Non sei connesso a internet.
Galaxus Logo
Retroscena Home cinema324

«Game of Thrones»: la Danza dei Draghi

Un tempo, Aegon I Targaryen conquistò le terre di Westeros con l'aiuto dei draghi. Poi i draghi morirono, e poco dopo quasi tutta la dinastia Targaryen se ne andò con loro. Cosa ha portato alla fine dei Signori dei Draghi?

Fiamme, morte e pioggia di fuoco così calda che anche i draghi vi bruciano dentro. È la visione oscura che ha Daenerys Targaryen, la sognatrice, figlia del capo della famiglia Aenar Targaryen. Quello che vede è la catastrofe che condannerà la Fortezza di Valyria.

<strong>Incarnazione del fuoco</strong>: i draghi in «Game of Thrones»
video
RetroscenaHome cinema

Incarnazione del fuoco: i draghi in «Game of Thrones»

Il Disastro di Valyria ha significato quasi la fine dei draghi

Quando Daenerys racconta al padre delle visioni, Aenar non esita a lungo. Su un'isola vulcanica sulla costa orientale di Westeros, fa erigere un avamposto di influenza valyriana: Roccia del Drago. Dodici anni dopo, l'impero di Valyria perisce, ma i Targaryens sopravvivono. A Roccia del Drago, pianificano i loro prossimi passi, insieme ai loro draghi.

Uno di loro è Balerion, il più grande di tutti i draghi dei Targaryen, con denti lunghi come spade e una bocca grande abbastanza per mangiare un bue adulto tutto intero. Sotto l'ombra che proietta la gigantesca apertura alare, intere città scompaiono. E il suo fuoco è così caldo da fondere anche ferro e pietra. Una cosa è chiara: Balerion è il drago più temuto che sia mai vissuto.

Con il suo fuoco è stato forgiato il Trono di Spade.

300 anni fa: la Guerra di Conquista

Aegon I Targaryen non è il primo Targaryen in Occidente 100 anni dopo la caduta di Valyria. Ma è il primo ad avere un piccolo esercito, tre draghi e soprattutto dei piani di invasione. Insieme alle sue due sorelle-mogli, Rhaenys e Visenya, circa 300 anni prima, atterra alla foce del Fiume delle Rapide Nere – dove Tyrion Lannister un giorno sconfiggerà Stannis Baratheon con l'aiuto dell’altofuoco.

Tyrion sconfigge le navi di Stannis con l’altofuoco

Il suo piano: unire i Sette Regni – i regni che condividono il dominio sull'Occidente – in uno solo.

Aegon conduce le sue truppe ad Harrenhal. Lì vuole sottomettere Harren il Nero della Casa Hoare, il sovrano delle Isole di Ferro e delle Terre dei Fiumi. È sostenuto dai Tully rinnegati, in realtà portabandiera degli Hoares. Ma Harren rifiuta la sottomissione: nel suo possente castello, che ha le torri più alte e le mura più imponenti che l'Occidente abbia mai visto, si sente al sicuro.

Balerion conclude la battaglia in pochi minuti. Harrenhal non esiste più.

Harrenhal nella seconda stagione di «Game of Thrones»

In segno di gratitudine per la loro fedeltà, Aegon nomina i membri della Casa Tully Signori delle Terre dei Fiumi. Sulle Isole di Ferro, invece, lascia che il popolo elegga un nuovo leader. Gli Uomini di Ferro scelgono la Casa Greyjoy di Pyke, che giura immediatamente fedeltà ad Aegon.

Catelyn Stark, moglie di Eddard «Ned» Stark, discendente della Casa Tully
Theon Greyjoy, discendente dei Greyjoy

Allo stesso tempo Orys, il fratellastro bastardo di Aegon, guida un esercito contro il Re della Tempesta Argilac della Casa Durrandon. Argilac, che si oppone ad Orys in una battaglia aperta, viene colpito e ucciso.

In segno di gratitudine, Aegon consegna Capo Tempesta, la fortezza di Argilac, al fratello bastardo, rendendolo Lord delle Terre della Tempesta e permettendogli di fondare la sua Casa: Casa Baratheon.

Robert Baratheon, discendente di Orys Baratheon
Stannis Baratheon, fratello minore di Robert Baratheon

Un po' più a ovest delle Terre della Tempesta, la Casa Lannister domina le terre occidentali e la Casa Gardener l’Altopiano. Per fermare l'avanzata di Aegon, uniscono le loro truppe: non avevano mai visto draghi prima d'ora, e certamente non hanno mai combattuto contro di loro. Per migliaia di anni i capi di Westeros hanno combattuto guerre, e la vittoria è sempre stata dell'esercito più grande.

Questo dovrebbe cambiare.

Aegon e le sue sorelle scatenarono i loro draghi. Non contro i soldati, no, bensì sui campi secchi intorno a loro. Gli uomini bruciavano con la propria armatura e stendevano le mani implorando pietà... ma Aegon non ne aveva più per loro.
Jaime Lannister in «Conquest & Rebellion: An Animated History of the Seven Kingdoms»
Balerion durante la battaglia Campo di Fuoco

Re Mern, capo della famiglia Gardener, trova la sua fine nella battaglia chiamata poi Campo di Fuoco. I castellani dei Gardener – i Tyrell – consegnano l’Altopiano ad Aegon e in cambio vengono impiegati come nuove guardie del sud con sede ad Alto Giardino.

La Casa Lannister, invece, si inginocchia e rimane Protettrice dell’Ovest con sede a Castel Granito.

Margaery Tyrell, discendente dei Tyrell
Tywin Lannister, discendente dei Lannister

In seguito, Aegon punta verso nord. Lì gli uomini del nord, discendenti dei Primi Uomini, regnano sotto la Casa Stark a Grande Inverno. Poco più a sud di Grande Inverno, nella Valle risiede la casa Arryn di Nido dell’Aquila.

Entrambi i capi sanno del crudele destino delle Case Hoare e Gardener. Per questo motivo si arrendono per il bene dei loro popoli. Aegon elegge gli Stark Guardiani del Nord e gli Arryn Guardiani dell'Est.

Eddard «Ned» Stark, discendente degli Stark
Robin Arryn, discendente degli Arryn

Sei dei sette regni sono ora sotto il controllo dei Targaryen. L’Alto Septon, leader spirituale del Culto dei Sette Dei diffuso in Occidente, esprime il sostegno della chiesa ad Aegon. Non solo: lo incorona primo re dei sei regni – appena due anni dopo l’arrivo di Aegon a Baia delle Acque Nere.

Aegon cerca per altri tredici anni di conquistare Dorne, il più meridionale dei regni di Westeros. Senza successo. I dorniani, governati dalla Casa Martell, sono tanto intelligenti quanto astuti: il drago Meraxes e la sorella Rhaenys sono vittime dei combattimenti. Infine, Aegon riconosce l'indipendenza di Dorne, concludendo così la Guerra di Conquista.

La Danza dei Draghi: l’inizio della fine

Dopo la Guerra di Conquista di Aegon, la nuova capitale del Continente Occidentale viene costruita nella Baia delle Acque Nere: Approdo del Re, dal nome del luogo dove il re dei Targaryen ha messo piede per la prima volta sulla terraferma di Westeros. Qui viene creato anche il Trono di Spade:

il possente trono del Re degli Andali e dei Primi Uomini, costruito con migliaia di spade dei nemici sconfitti da Aegon e arroventate dal respiro di Balerion, il Terrore Nero. Ancora oggi è il simbolo di chi ha il potere – ma può anche perderlo di nuovo.

Il fuoco di Balerion forgia il Trono di Spade.
Lindsey Burcar

Aegon I Targaryen regna per altri 37 anni prima di morire di ictus. Questo non danneggia la dinastia dei Targaryen: i figli sono sposati con le figlie, i cugini con le cugine, gli zii con le nipoti e le zie con i nipoti. L'attività incestuosa è una tradizione valyriana che i Targaryen non hanno mai abbandonato. In questo modo si assicura che il sangue dei Targaryen rimanga puro e che la successione al trono resti all'interno della famiglia; rimane così il magico patto di sangue tra Targaryen e draghi. Per circa 130 anni domina una quiete ingannevole.

Quando l'attuale reggente Viserys I Targaryen muore, scoppia un litigio sulla successione al trono. Da un lato c'è Rhaenyra, figlia maggiore e unica figlia dal primo matrimonio. Sarebbe la prima regina dell'Occidente. Una novità. Dall'altra parte c'è Aegon II, figlio maggiore dal secondo matrimonio. È il secondo in linea di successione, ma è un uomo.

La Danza dei Draghi segna l’inizio della fine dei Targaryen su Westeros
Chase Stone

La gente è costretta a scegliere da che parte stare. Quindi i draghi combattono contro i draghi. I fratelli contro i fratelli. I padri contro i figli. E l'intero impero annega nel sangue. Quando è tutto finito, migliaia di persone sono morte. Anche draghi. Rhaenyra viene catturata e data in pasto al drago di Aegon II. Aegon II soccombe poco dopo per le ferite di guerra, e nessuno vince.

Aegon III, figlio di Rhaenyra, prende posto sul Trono di Spade. Quando durante il suo regno muore l'ultimo dei draghi, la Danza dei Draghi passa alla storia come la catastrofe di cui i Targaryen non si sono mai veramente ripresi – e di cui un'intera specie è stata vittima.

La fine: la ribellione di Robert Baratheon

La fine dei Targaryen arriva lenta. Regnano per altri 150 anni – nel frattempo Dorne è stata integrata nell'impero attraverso un'alleanza matrimoniale – ma senza draghi gli ex Signori dei Draghi hanno difficoltà a consolidare il loro potere.

L'ultimo re dei Targaryen in Westeros è Aerys II Targaryen. Il suo regno inizia promettente, ma cade nella follia: fa collocare barili di altofuoco sotto l’intera Approdo del Re. Preferirebbe vedere la città bruciata piuttosto che lasciarla ai suoi presunti nemici.

Suo figlio ed erede, il principe Rhaegar, è determinato a essere un monarca migliore. Vuole dimostrare il suo valore adempiendo la profezia del principe promesso. Ma è lo stesso Rhaegar che inizia la fine definitiva dei Targaryen.

«Game of Thrones»: <strong>Azor Ahai</strong> e il canto del ghiaccio e del fuoco
video
RetroscenaHome cinema

«Game of Thrones»: Azor Ahai e il canto del ghiaccio e del fuoco

Infatti, Rhaegar, secondo i libri di storia, rapisce Lyanna Stark, la fidanzata di Robert Baratheon. Rickon e Brandon Stark, signore di Grande Inverno e suo figlio, vanno ad Approdo del Re per chiedere una punizione per il principe Targaryen. Entrambi vengono bruciati, e la risata di Aerys riempie di orrore i presenti.

Un orrore che inaugura una guerra civile: la ribellione di Robert Baratheon.

Si combattono molte battaglie. Robert è sostenuto da Ned Stark, il suo migliore amico d'infanzia, e dal loro comune padre adottivo Jon Arryn della Valle. La decisione viene presa nei pressi del Tridente, un fiume dove Robert Baratheon riesce ad uccidere Rhaegar Targaryen con il suo potente martello.

Robert Baratheon uccide Rhaegar Targaryen sul Tridente
Michael Komarck

Gli eserciti di Robert raggiungono Approdo del Re, e la città viene conquistata; «Bruciali tutti», si dice abbia gridato il Re Folle attraverso le sale della Fortezza Rossa. Dà a Jaime Lannister, membro della sua guardia reale, l'ordine di far saltare in aria i barili pieni di altofuoco e quindi l'intera città. Ma Jaime si oppone e infila la sua spada nella schiena del re. Anche se Jaime salva migliaia di vite in questo giorno, viene soprannominato «Sterminatore di re». Infatti, è stata la sua spada a porre fine ad una dinastia durata 300 anni.

Solo Viserys e Daenerys Targaryen, i fratelli più giovani di Rhaegar, sopravvivono al massacro di Approdo del Re. In segreto vengono portati a Penthos, a Essos, il Continente Orientale, dove nessuno dovrebbe sapere della loro esistenza.

Qui inizia la storia di «Game of Thrones».

Potrebbero interessarti anche questi articoli

«Game of Thrones»: <strong>Azor Ahai</strong> e il canto del ghiaccio e del fuoco
video
RetroscenaHome cinema

«Game of Thrones»: Azor Ahai e il canto del ghiaccio e del fuoco

<strong>Game of Thrones</strong>: geologia, astronomia ed Estranei
RetroscenaHome cinema

Game of Thrones: geologia, astronomia ed Estranei

«Game of Thrones»: la vera identità del <strong>Re della Notte</strong>
RetroscenaHome cinema

«Game of Thrones»: la vera identità del Re della Notte

Avatar

Luca Fontana, Zurigo

  • Editor
Avventure nella natura e sport che mi spingono al limite descrivono la mia zona confortevole. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono entusiasta delle colonne sonore dei film e ciò si sposa con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot».

3 Commenti

3000 / 3000 caratteri

User Pfischila

Jetzt noch die Funko POP! vom Video, inklusive Drachen, bei Galaxus verkaufen und ihr seit reich ;-)

Danke für den tollen Beitrag :-)

06.05.2019
User Ramon Schneider

galaxus.ch/de/s5/producttyp...

06.05.2019
Rispondi
User bastien1608

Très intéressant et pas de spoil donc on apprécie :D

08.05.2019