All'estero, molti papà vanno in bicicletta senza casco

All'estero, molti papà vanno in bicicletta senza casco

Martin Rupf
Zurigo, il 02.05.2022
Traduzione: Sanela Dragulovic

Di recente, ho fatto outing di essere un papà che non indossa sempre il casco per andare bicicletta, e ne ho pagato le conseguenze. Giustamente? Vediamo cosa succede all’estero.

Mi prendo la libertà di non indossare il casco durante le gite in bicicletta con i miei figli. Quando ho pubblicato questo articolo, esattamente un mese fa, non era mia intenzione provocare, come molti lettori hanno supposto. Volevo solo far luce sul tema dell'essere un modello di ruolo e su come i genitori affrontano le regole e le norme di comportamento.

  • OpinioneFamiglia

    Io papà non metto il casco per andare in bicicletta

Naturalmente mi sono aspettato delle reazioni al mio articolo. Eppure sono stato sorpreso dai vostri oltre 500 commenti e soprattutto dalla nota talvolta molto critica. Il 95% dei commentatori ha giudicato il mio comportamento come irresponsabile. L'utente «shy_lachi», per esempio, ha scritto: «Una ferita alla testa, anche in un incidente di cui non si ha colpa, è un pesante fardello per la famiglia. Non indossare il casco, significa imporre questo rischio a tutta la famiglia.» «the-firefighter» aggiunge: «Scrivi certe sciocchezze e pensi di aver mangiato la saggezza con un cucchiaio.» «Jason R» commenta con un pizzico di umorismo: «È semplice: chi ha qualcosa che vale la pena proteggere, indossa un casco.» Anche la mia collega di redazione Katja Fischer, mamma di due bambini, si è sentita in dovere di darmi una strigliata nella sua risposta.

  • OpinioneFamiglia

    Parla la guastafeste: papà, mettiti il casco!

In poche occasioni il mio «appello per una maggiore disobbedienza dei genitori» incontrava comprensione. Per esempio, «mjakopp» ha detto: «Se cercate di avvolgere i vostri figli nell'ovatta, li vedrete cadere più duramente in seguito» o come scrive «Lagi82»: «È davvero strano, se guidi fino al negozio del paese senza un casco, sei immediatamente trattato come un candidato alla morte in questa colonna di commenti. Personalmente, questo mi spaventa di più.»

Nel mio ambiente, non sono noto per cambiare idea come una bandiera al vento. Ma i numerosi feedback mi hanno fatto riflettere. Ho forse sbagliato il mio atteggiamento? O potrebbe essere il contrario? Sono abbastanza cauto, ma questo non è sufficientemente esemplare, o addirittura negligente?

Il bambino senza casco seduto davanti sul seggiolino a manubrio

Recentemente sono andato in vacanza con la mia famiglia. Siamo andati in Inghilterra via Rotterdam. Dopo pochi minuti nella città portuale olandese, ho notato che quasi tutti i ciclisti pedalavano per le strade senza casco.

A Rotterdam, durante i due giorni di soggiorno non ho visto quasi nessun ciclista con il casco.
A Rotterdam, durante i due giorni di soggiorno non ho visto quasi nessun ciclista con il casco.

Non ho potuto fare a meno di pensare al mio articolo e alle reazioni ad esso. Lo ammetto: ho sentito dentro una piccolissima e piacevole soddisfazione. «Oh, se solo tutti i critici potessero vedere quanto è irragionevole la gente qui sulle loro due ruote.» Infine, la ciliegina sulla torta è stata una mamma senza casco che viaggiava con il suo bambino – anche lui senza casco. E non è tutto: il bambino era seduto su un seggiolino montato sul manubrio. Quindi, se la madre dovesse cadere, il suo bambino agirebbe come un airbag umano, per così dire. Addirittura per me questo era troppo. Non ho mai guidato così con i miei figli (credo). Sfortunatamente, la mamma ci aveva già superato prima che potessi scattare una foto. Ma mi era chiaro che volevo, no, dovevo condividere le mie impressioni con la community di Galaxus.

Mi è piaciuto molto poter andare in bicicletta a Rotterdam come mi andava, senza essere guardato male e giudicato. Per due giorni ho noleggiato una bicicletta cargo, in cui ho messo i miei figli – senza caschi.

I miei figli si sono goduti il giro di Rotterdam nella Cargobike – solo con i loro berretti.
I miei figli si sono goduti il giro di Rotterdam nella Cargobike – solo con i loro berretti.

Nemmeno io, né tantomeno mia moglie su una bicicletta separata abbiamo indossato il casco. Dopotutto, non volevamo spiccare come turisti spocchiosi della Svizzera o, nel peggiore dei casi, calpestare i costumi dei nostri ospiti. Nei nostri giri per la città, il numero di ciclisti che indossavano il casco si poteva contare su una mano.

Le piste ciclabili separate forniscono una maggiore sicurezza

Ad essere onesti, Rotterdam – diversamente dalla città di Zurigo – è un Eldorado per i ciclisti. Ci sono piste ciclabili separate e semafori separati ovunque. Quindi può succedere che le auto debbano fermarsi un po' più a lungo in modo che i ciclisti si mettano in moto indisturbati. Non c'è paragone con Zurigo, dove come ciclista a volte mi sento sicuro come un gatto in un canile. Inoltre, a Rotterdam non ci sono quasi mai pendenze, motivo per cui le biciclette – di bici elettriche non ce ne sono molte – viaggiano a una velocità moderata. In sintesi: il rischio di una collisione tra le due e le quattro ruote è relativamente piccolo.

A proposito, anche a Copenhagen, città natale di mia mamma, la storia è simile. Anche qui, si vedono tanti di ciclisti senza casco – e questo in una città di milioni di persone con molto traffico di auto e autobus. E come a Rotterdam, sarà anche dovuto al fatto che nella capitale danese viene data la stessa, se non maggiore, priorità alla bicicletta.

Anche a Copenhagen si vedono molti ciclisti senza casco
Anche a Copenhagen si vedono molti ciclisti senza casco

Fin qui tutto bene. Ma che dire dell'uso del casco in un'Inghilterra che non va pazza per le biciclette? Dopo poco meno di una settimana in campagna – dove non ci sono praticamente ciclisti – così come nelle aree urbane, posso dire che circa la metà indossava il casco. Significativamente di più rispetto a Rotterdam.

Circa la metà dei ciclisti che ho visto in Inghilterra non indossava il casco.
Circa la metà dei ciclisti che ho visto in Inghilterra non indossava il casco.
Immagine: Shutterstock

Ma anche in Inghilterra sembrano esistere genitori irresponsabili. Così, nella piccola città portuale di Margate, sono riuscito a scattare una foto di Paul che porta in giro sua figlia Nellie Bee sulla sua bicicletta – almeno lei indossava un casco. Quando gli ho chiesto se potevo fare una foto per un articolo seguente al mio «outing» ha semplicemente riso e annuito. Se le risate erano dovute alla mia domanda o piuttosto al fatto che così tante persone si fossero movimentante per un padre che non indossa il casco, rimane un segreto.

Paul va in giro per Margate con sua figlia Nellie Bee – ma almeno lei indossa un casco.
Paul va in giro per Margate con sua figlia Nellie Bee – ma almeno lei indossa un casco.

Conclusione del mio studio sul campo all'estero: quando si tratta di indossare il casco, non c'è IL giusto atteggiamento o IL giusto comportamento. Piuttosto, la decisione dipende dal rischio oggettivo – cioè l'infrastruttura dedicata al traffico a due ruote – e infine, naturalmente, anche dalla percezione soggettiva della sicurezza. Pertanto, con o senza casco, guida con testa.

Immagine di copertina: Shutterstock

A 34 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Papà di due figli, terzogenito in famiglia, cercatore di funghi e pescatore, mezzo danese di nascita, appassionato spettatore di scene pubbliche e campione di gaffe.


Sport
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Famiglia
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Outdoor
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader