Novità e trend

Una coerenza incoerente: talvolta con e talvolta senza casco da bici

Ogni anno, l’Ufficio prevenzione infortuni conta i caschi. Chi li indossa, su quale tipo di bicicletta e quando? I risultati dimostrano che ognuno fa di testa sua.

Alle nostre latitudini, sei tu a decidere se indossare un casco da bicicletta o meno. A meno che tu non sia in sella a un’e-bike veloce con pedalata assistita fino a 45 km/h. In tal caso il casco è obbligatorio. Un obbligo che il Consiglio federale vorrebbe estendere a tutte le e-bike. Il TCS è favorevole a questa iniziativa, mentre Pro Velo è contraria.

In senso figurato si potrebbe dire che esperti, politici e ciclisti di ogni genere non sanno dove sbattere la testa. Ma i caschi sono una questione politica in tutto il mondo, non solo in Svizzera. Ci sono paesi in cui i caschi sono obbligatori, paesi in cui il casco è d’obbligo fuori dalle città (ma non se percorri una salita molto ripida), molti paesi in cui bambini e giovani devono indossare il casco, e gli Stati Uniti in cui ci sono 49 regolamentazioni diverse a seconda della regione. Non c'è una sentenza inoppugnabile su quale sia il modo migliore di agire.

Quale sarà la retta via?

E così, finora, siamo noi a decidere se e quando voler proteggere la nostra testa. Statisticamente parlando, come neo quarantenne, appartengo al gruppo di nerd a favore del casco. Secondo l'attuale sondaggio dell’UPI, le persone tra i 30 e i 44 anni indossano il casco con fervore. Il 67% lo indossa sulla propria bici (non motorizzata).

Forse la mia fascia d'età è così coscienziosa perché vuole dare il buon esempio ai propri figli. Il 62% delle cicliste e dei ciclisti si impegna diligentemente a indossare caschi dai motivi floreali o a forma di testa di dinosauro, almeno fino ai 14 anni. Beh, i fiorellini e i dinosauri vengono abbandonati anche prima, ma a un certo punto, molti decidono di fare a meno del casco. Per gli adolescenti e i giovani adulti, il tasso scende al 42%, eppure a partire dai trent’anni i giovani anarchici tornano a essere dei prudenti ciclisti modello. Il cerchio della vita.

Chi di noi non è caduto così in tenera età? In molti paesi, i caschi sono obbligatori per bambini e giovani.
Chi di noi non è caduto così in tenera età? In molti paesi, i caschi sono obbligatori per bambini e giovani.
Immagine: Flickr/Mario A. P./CC BY-SA 2.0

Naturalmente, non è tutto così semplice. Ma la voglia di libertà ovviamente varia da persona a persona. E non solo a seconda dell’età. Anche il motivo per cui montiamo in sella gioca un ruolo importante nella questione del casco. Da aprile a giugno, il personale dell’UPI ha contato i caschi anche in base alla destinazione percorsa e alla tipologia di bicicletta utilizzata. In totale, lo ha fatto più di 8 500 volte in 67 punti di conteggio in tutto il paese. Le cifre confermano la tendenza degli ultimi anni: oggi più che mai, le persone indossano il casco una una maggiore frequenza. Sulle bici classiche, il 57% delle cicliste e dei ciclisti indossa un casco. Il tasso sale del cinque percento rispetto al 2019. A seconda della situazione, le persone decidono se indossare il casco o meno.

Nel tempo libero

Montare in sella e pedalare è la cosa più bella che si possa fare. La testa si libera dallo stress della vita quotidiana. Ma ci pensi a proteggerla?

Nel tempo libero indossi un casco durante i tuoi giri in bicicletta?

  • Sempre
    73%
  • Talvolta
    15%
  • Mai
    10%

Il concorso è terminato.

Nel tempo libero, il 62% delle cicliste e dei ciclisti indossa un casco. Il tasso sale del cinque percento rispetto al 2019. Tendenzialmente, se la bici non viene usata come mezzo di trasporto, bensì come attività di svago, il casco va per la maggiore.

Per recarsi al lavoro o a scuola

Quando si pendola tra vita privata e lavorativa o scolastica, la bici funge da mezzo di trasporto. Ti porta da A a B, per poi tornare ad A a fine giornata. Con o senza casco?

Indossi un casco quando ti rechi al lavoro o a scuola in bicicletta?

  • Sempre
    69%
  • Talvolta
    10%
  • Mai
    19%

Il concorso è terminato.

Meno della metà delle persone che si reca al lavoro o a scuola in bicicletta indossa un casco. Il 46% lo indossa se va al lavoro e il 43% se va a scuola. Tra gli studenti, il tasso scende addirittura del due percento rispetto al 2019, mentre tra i lavoratori sale del tre percento. La differenza tra i due gruppi è piccola, considerando che gli adolescenti e i giovani adulti in genere sono i più temerari.

  • Recensione

    Hövding, l’airbag per ciclisti

    di Michael Restin

Per fare la spesa

Sbrigare due o tre commissioni, fare la spesa per mettere qualcosa in frigo e fare un po’ di shopping. Anche in questi casi la bici risulta particolarmente utile. Con o senza casco?

Indossi un casco quando ti rechi a fare compere in bicicletta?

  • Sempre
    57%
  • Talvolta
    16%
  • Mai
    26%

Il concorso è terminato.

Se monti in sella perché ti brontola lo stomaco, devi comprarti un nuovo paio di scarpe o sbrigare due o tre commissioni, il casco diventa una questione secondaria. Il tasso di utilizzo scende al 32%, anche se ci si può far male appena fuori dalla porta di casa. Sui percorsi routinari, il casco tende a rimanere a casa rispetto a quando si monta in sella durante il tempo libero.

  • Sapere

    Die Velo-Fallstudie: Auf den richtigen Winkel kommt es an

    di Michael Restin

Casco obbligatorio o no?

In generale, sembra che molti agiscano con una coerenza particolarmente incoerente quando si tratta di indossare il casco da bici e, a seconda della situazione, decidono se metterlo o meno. Ma nel complesso, oggi il casco viene indossato sempre di più rispetto al passato. Il tasso di utilizzo sulle e-bike è del 70% anche su quelle meno veloci. Mentre sulle biciclette elettriche veloci, nonostante l’obbligo ufficiale, il tasso è solo del 93%. Rendere i caschi obbligatori per le e-bike farebbe la differenza? O sarebbe il caso di imporre un obbligo generale? Le associazioni dei ciclisti temono che una tale regolamentazione renderebbe le biciclette (a noleggio) meno attrattive. Fanno notare che anche nei paradisi ciclistici come Copenaghen, il tasso di utilizzo è basso ma l'infrastruttura è molto sviluppata. Forse la vera sensazione di libertà in bicicletta può essere vissuta solo se le si lascia spazio a sufficienza.

Per chi dovrebbe essere obbligatorio l'uso del casco?

  • Per tutti
    50%
  • Per chi usa un'e-bike veloce o un S-Pedelecs con pedalata assistita fino a 45 km/h
    27%
  • Per chi usa una S-pedelecs fino a 45 km/h
    11%
  • Per nessuno. Il casco in bici non dovrebbe essere obbligatorio.
    10%

Il concorso è terminato.

A 16 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Scienziato sportivo, padre di alto livello e ufficiale di casa al servizio di Sua Maestà la Tartaruga.


Sport
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Elettromobilità
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader