Rise and shine, it's growing time – Tinus Grow Report, parte 2

Rise and shine, it's growing time – Tinus Grow Report, parte 2

Martin Jud
Zurigo, il 03.11.2020
Traduzione: Nerea Buttacavoli
Eccole lì: cinque piante femminili di cannabis vedono la luce della mia tenda. Una nasce con una malformazione, ma le altre quattro sono in splendida forma. Nella seconda parte ci sono le prime istantanee delle mie femminucce e tutto ciò che riguarda la coltivazione.

Ci vuole ancora tempo fino alla raccolta di marijuana. Circa due mesi, facendo una stima un po’ più esatta. Ma il primo passo è stato fatto. Giusto in tempo per il fine settimana, la sera di venerdì sul presto – poco dopo le quattro e venti – le mie piantine di cannabis legali riescono ad emergere dal terreno.

Purtroppo la prima delle mie cinque femmine non sta bene.

nessuna informazione disponibile su questa immagine

Numero uno nasce con una malformazione, quindi riceverà particolari cure e amore.

nessuna informazione disponibile su questa immagine
nessuna informazione disponibile su questa immagine

Numero due è visibilmente sana. Per riuscire a vedere la numero tre bisogna guardare con molta attenzione.

nessuna informazione disponibile su questa immagine
nessuna informazione disponibile su questa immagine

Anche la numero quattro e cinque devono ancora stiracchiarsi per bene.

Carine le mie piccole. Si tratta di cannabis della varietà Mota CBD Rich Auto di LaMota Seeds. Perché auto e non motorino lo scoprirai continuando a leggere. Questo posso rivelarlo già ora: secondo il produttore, il prodotto finale conterrà fino al 15% di CBD e 0,6% di THC.

Se vuoi vedere come e con cosa ho installato il mio setup per la coltivazione, dai un’occhiata al seguente articolo. Dopodiché partiamo subito con il terreno corretto e l'inserimento del seme.

*Setup coltivazione di cannabis indoor** – Tinus Grow Report, parte 1
placeholder

placeholder

Il giusto mezzo: le cose a cui devi prestare attenzione

La canapa non è schizzinosa o troppo esigente riguardo al mezzo. Ci sono grower che coltivano le loro piante con una miscela di terreno e substrato di cocco o mediante coltivazione idroponica su lana minerale o argilla espansa. Io ho scelto di usare il terriccio per agrumi Ricoter. Non perché mi piacciono le arance, ma perché questo terriccio ha un valore di PH di 6,5. E anche perché ci ho già fatto buone esperienze in passato.

Affinché una pianta di cannabis sia in grado di assorbire le sostanze nutritive e i minerali presenti nel terreno, il suolo non deve essere troppo acido o troppo alcalino. Quindi non dovresti indispettirla e assicurarti che il suo livello di PH sia e rimanga tra 6 e 7. Nel mio caso, rimarrà così: poiché l'acqua del rubinetto del mio appartamento è leggermente alcalina, probabilmente le colline del Giura nelle vicinanze portano un po' di calce, impedisce che il mezzo diventi troppo acido. A meno che non stecchi la concimazione. Se il valore di PH dovesse essere troppo basso o troppo alto, la pianta assorbe meno o nessun nutrimento – anche se sono disponibili in quantità sufficiente nel terreno.

In generale, è importante che le piante non siano esposte a stress fin da piccole. È quello che sto cercando di fare. Prevengo il primo grande stress che potrebbe verificarsi durante il rinvaso, utilizzando vasi di materiale naturale del marchio Windhager. La parete del vaso, costituita da fibre di legno e torba, può essere penetrata dalle radici senza problemi e viene inserita nel terreno insieme alla piantina durante il rinvaso.

Piantare i semi

Prima di inserire il seme nella terra, è bene mettere nel vaso solo un po’ di terra allentata e pressarla delicatamente solo alla fine del procedimento. Normalmente si dovrebbe usare un terriccio per coltivazione scarsamente dotato di sostanze nutritive. Ma non lo faccio. Perché... Eh, perché no? E perché non lascio germinare i semi prima di metterli nel terreno come fanno altri grower? Beh... Probabilmente perché per me ha sempre funzionato anche così.

In ogni caso, fai un buco profondo uno o due centimetri nel vaso pieno di terra. Il mignolo si presta bene a questo. Una volta inserito il seme e chiuso il buco, puoi prendere l’annaffiatoio. Ora versa lentamente l'acqua sulla terra, facendo attenzione a dare solo piccoli sorsi e aspetta qualche secondo ogni volta, fin quando vedi che la parete del vaso assorbe l’acqua. Smetto di annaffiare quando vedo che il livello dell’acqua assorbita è circa a metà del vaso. Poi guardo come anche le rimanenti parti ancora asciutte lentamente assorbono l’acqua.

