Recensione

Vapor Glove 5 vs. 4: due fratelli scalzi a confronto

Michael Restin
21.09.2022
Traduzione: Nerea Buttacavoli

Gli sviluppatori hanno lavorato molto sulla versione attuale della scarpa minimalista di Merrell. L'ultimo nato della famiglia di prodotti si distingue dal suo predecessore, ha un bell'aspetto e si indossa bene. C'è solo un aspetto che potrebbe non piacere ai puristi.

Si può davvero cambiare molto in una scarpa così minimalista? Questa è la domanda da un millione di dollari che mi pongo mentre infilo il Vapor Glove 5. Una scarpa da corsa a piedi nudi, sottile come un guanto, progettata per fornire protezione, sostegno e aderenza. Ma soprattutto: libertà. Come già il Vapor Glove 4, 3, 2 e 1. Libertà per le dita dei piedi, gli archi, i muscoli, i tendini e i recettori del dolore che segnalano immediatamente al cervello le pietre appuntite che vengono calpestate. La buona notizia è che si può imparare a camminare comodamente. La cattiva notizia è che bisogna farlo se si vogliono percorrere distanze più lunghe. Senza piedi in forma, le scarpe a piedi nudi diventano rapidamente dolorose.

  • Sapere

    Sulle tracce del camminare: primo giorno alla Scuola del Piede

    di Michael Restin

Per me, il contatto diretto con il suolo è diventato un bisogno. Le suole spesse di solito mi danno fastidio, da qualche anno cammino su qualche millimetro di plastica per il 90% del tempo. Mi piace la sensazione. Ma un sogliola così al piede non è sempre bella da vedere. Se ho avuto qualche problema con il Vapor Glove 4, è stato soprattutto con l’estetica. Ciò è dovuto principalmente al puntale sporgente, che ha un aspetto elegante come spropositate labbra a gommone. Certo, è funzionale e protegge dagli urti, ne sono stato contento più di una volta. Ma sono anche contento che nel Vapor Glove 5 sia più sottile. È più orientato alle generazioni precedenti della scarpa. In generale, trovo che l'aspetto sia un upgrade; il novellino mi sta simpatico a pelle.

Il Vapor Glove 5 (a sinistra) rinuncia all'effetto scarpa da pagliaccio con il puntale prominente.
Il Vapor Glove 5 (a sinistra) rinuncia all'effetto scarpa da pagliaccio con il puntale prominente.

Entrambi i modelli hanno un'altezza totale della suola di 6,5 millimetri, uguale sia nella parte anteriore che in quella posteriore. Questa cosiddetta posizione zero è obbligatoria per le scarpe a piedi nudi e si cerca invano anche un plantare. Di questi 6,5 millimetri, due sono utilizzati per la superficie profilata, 1,5 per il tessuto e tre per la soletta. Mi infastidisce un po' nelle Vapor Glove 4 perché, almeno nel mio modello, è cucita in modo non uniforme nella scarpa destra e in quella sinistra e si sente sempre leggermente anche attraverso i calzini. Sono sollevato nel vedere che è fatta meglio nel successore e che non dà più alcun fastidio.

Punto di partenza: calzini e lingue

Quando si tratta del concetto di indossamento, le strade divergono. Mentre il numero 4 si affida alla classica linguetta e ai lacci, il numero 5 vuole essere ancora «più guanto» e brillare con la qualità slip-on. Naturalmente, i lacci ci sono ancora. In questo caso, la cosa che mi piace di più è soprattutto l’aspetto. Entrambi sono facili da indossare, perché – vantaggio delle scarpe a piedi nudi – la suola morbida sul tallone può essere semplicemente ripiegata e messa sopra il piede. A differenza della versione 4, nel modello attuale non corro più il rischio di accartocciare la linguetta nella scarpa.

Il nuovo modello è un po' più stabile dal punto di vista dimensionale rispetto al fratello maggiore, ormai logoro.
Il nuovo modello è un po' più stabile dal punto di vista dimensionale rispetto al fratello maggiore, ormai logoro.

Tuttavia, se il piede non è molto largo e si stringono i lacci, la parte interna della scarpa può presentare delle grinze. Per quanto riguarda questi ultimi, il modello Spaghetti (rotondo, Vapor Glove 5) e il modello Tagliatelle (piatto, Vapor Glove 4) sono in competizione tra loro. Dal punto di vista funzionale non ho un chiaro preferito. Le allaccio una volta all’inizio, da quel momento in poi mi infilo in qualche modo nella scarpa e spero di non dover più toccare l’allacciatura. Possono essere utilizzati come esempio dell'aumento della quota di riciclaggio: nel modello attuale i materiali per i lacci sono completamente ricilclati. La tomaia in mesh (40%) e la suola (30%) sono almeno sulla buona strada.

Suole: fondamentalmente diverse eppure uguali

Le cose sono davvero cambiate nella parte inferiore. Lo spessore della suola e la profondità della superficie profilata sono rimasti invariati e le mescole di gomma sono di Vibram. A parte questo, non c’è alcuna somiglianza. Mentre la versione 4 sperimenta con un profilo triangolare più grossolano che si trasforma lentamente in grandi rombi nella zona del mesopiede, la versione 5 è dotata di un motivo omogeneo che ricorda quasi il profilo scanalato di una scarpa da interni.

Il profilo grossolano del Vapor Glove 4 è scomparso relativamente presto.
Il profilo grossolano del Vapor Glove 4 è scomparso relativamente presto.

