«Nettoyer au Karcher»: l'idropulitrice viene politicizzata in Francia
RetroscenaGiardino

«Nettoyer au Karcher»: l'idropulitrice viene politicizzata in Francia

Carolin Teufelberger
Zurigo, il 23.05.2022
Traduzione: Sanela Dragulovic

Quando si pensa a Kärcher vengono in mente diversi aggettivi: giallo, efficiente, borghese e leader di mercato. In Svizzera nessuno lo assocerebbe alla politica, come in Francica.

Da noi Kärcher è conosciuta come un'efficiente idropulitrice. Forse anche un po' come gadget da borghese: casa, cane, bambini, Kärcher. Il marchio Kärcher è diventato talmente conosciuto che il suo nome viene addirittura utilizzato per indicare tutti i marchi o in tedesco addirittura come verbo «kärchern».

La situazione non è diversa nemmeno in Francia. Lì le strade vengono pulite utilizzando l’alta pressione. Una scena spesso descritta come «nettoyage de Karcher» anziché «nettoyage haute pression». Tali utilizzi linguistici sono la prova del dominio sul mercato da parte dell'azienda familiare del Baden-Württemberg. Anche se non sempre hanno una connotazione positiva.

A Tolosa, le strade vengono ripulite da escrementi di cane e simili con l’alta pressione. Immagine: Shutterstock
A Tolosa, le strade vengono ripulite da escrementi di cane e simili con l’alta pressione. Immagine: Shutterstock

Occorre pulire a fondo

È il 19 giugno 2005. Il futuro presidente francese Nicolas Sarkozy è ministro dell'Interno. Nella «Cité des 4000», un quartiere della città di La Courneuve che fa parte delle banlieues intorno a Parigi, un bambino di undici anni viene ucciso da un proiettile vagante. Il giorno dopo, Sarkozy promette alla madre in lutto di pulire il quartiere con il Kärcher: «On va nettoyer au Karcher la cité des 4000».

Questa frase non è ben accolta. Non nei media e soprattutto non tra i giovani del sobborgo parigino. Si sentono letteralmente trattati come spazzatura. Sarkozy sembra poco infastidito da questa ondata di indignazione. Dieci giorni dopo l'incidente, ripete le sue parole ai media.

Nell'autunno dello stesso anno, i sobborghi parigini furono vittime di violenti disordini in seguito a questi commenti e la frase diventa l’espressione dell'incomprensione tra il governo e i giovani.

Come Kärcher è diventata una questione politica

L'azienda non è molto entusiasta di essere associata a dichiarazioni sprezzanti. È presente in 72 paesi del mondo e si sforza di mantenere un'immagine pulita ovunque. Dagli anni '80, ad esempio, Kärcher pulisce gratuitamente monumenti come il Monte Rushmore nel South Dakota, la Porta di Brandeburgo a Berlino, la statua di Christo a Rio de Janeiro o l'obelisco di Luxor nel centro di Parigi.

La dichiarazione di Sarkozy, tuttavia, sembra essere diventata da tempo una frase comune. Perché il detto persiste ancora oggi. Infatti, la frase viene ripetutamente utilizzata dai politici di destra. Kärcher si difende. Denuncia la politicizzazione del suo nome, pubblica annunci pubblicitari in Francia per dire che l'azienda vuole rimuovere il suo nome dalla politica, emette lettere di protesta e mette in guardia i candidati presidenziali dall'abusare del nome del marchio nelle loro campagne elettorali; anche in occasione della campagna elettorale di quest'anno.

Valérie Pécresse, candidata repubblicana alle presidenziali, ha dichiarato: «Il faut ressortir le Kärcher. Il a été remisé à la cave par François Hollande et Emmanuel Macron depuis plus de dix ans» ovvero: «Si deve tirare fuori di nuovo il Kärcher". È stato lasciato in cantina da François Hollande ed Emmanuel Macron per più di dieci anni». La dichiarazione non le è servita però a molto. Infatti, al primo turno tenutosi il 10 aprile 2022 ottenne meno del 5% dei voti.

«Cosa hai fatto della Francia, Sarkozy?» è una domanda che si pongono non solo i giovani francesi, ma probabilmente anche Kärcher. Immagine: Shutterstock
«Cosa hai fatto della Francia, Sarkozy?» è una domanda che si pongono non solo i giovani francesi, ma probabilmente anche Kärcher. Immagine: Shutterstock

Vogliamo parlare di altre cose?

La stessa Kärcher commenta così l'uso improprio del nome e l'associazione negativa che ne deriva: «Da anni ci battiamo contro lo sfruttamento politico del nostro marchio e contro la sua associazione a qualsiasi partito o tendenza politica. Il nostro marchio registrato Kärcher può essere utilizzato solo per designare i nostri prodotti. Un uso del genere è ancora più dannoso perché associa il nostro marchio e i nostri prodotti alla violenza e all'insicurezza. Questo è completamente contrario ai valori che la nostra azienda familiare rappresenta.»

In seguito, fa riferimento al sostegno di SOS Villaggi dei Bambini, alle pulizie gratuite già menzionate e ai «reverse graffiti». Per realizzarli, l'azienda ha dipinto nella patina di sporco con un'idropulitrice. È una trovata geniale e sicuramente più apprezzata dal pubblico al posto del vandalismo. Graffiti puliti senza polemiche, il che probabilmente ci riporta alla piccola borghesia. 😉

A 42 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Ampliare i miei orizzonti: si riassume così la mia vita. Sono curiosa di conoscere e imparare cose nuove. Le nuove esperienze si nascondono ovunque: nei viaggi, nei libri, in cucina, nei film o nel fai da te.


Giardino
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader