Basta messaggi vocali!
Opinione

Basta messaggi vocali!

Livia Gamper
31.5.2023
Traduzione: Leandra Amato

I messaggi vocali sono il male superfluo della nostra società moderna: ci rubano tempo e nervi. Tuttavia, questa forma sconsiderata di comunicazione non serve a nulla. Ci sono molte altre alternative.

Si preme il pulsante del microfono e si parte: viene registrato un monologo di un minuto, arricchito da «ehm», «cos'altro volevo dire», «mmm», «ah, ops, mi senti, mi è caduta una penna» – insomma cose che nessuno vuole sentire. Poi si preme con nonchalance il pulsante di invio. E l'altra persona è costretta ad ascoltare tutto e a ricordare le informazioni importanti della chiacchierata.

Non solo è fastidioso, ma divide la nostra società in due gruppi: i mittenti di messaggi vocali e le loro vittime, ossia coloro che mandano in giro i loro blateramenti e coloro che devono ascoltarli. Io appartengo al secondo gruppo e dico le cose come stanno: basta!

Ci rubate un sacco di tempo

Le persone che inviano messaggi vocali rubano il tempo a chi li riceve. O, per dirla in altro modo, il tempo che risparmiano viene semplicemente trasferito alle loro controparti che devono ascoltare il messaggio. Questo non è solo antisociale, ma anche un'impertinenza.

Di recente, una delle mie migliori amiche ha esagerato: mi ha inviato 13 minuti di monologo. 13 minuti! Anche a velocità doppia, mi ci è voluto un tempo miseramente lungo per ascoltarlo. E non ho nemmeno potuto rispondere perché avevo dimenticato la metà di quello che mi aveva raccontato.

Scusa Fabienne, se vedi questo. Ma era davvero troppo.
Scusa Fabienne, se vedi questo. Ma era davvero troppo.
Fonte: Livia Gamper

Un messaggio vocale può anche essere una semplice telefonata. O un lungo messaggio di testo, per quanto mi riguarda.

Solo in pochi casi i messaggi vocali vanno bene: in casi assolutamente eccezionali. Oppure quando si è in viaggio e si ha bisogno di condividere rapidamente qualcosa. Tuttavia, le persone che inviano costantemente messaggi vocali non possono essere in viaggio tanto quanto le loro chiacchiere! Il loro comportamento li rende quindi recidivi senza scrupoli. Continuano a comunicare in modo sconsiderato. Quando intervengo e rispondo che non voglio messaggi vocali, mi rispondono di nuovo con un messaggio vocale.

Non so mai quando diventerò di nuovo vittima di un messaggio vocale e devo essere sempre pronta. Se ho con me le cuffie, posso almeno ascoltare i messaggi sul treno. Senza cuffie, con il cellulare all'orecchio, capita più volte che il messaggio sia improvvisamente sull'altoparlante e che mezzo treno senta i dettagli privati dei miei amici. E questo non lo vuole nessuno.

La fine non è in vista

Il fatto che l'epidemia di messaggi vocali si stia aggravando dimostra che sta prendendo piede anche in ambito professionale. Di recente ho inviato un articolo a una persona perché lo correggesse e mi ha risposto con un messaggio vocale. E così mi ha dato il suo feedback.

Ero troppo perplessa per protestare. L'unica cosa che mi restava da fare era prendere appunti. Così ho scritto quello che avrebbe dovuto essere un testo fin dall'inizio. Il tempo necessario per me: dieci minuti. Per un messaggio di due minuti. Quindi cinque volte più lungo. Questo è tanto irrispettoso quanto inutile.

E non c'è fine: anche in Microsoft Teams è possibile inviare messaggi vocali.

Anche su Teams, non si è più al sicuro dai messaggi vocali.
Anche su Teams, non si è più al sicuro dai messaggi vocali.
Fonte: Livia Gamper

Quelli che nonpossono farne a meno: usate la funzione di dettatura!

Cari mittenti di messaggi vocali, lasciate che ve lo dica: non siete podcaster. Altrimenti ne avreste uno tutto vostro. Smettete di mandare in giro le vostre sciocchezze. Noi, che non inviamo messaggi vocali, non vogliamo nemmeno riceverli.

E per coloro che non possono farne a meno e sono troppo stressati per digitare: usate la funzione di dettatura. Non è ancora presente in WhatsApp, ma è possibile farlo con qualche piccolo diversivo: con Google o Siri, è possibile far convertire il parlato in testo. È sufficiente selezionare il simbolo del microfono per «Input vocale» nella tastiera e il gioco è fatto.

Cerchiato in rosso: ecco come utilizzare la funzione di dettatura. Grazie!
Cerchiato in rosso: ecco come utilizzare la funzione di dettatura. Grazie!
Fonte: Livia Gamper

E sì, poi bisogna parlare in tedesco scritto, perché in svizzero tedesco, a seconda del dialetto, solo la metà viene convertita correttamente. Ma è comunque uno sforzo molto minore che ascoltare un intero messaggio, filtrare ciò che è importante e scriverlo.

Nel frattempo, la mia soluzione ai fastidiosi messaggi vocali è non ascoltarli più.

Immagine di copertina: Livia Gamper

A 1399 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Le mie passioni: sperimentare e scoprire cose nuove. A volte qualcosa non va come dovrebbe andare o nel peggiore dei casi, qualcosa si rompe.
Sono dipendente dalle serie tv, quindi non posso fare a meno di Netflix. D'estate mi trovate fuori, sotto il
sole, al lago o a un festival musicale. 


Smartphone
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Commenti

Avatar