Test del prodotto

Sage Barista «Express Impress»: un bell'inizio nel mondo dei baristi

Sage promette un caffè pulito e senza stress con la «Express Impress». La pressatura della polvere avviene tramite un sistema chiuso che misura anche la quantità di chicchi macinati. Ma il prezzo è tutt'altro che abbordabile.

Capisco la necessità di macchine portafiltro con macinino integrato. Con queste macchine, c'è un solo apparecchio in cucina e non c'è un macinino separato accanto alla macchina da caffè, che altrimenti occuperebbe molto spazio. Sarebbe abbastanza pratico. Di fatto, però, i produttori di questi apparecchi combinati sono soliti risparmiare da qualche parte per poter competere nell'interessante segmento al di sotto dei 1000 franchi. L'«Express Impress» non fa eccezione, ma ne parleremo più avanti.

Sage ha battezzato la sua nuova macchina del caffè con portafiltro con il nome senza senso di «Express Impress». Mi ricorda un po' la canzone «S-Express» degli anni '80. Ma qui non c'è nulla di retrò. La macchina eroga automaticamente il caffè macinato nel portafiltro, quindi è sufficiente premere il caffè dopo la macinatura. In questo modo, quasi nulla va storto. Metto il portafiltro in una fessura sotto il macinino, premo il pulsante per la macinatura e posso poi pressare con un pressino sul lato sinistro. La macchina misura automaticamente se c'è troppa o poca polvere nel portafiltro, che posso regolare in seguito. Per il caffè successivo, il sistema ricorda questa impostazione e macina esattamente la quantità necessaria.

Dosaggio automatico.
Dosaggio automatico.

Dopo la macinatura, posso bloccare il portafiltro ed erogare il caffè con un pulsante per espresso singolo o doppio. Anche in questo caso, l'«Express Impress» dosa in modo indipendente. Su carta è meraviglioso e perfettamente adeguato per muovere i primi passi nel mondo delle macchine con portafiltro. Tuttavia, dopo diversi tentativi e misurazioni, il dispositivo è un po' troppo impreciso per me.

La modalità automatica

Per poter testare correttamente la macchina, tiro fuori la bilancia. Il mio obiettivo è quello di ottenere un doppio espresso con un rapporto di 1:2. Quindi, se ho 18 grammi di caffè macinato, voglio estrarre 36 grammi di caffè in circa 25 secondi. 1:2 e 25 secondi sono impostazioni che si imparano in ogni corso per baristi. Per i chicchi, mi affido alla miscela della casa di ViCafé, che uso sempre anche con la mia Profitec Pro 300.

Lascio che sia la macchina a determinare automaticamente la quantità di caffè e il tempo di erogazione, quindi posso influenzare il risultato solo regolando la macinatura. Può essere impostato su 25 livelli, io inizio con il livello 10, per sicurezza. La Sage determina la quantità di caffè macinato che cade nel portafiltro non appena premo una volta la leva. Poi vedo su un display se il caffè macinato è troppo o troppo poco nel portafiltro. Se il caffè non è sufficiente, premo di nuovo il pulsante per prelevare un po' di caffè in più. Se c'è troppo caffè, non faccio nulla. La macchina si livella da sola al successivo utilizzo e funziona perfettamente.

A un livello di macinatura più alto, l'11, la funzione automatica ha funzionato per oltre 30 secondi e alla fine ha erogato troppo caffè. Il risultato è stato migliore, ma non perfetto. La modalità automatica dell'«Express Impress» non è quindi del tutto inutilizzabile. Sono riuscito a ottenere un buon caffè. Ma il caffè è ancora migliore quando escludo il sistema automatico e regolo manualmente il macinino a circa 18 grammi alla macinatura 10 e interrompo l'estrazione a 36 grammi di caffè. Il tempo di attesa è stato di poco più di 30 secondi, il che ha reso il caffè rotondo e corposo. Esperimento riuscito.

La macinatura è facile da regolare, ma solo in 25 livelli.
La macinatura è facile da regolare, ma solo in 25 livelli.

È anche qui che vedo lo scopo di questa macchina: per meno di 1000 franchi, si entra nel mondo dei portafiltro. Se si lascia tutto in automatico, si possono ottenere ottimi caffè dopo un tempo relativamente breve di manipolazione della macinatura. Se vuoi fare un passo avanti, puoi ottenere risultati ancora migliori con una bilancia e la modalità manuale. Ma si raggiungeranno i limiti della macchina e si desidererà un'attrezzatura migliore (e inevitabilmente più costosa).

Quattro setacci per una flessibilità totale

Inoltre, Sage fornisce quattro setacci per il portafiltro.

  • Setaccio a parete singola per 9 grammi
  • Setaccio doppio a parete singola per 18 grammi
  • Setaccio singolo a parete doppia per 9 grammi
  • Setaccio doppio a parete doppia per 18 grammi

Il produttore indica di utilizzare l'inserto a parete singola per il caffè appena macinato e l'inserto a parete doppia per il caffè pre-macinato, il che ha senso. Gli inserti a doppia parete generano una maggiore pressione, che si traduce in una crema anche con il caffè macinato più grosso. Il caffè avrà un aspetto gradevole, anche se non avrà lo stesso sapore del caffè appena macinato. La polvere pre-macinata è troppo grossolana, si estrae troppo poco caffè. Il risultato è quindi simile a quello di una macchina completamente automatica. L'aspetto più interessante è che è possibile riporre gli inserti del colino dietro il vassoio di raccolta. Questi dettagli nel design distinguono Sage dalla concorrenza.

I quattro inserti in dotazione possono essere facilmente riposti.
I quattro inserti in dotazione possono essere facilmente riposti.

A proposito di concorrenza: DeLonghi ha fornito setacci a doppia parete per la macchina Maestro di ultima generazione e setacci a parete singola per l'ultima versione.

Riscaldamento veloce, vapore lento

La Sage si riscalda in un attimo, poiché non ha una caldaia ma funziona con un termoblocco. Ciò significa che l'acqua viene portata a temperatura da un'asta di riscaldamento mentre scorre. Lo svantaggio di questi sistemi è il vapore per la preparazione della schiuma di latte, che non è altrettanto caldo e potente. Inoltre, occorrono circa dieci secondi prima che il vapore sia pronto. Con un po' di pratica, tuttavia, è possibile ottenere una schiuma decente.

Conclusione: quasi un grande successo

L'«Express Impress» si avvicina molto ad essere la macchina entry-level perfetta. Ci sono chiare deduzioni per il macinino, che ha 25 livelli, ma sono troppo pochi per effettuare regolazioni precise. Il sistema automatico di rincalzatura è ottimo, quindi anche i principianti saranno presto in grado di preparare caffè decenti. Fortunatamente, la funzione automatica può essere disattivata, il che significa che anche i baristi più esperti possono sperimentare. Se non sei sicuro di volerti avventurare nel mondo del portafiltro, la Sage Barista «Express Impress» è una macchina che permette di sperimentare, ma anche di preparare caffè semi-automatici e molto semplici. Rispetto al modello precedente, il sovrapprezzo vale la pena per il macinino regolabile più fine e il sistema di pressione automatico. Tuttavia, per i miei gusti, il macinino dovrebbe avere il doppio dei livelli per ottenere risultati perfetti.

A 17 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Quando 15 anni fa ho lasciato il nido di casa, mi sono improvvisamente ritrovato a dover cucinare per me. Ma dalla pura e semplice necessità presto si è sviluppata una virtù, e oggi non riesco a immaginarmi lontano dai fornelli. Sono un vero foodie e divoro di tutto, dal cibo spazzatura alla cucina di alta classe. Letteralmente: mangio in un battibaleno.. 


Caffè
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

9 commenti

Avatar