Non sei connesso a internet.
Corporate logo
SaluteRitratto 178

«Senza una donazione di sangue, non sarei qui oggi»

Alex Peyer lavora presso Digitec Galaxus AG nella logistica. La giovane donna ama gli animali più di ogni altra cosa. Fin dall'infanzia adora cavalcare, come ha fatto il 2 aprile 2017, la domenica in cui il cavallo, «impennando», si ribalta cadendo proprio su di lei. Le conseguenze sono fatali eppure lei è fortunata ad essere viva.

Alex Peyer e io ci siamo incontrati per un'intervista in un pomeriggio soleggiato. Incontro una donna allegra, che mi colpisce subito con la sua positività. Ci sarebbero abbastanza ragioni per prendersela con il destino. Il 2 aprile 2017, a causa di un incidente a cavallo, Alex ha subito diverse fratture ossee. Le conseguenze: un intervento d’emergenza durato otto ore, coma artificiale, tre mesi di riabilitazione, ulteriori interventi. La prima cosa che voglio sapere da Alex riguarda le fratture che ha subito.

«L'anca destra è fratturata, il bacino è stato fratturato più volte. La radiografia mostrava un disastro totale, e i medici non sono riusciti a mettere tutto insieme come prima dell'incidente.»

Sai quanto pesava la cavalla?

«Direi tra i 500 e i 600 chili. E poi con slancio dall'alto ... i medici mi hanno detto che per fortuna è atterrata sul mio addome. Fosse stato più in alto, avrebbe colpito gli organi o le costole avrebbero perforato i polmoni. Probabilmente non sarei sopravvissuta.»

Hai subito altre ferite?

«Quasi tutta la parte inferiore del mio corpo era a pezzi, altrimenti nulla. Non ho nemmeno subito una commozione cerebrale.»

Altrettanto strano: Alex Peyer rimane cosciente e si accorge di tutto.

«Ho visto la cavalla cadere su di me. Ricordo i miei pensieri in quel momento: devo dire alla mia amica di occuparsi del mio gatto perché non uscirò tanto presto dall’ospedale (Alex ride). Sì, ricordo tutto. Più tardi sono stata trasportata con l’elicottero Rega all’ospedale universitario di Zurigo.»

«Dovrei chiamare i miei genitori.»

L'incidente è avvenuto alle 17:00. Alle 19:00, Alex è distesa ancora pienamente cosciente sul tavolo operatorio. Poco prima dell'intervento di emergenza, chiama i suoi genitori per dire loro cosa è successo e che sta per sottoporsi a un intervento chirurgico. E prima dell'anestesia guarda anche il suo orologio perché vuole sapere quanto tempo ci vorrà per l'operazione. Otto ore. Più tardi, il suo chirurgo le spiega che si sono fermati dopo otto ore, a causa della perdita di sangue durante l'operazione. Ben quattro litri.

«Senza una donazione di sangue, sarei morta quella notte.», afferma Alex Peyer.

Dopo l’intervento, i suoi valori ematici non erano buoni. Pertanto, i medici la mettono in coma artificiale con breve preavviso. In seguito, trascorre tre giorni in terapia intensiva. Ricorda tutto quello che è successo prima dell’operazione, ma le memorie dei giorni e delle settimane seguenti sono sfocate.

«Ero piena di farmaci e mi sentivo drogata. Più tardi sono tornata in camera e, dopo una decina di giorni, i valori ematici erano buoni e potevo essere operata una seconda volta, terminando quello che era stato iniziato con la prima operazione.»

Cosa è successo in seguito?

«Qualche giorno dopo la seconda operazione, sono andata in riabilitazione. È stata la mia prima volta su una sedia a rotelle. Dopo qualche settimana, ho avuto il permesso di alzarmi, ma potevo appoggiarmi solo su una gamba e mettendo un peso di non più di 15 kg. Altre quattro settimane più tardi è stata la volta della seconda gamba. Durante i tre mesi di riabilitazione, dovevo sedere su una sedia a rotelle e anche oggi ne ho bisogno, se sono in giro per molto tempo.»

«Alex, devi avere pazienza.»

Come stai oggi, a un anno dall’incidente?

