Non sei connesso a internet.
Galaxus Logo
Retroscena Home cinema1016

«Game of Thrones»: Jon Snow, il drago e il lupo

Attenzione spoiler per coloro che non hanno visto la settima stagione: Jon Snow è il presunto figlio bastardo di Eddard Stark e Re del Nord. Unisce il sangue degli Stark e dei Targaryen – e quindi ghiaccio e fuoco. Solo che lui non ne sa nulla.

Draghi. Creature di antiche leggende. Jon Snow conosce le storie. Una volta conquistarono gran parte del Continente Orientale al fianco dei Valyriani. Dopo la caduta di Valyria furono i Targaryen che, cavalcandoli, conquistarono sei dei sette regni dell'Occidente. Poi arrivò «La Danza dei Draghi». Un nome poetico per una guerra sanguinosa, che ha segnato la fine di queste creature maestose, ma mortali.

«Game of Thrones»: la <strong>Danza dei Draghi</strong>
RetroscenaHome cinema

«Game of Thrones»: la Danza dei Draghi

Jon sa che tutte le storie sono vere. Infatti, le ali nere come la pece di Drogon, il primo drago vivente da oltre 150 anni, proiettano ombre enormi come castelli. La sua bocca è abbastanza grande da mangiare anche Ser Gregor Clegane, la montagna che cavalca, in un solo boccone. I denti sono più affilati dell'acciaio di Valyria.

E la bestia è davanti a lui. In agguato. Lo osserva.

Il Re del Nord tende la mano e tocca le squame di Drogon. C’è un'altra storia che Jon probabilmente non conosce: sostiene che solo i Targaryen possono domare i draghi; il loro sangue è legato per magia a quello dei draghi. Forse è questa l'origine del motto della famiglia Targaryen: fuoco e sangue. Ma Jon è un uomo del nord. Il drago lo divorerà?

Niente del genere. Anzi, Drogon sospira contento.

Il bastardo di Grande Inverno

Jon Snow cresce a Grande Inverno come figlio bastardo di Eddard Stark. Tuttavia, nonostante il suo status di bastardo, gode di molti degli agi concessi a chi ha nobili origini. Impara a leggere e scrivere, si allena con la spada proprio come i suoi fratellastri Stark e viene introdotto alle abitudini dei signori.

Ciononostante non ne fa mai davvero parte.

Come fa capire anche la moglie di Eddard Stark, Catelyn Stark, che vede in Jon il bastardo di Grande Inverno sin dal giorno del ritorno di Eddard dalla guerra con il bambino. Il suo disgusto si spinge fino ad augurare a Jon il vaiolo ancora in fasce. Ma quando Jon contrae davvero la malattia, Catelyn si rende conto di aver desiderato la morte di un bambino innocente. Pensando di essere un'assassina, prega gli dei e li supplica di avere pietà di Jon. In cambio, d'ora in poi lo amerà come suo figlio.

Jon sopravvive al vaiolo, ma Catelyn non mantiene la sua promessa. È la gelosia di una donna sconosciuta che le impedisce di amare il ragazzo con gli strani occhi marroni. Anni dopo, quando Eddard viene decapitato e i suoi figli uccisi o catturati, Catelyn considera questo come la punizione degli dei per la sua promessa non mantenuta.

«Tutto questo perché non potevo amare un figlio senza madre», afferma Catelyn.

Per Jon, quindi, diventa chiaro sin dall’adolescenza: si unirà ai Guardiani della Notte. Lì gli uomini si vestono di nero e vegliano presso la Barriera sui regni degli umani. Un luogo dove signori e bastardi sono uguali e la discendenza non ha importanza. Infatti, coloro che si uniscono ai Guardiani della Notte rinunciano a tutti i loro titoli, dedicando la loro vita alla guardia. Fino alla morte, come dice il giuramento che fanno le giovani reclute.

Jon Snow vestito di nero

«Non puoi portare il mio nome. Ma il mio sangue scorre in te», dice Eddard Stark a Jon Snow. Un addio poco prima che il bastardo si diriga a nord verso la Barriera.

«Mia madre è ancora viva? Sa dove vado, cosa faccio? Le importa?»

Jon non sa quasi nulla di sua madre. Suo padre non ha mai parlato di lei. E quando Jon ha chiesto di lei, lui ha cambiato argomento.

Eddard Stark, in lacrime: «La prossima volta che ci vedremo, parleremo di tua madre. Promesso», dice Stark. Eddard non ha mai infranto una promessa prima d'ora. Mai. Quindi Jon annuisce.

Le loro strade si separano. Jon non lo rivedrà mai più.

Il bastardo che diventa Lord Comandante

Alla Barriera, Jon diventa il tesoriere personale di Jeor Mormont, Lord Comandante e capo dei Guardiani della Notte. Per Jon è un’insolenza. I tesorieri sono i camerieri della guardia. Poi capisce che Mormont non l'ha scelto a caso: come tesoriere del Lord Comandante, Jon può stare al suo fianco e imparare la diplomazia, la leadership e i segreti dei Guardiani della Notte.

