Online oppure offline per il clima non fa differenza – o quasi
Dietro le quinte

Online oppure offline per il clima non fa differenza – o quasi

Immagini: Thomas Kunz
Traduzione: Leandra Amato

La contesa su quale commercio sia più rispettoso dell’ambiente, online o offline, viene decisa dallo stesso commercio online. La questione, tuttavia, tralascia il punto essenziale. Se vuoi davvero fare qualcosa per il clima, inizia a mettere in discussione il tuo comportamento da consumatore.

Il commercio online promuove il consumo, causa elevate emissioni di CO2 ed è in parte responsabile del riscaldamento globale. Simili affermazioni non sono rare e si diffondono con regolarità. Tutto questo contro il proprio buon senso. Gli studi hanno dimostrato da tempo che il commercio online è significativamente migliore del commercio stazionario in termini di emissioni di CO2. In sostanza, la discussione online contro quella offline non ha nulla a che fare con il cambiamento climatico. Nella migliore delle ipotesi si tratta di una battaglia laterale che si svolge all'ombra del cambiamento strutturale. Molto più decisivo per il clima è ciò che consumiamo oggi e in quali quantità.

Ma partiamo dall'inizio. Se hai bisogno di un nuovo smartphone o di un paio di scarpe, vai sui nostri negozi online e acquisti in pochi secondi. Poche ore dopo, il postino suona il campanello e consegna l’ordine in modo rapido, comodo e, per di più, rispettoso del clima. Quest'ultimo è confermato da uno studio dell’Istituto di Ecologia di Friburgo, Germania. Lo studio del 2015 non è nuovo, ma è comunque significativo. I ricercatori hanno confrontato le emissioni generate dall'acquisto di scarpe online e offline. Il risultato è chiaro: l'acquisto di scarpe in un negozio fisico provoca il doppio di CO2 rispetto allo shopping online. Anche se la scarpa viene restituita al rivenditore come reso, in termini di emissioni di CO2, lo shopping online si comporta tra il 20% e il 320% meglio rispetto all'acquisto in un negozio specializzato. Ciò è dovuto principalmente al consumo di energia elettrica nei negozi fissi.

Il canale di distribuzione si preoccupa poco del clima

Come detto, una discussione fasulla che, nel migliore dei casi, offusca la nostra visione dei fattori di influenza rilevanti. Ciò diventa ovvio al più tardi quando il bilancio di CO2 di un prodotto viene analizzato lungo l'intera catena del valore. Insieme al team di esperti di South Pole abbiamo sviluppato un modello di calcolo per fare proprio questo. Per rimanere con il confronto di cui sopra, calcoliamo il bilancio di CO2 delle scarpe, nel nostro caso sneaker in pelle di una comune etichetta di moda. Si tratta di prodotti standard. La GHG footprint – l'impronta di CO2 delle suddette scarpe è di 54 kg – cioè 54 000 g per utilizzare l'unità dello studio di Friburgo. Per il trasporto sono necessari solo da 200 g a 300 g di CO2. Ciò significa che, in termini di emissioni di CO2, il fatto che le scarpe siano vendute online o offline è di secondaria importanza. Questo perché le emissioni di CO2 legate alle vendite dal centro di distribuzione al cliente sono comprese tra lo 0,4% e un massimo del 3%.

Materiale e durata sono le variabili climatiche critiche

Il fatto che una sneaker raggiunga o meno una minore impronta di CO2 dipende anche in modo decisivo dal materiale della stessa sneaker. Una sneaker fatta di gomma provoca solo circa 23 kg di CO2. I più rispettosi del clima sono quelle in cotone, la cui produzione rilascia circa 18 kg di CO2 nell'atmosfera. Questo si basa sul presupposto che tutti i modelli di sneaker coprono circa lo stesso numero di chilometri nel corso della loro vita. Il che ci porta all'ultimo fattore: la durata di vita utile. Con i beni di consumo, la regola è semplice e logica: più a lungo utilizzo un prodotto, migliore è il bilancio di CO2 durante l'intero ciclo di vita. Conclusione: non importa se la sneaker, la padella o il cellulare vengono acquistati online o offline. Il fattore decisivo è quanto ne consumiamo e di quali materiali sono fatti i prodotti. Se vuoi saperne di più sul calcolo esatto dell'impronta di CO2, dai un’occhiata qui.

A 21 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar
Tobias Billeter
Head of Corporate Communications
tobias.billeter@digitecgalaxus.ch

Il mio lavoro? Informare il nostro personale e la stampa su tutte le novità di Digitec Galaxus. Ma senza una boccata d'aria fresca e un bel po' di movimento, smetto di funzionare. La natura mi rigenera e mi permette di essere sempre aggiornato. Il jazz mi dà la pace necessaria per ammansire i miei figli, ormai adolescenti. 


Sostenibilità
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Commenti

Avatar