Retroscena

Escursioni con i bambini: piacere o frustrazione?

Martin Rupf
12.10.2022
Traduzione: Leandra Amato

Il fatto che mi piaccia andare in montagna non significa che i miei figli condividano questa passione con me. Ma chi non risica, non rosica. Per la prima volta ho fatto un'escursione in un rifugio di montagna con i miei figli. Ecco il mio diario personale di 2700 metri di altitudine, 20 chilometri di cammino, 8 pacchetti di patatine e quasi altrettanti di anelli di mela.

Da bambino, di tanto in tanto, andavo a fare escursioni con i miei genitori. Ma sarebbe una bugia affermare che ero un bambino escursionista che veniva regolarmente trascinato su qualche cima dai genitori. Eppure, già da bambino, sono stato contagiato dal virus dell'escursionismo. Perché al più tardi con gli scout, non c'era modo di evitare lo sport nazionale svizzero numero uno. Ho un ricordo speciale delle escursioni di due giorni durante il campo estivo. Le cosiddette escursioni erano il momento culminante, anche se di solito solo nei flashback. In quel momento, si trattava di esperienze borderline non infrequenti. Già stanchi dopo una settimana di campo estivo, segnati dalle fatiche della vita da campo e afflitti dai primi sintomi della nostalgia di casa, è arrivato il momento di preparare gli zaini per l'escursione di due giorni – e senza il sostegno dei genitori. Va da sé che alcuni zaini non erano proprio imballati in modo ideale, cioè erano troppo pesanti, in quanto riempiti con cibo. Molti scout hanno raggiunto i loro limiti fisici e mentali durante queste escursioni. Ma una volta terminata l'escursione, l'orgoglio per il risultato raggiunto è stato ancora più grande.

La prossima estate mio figlio parteciperà al suo primo campo estivo scout. Come una sorta di allenamento, durante le vacanze autunnali abbiamo partecipato al nostro primo tour dei rifugi SAC. E poiché si sa che è più facile fare escursioni in gruppo – e questo vale soprattutto per i bambini, come tutti i genitori possono confermare – abbiamo iniziato l'«esperimento» con due famiglie. In realtà, il mio amico Flo mi ha accompagnato con le sue tre figlie. Il programma prevedeva un tour di tre giorni nell'Alpstein con tre o quattro ore di escursione al giorno. Ma non troppo per iniziare. È stata una nostra idea, per non disperdere il desiderio dei bambini di fare escursioni prima ancora di aver allacciato bene le scarpe da trekking.

Devo o non devo togliere lo zaino a mio figlio?

Complessivamente, ci troviamo di fronte a quasi 3 000 metri di altitudine e a 20 chilometri di cammino. Ciò corrisponde a circa un decimo della distanza media che la popolazione in Svizzera percorre ogni anno. Infatti, devi sapere che l'escursionismo è lo sport nazionale svizzero per eccellenza: secondo il sito web «Wandern in Zahlen», la popolazione svizzera dai 15 anni in su pratica l'escursionismo per circa 200 milioni di ore all'anno. Con una velocità media stimata di quattro chilometri all'ora, ciò significa che ogni anno vengono percorsi quasi 800 milioni di chilometri. Calcolando i singoli escursionisti, ciò equivale in media a circa 200 chilometri di escursioni all'anno.

Ma prima di mettere in pratica gli scarponi da trekking, il treno e l'autopostale ci portano a Wildhaus, nel Toggenburg, Canton San Gallo. Non sorprende che ai nostri figli piaccia molto questa parte della «passeggiata». Mentre fuori scorre lo splendido paesaggio autunnale – l'estate di San Martino darà il meglio di sé nei prossimi tre giorni – una parte considerevole del pranzo viene già consumata nello scompartimento del treno.

Vista del lago di Zurigo attraverso il finestrino del treno. Cresce l'attesa per l'escursione.
Vista del lago di Zurigo attraverso il finestrino del treno. Cresce l'attesa per l'escursione.

Poi la prima decisione fondamentale. Dobbiamo affrontare i primi 300 metri di altitudine a piedi da Wildhaus o prendere la cabinovia? Una domanda retorica, soprattutto se coinvolgi i tuoi figli in questo processo decisionale. Naturalmente prendiamo la cabinovia, che già di per sé rappresenta un buco considerevole nel nostro budget per le escursioni. Una volta arrivati in cima, c'è un'ultima pausa bagno e poi finalmente si parte.

Finalmente inizia l'escursione. Il paesaggio è mozzafiato.
Finalmente inizia l'escursione. Il paesaggio è mozzafiato.

I padri, sapendo cosa ci riserverà la giornata, camminano con calma. I bambini, non sapendo che ci sono ancora 700 metri di dislivello davanti a loro, corrono avanti esuberanti, ignorando le nostre parole di avvertimento. Fiancheggiati da imponenti pareti rocciose, avanziamo dapprima a passo tranquillo.

Quindi: ora la questione si fa un po' complicata. 500 metri di altitudine e 19 serpentine da superare.
Quindi: ora la questione si fa un po' complicata. 500 metri di altitudine e 19 serpentine da superare.

Ai piedi della prima salita con 19 serpentine, pranziamo e accendiamo il fuoco. Ora l'approvvigionamento energetico attraverso l'assunzione di cibo è all'ordine del giorno. Il cibo è importante. Ma quanto e, soprattutto, cosa succede se poco dopo c'è una salita ripida? È molto probabile che la successiva risalita della montagna sia faticosa per i nostri bambini, perché il mix di bratwurst, biscotti al cioccolato, minipic e patatine si rivela una fonte di energia non ideale. Già dopo la seconda curva sento la figlia di Flo chiedere: «Papà, è ancora lontano?». Al che, quest'ultimo risponde con gentilezza ma con fermezza: «È decisamente troppo presto per questa domanda!

L'autunno mostra il suo lato più bello durante la nostra escursione.
L'autunno mostra il suo lato più bello durante la nostra escursione.

Dopo che mio figlio è stato più volte vicino al collasso – almeno così ha dichiarato lui – finalmente raggiungiamo l'altezza intermedia. Più avanti sul passo, altri 200 metri più in alto, possiamo già vedere la «Zwinglipasshütte». Ma cosa significa già qui: «Cooooooosa, dobbiamo ancora camminare fino a lì?!», dicono quasi all'unisono. È comunque necessario menzionarlo a questo punto: tutti i bambini portano uno zaino piccolo e relativamente leggero.

E prontamente mi trovo in un dilemma: dovrei togliere lo zaino a mio figlio perché è davvero allo stremo delle forze e in questo fargli un favore? O non sarebbe piuttosto a suo svantaggio, perché dovrebbe imparare a tenere duro? Dopotutto, non è un bene per me come padre rimuovere ogni ostacolo dal suo cammino. Io opto ancora per la prima. E guarda un po': con l'obiettivo in mente, i bambini corrono letteralmente verso la vetta. Io, invece, mi trascino fino al rifugio SAC sotto il caldo sole pomeridiano con il mio zaino già pesante (il peso della famiglia grava letteralmente su di me) e quello di mio figlio, dove cinque bambini raggianti mi danno il benvenuto.

Ce l'abbiamo fatta: abbiamo raggiunto la Zwinglipasshütte a 1999 metri di altezza.
Ce l'abbiamo fatta: abbiamo raggiunto la Zwinglipasshütte a 1999 metri di altezza.

Segreto: escursione di gruppo, camera privata

Un rifugio SAC è un territorio nuovo non solo per i bambini, ma anche per me e Flo. Barbara e Bruno ci accolgono in modo cordiale. Siamo i primi ospiti dei circa 28 escursionisti che la coppia ospitante attende quella sera.

Dopo la registrazione siamo finalmente autorizzati a trasferirci nel nostro campo notturno.
Dopo la registrazione siamo finalmente autorizzati a trasferirci nel nostro campo notturno.

In modo semplice, ma deciso, Bruno ci introduce alle regole della capanna. La nostra fortuna: poiché siamo in sette a viaggiare, abbiamo una stanza tutta per noi. Non è una cosa scontata, visto che stare ammucchiati è la regola di ogni pernottamento in un rifugio SAC.

Questa è la vista dalla nostra camera.
Questa è la vista dalla nostra camera.

I letti vengono rifatti velocemente e c'è tempo a sufficienza per godersi il panorama mozzafiato – compresi i Churfirsten – sulla terrazza fino all'ora di andare a dormire. Alle 18:30 in punto è ora di cena. I bambini sono entusiasti. Dopo una zuppa speziata, vengono serviti Hörnli con formaggio. Proprio quello che ci vuole dopo una giornata così faticosa. Per dessert c'è la mousse al cioccolato. Beh, o almeno penso si tratti di una mousse. La sua consistenza ricorda molto di più quella di una massa di cemento. Ma, ehi: chi ha voglia di brontolare qui? Anche se il moderno rifugio Zwinglipasshütte ricorda più un albergo di montagna, siamo sempre in un rifugio SAC a 2000 metri.

Atmosfera serale alla Zwinglipasshütte.
Atmosfera serale alla Zwinglipasshütte.

Bruno, il custode del rifugio, ci dice che per il bene dell'ambiente vogliono ridurre al minimo il numero di trasporti di materiali in elicottero. Per questo motivo la «Tragete» si tiene ogni anno alla fine di giugno e quest'anno vi hanno partecipato circa 150 persone. Il materiale è stato trasportato in funivia fino a un rifugio alpino, da dove le quasi dieci tonnellate sono state trasportate fino alla Zwinglipasshütte con una marcia di 20 minuti. Dopo aver assaporato per l'ultima volta l'atmosfera serale sulla terrazza, andiamo a letto alle 21.00, completamente esausti – gli adulti con qualche bicchiere di vino rosso in corpo.

Buona notte: adesso andiamo a dormire.
Buona notte: adesso andiamo a dormire.

Purtroppo, per il momento non è possibile dormire. Poiché il bagno si trova esattamente dall'altra parte del muro. Ogni volta che qualcuno estrae la carta dal dispenser, questo vibra come se una mitragliatrice stesse dando la caccia a delle marmotte. Interpellato, il custode Bruno promette di mettere il distributore di carta da un'altra parte.

L'ospitalità appenzellese – o come mi ha dato il ben servito

Alla fine ho dormito e, come apprendo al mattino, anche i bambini hanno dormito molto bene. Dopo la colazione, alle 10 circa, siamo partiti per la seconda tappa. Ma aspetta: per prima cosa, la vescica sul tallone di mia figlia deve essere aperta e sapientemente coperta con un cerotto.

Un colpetto alla vescica, un piccolo cerotto e siamo pronti a partire.
Un colpetto alla vescica, un piccolo cerotto e siamo pronti a partire.

Il secondo giorno di escursioni si preannuncia relativamente facile, poiché è quasi tutto in discesa fino al lago Fählensee. L'aspetto positivo di questa escursione relativamente breve di tre ore: c'è sempre abbastanza tempo per le pause. Ed è proprio questo che piace ai bambini. Esplorare giocosamente l'area. Nel frattempo, Flo e io siamo seccati di non avere con noi un binocolo. Infatti, su una cresta – abbiamo appena attraversato il confine cantonale e siamo in Appenzello – scorgiamo delle creature, ma non riusciamo a capire che tipo di creature siano.

Monte Stivo Binocolo per bambini (8 x)

Monte Stivo Binocolo per bambini

8 x

2
Berger & Schröter Binocolo 30730 10 x 42 mm nero (10 x, 42 mm)
165.95

Berger & Schröter Binocolo 30730 10 x 42 mm nero

10 x, 42 mm

Olympus WP II (10 x, 25 mm)
129.–

Olympus WP II

10 x, 25 mm

58

Mezz'ora dopo, tuttavia, il caso diventa chiaro. Il mio occhio d'aquila individua un branco di camosci. Ci sediamo stupiti ai piedi di un'enorme parete rocciosa e osserviamo gli animali al pascolo. Una piacevole sensazione di felicità e gratitudine mi assale per avere la possibilità di regalare ai miei figli questi momenti di pace nella natura.

Grazie alle ripetute pause, c'è abbastanza tempo per esplorare i dintorni, arrampicarsi o semplicemente godersi il silenzio.
Grazie alle ripetute pause, c'è abbastanza tempo per esplorare i dintorni, arrampicarsi o semplicemente godersi il silenzio.

Finalmente: abbiamo raggiunto il Fählensee, alla fine del quale ci fermiamo alla locanda. In realtà, volevo fare un fuoco per arrostire un paio di salsicce e avevo anche già trovato un posto dove avevano già fatto il barbecue. Ma non appena il fuoco viene acceso e comincia a salire il primo fumo, l'ostessa, arrabbiata, esce di corsa dalla locanda. Mi dice senza mezzi termini di evitare di accendere fuochi qui. È ovvio che qui non si può accendere un fuoco, mi viene da pensare, perché non si vuole rischiare che la gente non consumi nel ristorante. Almeno mi risparmia l'umiliazione di ammettere che non sarei comunque riuscito a fare un fuoco decente con la poca legna che sono riuscito a trovare.

Per me il barbecue fa parte dell'escursionismo. Per fortuna, almeno il giorno prima ha funzionato.
Per me il barbecue fa parte dell'escursionismo. Per fortuna, almeno il giorno prima ha funzionato.

Alla fine trascorriamo quasi quattro ore nella locanda di montagna, perché la nostra meta di tappa, il rifugio Hundsteinhütte, si trova a soli 100 metri più in alto. Mentre i bambini si divertono al parco giochi, i padri si concedono prima qualche birra e poi, prima di percorrere gli ultimi metri, un caffè Lutz. Colgo l'occasione per sfogliare il libro «Appenzeller Witze» (barzellette dell'Appenzello) e trovo roba del genere: «Nonno, perché la nostra lingua si chiama madrelingua?», chiede Spelli, «Perché a papà non viene mai lasciata la parola».

Il custode del rifugio Peter: dal burnout all'oste perfetto

Poco dopo le 16:00 raggiungiamo la Hundsteinhütte. Peter, il custode del rifugio sta cucinando e non può occuparsi di noi. Non importa, allora c'è un'altra birra per i padri mentre i bambini esplorano i dintorni. Il sole della sera inonda il paesaggio di una luce calda, sotto di noi si trova il Fählensee, che sembra uno specchio. Il verdetto dei bambini sul secondo rifugio non si lascia attendere: sebbene non sia altrettanto remoto e non possa vantare la stessa vista del suo predecessore, si distingue per il fascino puro di rifugio.

Vista dalla Hundsteinhütte.
Vista dalla Hundsteinhütte.

Anche il custode Peter contribuisce all'atmosfera. Otto anni fa, l'imprenditore oggi 67enne ha subito un burnout che lo ha costretto a cambiare rotta. E così, tre anni fa, ha rilevato la Hundsteinhütte come affittuario.

Tre anni fa Peter, nella foto con il cane Ghielli, ha rilevato la Hundsteinhütte.
Tre anni fa Peter, nella foto con il cane Ghielli, ha rilevato la Hundsteinhütte.

E gestisce il tutto con molta passione. Il suo mix di cordialità e severità paterna è molto apprezzato dai bambini. Anche in questo caso siamo fortunati e otteniamo una camera privata visto che siamo in sette.

