Attenzione a queste 5 attività con i bambini
Guida

Attenzione a queste 5 attività con i bambini

Katja Fischer
11.11.2023
Traduzione: Sanela Dragulovic

La chirurga e medico d'urgenza diventa virale con il suo video su Instagram. Julia Rehme-Röhrl spiega cosa i genitori dovrebbero evitare di fare per prevenire infortuni in cui sono coinvolti i bambini. Perché lei stessa ha «semplicemente visto e vissuto esperienze poco piacevoli».

Julia Rehme-Röhrl è specialista in chirurgia traumatologica e ortopedia, medico d'urgenza, madre e da un anno e mezzo è anche content creator. Su Instagram si chiama «Notarztmami» (mamma d'urgenza) dove dà consigli medici ad altri genitori. La dottoressa tedesca conta 22 000 follower sul suo profilo. «Dal mio hobby è nata una pagina Insta molto interessante» scrive sulla sua pagina web. Vuole spiegare la medicina in modo semplice, comprensibile e gratuito, con «solo informazioni valide da parte di una professionista».

Di recente, un reel si è distinto dal suo feed di Instagram: indossando un camice bianco da medico, elenca cinque cose che non farebbe mai con i suoi figli in qualità di chirurgo e mamma. Il video è stato visto da oltre un milione di persone, ha ricevuto 22 000 cuori e più di 400 commenti. Questa è la sua opinione personale, scrive Julia Rehme-Röhrl. «Come chirurga in traumatologia e medico d'urgenza, ho semplicemente visto e vissuto esperienze poco piacevoli».

1. Andare in bicicletta senza casco

Non andrebbe mai in bicicletta senza casco, dice Julia Rehme-Röhrl. Nemmeno in scooter o motorino. «E non lascerei neanche mio figlio andare in giro senza casco. Nemmeno nel rimorchio per biciclette».

Il motivo non lo spiega. Ma non è necessario, le ragioni sono ovvie da un lato, e dall'altro la community aggiunge le proprie esperienze: «Di recente nostro figlio ha fatto una caduta così brutta che il casco è stato ammaccato per bene», ha commentato un utente in uno dei tanti esempi. «Per fortuna solo il casco. Nel momento in cui si cade, semplicemente non si ha il controllo del proprio corpo e i bambini in particolare cadono a terra in modo incontrollato e spesso direttamente di testa». Julia Rehme-Röhrl conferma: «È esattamente così»!

Chirurga di traumatologia e medico d'urgenza Dott.ssa med. Julia Rehme-Röhrl dà consigli ai genitori sui social media.
Chirurga di traumatologia e medico d'urgenza Dott.ssa med. Julia Rehme-Röhrl dà consigli ai genitori sui social media.
Fonte: Screenshot Instagram/notarztmami

2. Allacciare le cinture con la giacca

«Non mi metterei mai la cintura in macchina con addosso una giacca spessa» afferma la dottoressa. La cintura deve aderire perfettamente e fornire protezione. «Una giacca spessa lo impedisce, anche nel caso del bambino. Anche se si tratta di una breve distanza, si deve sempre togliere la giacca».

Un pericolo che la maggior parte delle persone conosce, ma che, mano sul cuore, molti genitori probabilmente trascurano di tanto in tanto. «Vorrei implementare questa soluzione, ma non so come fare», scrive una mamma sotto il post: «Spesso percorriamo solo brevi distanze, durante le quali in inverno l'auto non si scalda nemmeno. Devo davvero togliere la giacca a temperature sotto lo zero? Anche il seggiolino è gelido».

Considerato il pericolo rappresentato da una giacca spessa, la risposta è chiara: sì, dovresti comunque farlo. «Dopo l'impatto, vengono compressi prima i tessuti voluminosi e solo successivamente viene decelerato il corpo dalla cintura. In questo modo si perdono millisecondi preziosi», spiega Michael Pfäffli, responsabile della ricerca e della prevenzione degli incidenti di Axa Assicurazioni, in un blog sull'argomento. Nella maggior parte delle auto di oggi, l'abitacolo si riscalda comunque in pochi minuti. In alternativa, è possibile trasformare la giacca in una coperta e metterla sopra il bambino con la cintura di sicurezza allacciata.

