Raspberry Pi 5: raffreddamento attivo o case con ventola? Questo è il dilemma
Guida

Raspberry Pi 5: raffreddamento attivo o case con ventola? Questo è il dilemma

Martin Jud
31.1.2024
Traduzione: Leandra Amato

Vale la pena utilizzare il nuovo Raspberry Pi 5 con il case con ventola ufficiale oppure con il raffreddamento attivo ufficiale? Per scoprirlo, l'ho sottoposto a Geekbench 6 in varie configurazioni.

Mi sono procurato il nuovo Raspberry Pi 5 per fare diverse cose nei prossimi mesi. Tra le altre, lo trasformerò in un dispositivo di gioco retrò utilizzando Batocera Linux. Prima di tutto, ci sono alcune domande fondamentali, a una delle quali vorrei rispondere qui: come si comporta il piccolo computer se raffreddato anziché nella sua versione senza case? Quante prestazioni in più posso aspettarmi con il case ufficiale dotato di ventola? Quante in più con il raffreddatore attivo? E come reagisce quest'ultimo quando lo utilizzo con il case ufficiale (senza ventola)?

Per poter fornire delle risposte, ho messo alla prova il computer single-board con il benchmark della CPU Geekbench 6 in varie configurazioni. Nel confornto includo anche il Raspberry Pi 4.

Geekbench utilizza scenari simulati per testare la CPU. Il benchmark funziona su Windows, MacOS, Linux, Android e iOS. Per i processori basati su x86, la modalità single-core utilizza solo un thread e quindi non sfrutta l’intero core (a livello di prestazioni). I sistemi ARM utilizzano un intero core e hanno quindi un vantaggio, che devi tenere a mente quando confronti i risultati in Geekbench Browser.

Per questa prova mi sono procurato i seguenti prodotti dal nostro negozio:

Trovi una panoramica delle specifiche del nuovo Raspberry Pi 5 nel suo Datasheet o in questo articolo:

  • Novità e trend

    Presentato il Raspberry Pi 5: molta più potenza e nuove connessioni

    di Martin Jud

I risultati:i compiti multi-core traggono vantaggio dal raffreddamento attivo

Prima di presentare i risultati in dettaglio, vorrei parlare brevemente delle ventole.

Se necessario, puoi rimuovere anche la ventola del case.
Se necessario, puoi rimuovere anche la ventola del case.
Fonte: Martin Jud

Il case ufficiale è dotato di una ventola e di un piccolo dissipatore di calore da applicare alla CPU. Poiché la ventola è rimovibile, posso usare il case con o senza. Tuttavia, quest'ultima soluzione non ha senso, poiché la ventola del case è silenziosa e di sicuro vuoi evitare un accumulo di calore.

Il dispositivo di raffreddamento attivo si attacca a tre chip e rimane in posizione grazie a due perni.
Il dispositivo di raffreddamento attivo si attacca a tre chip e rimane in posizione grazie a due perni.
Fonte: Martin Jud

Il raffreddamento attivo ufficiale, ad esempio, si inserisce facilmente nel case. Tuttavia, il funzionamento è tutt'altro che silenzioso. Infatti, sibila con un livello di rumore fastidioso non appena chiudi il coperchio del case. Ciò è dovuto alle fessure di ventilazione troppo strette per le sue prestazioni. Senza il case, tuttavia, è quasi inudibile. Fa rumore solo quando è sotto carico, ma non è fastidioso. Tra l'altro, il dissipatore di calore del raffreddamento attivo copre contemporaneamente tre chip della scheda, il che promette un migliore raffreddamento. Non è possibile azionare più di una ventola a causa di un unico collegamento sulla scheda.

Ma veniamo ora ai risultati di Geekbench. Come sistema operativo ho utilizzato l'ultima versione di Raspberry Pi OS (64 bit). Ho eseguito Geekbench 6 tre volte per ogni configurazione e ho preso la media aritmetica come risultato in ogni caso. Il Raspberry Pi 4 utilizza il quad-core Arm Cortex-A72 con un normale clock di base di 1,5 gigahertz (GHz). Uso anche il Raspberry Pi 5 non overcloccato (può essere overcloccato fino a 3 GHz). È dotato di Arm Cortex-A76 quad-core con una frequenza di clock di base di 2,4 GHz. Non appena la temperatura della CPU raggiunge gli 85 gradi centigradi, la CPU si blocca.

Rispetto al suo predecessore, il Raspberry Pi 5 ha prestazioni di oltre tre volte superiori nei compiti single-core (punteggio di 761 rispetto a 247). Per i compiti multi-core, è 2,3 volte superiore (punteggio di 1308 rispetto a 566). Sorprendentemente per me, non ha molta importanza se utilizzo il Raspberry Pi 5 con o senza dissipatore di calore o ventola. In multi-core, invece, l'aumento delle prestazioni è del 15,8 percento, ovvero circa 200 punti. Il risultato non cambia se utilizzi il raffreddamento attivo o la ventola del case più il piccolo dissipatore di calore.

La mia raccomandazione: l'importante è raffreddare

In termini di prezzo, sia il case ufficiale con ventola che il raffreddamento attivo valgono la pena. Per circa 17 franchi / 10 euro, hai circa il 16 percento di prestazioni in più nelle attività multi-core.

Poiché l'aumento delle prestazioni è lo stesso con entrambe le opzioni di raffreddamento, non vale la pena acquistarle entrambe per installare il raffreddamento attivo nel case ufficiale. Questa combinazione è sconsigliata anche a causa del forte rumore prodotto. Quindi consiglio di acquistare il radiatore attivo solo se vuoi utilizzare il Raspberry Pi 5 senza case. Oppure se hai un altro case con fessure di ventilazione più grandi che in quello ufficiale.

Immagine di copertina: Martin Jud

A 71 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

La mia musa ispiratrice si trova ovunque. Quando non la trovo, mi lascio ispirare dai miei sogni. La vita può essere vissuta anche sognando a occhi aperti.


Robotica
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Informatica
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

Commenti

Avatar