«Bad Boys For Life» – poteva andare peggio

«Bad Boys For Life» – poteva andare peggio

Luca Fontana
Zurigo, il 15.01.2020
Traduzione: Leandra Amato
Per la prima volta in assoluto, il veterano dell'azione Michael Bay non ha diretto un film di «Bad Boys». Questo è un bene per il franchise, anche se «Bad Boys For Life» non passerà alla storia come film dell’anno.

Per prima cosa: non preoccuparti. Non ci sono spoiler nella recensione. Leggi solo ciò che è noto dai trailer già rilasciati.


17 anni. Ecco quanto tempo è trascorso tra il primo e il secondo sequel. Le mie aspettative: sempre la stessa cosa, ma troppo tardi. Sorprendentemente, il regista non è Michael Bay, che ha diretto i primi due film, ma lo sconosciuto duo belga di registi Adil El Arbi e Bilall Fallah. Nel 2015 hanno raggiunto una discreta fama con «Black», un Romeo e Giulietta acclamato dalla critica ambientato nella Bruxelles moderna.

Il duo di registi Adil El Arbi e Bilall Fallah
Il duo di registi Adil El Arbi e Bilall Fallah

Che «Bad Boys For Life» non sembri «più la stessa cosa» è merito dei due giovani registi. Probabilmente sarebbe stato diverso con il mago dell’azione di routine Bay: il suo «6 Underground» su Netflix dimostra che nessuno mette in scena l'azione in modo più roboante di lui – ma anche che Bay raramente osa avventurarsi fuori dalla sua zona comfort. Film intelligenti come «Pain & Gain» del 2013 rimangono una rarità nel repertorio creativo dell’americano.

Adil e Bilall, invece, sono nuovi nel mondo dell'azione di Hollywood. E «Bad Boys For Life» è un'esperienza bad-boys piacevolmente fresca. Non è poi così male come lettera di raccomandazione per dei film futuri, credo.

Ragazzacci per tutta la vita

Non è più il 1995. Il detective Marcus Burnett (Martin Lawrence), ora nonno, pensa alla pensione. Il detective Mike Lowrey (Will Smith) non ne vuole sapere, ma come nuovo membro di un'unità dell'FBI composta da giovani deve confrontarsi con la modernità: i computer e i droni si impadroniscono del buon vecchio lavoro di polizia nell'ambiente della droga di Miami.

Quando un ignoto, nefasto boss del cartello, che sembra avere un conto in sospeso personale da regolare con Mike, appare sulla scena, i due vecchi compagni di squadra devono riunirsi – un’ultima volta.

Un po’ come sempre...

Michael Bay non è completamente fuori dai giochi. Per assicurarsi che la terza parte del franchise non sembri qualcosa di diverso da «Bad Boys», Bay ha ancora le mani in pasta – come produttore.

Non sorprende quindi che ai registi Adil e Bilall sia stato permesso di dirigere «Bad Boys For Life» come una sorta di miscela tra «Miami Vice» e «Fast and Furious»: cartelli di droga generici con boss altrettanto generici, i cui piani sinistri devono essere fermati, esistono anche nella terza parte. Inoltre, ci sono inseguimenti automobilistici sfrenati, sparatorie selvagge e il lavoro di detective nei locali notturni di Miami. E un sacco di donne seminude in bikini.

«Bad Boys» at its finest.

«Sh*t is getting real, n*gga!»
«Sh*t is getting real, n*gga!»

Non è necessario ripetere i vecchi luoghi comuni di Bad Boys. La chimica tra Will Smith e Martin Lawrence è impareggiabile: vanno ancora in giro e battibeccano come una vecchia coppia sposata. È ancora esilarante da guardare; non diventano mai noiosi. Tanto meno quando il povero Reggie è di nuovo il bersaglio delle battute dei detective dell'FBI, che potrebbero anche essere fratelli.

Si aggiunge anche il talento alla regia dei belgi: non solo catturano l'azione con un lavoro di cinepresa piacevolmente calmo, ma sorprendono anche con inventive transizioni di scena. A volte anche nel bel mezzo dell'azione. Ad esempio, quando la rotazione in un'impostazione è contemporaneamente la rotazione nella successiva.

Almeno visivamente, questo fa sì che «Bad Boys For Life» si distingua un po' dai suoi predecessori. Anche se c’è ancora la corsa a 360° di Bay ripresa dal basso con un angolo di visuale leggermente inclinato.

Valutazione intermedia: rumoroso, brutale e sessista. Niente di nuovo.

... ma poi inaspettatamente diventa più maturo

La novità, però, è che la tonalità del film è molto più seria di quanto i trailer vorrebbero farci credere. Almeno due terzi del film. Spesso le scene sono sorprendentemente mature. Il film esce addirittura dalla sua zona di comfort in un modo che non sarebbe mai stato possibile con Bay. Detti squallidi e grotteschi lasciano il posto alle conseguenze finali e al dramma a livello personale. Nel frattempo, Smith e Lawrence dimostrano di saper recitare.

«Bad Boys For Life» sembra davvero maturo.
«Bad Boys For Life» sembra davvero maturo.
Columbia Pictures

Certo: con Smith non è una sorpresa. Ha già dimostrato il suo talento in passato in film come «Ali», «La ricerca della felicità» e «Sette anime». Ma con Lawrence sì. Mentre guardavo, immaginavo già la recensione del film. Qualcosa del genere: ehi, questa cosa dei ragazzacci, per un banchetto ricco di azione del marchio Bay è davvero ottimo!

Ma poi arriva l’ultima parte del film.

È come se la serietà di Michael Bay volesse intervenire per correggere la situazione. Potrei sbagliare ad accusarlo di questo. Tuttavia, non c'è altro modo per spiegare perché il film getta via tutta la credibilità che si è costruito: all'improvviso la serietà sparisce e con essa anche gli sviluppi che avrebbero reso i personaggi così interessanti. Ci sono di nuovo sparatorie, blateramenti e stupidaggini. Esplodono cose. Il temporale obbligatorio CGI alla fine non può mancare, naturalmente.

Eccola di nuovo, la nota formula di Michael Bay. Sbadiglio.

Conclusione: non male

Chi voglio prendere in giro? Chiunque vada a vedere «Bad Boys For Life» al cinema sa cosa aspettarsi. Soprattutto quando c’è anche DJ Khaled. No, non hai letto male. Ma, a essere onesto: il film intrattiene, eccome. Temevo di peggio.

Ancora cool: Smith e Lawrence.
Ancora cool: Smith e Lawrence.
Columbia Pictures

Will Smith e Martin Lawrence sono veterani, che avrebbero potuto portare ancora più follia sulle loro spalle senza che questo li infastidisse. Inoltre, il duo belga di registi Adil e Bilall riesce a dare al film qualcosa di simile alla credibilità, almeno per due terzi della sua durata. Così, «Bad Boys For Life» è un film d'azione che funziona, anche se non troppo impegnativo per la maggior parte del tempo.

Niente di più, niente di meno.


«Bad Boys For Life» uscirà nelle sale tedesche e svizzere il 16 gennaio 2020. Nella Svizzera romanda il film uscirà il 22 gennaio, mentre in Ticino un giorno dopo.

A 26 persone piace questo articolo


Luca Fontana
Luca Fontana
Editor, Zurigo
Avventure nella natura e sport che mi spingono al limite descrivono la mia zona confortevole. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono entusiasta delle colonne sonore dei film e ciò si sposa con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot».

Potrebbero interessarti anche questi articoli