È importante che i vasi vengano mantenuti umidi fino alla germinazione. Aspetto ad annaffiare nuovamente fino a quando il terreno non è quasi completamente asciutto.

Non appena si vede la piantina sporgere dal terreno, va esposta alla luce.

Indica, Sativa, Ruderalis? Varietà, luce e stagioni

Non è passato molto tempo da quando la cannabis è stata parte integrante della vita per migliaia di anni. Era così prima che i maggiori produttori di cotone del mondo iniziassero a piantare campi enormi. E anche prima che la lobby farmaceutica decidesse a sfavore dell'erba. In realtà erano coinvolti più soggetti nella demonizzazione della cannabis, ma non sono qui per raccontare storie. Sta di fatto che la gente non voleva più usare la canapa perché riduceva i profitti di altre imprese. Improvvisamente, la cannabis e i suoi ingredienti, che sono in grado di attivare i ricettori cannabinoidi dell’essere umano, non sono più benvolute. Né come antidolorifico, né come sciroppo per la tosse, e certamente non come materiale isolante per le case. A questo scopo è stato introdotto l'amianto.

In passato, tutto era fatto di canapa. Anche lo sciroppo per la tosse.
In passato, tutto era fatto di canapa. Anche lo sciroppo per la tosse.

Lo sciroppo per la tosse illustrato del XIX secolo contiene tra l'altro, coff coff, anche cannabis. Precisamente cannabis Indica.

Quando i farmacisti, i coltivatori, i fattoni o altri consumatori parlano di Indica o Sativa, si riferiscono a una varietà o sotto-varietà. Si tratta di genetiche della cannabis diverse, ognuna delle quali ha migliaia di sottospecie. Queste, a loro volta, si differenziano per la crescita, le dimensioni e anche il gusto e l’effetto sul corpo. In botanica, non si è ancora d’accordo se l'Indica sia una specie a sé stante o una sottospecie di Sativa. Tuttavia, è chiaro che ce ne sono di diversi tipi. Quando si tratta di erba come sostanza stimolante, le sue tre varietà principali sono Sativa, Indica e Ruderalis.

Cannabis Sativa: alle nostre latitudini un tempo cresceva anche in natura.
Cannabis Sativa: alle nostre latitudini un tempo cresceva anche in natura.

La cannabis Sativa è la varietà che si troverebbe anche in Svizzera se fosse ancora allo stato selvatico. Una Sativa pura può diventare molto grande. A seconda della varietà anche tre o quattro metri, raramente di più. Al contrario, la cannabis Indica cresce piuttosto cespugliosa e tozza e di solito rimane al di sotto del metro e mezzo. Come suggerisce il nome, le varietà Indica crescono naturalmente più vicine all'equatore.

Cannabis Ruderalis: ricorda un po’ l'ortica, con la quale la canapa è imparentata.
Cannabis Ruderalis: ricorda un po’ l'ortica, con la quale la canapa è imparentata.
Fonte: wikimedia.org

La terza del gruppo, la cannabis Ruderalis, a differenza di Indica e Sativa, ha naturalmente un basso contenuto di THC ma un CBD relativamente alto. Inoltre questa «minuscola» varietà, o meglio le sue migliaia di sottospecie, cresce lontano dall'equatore, nell'estremo nord – nel nord così estremo che c'è il sole di mezzanotte o le notti polari. Devi sapere che Sativa e Indica usano il sole come guida quando si tratta di trovare il momento giusto per la fioritura. Da un lato si orientano allo spettro dei colori del sole e dall'altro alla durata del giorno, rispettivamente alle ore di luce. La Ruderalis nordica è una particolarità; a differenza dei suoi parenti, può fiorire alla luce indipendentemente dalla durata del giorno o dallo spettro dei colori. Va automaticamente in fiore.

Se ora si acquista una varietà di cannabis che ha l'aggiunta di «auto» o «autofiorente» nel nome, significa che parte della sua genetica deriva da una pianta di Ruderalis. Io coltivo Mota CBD Rich Auto.

Il genotipo della varietà di cannabis Mota CBD Rich Auto è di circa due terzi Indica e un terzo Sativa. Una porzione sconosciuta, che probabilmente non rappresenta più del cinque percento del genotipo, proviene da una Ruderalis.

Simulazione di stagione e ritmo circadiano

Se la pianta non avesse il genoma della Ruderalis, dovrei fare in modo di simulare le stagioni. Questo significa che in una prima fase dovrei fornire alle piante 18 ore di luce – una luce che ha una componente blu maggiore rispetto al sole autunnale. Questo favorisce la crescita nella fase vegetativa. La pianta non andrà in fiore fintanto che si mantiene lo stesso tempo di esposizione alla luce. Normalmente do ad una pianta indoor 30 giorni per la fase vegetativa prima di mandarla in fioritura. Se voglio coltivare una varietà per la quale la mia tenda è troppo piccola, posso influenzare la dimensione finale introducendo anticipatamente la fioritura. Se le piante dovessero comunque diventare troppo grandi, i loro steli possono essere piegati (con attenzione intorno a una matita) e legati.

Indica e Sativa vanno in fiore quando l’esposizione alla luce viene ridotta da 18 a 12 ore. Anche le lampade devono essere sostituite. Con questo si simula la fine dell'estate o l'inizio dell'autunno. Viene utilizzata una lampada a vapori di sodio con una componente di luce rossa più alta.

Cosa ne è ora della Ruderalis? Un contenuto di Ruderalis inferiore al cinque percento è sufficiente per cambiare il genotipo, in modo che anche le piante di Indica o Sativa quasi pure fioriscano indipendentemente dalla luce. Ciò significa che non è necessario ridurre da 18 a 12 ore. Basta mantenere le 18 ore, il che dovrebbe aumentare il rendimento. Grazie al genoma Ruderalis la pianta è leggermente più piccola, ma fiorisce più rapidamente e può essere raccolta molto prima, che sia indoor o outdoor.

Fornisco alle mie piante da venerdì, giorno 1, 18 ore di luce. Sono femminizzate, il che significa che da loro nasce solo cannabis femminile. Solo la femmina produce fiori, che sono lo scopo di questa coltivazione.

Pianta di canapa femminile
Pianta di canapa femminile
Pianta di canapa maschile
Pianta di canapa maschile

Le piante di canapa maschile producono piccole sacche. Sembrano piccoli testicoli e a un certo punto si aprono. Quando il loro polline raggiunge una pianta femmina, questa inizia immediatamente a produrre semi. I fiori poi sembreranno consumabili solo a prima vista. Ma invece di CBD e THC, decine, se non centinaia di semi pullulano in uno spazio molto ristretto. Per questo preferisco usare semi femminizzati.

Ho deciso che più avanti sostituirò anche la luce per simulare il sole autunnale, senza però ridurre il tempo di esposizione alla luce. Per la vegetazione attuale utilizzo una lampada Philips da 400 watt chiamata HPI-T Plus.

Cresci, piccola cucciola di cannabis: giorni 2-5

Sabato è finalmente arrivata l’ora. Tutte le piantine sbucano dal terreno. Ora ho la certezza che una delle piantine è un po’ contorta. Le altre sono in forma e sembrano svilupparsi normalmente.

Ce la farà?
Ce la farà?
Quattro femmine sane.
Quattro femmine sane.

Per non annegare nulla, annaffio sempre e solo quando i vasi sono quasi completamente asciutti. Poiché l'acqua può lasciare macchie di calcare sulle foglie, sto attento a bagnare solo il terreno. Farò anche attenzione a non fertilizzarle eccessivamente – significa che non riceveranno alcun fertilizzante per i primi 30 giorni. Questo perché le sostanze nutritive di un terreno acquistato sono di solito sufficienti per questo periodo. Contengono già del fertilizzante.

Da domenica fino ad oggi, martedì, mi sembra che le piantine Mota crescano a rallentatore. Quando butto un occhio nella tenda, la prima piantina continua a preoccuparmi un po'. Tuttavia, rimango fiducioso e non la abbandonerò.

Si batte valorosamente.
Si batte valorosamente.
Che emozione, sta per formarsi un terzo paio di foglie.
Che emozione, sta per formarsi un terzo paio di foglie.
La vista dall’alto.
La vista dall’alto.

Wow, non sono bellissime le piccoline? La cannabis è davvero un peccato?

A 49 persone piace questo articolo


Martin Jud
Martin Jud
Editor, Zurigo
La mia musa ispiratrice si trova ovunque. Quando non la trovo, mi lascio ispirare dai miei sogni. La vita può essere vissuta anche sognando a occhi aperti.

Potrebbero interessarti anche questi articoli