Opinione

Tesla Bot and Co. – i robot prenderanno presto il nostro posto a lavoro?

Martin Jud
24.08.2021
Traduzione: Leandra Amato

Tesla vuole lanciare un robot umanoide il prossimo anno. Dovrebbe essere amichevole e incaricarsi di lavori noiosi, ripetitivi o pericolosi. È l'inizio di un nuovo mondo?

All'inizio c'è un sogno, una visione. Il capo di Tesla Elon Musk vuole lanciare già l'anno prossimo un prototipo di robot umanoide che renderà la tua vita più facile. Il suo nome: Tesla Bot alias Optimus.

Ecco come il capo di Tesla Musk immagina Optimus.
Ecco come il capo di Tesla Musk immagina Optimus.
Immagine: Tesla

Non c'è ancora nessun segno di Optimus. È solo una visione, come il ritorno delle auto elettriche non molto tempo fa. Pertanto, quando il robot è stato annunciato, un ballerino in costume è bastato ad accompagnare la presentazione.

Si dice che Optimus sia alto 1,72 metri, che pesi 57 chilogrammi e che sia in grado di trasportare fino a 20 chilogrammi. Si dice anche che sia in grado di sollevare circa 70 chilogrammi da una posizione in piedi. Tesla prevede di costruire il robot con materiali leggeri e di equipaggiarlo con telecamere, un computer a guida autonoma, sensori di movimento e di tocco e una rete neurale artificiale. Il movimento sarà assicurato da 40 motori elettrici. Se tutto va bene, il futuro proprietario di un Tesla Bot potrà far cambiare i pneumatici della sua auto a Optimus. E anche tutti quelli del vicinato. I vicini saranno felici di risparmiare non solo tempo, ma anche denaro per la visita in officina.

Il mercato azionario ha ingoiato l'annuncio di Musk giovedì scorso, senza punire Tesla per questo nel fine settimana. L'idea sembra prendere piede per il momento. L'ambizioso programma di Musk, però, è discutibile: Tesla sta ancora cercando esperti per realizzare i piani e non ci sono ancora notizie concrete. Tuttavia, l'idea da sola ha il potenziale di cambiare tutta l'umanità. Questo potrebbe riflettersi in una nuova rivoluzione economica, sociale e culturale. Il nostro modo di vivere potrebbe cambiare. La nostra comprensione del lavoro, o addirittura di tutto, potrebbe presto essere capovolta.

Robot del presente – questi modelli umanoidi esistono già

Ma procediamo lentamente. A che punto si trova l'umanità? I robot non sono più fantascienza. Vengono già utilizzati da anni nell'industria o anche dai militari per una grande varietà di scopi: magazzini completamente automatizzati, robot di produzione nell'industria automobilistica, robot di pulizia o droni da combattimento. Ma si tratta di robot specializzati. Possono svolgere pochi compiti, o addirittura solo uno. Ma un robot che può fare praticamente tutto quello che possiamo fare noi umani? Questo manca. Oppure no?

La visione di Musk non è fantascienza. I robot Atlas della Boston Dynamics mostrano come gli umanoidi artificiali possono già muoversi bene. C'è anche una pista da parcour che include salti mortali:

Le emozioni alla fine del percorso sono programmate dagli umani, ma i due robot alti 1,5 metri e dal peso di 80 chili le ritraggono così bene, che anche noi gioiamo con loro – o almeno io.

Non così mobile come Atlas, ma almeno altrettanto noto dovrebbe essere Asimo di Honda. Il robot, che è alto 1,34 metri e pesa 48 chilogrammi, ha visto la luce nel novembre 2000 e da allora è stato attivamente sviluppato. La sua particolarità è che sa riconoscere i volti e i gesti e reagisce autonomamente alle persone.

Per quanto Atlas e Asimo siano impressionanti, sono ancora dei robot specializzati. Manca un robot che combini le loro caratteristiche. Ma i pezzi del puzzle per Musk e Tesla ci sono. Il compito ora è quello di mettere insieme il meglio di tutto ciò che esiste e unirlo in un’unica piattaforma. La funzione di creazione automatica di mappe dei robot aspirapolvere di oggi potrebbe essere usata tanto quanto la cordialità di Asimo o l'agilità di Atlas.

Per me, una funzione di cottura dovrebbe anche essere un must. Una di queste è già disponibile per l'acquisto da quest'anno. Purtroppo, la cucina robotica Moley costa quasi 340 000 dollari:

Il mondo professionale cambierà presto?

Ciò che anni fa era ancora agli inizi, ora è maturo – o almeno più maturo. Se si considera che ci sono ancora sfide da superare come la breve durata della batteria. Tuttavia, i passi cauti di Asimo sono da tempo passati di moda. Boston Dynamics dimostra con i suoi robot che una replica del sistema locomotore umano esiste già oggi come copia robotica e funziona perfettamente. Insieme a tutto ciò che noi umani abbiamo creato nel campo dell'IA, dopo la lavatrice, la lavastoviglie e il robot aspirapolvere, la strada dovrebbe essere spianata per il Tesla Bot dal punto di vista tecnologico. Forse arriverà l'anno prossimo, forse più tardi. Non dubito che arriverà. Un'azienda delle dimensioni di Tesla e con un capo ambizioso e un po' pazzo lo farà diventare realtà.

Ma cosa significa questo per noi umani?

Elon Musk ha detto all'emittente statunitense CNBC che non ha intenzione di utilizzare il Tesla Bot nelle sue fabbriche per il momento. Tuttavia, ha proseguito sottolineando che i robot potrebbero avere un profondo impatto sull'economia e soprattutto sul mercato del lavoro. Che cosa intende dire?

Musk vede un mondo pieno di robot nel futuro. Non assumono solo il lavoro nei capannoni industriali, ma anche quello dei dipendenti dell'ufficio postale, dei custodi o del verniciatore di automobili. I tassisti non sono quindi probabilmente una cosa del passato a causa dei Tesla Bot, ma a causa delle auto a guida autonoma. Anche il robot che mandi in città per fare delle commissioni viaggia al loro interno. Forse porterà con sé il tuo Robo Dog e gli farà fare i bisogni digitali nel parco della città?

  • Novità e trend

    Grazie a Xiomi il Robo-Dog sarà alla portata di tutti

    di Martin Jud

Il signore che doveva mettere un cetriolo nel panino ogni cinque secondi nella catena di montaggio della grande panetteria è stato sostituito da tempo da una macchina. Ma il presente del posizionatore di cetrioli potrebbe presto diventare il futuro di molti altri. Potrebbe essere che in un futuro relativamente prossimo molti lavori spariranno a causa dei robot. Ciò che rimarrebbe nel mondo professionale sarebbero i lavori scientifici, sociali e creativi. Quindi, come per le precedenti rivoluzioni industriali, colpirebbe prima i meno istruiti. In altre parole, tutti coloro che già vivono in condizioni precarie.

Ma Musk vede anche un futuro per loro. Infatti, alla rivista specializzata Tech Crunch ha detto che a lungo termine ci deve essere un reddito di base universale. In questo modo, tutti coloro che sono minacciati di perdere il lavoro potrebbero anche essere assorbiti.

Robot buono, robot cattivo: si profila un'apocalisse dei robot?

Quindi la nuova tecnologia dei robot racchiude sia opportunità che rischi. Per esempio, un robot può essere usato per spiare i suoi proprietari se è stato programmato per farlo. Se i robot del futuro dovessero essere in grado di imparare nuove cose da soli, bisognerebbe ovviamente prendere delle precauzioni. Salvaguardie, che a loro volta si basano su concetti umani, etici e morali. Come le leggi dei robot che Isaac Asimov ha stabilito quasi 80 anni fa:

  1. Un robot non può (intenzionalmente) recare danno a un essere umano, né può (intenzionalmente) permettere che, a causa del suo mancato intervento, un essere umano subisca un danno.
  2. Un robot deve obbedire agli ordini impartiti dagli esseri umani, a meno che questi ordini non contrastino con la Prima Legge.
  3. Un robot deve salvaguardare la propria esistenza, a meno che questa autodifesa non contrasti con la Prima o la Seconda Legge.

Il mondo si sviluppa in meglio grazie ai robot? È una questione di opinione. Di regola, le innovazioni non solo incontrano l'approvazione, ma anche l’opposizione. È successo anche alla stampa e a Internet. Oggi, i libri stampati sono quasi obsoleti e Internet è parte integrante della nostra vita quotidiana. Entrambi hanno distrutto posti di lavoro, ma ne hanno anche creati di nuovi.

Forse il mondo sta cambiando in meglio grazie alla robotica. Sta diventando un mondo in cui non si tratta più solo di profitto. In cui, grazie a un reddito di base, nessuno corre mai il rischio di cadere fuori dal sistema. Un mondo in cui tutti hanno la possibilità di realizzarsi. Che sia nello sport, nella scienza, in una professione sociale, rilassato come apicoltore o come artista che vuole ancora essere scoperto. Naturalmente, questo può anche sfuggire di mano, come si è visto con WALL-E.

Considero piuttosto improbabile che possa seguire un'apocalisse di robot in stile Terminator. Almeno fino a quando non permettiamo ai robot di essere padroni di se stessi. Comunque, non sarebbe l'intelligenza artificiale dei robot ad ucciderci. Sarebbe l'umano dietro la programmazione dell'IA. Sta a noi definire e rinegoziare costantemente il significato e lo scopo dei robot. C'è da sperare che il negoziato non coinvolga persone che vogliono lanciare bombe nucleari o costruire campi di concentramento.

A 45 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

La mia musa ispiratrice si trova ovunque. Quando non la trovo, mi lascio ispirare dai miei sogni. La vita può essere vissuta anche sognando a occhi aperti.


Robotica
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

37 commenti

Avatar