Secondo il piano di Jeor Mormont, un giorno Jon diventerà Lord Comandante.

Jeor Mormont in cammino verso nord, oltre la Barriera

Jeor Mormont viene ucciso dagli ammutinati durante una spedizione oltre la Barriera. I Guardiani della Notte non sono così gloriosi come immaginava Jon: in assenza di volontari che dedicano la loro vita alla guardia, re e signori di tutto l'Occidente inviano alla Barriera criminali, assassini e stupratori. Lì i loro peccati vengono perdonati, vestendosi in cambio di nero.

Ora è il bastardo che guida una spedizione. L’obiettivo è quello di vendicare il Lord Comandante caduto. Al suo ritorno segue l'attacco dei bruti, un popolo proveniente dal nord della Barriera e quindi residente al di fuori dei Sette Regni. In assenza del Lord Comandante, Jon prende il comando della difesa della Barriera – con successo. I bruti vengono sconfitti e i fratelli dei Guardiani della Notte eleggono Jon come loro nuovo Lord Comandante.

Attacco dei Bruti
«Game of Thrones» Concept Arts

Ma anche ora, Jon non è libero da nemici: conosce l'esercito dei morti, che si sta avvicinando da oltre la Barriera portando con sé un inverno eterno.

«<strong>Game of Thrones</strong>»: gli Estranei e la lunga notte
RetroscenaHome cinema

«Game of Thrones»: gli Estranei e la lunga notte

Poiché i Guardiani della Notte non hanno più uomini a sufficienza per difendere la Barriera, Jon accoglie i bruti restanti, firmando così la propria condanna a morte.

Il Lord Comandante che diventa Re del Nord

Per gli uomini della guardia, la clemenza di Jon per i bruti è uno scandalo. Molti piangono ancora i fratelli morti difendendo il muro. Per non parlare del fatto che i Guardiani della Notte si vantano di non aver mai lasciato passare i bruti attraverso la Barriera.

Un gruppo di ammutinati sta organizzando un’imboscata. Jon viene ucciso.

Melisandre, sacerdotessa di Asshai, riporta in vita Jon. La maga religiosa, una delle poche in Occidente a credere in R'hllor, Signore della Luce, vede in lui la rinascita di Azor Ahai, il principe promesso e scelto per sconfiggere le tenebre.

«Game of Thrones»: <strong>Azor Ahai</strong> e il canto del ghiaccio e del fuoco
video
RetroscenaHome cinema

«Game of Thrones»: Azor Ahai e il canto del ghiaccio e del fuoco

Jon lascia impiccare gli ammutinati, depone il nero e abbandona i Guardiani della Notte. Dopo tutto, il suo giuramento alla guardia era valido solo fino alla sua morte. E lui è morto. Finalmente, Jon può partire per riconquistare Grande Inverno. Infatti, dopo la morte di Eddard Stark e di suo figlio Robb Stark, i Bolton hanno stretto alleanze con i Lannister, tradendo la famiglia Stark per essere nominati nuovi signori di Grande Inverno e dei Guardiani della Notte.

Jon durante la Battaglia dei Bastardi

In un'epica battaglia – la Battaglia dei Bastardi – Jon non solo riconquista Grande Inverno, ma anche il favore delle case del nord: Jon Snow, un tempo il bastardo di Grande Inverno, viene proclamato Re del Nord.

Il Re del Nord con il sangue di drago

Il figlio bastardo di Eddard Stark non sa ancora la verità sulla sua vera origine. Ma sarà decisivo nella grande guerra che deve ancora arrivare.

Circa 20 anni fa, un giovane Eddard Stark combatteva al fianco di Robert Baratheon nella ribellione che ha portato alla scomparsa della dinastia Targaryen nell’Occidente, scoppiata perché Rhaegar Targaryen, il principe ereditario, avrebbe rapito e stuprato Lyanna Stark, sorella di Eddard e fidanzata di Robert. Quando Eddard scopre che Rhaegar la tiene segregata nella Torre della Gioia, va a salvarla.

Arrivato alla Torre della Gioia, Ned trova Lyanna in travaglio, tra lenzuola piene di sangue e grida agonizzanti. Sta partorendo. Un maschio. Per Eddard la faccenda è chiara: Lyanna non è mai stata rapita. E nemmeno stuprata. È andata di sua volontà con Rhaegar, perché i due si amavano sinceramente e si sono sposati in segreto. Inoltre: il principe Targaryen è il padre del ragazzo. Ciò farebbe di Jon, che da bastardo non ha mai avuto alcuna pretesa di signoria, il legittimo re dei Sette Regni.

Rhaegar e Lyanna durante le loro nozze segrete

«Se Robert lo scopre, lo ucciderà», sussurra Lyanna. Sta morendo. Ma più che la morte, teme la rabbia di Robert quando scoprirà chi è il padre del ragazzo: «Devi proteggerlo. Prometti, Ned. Prometti».

Lyanna muore.

«Te lo prometto», dice Eddard.

Eddard Stark fa la promessa che non infrangerà mai

Chiama il ragazzo che porta a casa Jon Snow. Questo è il nome dei bastardi del nord – Snow. Non infrangerà mai la promessa fatta a sua sorella. Una qualità onorevole che passerà a Jon.

Jon, che non è Snow, ma Targaryen.

Drogon e Jon: il drago e il lupo
Vadim Simanin

Anni dopo, Jon Snow incontrerà Drogon, il più grande drago vivente dai tempi di Balerion. Porrà la mano su di lui con coraggio e anche un pizzico di follia. Avrà paura, non sapendo che il drago sa esattamente di chi è il sangue che scorre nelle sue vene:

lo stesso sangue dei draghi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

«Game of Thrones»: <strong>Azor Ahai</strong> e il canto del ghiaccio e del fuoco
video
RetroscenaHome cinema

«Game of Thrones»: Azor Ahai e il canto del ghiaccio e del fuoco

<strong>Incarnazione del fuoco</strong>: i draghi in «Game of Thrones»
video
RetroscenaHome cinema

Incarnazione del fuoco: i draghi in «Game of Thrones»

«Game of Thrones»: la vera identità del <strong>Re della Notte</strong>
RetroscenaHome cinema

«Game of Thrones»: la vera identità del Re della Notte

Avatar

Luca Fontana, Zurigo

  • Editor
Avventure nella natura e sport che mi spingono al limite descrivono la mia zona confortevole. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono entusiasta delle colonne sonore dei film e ciò si sposa con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot».

10 Commenti

3000 / 3000 caratteri

User Perstin

[Sorry @Perstin, das geht mir zu tief ins Spoiler-Territorium :-). Gruss, Luca]

13.05.2019
User Perstin

Wow, Luca... Wow D:
Aber verständlich, auch wenn ich es so vorsichtig wie nur irgend möglich formuliert hatte ;)

14.05.2019
User Luca Fontana

Ich weiss :-). Aber wer z.B. Folge 4 gesehen hat und Folge 5 noch vor sich hat, der wird sich schon ausmalen können, was passieren wird :-). Danke fürs Verständnis!

14.05.2019
Rispondi
User paraDice

Ohne den Beitrag gelesen zu haben, finde ich es nicht so toll, dass ihr, als Online Shop Beiträge über eine TV Serie schreiben müsst.
Vor allem wenn diese Spoiler beinhalten.
Hätte auch gerne Spass wenn ich die Serie Mal schaue, ohne schon alles zu Wissen, danke für das Verständnis

13.05.2019
User Luca Fontana

Ich hasse nichts mehr als Spoilers. Darum habe ich den Titel bewusst vage und eigentlich nichtssagend gewählt und gleich im ersten Satz des Leads die Spoiler-Warnung gesetzt. Wer unbelastet und ohne jegliche Vorkentnisse die Serie gucken will, braucht den Artikel ja nicht weiterzulesen. Schon gar nicht nach der Spoilerwarnung :-).

Der Artikel selbst richtet sich an jene Leser, die schon weiter als Staffel 7 sind und rückwirkend etwas Auffrischung oder Hintergrundinfos zur Serie möchten.

13.05.2019
User Klark Cent

'''Ohne den Beitrag gelesen zu haben'', alles klar. Wenn man sich dazu entscheidet komisch zu sein und nach zwei Jahren die siebte Staffel immer noch nicht gesehen hat, dann ist man selber schuld.

13.05.2019
User paraDice

Was hat das mit komisch sein zu tun?
Am Montag morgen um 3 Uhr aufzustehen um eine TV Serie zu schauen ist ja ganz normal...
@Luca Fontana Ich wollte nur meine Meinung dazu äussern. Allein ein Thumbnail ist theoretisch ein Spoiler (habe mich in diesem Falle nicht wirklich darauf geachtet und denke Mal Sie haben dies so gut wie möglich berücksichtigt)

13.05.2019
User Porcupino

@ParaDice Man muss nicht um 3 Uhr aufstehen. RTS Un bringt die Serie live. Man kann dann 7 Tage lang zurückspulen (sofern man Replay TV hat). Just FYI.

13.05.2019
User paraDice

@Porcupino mir schon klar, ich habe bewusst übertrieben, weil man, warum auch immer, als komisch bezeichnet wird, wenn man eine Serie halt nicht sofort schaut, Sondern lieber wartet, bis diese gänzlich zu Ende ist. Und nebenbei halt noch gerne zuerst die Bücher lesen würde. Whatever.
Ich bin auch noch am "The Sopranos" schauen, obwohl dies 20 Jahre alt ist, ist das jetzt auch komisch?

13.05.2019
Rispondi