«Upstaa»: provo l’alternativa alla scrivania per lavorare in piedi

«Upstaa»: provo l’alternativa alla scrivania per lavorare in piedi

Pia Seidel
Zurigo, il 18.02.2021
Traduzione: Nerea Buttacavoli
Stare seduti troppo a lungo è dannoso sia per la nostra produttività che per la nostra salute. Ciononostante, solo pochi uffici sono progettati per il lavoro in piedi. Ecco perché è nato «Upstaa», un rialzo progettato appositamente per rendere ogni scrivania adatta al lavoro in piedi. Riuscirà nel suo intento?

Non ho ancora problemi alla schiena, bensì il nervosismo da telelavoro. Mi manca lavorare nell’ufficio open space o nel bar dietro l’angolo. Non riuscendo proprio a stare ferma, provo a lavorare in piedi. Il rialzo da tavolo Upstaa dovrebbe permettermi di farlo e fornire il cambio di scenario di cui ho bisogno. Non approfondisco l'effetto che l'intera faccenda ha sulla mia salute. Mi concentro sul design e su come influenza le mie abitudini. Riesco a lavorare in piedi? E quali altri luoghi possono diventare la mia postazione di lavoro?

Specifiche

Tutte le parti in legno a colpo d'occhio. Vengono consegnate in una scatola di cartone.
Tutte le parti in legno a colpo d'occhio. Vengono consegnate in una scatola di cartone.
  • Un ripiano (35 x 1,75 x 25 cm) per il computer portatile o il monitor
  • Un ripiano (80 x 1,75 x 20 cm) per tastiera, mouse, smartphone, penna e taccuino, tazza da caffè, ecc.
  • Caratteristiche: regolabile in altezza
  • Materiale: compensato di betulla FSC laccato
  • Carico massimo: 4 kg
  • Peso: 7 kg
  • Dimensioni: 80 x 47 x 72 cm
  • Montaggio: senza attrezzi
  • Volume di consegna: parti in legno, colla per plastica per proteggere le superfici, istruzioni e una scatola di cartone

Le istruzioni per il montaggio e le guide in plastica sono incluse.
Le istruzioni per il montaggio e le guide in plastica sono incluse.

Questa è la prima volta che provo un'alternativa alla scrivania per lavorare in piedi. A questo scopo, il produttore mi fornisce un campione, che viene consegnato in una scatola di cartone piatta salvaspazio. Upstaa può anche essere riposto nell'armadio. Mi piace già. Non c'è niente di peggio delle cose ingombranti che non possono essere nascoste in casa. Il montaggio riesce al primo tentativo, parto subito.

Il mio portatile da 13 pollici sta sul ripiano superiore.
Il mio portatile da 13 pollici sta sul ripiano superiore.

Finora, in casa mi sedevo alla mia scrivania alta 75 centimetri «Journal» di Normann Copenhagen. Ora la uso come base per il modello Upstaa della serie Classic XL. Offre diverse altezze per i piani di lavoro. Così posso regolarlo secondo la mia altezza di 1,74 metri. Se hai bisogno di un modello meno largo, c'è anche la versione più piccola «Classic Standard» da 72 cm e per 260 franchi in meno.

Anche con un portatile da 14 pollici c’è ancora spazio a sinistra e a destra.
Anche con un portatile da 14 pollici c’è ancora spazio a sinistra e a destra.

Posso usare l'alternativa della scrivania in piedi in due modi: o uso solo il ripiano per un computer portatile, o lo uso insieme all’altro ripiano per avere una tastiera e un mouse aggiuntivi. Opto per il secondo e scelgo la scrivania come base. Faccio presto a trovare l’altezza giusta dove le mie braccia sono ad angolo retto. Posiziono la superficie di lavoro inferiore sul terzo gradino e ci appoggio il mio mouse e la mia tastiera Bluetooth. Se non possiedi varianti Bluetooth, non hai da preoccuparti per i passaggi dei cavi: intorno a Upstaa è tutto libero. Questo è sia una maledizione che una benedizione – per gli esteti sarà più difficile nascondere i cavi.

La scala ha numerose aperture per la gestione dei cavi.
La scala ha numerose aperture per la gestione dei cavi.

Per ora uso il portatile solo come monitor. Ecco perché lascio cinque aperture libere. Ne basterebbero anche tre o quattro per avere modo di usare la tastiera. Tuttavia, il display non sarebbe più di fronte a me, e dovrei abbassare la testa mentre lavoro. Per sperimentare Upstaa in diversi scenari, lo provo anche nella sala da pranzo. Il modo più semplice per spostare Upstaa è smontandolo. Tutto insieme pesa sette chilogrammi e le singole parti non sono collegate in modo fisso. Il tavolo da pranzo è alto 76 centimetri. Abbasso quindi tutto di un livello. La distanza tra le tavole rimane la stessa.

Per vedere la tastiera, devi posizionarla almeno tre livelli più in basso.
Per vedere la tastiera, devi posizionarla almeno tre livelli più in basso.

Ho un po' di spazio sul ripiano di legno più basso vicino ai dispositivi elettronici sulla sinistra. Mi piace usarlo per un bicchiere d’acqua, per ricordarmi di bere regolarmente. Mentre lavoro, le mie braccia sono rilassate. Di tanto in tanto le lascio penzolare, le incrocio o le appoggio sui fianchi. Le spalle si abituano rapidamente alla nuova postura. La mia zona lombare, invece, non proprio. Duole un po’. Anche se faccio jogging e mi alleno, i miei muscoli non sembrano essere abbastanza rafforzati in questa zona. D'ora in poi posso rafforzarli anche durante le ore di lavoro.