3. Trampolino per bambini

I bambini difficilmente riescono a valutare le oscillazioni di un trampolino, afferma la dottoressa Julia Rehme-Röhrl. «E certamente non quando ci sono altri bambini sul trampolino». Nel suo video le sue parole sono chiare: «Ve lo consiglio vivamente: non comprate un trampolino prima che vostro figlio abbia circa otto anni».

Un punto dolente, come dimostra la marea di commenti. «Il trampolino è stata l'unica cosa che non ho mai preso sul serio finché non è successo qualcosa, purtroppo. Il bambino oggi sta bene, ma la sofferenza si sarebbe potuta risparmiare», ha commentato un utente. Le cifre parlano chiaro: secondo uno studio del Dipartimento di Chirurgia Pediatrica dell'Ospedale Universitario di Würzburg, ogni anno in Germania si verificano 40 000 incidenti sui trampolini. Il 68 percento dei casi si verifica quando più bambini saltano contemporaneamente.

4. Acquistare un letto a soppalco

Il medico sconsiglia inoltre vivamente un letto a soppalco. Il bambino potrebbe cadere «molto facilmente», anche quando sono più grandi. In particolare, quando dorme profondamente. «La caduta da un letto a soppalco può essere molto pericolosa e può portare alla paraplegia e a lesioni molto gravi, anche alla testa», afferma la dottoressa Julia Rehme-Röhrl.

Divertimento pericoloso: un letto a soppalco nella camera dei bambini.
Divertimento pericoloso: un letto a soppalco nella camera dei bambini.
Fonte: Shutterstock

Uno studio dell'Università di Lipsia conferma la sottovalutazione del pericolo. Secondo il rapporto, il più delle volte gli incidenti con i letti a soppalco portano fratture ossee nei bambini. I risultati mostrano anche che i bambini sotto i sei anni sono particolarmente a rischio. Le fratture diventano meno probabili solo dopo i dieci anni.

5. Affidarsi agli aiuti al galleggiamento

Il quinto e ultimo consiglio della dottoressa: non affidarsi mai a un aiuto al galleggiamento. «Non importa quanto sia buono, bisogna tenere d'occhio i propri figli», dice la dottoressa Julia Rehme-Röhrl a proposito del rischio di annegamento. E alla fine ammonisce: «Siete l'assicurazione sulla vita dei vostri figli».

È il consiglio meno discusso: senza eccezioni, la community è d'accordo nei commenti. Un esempio: «Mio figlio indossa sempre un giubbotto di salvataggio in prossimità dell'acqua, ma è una soluzione d'emergenza nel caso in cui io non stia prestando attenzione (faccio del mio meglio per non perderlo mai di vista, ma sono umana) e poi almeno ho un piccolo asso nella manica che spero di non dover mai usare».

Un'altra piccola carta vincente in questo contesto è il colore dei costumi da bagno. Leggi il seguente articolo per saperne di più.

  • Guida

    Perché il colore dei costumi da bagno dei bambini può fare la differenza tra la vita e la morte

    di Katja Fischer

La dottoressa Julia Rehme-Röhrl sottolinea inoltre nel suo post che questa è solo la sua personale top 5 delle cose che si astiene dal fare come medico e madre, l'elenco potrebbe continuare a lungo. Naturalmente, il sequel del reel non si è fatto attendere dopo l'enorme successo. Qualche giorno fa, «Notarztmami» ha pubblicato la seconda parte e altri tre consigli.

Immagine di copertina: Shutterstock

A 268 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Mamma di Anna e Elsa, esperta di aperitivi, fanatica del fitness di gruppo, aspirante ballerina e amante del gossip. Spesso addetta al multitasking e persona che vuole tutto, a volte chef di cioccolato e regina del divano.


Famiglia
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Salute
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

Commenti

Avatar