Odio per i messaggi vocali: mito o realtà?
Dietro le quinte

Odio per i messaggi vocali: mito o realtà?

Stephan Kurmann
26.10.2023
Traduzione: Leandra Amato

La messaggistica vocale divide l'Europa: mentre in Italia e in Francia una persona su due ama inviare e ricevere messaggi vocali, nella regione DACH la situazione è diversa. I motivi: troppo lunghi, poco trasparenti e indiscreti nell'ascolto. Digitec Galaxus ha scoperto questo e altro nell'ambito di uno studio rappresentativo nei paesi DACH, Francia e Italia.

A maggio, un articolo della redazione di Galaxus con protagonisti i messaggi vocali ha fatto scalpore nella Community. Molti utenti hanno dato libero sfogo alla loro frustrazione per i messaggi audio nei commenti.

  • Opinione

    Basta messaggi vocali!

    di Livia Gamper

Digitec Galaxus ha voluto andare a fondo della questione e ha intervistato un totale di 2500 persone in Germania, Austria, Francia, Italia e Svizzera sul proprio comportamento di comunicazione, compresi i messaggi vocali.

Scrivimi, non mi chiamare

In tutti e cinque i Paesi, i messaggi di testo sono di gran lunga il mezzo più diffuso per comunicare con amici e familiari.

La Svizzera è campione di messaggi di testo: il 77% degli intervistati dichiara di contattare più spesso i propri amici mandando un messaggio scritto. Anche in Italia e in Francia i messaggi di testo sono il mezzo di comunicazione più diffuso, ma a un livello significativamente inferiore.

Rispetto agli altri Paesi, Austria e Francia sono quelli che telefonano di più. Poco meno di un terzo degli intervistati preferisce telefonare. In Svizzera le persone sono piuttosto restie a telefonare – solo il 15% dichiara di preferire le telefonate.

Altre preferenze di comunicazione europee: in Francia si inviano immagini e messaggi video con una certa frequenza, la videotelefonia è meno diffusa in Svizzera mentre le e-mail sono relativamente popolari in Germania.

Italia: il paese dei messaggi vocali

Le preferenze di comunicazione attiva e passiva sono simili. Ci sono differenze soprattutto per quanto riguarda le telefonate: in linea di massima, le persone intervistate preferiscono rispondere alle chiamate piuttosto che effettuare chiamate, soprattutto in Italia, Austria e Svizzera.

L'Italia è la patria dei mittenti più attivi di messaggi vocali. Il 13% infatti contatta i propri amici e amiche più spesso tramite messaggi vocali. In Svizzera, invece, le persone sono meno propense a questo tipo di comunicazione.

Preferenze nei messaggi vocali: meglio passivi che attivi

In sostanza, i messaggi vocali sono poco diffusi nella regione DACH. Più di un terzo delle persone intervistate li ritiene superflui. In Svizzera, si ha il tasso di rifiuto più alto (46%).

L'indagine mostra anche che le persone preferiscono ricevere messaggi vocali piuttosto che inviarli. Questa preferenza può essere osservata in tutti e cinque i Paesi esaminati.

In Svizzera, il divario è maggiore: al 21% delle persone intervistate piace ricevere messaggi vocali, mentre solo al 3% piace inviarli. In Germania questa differenza è di otto punti percentuali, in Italia solo di sei.

Perché i messaggi vocali sono snervanti?

Nella regione DACH, le persone sono molto infastidite dal fatto che i messaggi vocali non siano trasparenti. Non si capisce subito di cosa si tratta, come nel caso dei messaggi di testo. In Svizzera, il 56% è anche infastidito dal fatto di non poter ascoltare il messaggio in modo discreto, ad esempio mentre è al lavoro.

Gli italiani trovano noioso che i messaggi vocali siano spesso molto lunghi. I francesi sembrano pensare in modo molto efficiente in termini di tempo: sono particolarmente infastiditi dal fatto di dover riascoltare i messaggi vocali in un secondo momento, a meno che non rispondano immediatamente.

Francia: il 33% ascolta subito i messaggi vocali

La Francia è probabilmente il luogo più rapido per ottenere una risposta al proprio messaggio vocale: il 33% dichiara di ascoltare immediatamente i messaggi vocali ricevuti.

Al secondo posto in termini di «velocità di ascolto» c'è l'Italia: il 24% ascolta il messaggio vocale subito. In Austria e Svizzera potrebbe essere necessario più tempo per ricevere una risposta. Da considerare: in Italia, nessuna persona intervistata ha dichiarato di ascoltare i messaggi solo il giorno dopo o più tardi.

La maggior parte dei partecipanti al sondaggio agisce in modo molto autodeterminato, ascoltando il messaggio vocale non appena ha tempo. In Austria e Svizzera, due terzi delle persone intervistate non si stressano quando ascoltano e rispondono.

I messaggi vocali vengono solitamente ascoltati a velocità normale. I francesi hanno più fretta: una persona su quattro aumenta la velocità di riproduzione.

Cosa ne pensi dei messaggi vocali? Un gradito cambiamento rispetto alle chiamate e ai messaggi di testo? O un'invenzione superflua per le persone pigre? Partecipa alla discussione lasciando un commento.

Doppio debutto: l'istituto di ricerche di mercato Link, anziché GfK, conduce ora indagini rappresentative per Digitec Galaxus. Inoltre, mentre in precedenza i sondaggi erano limitati alla regione DACH, ora partecipano anche persone provenienti dall'Italia e dalla Francia. L'indagine è stata condotta nel settembre 2023.

A 54 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Gli studi affermano che la nostra spanna di attenzione è più breve di quella di un pesce rosso. Ahia! Il mio compito è quello di attirare la tua attenzione il più spesso e il più a lungo possibile con contenuti stimolanti. Fuori dall'ufficio, mi piace passare il tempo sul campo da tennis, leggere e guardare Netflix... oppure viaggiare. 


Smartphone
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Audio
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

Commenti

Avatar