Il ripiano per la tastiera è piacevolmente morbido fin da subito e il mouse si muove senza problemi. A volte scivolo oltre il bordo superiore quando lo sposto. Se il ripiano inferiore fosse di qualche centimetro più basso, questo potrebbe essere evitato. Per lo stesso motivo, solo un tappetino per il mouse particolarmente piccolo si adatta alla superficie di lavoro inferiore, che è più stretta di cinque centimetri rispetto a quella superiore. Posso ancora appoggiare il palmo della mano, ma chi ha delle mani più grandi potrebbe avere problemi di spazio.

Il ripiano per la tastiera è troppo stretto per un tappetino per il mouse.
Il ripiano per la tastiera è troppo stretto per un tappetino per il mouse.

«On the sunny side of things»

Ogni tanto mi piace usare solo il portatile per lavorare, e mettermi al sole. Nel mio ufficio a casa e nella sala da pranzo non arriva direttamente, in cucina invece sì. Così sposto di nuovo la mia postazione di lavoro e testo il ripiano per il monitor sul bancone della cucina. Poiché è alto 90 centimetri, uso il secondo gradino più basso. Non c'è abbastanza spazio per una tastiera. In genere serve almeno un distacco di due livelli per poter utilizzare il secondo ripiano – se riesci a scrivere senza guardare. Per le persone più alte, ovviamente, è diverso.

Ora che sto scrivendo direttamente sulla tastiera dal portatile, Upstaa oscilla leggermente. Non mi infastidisce; sono abituata a lavorare su tavolini traballanti o in treno. Per me è più importante che il costrutto resista alla mia abitudine di gesticolare vivacemente – a quanto pare mi sono appropriata di quest’arte quando ho imparato l’italiano – nelle videochiamate. Per mia fortuna, Upstaa è stabile.

Con il tempo, in questa posizione, sento che devo inclinare troppo il collo verso il basso. Nei giorni seguenti, quindi, faccio una rotazione continua delle diverse stanze e postazioni. Per certi compiti, preferisco lavorare con due schermi. Sfortunatamente, questo non è possibile viste le dimensioni del ripiano per il monitor. Ecco perché anche la mia scrivania per il journaling non è da meno.

Dopo alcuni giorni di lavoro, alternando sessioni da seduta a quelle in piedi, la mia zona lombare si sente meglio. Anche in questo caso: equilibrio e una buona combinazione rendono la vita migliore.

L’apparenza è tutto

Chiamami superficiale, ma ciò che per me conta maggiormente per ogni oggetto di arredamento è l’aspetto. Upstaa mi convince in questo senso. In cucina, nella sala da pranzo o nell’ufficio a casa – il design essenziale si abbina bene a molti stili di arredamento. Anche perché il colore è un bel bianco neutro. L'alternativa alla scrivania in piedi è disponibile anche in colori primari e tonalità pastello, se preferisci aggiungere un tocco di colore. Upstaa è disponibile anche in altre dimensioni. Mi piace che questa scrivania in piedi non sia un materiale fasullo. Il legno di betulla sotto il rivestimento di plastica è visibile ed è più ruvido al tatto della superficie liscia.

I dettagli in legno creano un contrasto che diventa una cornice decorativa per Upstaa.
I dettagli in legno creano un contrasto che diventa una cornice decorativa per Upstaa.

Nessuna traccia di colla o viti disturbano l'estetica. Tuttavia, se dovessi comprare Upstaa dopo questo test, non sceglierei il modello bianco ma quello color salvia. Non c'è niente di più raffinato di un tocco di colore nel tuo ufficio mobile per stimolare i sensi.

Gli up and down di Upstaa – il mio verdetto

Upstaa non mi fa risparmiare una scrivania, ma mi fa risparmiare una compressa di vitamina D quotidiana in inverno. Posso lavorare in diversi luoghi del mio appartamento. Quello che da me è il bancone della cucina soleggiato, per te può essere la cassettiera in soggiorno o il tavolo in veranda. I diversi livelli rendono facile adattare la scrivania per lavorare in piedi alla propria altezza e alla superficie di appoggio. Questo design sofisticato e semplice, che si integra in qualsiasi arredamento interno, ha il suo prezzo: a 273 franchi, il rialzo del tavolo costa più di altre alternative, come la postazione di lavoro alternativa di NewStar. Ma Upstaa può essere ripiegato e nascosto sotto la scrivania o in un armadio quando non lavori.

Non posso dire nulla sugli effetti a lungo termine sul mio corpo, ma posso dire qualcosa sugli effetti a breve termine: mantengo la schiena più dritta di quando sono seduta e mi muovo più spesso. Mi muovo al ritmo della mia canzone preferita o cammino per la stanza più spesso mentre faccio una pausa di riflessione. Sarebbe auspicabile avere lo stesso spazio di un tavolo normale per il mouse. Tuttavia, la varietà nel lavoro con Upstaa mi fa sentire positiva per il futuro. Come disse il collega Michael Restin sul lavoro in piedi: «I nostri corpi sono fatti per muoversi». Stare troppo seduti fa male. Stare troppo in piedi non fa bene. Anche se Upstaa potrebbe non essere l'alternativa più economica alla scrivania in piedi, mi dà un cambio di scenario nel mio ufficio a casa – e si spera che prevenga futuri problemi alla schiena a lungo termine.

A 103 persone piace questo articolo


Pia Seidel
Pia Seidel
Senior Editor, Zurigo

«Ci sono due modi di vivere la vita. Uno è pensare che niente è un miracolo. L'altro è pensare che ogni cosa è un miracolo.» – Albert Einstein


Potrebbero interessarti anche questi articoli