Come è arrivato il Black Friday in Svizzera?
Retroscena

Come è arrivato il Black Friday in Svizzera?

Simon Balissat
25.11.2022
Traduzione: Leandra Amato

Fai acquisti avventati da anni durante il Black Friday senza pensare a questa giornata storica. Il Black Friday ha addirittura origini svizzere. Una spiegazione storicamente molto imprecisa.

Gli storici hanno recentemente scoperto nuove fonti che forniscono indizi sui cambiamenti nel comportamento di acquisto. Se le informazioni contenute negli scritti antichi potessero essere confermate, la risposta alla domanda «Chi l'ha inventato?» dovrebbe essere riscritta. La giornata non è nata negli Stati Uniti, bensì in Svizzera.

Come indica l'iscrizione, il venerdì 29 dell'undicesimo mese del 1315 avrebbe stravolto le abitudini di acquisto dell'ancora giovane Confederazione. Un avaro commerciante di mobili, un falegname intraprendente e una cameriera impertinente sono stati i fattori scatenanti della prima battaglia degli sconti di Rappenswil.

Il commerciante di mobili aveva acquistato i mobili all'asta per pochi fiorini per poi rivenderli a Rappenswil a un prezzo molto più alto. Questo mise in difficoltà la falegnameria, che aveva già acquistato del buon legno dal boscaiolo e che stava per trasformarlo in tavoli e sedie. Cosa poteva fare?

Un piano intelligente

Passarono alcuni giorni quando la cameriera fece visita al falegname. Il falegname si lamentò con la cameriera dicendo che non poteva più fabbricare mobili con il legno perché la gente avrebbe strappato la merce dalle mani dell'astuto commerciante di mobili e lei sarebbe rimasta seduta sul suo legno. La cameriera, furba, trovò subito una soluzione al problema. Dovrebbe offrire i mobili già costruiti a un prezzo inferiore. In questo modo avrebbe guadagnato meno fiorini, convincendo però i clienti della qualità della merce. Il commerciante di mobili aveva probabilmente acquistato mobili a basso costo. Ma il modo in cui erano fatti era di natura così dubbia che i clienti si sarebbero presto trovati davanti a lui a volere indietro i soldi per la merce difettosa. Allora la clientela del falegname sarebbe presto disposta a pagare di nuovo il prezzo pieno.

Vignetta: Stephan Lütolf
Vignetta: Stephan Lütolf

Ma ora il commerciante di mobili era venuto a conoscenza di questo piano. Un corvo nero aveva sentito le parole delle due donne. Il commerciante di mobili dovette promettere al corvo tre noci prima di parlare. E così accadde che il venerdì 29 dell'undicesimo mese del 1315, il falegname offrì i mobili a un prezzo inferiore a quello che il commerciante di mobili offriva da lontano. I primi cittadini di Rappenswil si affrettarono a comprare sedie, tavoli e armadi. Ben presto, però, nelle strette vie si sentì dire che il rivenditore di mobili avrebbe probabilmente praticato prezzi ancora più bassi. Vennero inviati dei messaggeri nei villaggi circostanti per riferire gli strani avvenimenti. Il falegname fece di nuovo un'offerta inferiore a quella del commerciante di mobili, abbassando i prezzi di qualche altro fiorino.

Ben presto la gente di tutto il baliato si trovò davanti alla porta della città di Rappenswil, in attesa di prezzi bassi. Così, anche i locandieri si sono lasciati prendere dalla smania e hanno venduto la birra a un prezzo troppo basso. Il contadino metteva in vendita cavoli e rape, che voleva vendere più tardi al mercato, e il sarto recuperava dalla cantina il filo spaiato per sbatterlo in faccia ai clienti impazienti a un prezzo ridotto. L'infestazione continuava, i prezzi si abbassavano sempre di più e sempre più persone percorrevano i vicoli e le strade della città fino a notte fonda. La battaglia degli sconti di Rappenswil!

L'indomani, quando gli artigiani e i commercianti aprirono le loro casse, si resero conto di avere fiorini in tasca ma non più merce da vendere. Sarebbe stato un inverno duro, perché i fiorini guadagnati sarebbero durati solo poche lune per sfamare le bocche affamate. Tutte le corporazioni si riunirono nella piazza del mercato per esprimere il loro malcontento. Dopo innumerevoli discorsi e proteste, si decise che una simile follia non si sarebbe mai più ripetuta. Questo venerdì sarebbe entrato nelle cronache cittadine come «venerdì nero». Ma per non incorrere nell'ira dei cittadini liberi dell'intero baliato, le corporazioni erano disposte a scendere a compromessi: esattamente l'ultimo venerdì dell'undicesimo mese, Sodoma e Gomorra avrebbero regnato d'ora in poi. Per il resto dell'anno si applicano i prezzi abituali. Questa tradizione si è mantenuta fino ad oggi.

Informazioni sul fumettista Stephan Lütolf

Non mi unirò alla battaglia degli sconti in questo Black Friday. Non ho bisogno di nulla, e posso risparmiare ancora di più. Ma come storico, sono stato felice di dipingere finalmente un quadro di battaglia. P.S.: per tutti coloro che se lo stavano chiedendo, sì, il 29.11.1315 era un venerdì. È tutto vero.

A 18 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Quando 15 anni fa ho lasciato il nido di casa, mi sono improvvisamente ritrovato a dover cucinare per me. Ma dalla pura e semplice necessità presto si è sviluppata una virtù, e oggi non riesco a immaginarmi lontano dai fornelli. Sono un vero foodie edivoro di tutto, dal cibo spazzatura alla cucina di alta classe. Letteralmente: mangio in un battibaleno.. 


Settimana Black Friday
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Commenti

Avatar