno per rimuovere lo sporco dal coprimaterasso.
Usa un panno per rimuovere lo sporco dal coprimaterasso.

Dopo aver tamponato la macchia con la soluzione di acqua e aceto, cospargi il bicarbonato di sodio sulla zona e lascialo agire per qualche ora. Usane pure in quantità, perché serve a dissolvere gli acidi maleodoranti (come gli acidi gastrici). L'aceto come acido e il bicarbonato di sodio come base lavorano in squadra per sbarazzarsi di odori di tutti i tipi. Idealmente, dovresti aspettare che il bicarbonato di sodio in polvere sia completamente asciutto prima di rimuoverlo con l'aspirapolvere. Se hai fretta puoi rimuoverlo prima, ma corri il rischio che il materasso raccolga umidità. Se, ad esempio, stai cercando di trattare macchie di vomito a causa di un virus intestinale, dovresti anche disinfettare il materasso per prevenire ulteriori infezioni. Puoi farlo utilizzando una bottiglia spray per spruzzare dell'alcool direttamente sulla macchia. In alternativa, puoi anche usare un disinfettante disponibile in commercio (in forma spray, quando possibile). Una volta che il tuo materasso è completamente pulito e asciutto, puoi rivestirlo e tornare a dormire sonni tranquilli.

A 53 persone piace questo articolo


Raphael Knecht
Raphael Knecht
Senior Editor, Zurigo
Se non mi sto cibando di "ciugnate" dolci a volontà vuol dire che sono in qualche palestra: l’unihockey è una mia grande passione, sia come giocatore che come allenatore. Nei giorni di pioggia puoi scovarmi ad avvitare e svitare i miei PC, robot o altri giocattoli elettronici. La musica mi accompagna costantemente. La vita sarebbe dura senza giri in bici sulle strade di montagna ed intense sessioni di sci di fondo.

Potrebbero interessarti anche questi articoli