Non sei connesso a internet.
Galaxus Logo
Retroscena Home cinema319

Incarnazione del fuoco: i draghi in «Game of Thrones»

Meravigliosi, intelligenti, incredibilmente letali: i draghi. Esistono molte storie contraddittorie sulle loro origini. Ma tutte hanno una cosa in comune: il luogo di nascita di questa specie si trova a Essos, il Continente Orientale in «Il Trono di Spade».

Daenerys Targaryen entra nel fuoco scoppiettante. Ha acceso il rogo per bruciare se stessa, il marito defunto e la sacerdotessa Mirri Maz Duur ancora viva – come punizione per il terribile tradimento commesso. Per Daenerys la vita non ha più senso, ora che suo marito e il figlio ancora in grembo sono morti a causa della Magia del Sangue di Mirri Maz Duur.

Ma il calore non le fa alcun male. Anzi, non le ha mai fatto male.

Anche ora, in mezzo a colonne di fuoco che si estendono verso il cielo notturno, non sente altro che un piacevole calore. Poi si accorge delle tre uova di drago. Daenerys ha posto nel fuoco anche queste uova pietrificate da decenni. Ma ora presentano delle crepe, che come fulmini scintillanti si stendono sulla pietra.

Il primo uovo si schiude. Poi il secondo. Infine il terzo.

Daenerys Targaryen e i suoi tre draghi
Michael Komarck

Per la prima volta da oltre un secolo, i draghi vedono la luce nel mondo di «Game of Thrones».

Draghi in «Game of Thrones»

I draghi sono enormi creature simili a rettili che volano e sputano fuoco. Hanno un collo allungato, un corpo simile a quello di un serpente, poggiano su due corte zampe posteriori e hanno due grandi ali, che fungono anche da zampe anteriori. I loro denti sono lunghi e affilati come spade, e il loro fuoco è in grado di bruciare interi eserciti o abbattere imperi.

Daenerys e Drogon di 2-3 anni

I draghi si nutrono esclusivamente della carne che arrostiscono sputando fuoco: pesci, piccoli mammiferi, umani e cavalli. Le uova che depongono possono essere conservate per secoli prima di essere covate. Ma questa conoscenza si è persa nel corso della storia. Oggi sembra esserci un consenso generale sul fatto che sia coinvolta la Magia del Sangue.

Alla nascita, i draghi si imprimono nella memoria il primo essere che vedono. Secondo rari e incompleti documenti valyriani, i draghi appena nati dovrebbero avere le dimensioni dei gatti. In un anno raggiungono le dimensioni di un cane. Dopo due o tre anni sono grandi come cavalli. Una particolarità dei draghi è che non smettono mai di crescere durante i loro 200 anni di vita.

Drogon, circa 6-7-anni

La caratteristica più famosa dei draghi è il loro respiro infuocato. Rari documenti riportano che il fuoco dei draghi più vecchi può incenerire anche l'acciaio e la roccia. Il respiro infuocato viene generato da due sostanze chimiche: quando si incontrano, una reazione esplosiva si scatena sotto forma di getto di fuoco. I draghi stessi sono immuni al calore del loro fuoco, motivo per cui spesso si dice che il fuoco non possa ucciderli.

Inoltre, si dice anche che i draghi siano l’incarnazione del fuoco stesso. Infatti, i loro corpi dovrebbero emanare un calore così intenso, da evaporare nelle notti più fresche. Le loro squame sono praticamente insensibili al fuoco e diventano così spesse con l’età, da creare un guscio quasi impenetrabile.

L’origine dei draghi

Le storie sulla provenienza dei draghi sono contraddittorie. Si dice che una volta abbiano popolato il mondo intero, il che spiegherebbe ritrovamenti di antiche ossa di drago nel nord di Westeros o nelle giungle di Sothoryos, così come le voci sugli avvistamenti di draghi in terre lontane e sconosciute.

Alcune fonti collocano l'origine dei draghi sotto un anello di quattordici vulcani sulla penisola di Valyria – le Quattordici Fiamme. Fonti provenienti da un popolo che, nel loro periodo di massimo splendore, doveva rappresentare lo stato libero più avanzato e potente del mondo: i Valyriani.

