Cocainomani al nostro servizio? Ecco come lavorano Anora e Diara
Retroscena

Cocainomani al nostro servizio? Ecco come lavorano Anora e Diara

Fiutare ecstasy, metanfetamine e cocaina, rintracciare denaro e persone scomparse: i cani di servizio della Polizia cantonale di Zurigo, Anora e Diara, mostrano come trovano tutto e tutti.

Silenzio. Dalla foresta sopra il centro cinofilo di Dübendorf si sente solo il cinguettio di una cinciarella. La maggior parte di tutti i 610 cani della polizia svizzera è stata addestrata qui, su un'area grande quasi due campi da calcio. L'anno scorso erano 33, 99 in totale. E non fanno rumore?

Posizione strategica: grazie alla sua posizione ai margini del bosco, il centro per cani di servizio non disturba la quiete pubblica e dispone di spazio sufficiente per le sessioni di addestramento e le passeggiate.
Posizione strategica: grazie alla sua posizione ai margini del bosco, il centro per cani di servizio non disturba la quiete pubblica e dispone di spazio sufficiente per le sessioni di addestramento e le passeggiate.
Fonte: Polizia cantonale di Zurigo

«La maggior parte di loro è al lavoro, in una sessione di addestramento o a casa. Dopotutto, sono anche cani di famiglia», dice Jörg Guggisberg mentre mi saluta. Il 52enne capo dell'unità cinofila della Polizia cantonale di Zurigo ha con sé i propri cani: la femmina specializzata nella ricerca di droghe e denaro e utilizzata nelle indagini penali Anora e quella da mantrailing Diara. Oggi abbiamo grandi progetti per loro due: devono scovare droga, banconote e una persona scomparsa.

Let the dogs out

Ci avviciniamo lentamente a un furgone bianco in cui ci aspettano le due cagnoline. Come a comando, parte un forte abbaiare. Mi aspetto un imponente dobermann quando Guggisberg apre la porta sul retro e il box del cane. Il cane che esce dal furgone, però, mi fa tenerezza. È un grande musterlander che mi accoglie con un gioioso scodinzolio: Anora, di quattro anni.

Il pastore tedesco, belga e olandese, il rottweiler e il dobermann sono particolarmente adatti come cani da guardia. Sempre più utilizzati come cani da fiuto, invece, sono ad esempio i cani da traccia, piccolo e grande munsterlander, labrador, flatcoated retriever, ecc.

Il suo aspetto innocente e coccoloso sta per essere messo alla prova. Dietro l'edificio, infatti, l'aspetta un furgone nero in cui Jörg Guggisberg ha nascosto la droga. Anora deve trovarla. Saltella accanto a lui come una cerbiatta. «È di gran lunga il cane più giocherellone che abbia mai avuto», dice ridendo. Poi aggiunge seriamente: «Finché non deve lavorare». Quando mette la pettorina arancione ad Anora, la sua esuberanza si placa immediatamente. Lo sa bene: è il momento di mettersi al lavoro.

Lei sì che è motivata a lavorare: Anora giocherella prima dell'inizio del suo incarico.''
Lei sì che è motivata a lavorare: Anora giocherella prima dell'inizio del suo incarico.''

Un veicolo pieno di droga

Anora si concentra su un unico obiettivo: trovare la droga nel veicolo. «Cerca!», il suo conduttore dà il segnale di partenza. La cagnolina scocca come una freccia. Inizia ad annusare sistematicamente tutto il furgone. Si tratta di una ricerca libera, cioè senza piste. In meno di dieci secondi la cagnolina si sdraia a terra vicino alla ruota posteriore e si ferma. Questo è il segno: ha trovato l'ecstasy incapsulata. «Brava!», dice Guggisberg con voce gentile mentre le da un biscottino come premio.

Anora mostra a Jörg Guggisberg l'ecstasy sulla ruota posteriore del furgone.
Anora mostra a Jörg Guggisberg l'ecstasy sulla ruota posteriore del furgone.
Fonte: Christian Walker

La ricerca ricomincia. Anora si dirige rapidamente con il naso verso il vano piedi del veicolo. Si ferma di nuovo: qui è nascosta della crystal meth.

Nemmeno la crystal meth in macchina è al sicuro dalla cagnolina.
Nemmeno la crystal meth in macchina è al sicuro dalla cagnolina.
Fonte: Christian Walker

Dopo una ricompensa, si continua. Questa volta con una pista. Guggisberg estrae un bastone con un piccolo pomello colorato all'estremità. Lo usa per indicare dove il cane deve cercare: sotto il cofano aperto. Quando lo indica, Anora salta sul motore.

Anora si occupa del cofano. Dovrebbe esserci della cocaina.
Anora si occupa del cofano. Dovrebbe esserci della cocaina.
Fonte: Christian Walker

Non è così facile. Il cane usa le zampe per bilanciare l'equilibrio. «L'ha imparato sul campo di addestramento», spiega il suo proprietario indicando un grande prato alle sue spalle. Durante l'addestramento, i cani di servizio attraversano ostacoli come griglie trasparenti o superfici traballanti. Sulla scala di una casetta di legno, si abituano a essere portati in braccio o issati su una finestra.

Da capogiro: i cani di servizio imparano a superare ogni ostacolo sul campo di addestramento.
Da capogiro: i cani di servizio imparano a superare ogni ostacolo sul campo di addestramento.
Fonte: Christian Walker

Servono segnali chiari

Anora ha trovato quello che cercava: tra la batteria e il liquido dei freni, punta la cocaina. È ora per una pausa. Dopotutto, dal punto di vista del cane, non si trattava di un esercizio ma di un lavoro vero e proprio. Il furgone con aria condizionata la sta già aspettando.

Mentre ci troviamo di fronte ad esso, Jörg Guggisberg fa solo cenno con un dito ad Anora per farla sedere. Sono stupita dalla calma e dalla comunicazione ridotta. «Non è necessario un tono duro. Sono importanti i comandi chiari. Se si danno segnali ambigui e incoerenti e si blatera in continuazione, il cane smette presto di ascoltare», dice, aggiungendo con un sorriso: «Per me è lo stesso».

Anora e Jörg Guggisberg si capiscono con poche o nessuna parola. Ogni tanto basta anche un cenno con un dito.
Anora e Jörg Guggisberg si capiscono con poche o nessuna parola. Ogni tanto basta anche un cenno con un dito.
Fonte: Christian Walker

Guggisberg ha già addestrato cinque cani di servizio. La polizia li divide in due gruppi: i cani da guardia sono utilizzati principalmente in situazioni non pacifiche e per la protezione personale e della proprietà. Ad esempio, pattugliano l'aeroporto per il World Economic Forum (WEF). I cani da fiuto, invece, vengono impiegati per trovare stupefacenti, banconote, esplosivi, dispositivi incendiari, supporti di dati o persone scomparse. Vengono anche utilizzati nell'investigazione criminale, ad esempio per individuare tracce di sangue o sperma, nonché persone morte, su presunte scene del crimine.

Quando i cani hanno dieci settimane, Guggisberg li prende da allevatori certificati con cui la polizia collabora. «Quando li scelgo, mi assicuro soprattutto che siano socievoli e che abbiano una grande disponibilità a lavorare» spiega. Concretamente, ciò significa che devono essere attenti, capaci di concentrarsi e di muoversi in modo sciolto e sicuro nel loro ambiente. Anche la giocosità è un vantaggio: «Così è più facile che si entusiasmino per l'allenamento, come Anora», dice con una risata.

Anora aveva dieci settimane quando è arrivata da Jörg Guggisberg.
Anora aveva dieci settimane quando è arrivata da Jörg Guggisberg.
Fonte: Jörg Guggisberg

Dopo una o due settimane di familiarizzazione a casa, Guggisberg fa conoscere ai giovani cani vari stimoli ambientali. «Viaggiamo in treno, in autobus, visitiamo luoghi affollati e rumorosi. I cani imparano a mantenere la calma e a non essere distratti o spaventati. Poi aggiungiamo i giochi di obbedienza e di ricerca, che continuiamo ad ampliare nel tempo». Gli animali vengono addestrati per odori specifici, come quelli delle droghe, con campioni reali. Il cane da fiuto è completamente addestrato a circa due anni di età.

Mi chiedo se anche alcuni cani debbano abbandonare l'addestramento o vengano sospesi. Guggisberg sostiene che questo avviene molto raramente. «Parliamo di una percentuale a una cifra all'anno». Nella maggior parte dei casi, il motivo sono le persone. Ad esempio, perché un membro della famiglia sviluppa un'allergia ai cani o perché l'agente di polizia non riesce a gestire il carico di lavoro. Non è quasi mai colpa del cane. Ciò è garantito anche da ispezioni annuali.

Sulle tracce del denaro

Dieci minuti dopo. Anora ha fatto una passeggiata ed è pronta per la prossima missione nella centrale di comando. Guggisberg ha nascosto delle banconote qui. Nella realtà, di solito si tratta di reati economici. «Cerca!», dà il comando ad Anora.

Il cane inizia ad annusare sistematicamente la stanza. Alza ripetutamente il naso in aria per captare l'odore. Per questo è stata addestrata come per le droghe; è stata condizionata a un odore specifico. «La Banca Nazionale ci ha fornito le materie prime estratte dalle banconote. Funziona in modo simile con i supporti dati come gli smartphone. Riceviamo le singole sostanze dai supporti di archiviazione del Politecnico di Zurigo», spiega Guggisberg. Anora ha già trovato quello che cercava. Si ferma sotto la lavagna. Guggisberg vi estrae un mazzo di banconote ed elogia la cagnolina.

Ottimi voti per Anora, che ha rintracciato le banconote in pochissimo tempo.
Ottimi voti per Anora, che ha rintracciato le banconote in pochissimo tempo.
Fonte: Chrstian Walker

Dopo qualche secondo, il cane si dirige verso un armadietto. È chiuso a chiave, ma lei sembra aver percepito qualcosa. Guggisberg apre la porta scorrevole. Anora continua ad annusare. In una scatola di cartone più piccola, in fondo, indica un ritrovamento. La cagnolina vorrebbe aprire immediatamente il contenitore, ma rimane immobile.

C'è qualcosa dentro, c'è qualcosa dentro! Anora non vede l'ora che Jörg Guggisberg apra la scatola da lei fiutata.
C'è qualcosa dentro, c'è qualcosa dentro! Anora non vede l'ora che Jörg Guggisberg apra la scatola da lei fiutata.
Fonte: Christian Walker

Guggisberg prende la scatola, la apre, la dispiega, poi di nuovo e ancora una volta e poi estrae il denaro tra due strati di cartone. È incredibile quanto funzioni bene il naso del cane da fiuto. «Circa mille volte meglio del nostro» dice il conduttore del cane e premia Anora. Ora può prendersi una meritata pausa pranzo.

Anora intasca subito il suo stipendio? No, preferisce ottenerlo in premi e biscottini.
Anora intasca subito il suo stipendio? No, preferisce ottenerlo in premi e biscottini.
Fonte: Christian Walker

Una persona è scomparsa

Cambio turno. Mentre Anora si mette comoda nel suo box, Jörg Guggisberg fa scendere dall'auto Diara, un segugio austriaco nero focato di sette anni. Ora gli serve solo una persona scomparsa. Roger Eckert del Centro cani da assistenza si mette a disposizione. «Puoi darmi un capo di abbigliamento?», gli chiede Guggisberg. Eckert gli porge il cappello. Lo mette in un sacchetto di plastica e lo chiude immediatamente: l'odore in esso contenuto deve rimanere altamente concentrato.

Anche Diara sembra essere altamente concentrata. Quando le viene messa la pettorina da fiuto, le zampe posteriori iniziano a tremare. «Il lavoro di polizia è appropriato per i cani?», chiedo con un filo di provocazione. «Assolutamente sì», risponde Guggisberg. «Il tremore non indica che sia sopraffatta o spaventata. I cani della sua razza vogliono lavorare. Durante le vacanze, a volte nascondo anche mia moglie per soddisfare il bisogno di attività di Diara. Non vede l'ora di iniziare finalmente la ricerca». Beh, mettiamoci al lavoro.

Diara annusa l'odore del cappellino.
Diara annusa l'odore del cappellino.
Fonte: Christian Walker

Jörg Guggisberg apre il sacchetto con il cappello e lo avvicina al muso di Diara. Gli occhi si aprono, le narici si allargano. I due rimangono così per qualche secondo. «La ricerca di persone è il compito più difficile di tutti dei cani da fiuto. Non possiamo condizionarli a un odore specifico perché la persona scomparsa è sempre un'altra. L'unica cosa che aiuta è esercitarsi, esercitarsi, esercitarsi».

Finalmente Diara riceve il segnale di partenza. La cagnolina sfreccia via. Con il naso alternativamente incollato al suolo e teso in aria, tira il conduttore su per il sentiero della foresta ad alta velocità. Riesco a malapena a tenere il passo. «Può andare avanti così per chilometri. Bisogna essere piuttosto in forma», mi dice Guggisberg girando la testa verso di me. Ci credo eccome. Quando ci avviciniamo a un fienile su una piccola collina, Diara incalza ancora il ritmo. Si allontana dal sentiero e, guarda un po', Roger Eckert è seduto dietro la legna accatastata. Tiara si posiziona con calma di fronte a lui.

Roger Eckert non è scomparso a lungo. Diara è riuscita a rintracciarlo.
Roger Eckert non è scomparso a lungo. Diara è riuscita a rintracciarlo.
Fonte: Christian Walker

Rintracciare criminali e persone a rischio

E se Roger Eckert fosse stato un criminale da catturare? Diara l'avrebbe azzannato? «No, questa è un'idea sbagliata», afferma Jörg Guggisberg. «Un cane di servizio tiene la persona per le gambe o per la parte superiore del corpo con il muso. Oltre a qualche eventuale segno non ci sarà nulla». «E se la persona reagisce?», voglio sapere. «In quel caso il cane rafforza la presa. Al comando del poliziotto o della poliziotta, lo rilascia immediatamente. L'obiettivo è ridurre al minimo le ferite».

Diara di solito lascia segni solo sui biscottini.
Diara di solito lascia segni solo sui biscottini.
Fonte: Chistian Walker

Diara ha già rintracciato molte persone come ha fatto con Roger Eckert, salvando anche delle vite. Ad esempio, quella di un uomo di 94 anni che non era tornato da una passeggiata. Dopo aver annusato la sua canottiera, il cane ha trascinato il conduttore su un sentiero ripido. «Nessuno pensava che il signore potesse essere lì, ma poi lo abbiamo trovato accasciato in un cespuglio spinoso. Se non lo avessimo trovato, probabilmente sarebbe morto congelato».

Anche oggi, Diara ha fatto ancora una volta un lavoro eccellente. Per il capo è arrivato il momento di mostrare un po' di riconoscenza: Guggisberg le toglie la pettorina da lavoro e le regala un giocattolo. «Le basta questo come ricompensa?», chiedo incredula. «La cosa più importante per lei è il cibo. Ma quando ha finito di lavorare, adora anche giocare con i suoi giocattoli», dice il suo proprietario con una risata. Diara sembra confermare questo commento con uno sbuffo e si scrolla dal naso le ultime particelle di odore del cappellino. Poi si scatena con il suo giocattolo mentre va verso il suo box. Viva la fine del lavoro!

Prima il dovere, poi il piacere: Diara si dirige contenta verso la fine della giornata.
Prima il dovere, poi il piacere: Diara si dirige contenta verso la fine della giornata.
Fonte: Chrstian Walker

A 43 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Mi piace tutto ciò che ha quattro zampe e radici. Le pagine dei libri mi permettono di addentrarmi negli abissi dell'animo umano. Le montagne, invece, mi bloccano solo la vista, soprattutto del mare. Anche sui fari si può respirare aria fresca.


Animali da compagnia
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Commenti

Avatar