Transformers: perché i robot alieni parlano?

Transformers: perché i robot alieni parlano?

Dominik Bärlocher
Zurigo, il 05.10.2020
Traduzione: Leandra Amato
A Optimus Prime piace fare discorsi. A Megatron piace insultare. Inutile nel contesto della comunicazione delle macchine. Altri protocolli sarebbero molto più efficienti in caso di guerra intergalattica.

Una scena del primo film dei Transformers del 2007.

«Perché combattiamo per salvare gli umani? Sono una razza primitiva e violenta», dice Falco, l’Autobot.

«Eravamo diversi noi? Sono una specie giovane; hanno molto da imparare. Ho visto del buono in loro. La libertà è il diritto di tutti gli esseri senzienti. Sapete bene che c'è un solo modo per concludere questa guerra: dobbiamo distruggere il cubo. Se tutto dovesse fallire lo riunirò con la scintilla nel mio petto», risponde Optimus Prime, il capo degli Autobot.

Molti autori e youtuber hanno parlato online dei punti deboli dei film diretti da Michael Bay, ma nessuno di loro ha affrontato l'aspetto della comunicazione. Non importa quanto tu sia bravo in inglese: la scena di cui sopra non ha senso nel contesto del film.

Il problema è la comunicazione in sé. Non ha assolutamente senso che gli Autobot parlino tra di loro.

La presunta anatomia di un Transformer

Per prima cosa, dobbiamo capire cos'è un Transformer. Prendiamo Optimus Prime, che è quello che parla di più. I suoi discorsi alla fine di ogni film sono sempre di ispirazione kitsch e vengono pronunciati nell’originale inglese con la voce di Peter Cullen.

I Transformer provengono dal pianeta Cybertron e sono bloccati sulla Terra perché il loro pianeta natale è stato distrutto in una guerra civile tra gli Autobot e i Decepticon. Sia gli Autobot che i Decepticon sono robot altamente sofisticati. Hanno la capacità di disporre i loro singoli componenti in modo tale da sembrare dei veicoli sul pianeta su cui si trovano. Per lo più automobili. Nel caso dei Dinobot possono diventare anche dinosauri. Imparano la lingua della popolazione locale attraverso la scansione dei media del pianeta. Questo permette loro di comunicare con la popolazione indigena.

Inoltre, Optimus Prime ha certamente un potente impianto trasmittente integrato, perché alla fine di ogni filmato invia un messaggio nello spazio ad altri Autobot che cercano rifugio da qualche parte là fuori, senza l’aiuto di ulteriori macchinari.

Questo trasmettitore è importante: è la ragione per cui non ha senso che i Transformer parlino tra loro.

MP3 contro AirDrop

Una voce nel computer richiede un protocollo audio. Anche se Optimus Prime ha le labbra che si muovono quando parla nel film, ci deve essere un altoparlante da qualche parte che emette una voce generata dal computer. Doc lo conferma in Transformers I quando dice: «Il suo processore vocale è stato danneggiato in battaglia». Se prendiamo il formato di file audio più comune, MP3 a 128 kb, allora un minuto di audio corrisponde esattamente a 960 KB.

Stranamente, nel primo filmato dei Transformer, la risposta dura 60 secondi. Quindi, Optimus Prime ha un'uscita di 960 KB di dati attraverso gli altoparlanti. E ha inviato lo stesso file audio nello spazio tramite il suo trasmettitore.

È estremamente inefficiente.

Sarebbe più ragionevole se gli Autobot comunicassero tra loro tramite AirDrop o Huawei Share o Nearby Sharing. Questi sono i protocolli che Apple, Huawei e Android utilizzano per lo scambio di dati tra due dispositivi fisicamente vicini – circa un paio di dozzine di metri. A seconda della potenza di trasmissione dei due apparecchi, sono possibili distanze maggiori.

Huawei documenta la sua tecnologia abbastanza bene nei Developer Docs e così si può leggere che la velocità massima in condizioni ideali è di 80 MBps, che corrisponde a 4800 MB al minuto. Se i Transformer avessero utilizzato Huawei Share per comunicare tra loro, avrebbero potuto comunicare 5000 volte di più o 5000 volte più velocemente.

Huawei Share trasferisce i dati 5000 volte più velocemente del formato MP3.
Huawei Share trasferisce i dati 5000 volte più velocemente del formato MP3.

Nearby Share è un po' più lento, perché trasferisce i dati via Internet o Bluetooth, in passato doveva funzionare in modo simile all'AirDrop di Apple. Un test aneddotico attualmente fornisce una velocità di 5 MBps, il che significa che Optimus Prime parlerebbe comunque cinque volte più velocemente rispetto a quando si comunica tramite altoparlanti. AirDrop stabilisce una connessione WiFi peer-to-peer via Bluetooth e offre velocità più elevate rispetto a Nearby Share. Non è confermato esattamente quanto siano più elevate, dato che Apple sembra trattenersi nel comunicare dati esatti.

D'altra parte, Apple dice che il protocollo funziona con 2048-bit RSA Identities. Ciò significa che i dati sono criptati piuttosto bene. Huawei utilizza un'invenzione propria chiamata «Password Authenticated Key Exchange» (PAKE). Nearby Share attualmente non sembra utilizzare alcuna crittografia.

Dopo una breve e superficiale ricerca, consiglierei ai Transformer di utilizzare Huawei Share. Solo perché lì ho velocità affidabili, come Autobot posso stimare più facilmente quanti dati posso inviare in un tempo utile. Perché se i Decepticon attaccano, bisogna muoversi in fretta. «Più veloce che mai» non basta. È in gioco la sopravvivenza del pianeta Terra. Minimo.

Inoltre, la comunicazione tramite il protocollo di Share ha senso in quanto può trasmettere più di un solo segnale audio. Il comando «Ironhide, you take the left flank» diventa un insieme di coordinate esatte con immagini satellitari e un piano tattico della zona di combattimento. Se i Transformer utilizzano una compressione dell'immagine ragionevole, possono trasmettere anche piani alternativi. Poiché Optimus Prime ha un sistema trasmittente integrato, questa caratteristica non è esclusa in altri Transformer. Niente ostacola la comunicazione senza fili e non verbale.

I robot killer dello spazio sarebbero ancora più letali, più veloci e più efficienti. La cosa più importante è che quasi certamente richiederebbe meno batteria. Questo perché la trasmissione del suono richiede una grande quantità di funzioni meccaniche. Le labbra devono muoversi, il volume deve essere modulato, i suoni della voce devono essere generati con vibrazioni.

Quando ha senso che i Transformer parlino

Tuttavia, ci sono occasioni in cui un Transformer deve parlare. Il caso d'uso più ovvio di una voce: quando un Transformer parla con la popolazione indigena del pianeta. Perché a meno che questa popolazione non sia composta anche da giganteschi robot killer il cui protocollo di condivisione è identico a quello degli Autobot o dei Decepticon, allora si deve trovare una base comune.

Bluetooth o qualcosa del genere. Come ultima opzione: la voce. Oppure il proiettore olografico, che ha integrato anche Optimus Prime.

Quando Optimus Prime parla con le persone, si raccomanda la comunicazione verbale.
Quando Optimus Prime parla con le persone, si raccomanda la comunicazione verbale.

Inoltre, una voce è utile quando Optimus Prime vuole parlare con il suo avversario Megatron. Perché anche se i due provengono dallo stesso pianeta, forse addirittura costruiti nella stessa fabbrica – c'è la scena in cui Megatron definisce Optimus Prime suo fratello – ha senso se i due robot nemici usano una crittografia diversa o anche versioni diverse dello stesso protocollo. Perché sarebbe un'altra barriera per impedire alla fazione nemica di ascoltare. Oppure Optimus Prime può semplicemente rifiutare «Megatron wants to share 80 MB of data with you» e Megatron rimane lì, come un babbeo.

Questo è quanto. E per quanto stupidi siano i film, la voce di Peter Cullen è sempre epica.

A 24 persone piace questo articolo


Dominik Bärlocher
Dominik Bärlocher

Senior Editor, Zurigo

Giornalista. Autore. Hacker. Sono un contastorie e mi piace scovare segreti, tabù, limiti e documentare il mondo, scrivendo nero su bianco. Non perché sappia farlo, ma perché non so fare altro.

Informatica

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


Audio + Home cinema

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


Smartphone

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


Potrebbero interessarti anche questi articoli