Libera Fortezza di Valyria: fonte del progresso di Essos
HBO

Le loro storie contraddicono ciò che gli archivi di Asshai dall'altra parte del Mare di Giada rivelano a Essos. Raccontano della Terra delle Ombre, selvaggia e strana dove accadono cose che vanno oltre le conoscenze della gente comune. Draghi, per esempio, che sono stati addomesticati da un popolo così vecchio da non avere un nome. E si dice che sia stato proprio questo popolo a portare le uova di drago a Valyria, e ai Valyriani la conoscenza della magia che sta dietro al loro allevamento e addomesticamento.

Secondo alcune voci, esistono ancora draghi selvaggi nella Terra delle Ombre. Ma nessuno sa che fine abbia fatto il popolo misterioso.

Sinistra: la penisola di Valyria. Destra: Terra delle Ombre. Cerchio rosso: Asshai

Le fonti di Asshai risalgono a cinquemila anni fa. In questo periodo, i Valyriani sono un popolo di pastori che hanno ricevuto le uova di drago – forse per caso, o forse dagli stessi misteriosi abitanti della Terra delle Ombre. Covano le uova, probabilmente grazie ad antica Magia del Sangue, e riescono ad addomesticare i draghi.

I Valyriani imparano rapidamente ad usare queste creature come armi da guerra, in grado di bruciare imperi e incenerire castelli. Su questa base, in pochi anni costruiscono un vasto impero che si estende su tutto il territorio del Continente Orientale. Centinaia di draghi, secondo frammenti di numerose tradizioni provenienti dall’intero Essos, assicurano una supremazia sia militare che tecnologica, unica nella storia de «Il Trono di Spade». Simbolo di ciò: l’acciaio di Valyria.

L’acciaio di Valyria è tanto avanzato quanto inestimabile

L'acciaio di Valyria è leggero e infrangibile, noto per la sua incomparabile affilatura e il disegno ondulato sulle lame. La sua fabbricazione è un segreto conosciuto solo dalla magia del fuoco di drago in cui è forgiato.

Quattromila anni dopo, la catastrofe di proporzioni bibliche: tutte le Quattordici Fiamme esplodono simultaneamente. La penisola viene lacerata da una violentissima esplosione. Nessun valyriano, nessuna conoscenza e nessun drago sopravvivono. Un solo giorno è stato sufficiente a spazzare via la civiltà più potente e avanzata di tutti i tempi, incluse le specie più antiche – o almeno quasi.

Valyria sotto una pioggia di fuoco, talmente caldo da bruciare anche i draghi
HBO

Una sola famiglia valyriana si salva: i Targaryen. Un secolo prima della caduta di Valyria, questa famiglia edifica Roccia del Drago, una fortezza situata su un'isola vulcanica al largo di Westeros.

Si trasferiscono in questa fortezza portando con sé cinque draghi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

«<strong>Game of Thrones</strong>»: gli Estranei e la lunga notte
RetroscenaHome cinema

«Game of Thrones»: gli Estranei e la lunga notte

«Game of Thrones»: <strong>Azor Ahai</strong> e il canto del ghiaccio e del fuoco
video
RetroscenaHome cinema

«Game of Thrones»: Azor Ahai e il canto del ghiaccio e del fuoco

«Game of Thrones»: la vera identità del <strong>Re della Notte</strong>
RetroscenaHome cinema

«Game of Thrones»: la vera identità del Re della Notte

Avatar

Luca Fontana, Zurigo

  • Editor
Avventure nella natura e sport che mi spingono al limite descrivono la mia zona confortevole. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono entusiasta delle colonne sonore dei film e ciò si sposa con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot».

3 Commenti

3000 / 3000 caratteri

User chevynator

Wieder ein cooler Artikel. Hab aber nen Fehler gefunden :) Die Targaryens sind nicht die einzige Valyrische Familie die noch lebt, da gibt es noch das House Velaryon von Driftmark sowie House Celtigar von Claw Isle, beides Vasallen der Targaryens, aber auch mit valyrischem Blut. Sind in der Serie leider nicht zu sehen :(

29.04.2019
User Omnialicita

Früher habe ich die Eragon-Bücher verschlungen. Nachdem ich diesen fesselnden Artikel gelesen habe, sollte ich wohl endlich anfangen, GoT zu schauen. Macht mich direkt gluschtig!

29.04.2019
User daccurda

Ich habe immer mehr das Gefühl, dass die Optik von Game of Thrones von WOTLK geklaut wurde. Der Drache sieht aus wie Sindragosa und die Armee sieht aus wie Todesritter / Ghule

30.04.2019