«Bene, dai. Zoppico sulle stampelle e i medici non sanno se migliorerà. Se sono in giro più a lungo ho bisogno di una sedia a rotelle. Mi stanco rapidamente e devo sdraiarmi di tanto in tanto. Da seduta sento molto dolore. Grazie a uno speciale cuscino posso sedermi per un massimo di sei ore. Una gamba è rimasta paralizzata per un certo periodo di tempo, accorciando notevolmente muscoli, tendini e legamenti. Potrebbe essere necessaria un’altra operazione. Per il momento, posso lavorare solo al 20%. Mi fa stare male psicologicamente, perché mi piacerebbe molto lavorare. I medici mi dicono sempre che devo essere paziente. Ma la pazienza non è uno dei miei punti forti (sorride).»

La tua posizione sulla donazione di sangue è cambiata dopo l'incidente?

«In realtà no. Nella mia famiglia quasi tutti donano il sangue. Per me è stato sempre un po’ difficile.»

Perché?

«Ho lavorato e vissuto per alcuni anni all’estero, tra l’altro in qualità di guida in Sudafrica. Purtroppo, non potevo assolutamente donare sangue in Svizzera. Oggi non posso donare, anche se mi piacerebbe. Le persone che hanno subito una trasfusione di sangue non possono donare.»

«Tutto accade per un motivo.»

Alla fine della nostra chiacchierata, voglio sapere da Alex come vede il suo futuro. Quali sono i suoi piani? La sua risposta è notevole.

«Se non riesco a cambiare qualcosa, ne traggo il meglio. Inoltre, sono fermamente convinta che tutto nella vita accade per un motivo. Ma naturalmente non mi convince, soprattutto ora che fa sempre più caldo. Voglio stare fuori, voglio muovermi. Voglio fare trekking, andare in bicicletta o viaggiare di nuovo. Non lo so, prendere il treno da Mosca a Pechino. Cose del genere. Ma per fortuna, non c'è bisogno di essere in grado di camminare per cavalcare.»

Vai ancora a cavallo?

«Sì, al momento solo per la terapia.»

Non hai paura?

«No, per niente. Sono stata rilasciata dalla riabilitazione, ho avuto l'ok dei medici e il giorno dopo mi sono seduta su un cavallo per scopi terapeutici. Ora posso almeno fare una terapia di equitazione per rafforzare la mia schiena. Una volta alla settimana cavalco per un'ora. Inizialmente, a causa del dolore, sono riuscita solo per circa 20 minuti. Ora mi sento meglio. La terapeuta conduce il cavallo tenendolo per la longia mentre io mi aggrappo a una cintura. Devo aumentare ulteriormente i muscoli del busto. Forse un giorno sarò di nuovo in grado di cavalcare da sola. In riabilitazione, dovevo esprimere i miei desideri per il futuro. Così ho scritto su un pezzo di carta: 1. poter cavalcare di nuovo, 2. poter camminare di nuovo. In quest’ordine.»

È raggiante.

Alex Peyer rappresenta molti. Il fabbisogno giornaliero in Svizzera è di circa 770 donazioni di sangue. Fino ad oggi, non è stato possibile produrre sangue artificiale. Il sangue è necessario negli incidenti, per il trattamento dei pazienti oncologici o anche per le malattie cardiache. Ecco perché vale ancora:

chi dona sangue, salva vite!

Il 14 giugno è la Giornata Mondiale della Donazione di Sangue.

Desideri donare il sangue? Clicca su questo link e trova le date per la donazione di sangue della CRS Svizzera.

Persone come Alex te ne saranno grate.

User

Patrick Bardelli, Zurigo

  • Senior Editor
Crunches, High Plank Limb Raises, Low Plank, Russian Twist, Side Plank Oblique Crunch, Jumping Jacks, Mountain Climbers, Quick Feet, Squat Stars, Butt Kicker Jump Squats, Calf Raises, Curtsy Lunges, Jump Squats, Lunge & Twist, Lunge to Front Kick, Single-Leg Deadlift, Wall Sit, Alligator Push-ups, Commander Push-ups, Declined Wall Push-ups, Narrow Push-ups, Narrow-to-Wide Push-ups, Single-Leg Push-ups, Stagger Push-ups, Burpees und 10k – 21.1k Runs und Arbeit, Familie, Hund, Katzen … und schon ist wieder eine Woche rum.

1 commento

3000 / 3000 caratteri

User stefan.zueger

Gute Besserung der jungen Dame und herzlichen Dank für diese Inspiration!

15.06.2018