Anche se abbiamo una stanza tutta per noi, si diffonde rapidamente un po' di caos. Mi chiedo come sia quando 20 persone dormono tutte insieme.
Anche se abbiamo una stanza tutta per noi, si diffonde rapidamente un po' di caos. Mi chiedo come sia quando 20 persone dormono tutte insieme.

Come per la prima sera, un momento importante per i bambini è la preparazione del campo notturno. Questo include, ad esempio, coprire i cuscini con le federe e stendere i sacchi a pelo.

La cena è alle sei e mezza. Ora diventa chiaro anche perché Peter non ha avuto il tempo di salutare subito noi e gli altri sei ospiti. Il menu che mette in tavola è semplicemente fantastico. Prima c'è una zuppa speziata di porri e piselli, seguita da una deliziosa insalata e dal piatto principale: pasta con un raffinato sugo di pollo e funghi. Per dessert, c'è una mousse di ananas e vaniglia che questa volta merita il suo nome. E dato che è così accogliente e piacevole, c'è anche una bottiglia di vino rosso per i papà: dormire non dovrebbe essere un problema oggi.

Le mie argomentazioni non funzionano, il custode del rifugio viene inaspettatamente in mio soccorso

Giorno 3: abbiamo dormito tutti abbastanza bene e i muscoli indolenziti e i dolori dei primi due giorni non sono troppo gravi. Alle otto c'è la colazione. Anche in questo caso, Peter riceve diversi punti come anfitrione. Da un lato c'è il suo pane e dall'altro il Birchermüsli – entrambi fatti in casa.

Il müsli di Nina ci fornisce l'energia necessaria per il terzo giorno di escursioni.
Il müsli di Nina ci fornisce l'energia necessaria per il terzo giorno di escursioni.
Anche il pane è stato preparato dal custode Peter in persona.
Anche il pane è stato preparato dal custode Peter in persona.

Non c'è da stupirsi che non apprezzi quando, mentre sistema i piatti usati, scopre un'altra crosta di pane lasciata da mia figlia: «Ho sempre detto ai miei figli che il pane duro non esiste. È difficile solo quando non hai il pane», anche se pronunciato in modo amichevole: il messaggio è giusto. Uno sguardo alla carta escursionistica e al percorso previsto per Brülisau non promette nulla di entusiasmante, almeno per me. Infatti, si snoda in modo poco spettacolare attraverso una valle in parte ombreggiata. Guardo con desiderio il lato opposto a noi, dove un sentiero escursionistico conduce in alto sul crinale verso l'Hoher Kasten. Anche da lì, una funivia ci avrebbe portato a Brülisau. Ma tutti i tentativi di persuasione, di convincimento e di discussione non servono a nulla: i bambini, e con mia grande delusione anche Flo, non si lasciano dissuadere dal percorso noioso. «Attieniti al piano»: Flo conclude le discussioni con questa pessima frase manageriale, finché Peter non viene inaspettatamente in mio soccorso. Ma quando scopre quale percorso vogliamo fare per raggiungere la nostra meta, interviene con grande veemenza: «Ragazzi, vi dico che se scegliete la passeggiata in cresta, sarete ricompensati con una vista fantastica. E c'è persino un ristorante girevole sull'Hoher Kasten». Non so come Peter ci sia riuscito – e sì, onestamente ero un po' offeso – ma in pochi secondi ha fatto ricredere tutti. In realtà prendiamo il percorso più impegnativo, ma molto più bello.

L'autostrada sul crinale ha tutto

Anche se agli altri non piace ammetterlo, il cambio di percorso è valso la pena. Dopo aver superato il lago di Fählen, dopo una buona mezz'ora raggiungiamo il passo «Letzi Saxerlücke».

La mattina del terzo giorno, il Fählensee ci offre questo soggetto da cartolina.
La mattina del terzo giorno, il Fählensee ci offre questo soggetto da cartolina.

Un altro quarto d'ora dopo siamo in cima alla cresta. Siamo ricompensati con una fantastica vista sulla valle del Reno, la maggior parte della quale è ancora sotto una coltre di nebbia.

Al di sopra della nebbia, la libertà deve essere senza confini...
Al di sopra della nebbia, la libertà deve essere senza confini...

D'ora in poi si prosegue più o meno direttamente verso l'Hoher Kasten – così pensiamo. Forse anche perché Peter aveva parlato di una vera e propria autostrada quando gli avevamo chiesto se il sentiero fosse particolarmente esposto. In realtà non lo è, ma parlare di autostrada è un po' esagerato. Piuttosto, il sentiero escursionistico serpeggia a volte un po' in basso, a volte un po' in alto lungo la parete rocciosa. Mi stupisce che i nostri bambini non mostrino quasi alcun segno di stanchezza nemmeno il terzo giorno.

La deviazione sul crinale della montagna è valsa sicuramente la pena.
La deviazione sul crinale della montagna è valsa sicuramente la pena.

E con piacere guardo ancora e ancora giù per il pendio, dove lontano e in parte all'ombra si trova il nostro percorso originale. Dopo circa tre ore, abbiamo finalmente raggiunto l'Hoher Kasten, dove l'ultima salita fino alla stazione di montagna è una vera sfida. Ma anche quest'ultimo passaggio viene superato dai nostri figli senza lamentarsi.

Sono molto colpito da come i nostri bambini abbiano resistito fino alla fine, nonostante il programma fosse davvero difficile.
Sono molto colpito da come i nostri bambini abbiano resistito fino alla fine, nonostante il programma fosse davvero difficile.

Alla fine, non si trattava più del ristorante girevole

Poi la grande sorpresa in cima: improvvisamente tutto non ruota più intorno al ristorante girevole, che in realtà è stato il fattore decisivo per il cambio di rotta. Orgogliosi, ma anche stanchi, i bambini vogliono solo una cosa: tornare a casa. Con grande sollievo dei padri, i bambini – chiamati affettuosamente «Gofen» in Appenzello – scendono gratuitamente con la grande funivia a valle. Perché anche un'escursione in rifugio non è economica. Due notti in mezza pensione mi sono costate 300 franchi, senza contare i 5 chilogrammi di snack composti da dolciumi, minipic e patatine.

A proposito di chili: l'unica cosa che mi fa male dopo tre giorni è la schiena nella zona lombare. Non c'è da stupirsi, lo zaino non era proprio leggero per questo tour non impegnativo. Torniamo a casa in autobus e in treno. Mentre i bambini giocano, i papà si concedono un'ultima birra. Gli scompartimenti davanti e dietro di noi rimangono vuoti, probabilmente perché non profumiamo tutti di mughetto dopo tre giorni di escursioni senza doccia. La mamma sta già aspettando al capolinea. La mamma, tra l'altro, che, con mia grande gioia, pare non si sia innervosita nemmeno dopo che siamo stati irraggiungibili per 24 ore a causa di un blackout radio. Devo ammetterlo: sono orgoglioso di riportare a casa due bambini stanchi ma non feriti. Nell'ora successiva non parlo molto, il che non è dovuto principalmente alla mia stanchezza. No, i miei figli hanno così tante cose emozionanti da raccontare alla loro mamma che semplicemente non riesco a farlo. Una sensazione piacevole attraversa il mio corpo stanco e malconcio. E, a dire il vero, sono anche un po' stupito di come i bambini abbiano camminato senza sforzo e ovviamente con grande divertimento per tre giorni. Sono felice di trasmettere il mio fascino e il mio amore per la montagna e la natura ai miei figli.

Sono quasi certo che non sarà la nostra ultima escursione tra rifugi. E per la prossima volta, so anche cosa potrebbe funzionare come richiamo per un percorso un po' più impegnativo: un ristorante girevole.

A 96 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Papà di due figli, terzogenito in famiglia, cercatore di funghi e pescatore, mezzo danese di nascita, appassionato spettatore di scene pubbliche e campione di gaffe.


Famiglia
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

25 commenti

Avatar