Spontaneamente, la suola e la scarpa sembrano un po' più dure rispetto al modello precedente, il che potrebbe essere dovuto al fatto che è ormai abbastanza usurata – ho camminato per un buon anno su asfalto e sentieri facili. Di conseguenza, nell'area del tallone il profilo è completamente scomparso. Spero che il profilo su piccola scala del successore sia un po' più resistente. È ancora relativamente nuovo e cigolante – anche sul marciapiede fa rumore.

Nel complesso, la suola, come l'intera scarpa, dà un'impressione di maggiore robustezza ed è una questione di gusti personali se la si trova migliore o peggiore. In un punto, tuttavia, il nuovo modello rinuncia alla massima robustezza; il cappuccio rialzato del tallone del suo predecessore è scomparso e non ne sento la mancanza. Se si corre quasi a piedi nudi, raramente si srotola sul tallone.

Risparmi nel posto giusto: la protezione del tallone del Vapor Glove 5 (a sinistra) è sufficiente.
Risparmi nel posto giusto: la protezione del tallone del Vapor Glove 5 (a sinistra) è sufficiente.

Protezione: meno è meglio

Gli sviluppatori hanno pensato di eliminare il salsicciotto di gomma. Un'idea che accolgo con grande favore. L'approccio di integrare la protezione della punta nel materiale esterno senza rialzi è chiaramente vincente a prima vista. Inoltre, attenua gli impatti accidentali su radici o gradini e si estende un po' più indietro sull'alluce.

La protezione della punta è molto più sottile nella versione attuale.
La protezione della punta è molto più sottile nella versione attuale.

In questo caso, dall'esterno, il Vapor Glove 5 ha una forma chiara e non si fa notare più di tanto. All'interno, invece, un po’ meno: l'alloggiamento della punta non è più così spazioso, posso muovermi un po' meno verso l'alto e ai lati. Per i puristi del piede nudo, ovviamente, il divertimento finisce qui.

Libertà di movimento: 4 in vantaggio

Indosso entrambi i modelli nella taglia 44,5 e solo con la versione 5 mi chiedo di tanto in tanto se una mezza taglia in più sarebbe ancora più comoda. Poi scarto di nuovo l'idea, perché già ora per avere un sostegno sufficiente, devo tirare l'allacciatura così tanto da far apparire delle grinze nel tessuto sulla parte superiore del piede. Sono tutte piccole cose che possono essere più o meno importanti a seconda dell'anatomia. In termini di sensazione di libertà, per me il Vapor Glove 4 è avanti di un briciolo: ad esempio, non sento alcuna resistenza quando mi alzo sulle punte dei piedi, la scarpa si ripiega praticamente da sola quando viene tolta e appoggiata sul pavimento.

Quando ci si alza sulle punte, il Vapor Glove 5 offre (ancora?) un po' più di resistenza.
Quando ci si alza sulle punte, il Vapor Glove 5 offre (ancora?) un po' più di resistenza.

Questo è certamente dovuto in parte al fatto che ormai è già più usurato e si è adattato bene alla forma del mio piede. Tuttavia, giocano un ruolo importante anche il tessuto e i rinforzi laterali, che si ritirano ulteriormente sul Vapor Glove 5, soprattutto sull'alluce. Dove la scarpa deve cedere a ogni passo e il materiale è sollecitato, entrambe le varianti non mostrano ancora segni di usura. Per evitare qualsiasi malinteso: entrambi i modelli sono estremamente sottili, offrono molta libertà e si sentono appena come scarpe. Sono più distanti dal Trail Glove 6, che offre un sostegno decisamente maggiore e una minore sensazione di libertà, motivo per cui l’ho apprezzato solo gradualmente per le corse su terreni più accidentati.

  • Recensione

    Merrell Trail Glove 6: una scarpa intermedia

    di Michael Restin

Le differenze tra il Vapor Glove 4 e il Vapor Glove 5 sono grandi dal punto di vista estetico e molto sottili in termini di sensazione di indossamento. Con i suoi 180 grammi, il nuovo modello della mia misura pesa ben dieci grammi in più rispetto al suo predecessore. E forse è proprio questa la differenza. Che sia trascurabile dimostra quanto siano leggeri e vicini questi due modelli.

Conclusione

La versione 4 mi sembra ormai una seconda pelle. La versione 5 mi sembra ancora una scarpa super leggera, che sento un po' meno ogni giorno. Posso raccomandare entrambi i modelli della famiglia Vapor Glove quasi senza riserve, se il tuo piede è in forma. Per un prezzo relativamente basso, si ottiene la minore quantità possibile di scarpe, il che in questo caso deve essere considerato un elogio. Il nuovo modello ha un aspetto migliore ai miei occhi e trovo anche sensato il profilo più fine della suola, più orientato verso il Vapor Glove 3. Offre un'aderenza sufficiente anche su terreni leggeri e spero che non si usuri così rapidamente come è successo con il Vapor Glove 4.

Quando ho bisogno di un profilo più robusto e di un po' di protezione in più, scelgo il Trail Glove 6. Per il resto, il fatto che la famiglia continui a crescere e a svilupparsi è già tutto un dire. A prima vista, le Vapor Glove 5 e 4 possono sembrare due fratelli non uguali. Hanno i loro angoli e bordi, ci sono lievi differenze nella forma e nella sensazione di indossamento. Il nuovo modello sembra un po' più robusto e più stretto nella zona della punta. Tuttavia, si nota sempre che hanno gli stessi geni.

A 15 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Scienziato sportivo, padre di alto livello e ufficiale di casa al servizio di Sua Maestà la Tartaruga.


Sport
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader