Test del prodotto

Protezione affidabile contro una mancanza di corrente? UPS Vertiv Edge alla prova

Martin Jud
18.10.2022
Traduzione: Rebecca Vassella

Se il fusibile si brucia o la corrente viene a mancare, c'è il rischio di perdita dei dati. Un gruppo di continuità (UPS) aiuta a prevenire questo problema. Ho messo alla prova un Vertiv Edge-750IMT e ne sono entusiasta, tranne che per un particolare.

Se si vuole proteggere il proprio server, o il proprio Network Attached Storage (NAS), o un altro computer dalla perdita di dati non salvati in caso di interruzione di corrente, occorre un gruppo di continuità (UPS). Invece di prelevare l'energia direttamente dalla presa di corrente, l'alimentazione viene presa dall'UPS, che dispone di una batteria integrata da utilizzare in caso di interruzione della corrente. Ciò consente naturalmente anche di proteggere altri dispositivi dalle interruzioni e di continuare ad usarli. Se si dispone di un server Plex, si può collegarlo al gruppo di continuità UPS come anche il router e il televisore, e continuare a guardare film per minuti o ore, a seconda della capacità della batteria.

A casa mia, un UPS potrebbe essere adatto non solo per il televisore, ma anche per la mia tenda per la coltivazione della cannabis, che ora è alimentata da LED. Tuttavia, (per ora) metto alla prova il suo scopo principale con un PC e un NAS. Dopotutto voglio sapere quali dispositivi possono stabilire una connessione dati con l'UPS oltre che a una connessione di alimentazione. Questo perché consente di spegnere automaticamente un dispositivo dopo un tempo predefinito in caso di mancanza di corrente.

Ho ricevuto l'UPS per compiere questo test dal produttore. I colleghi del reparto acquisti ne sono entusiasti e hanno detto che il marchio Vertiv è disponibile nel nostro negozio solo da poco tempo. Questo mi ha incuriosito e non vedo quindi l'ora di mettere il Vertiv Edge-750IMT con una potenza nominale di 675 watt (750 voltampere) alla prova:

Vertiv Porta EDGE UPS 750VA/675W Tower IntelliSlot (750 VA, 675 W, Interattivo linea (classe di protezione 5))
UPS
465.–

Vertiv Porta EDGE UPS 750VA/675W Tower IntelliSlot

750 VA, 675 W, Interattivo linea (classe di protezione 5)

Oltre alle prese, il gruppo di continuità UPS dispone di una porta USB e di uno slot di espansione per schede aggiuntive: la porta IntelliSlot. Per ottenere più opzioni di connessione, più precisamente una porta RJ45 in aggiunta alla USB, ho richiesto una Vertiv Liebert Intellislot Unity Card. Non solo dà accesso di rete al mio UPS, ma permette anche di utilizzare il Simple Network Management Protocol (SNMP). L'installazione della scheda avviene in un batter d'occhio, poiché è sufficiente rimuovere e avvitare due volte il coperchio sul retro dell'UPS dopo averlo collegato.

A proposito, la serie Edge è disponibile in diverse versioni, sia con diversa potenza nominale che in diversi formati. Oltre al mini tower mostrato in questa recensione, il prodotto è anche disponibile in un design compatto con montaggio a rack 1U oppure a rack 2U o 3U per sistemi server.

Design, connessioni e dati tecnici

L'esterno del Vertiv Edge-750IMT ricorda un case NAS troppo lungo. È largo 14,5 centimetri, lungo 37, alto 22 e pesa undici chilogrammi. Sulla parte anteriore sono presenti due LED di stato etichettati «Run» e «Alarm», un display LCD e quattro pulsanti di controllo. Le informazioni, come il carico massimo e lo stato della batteria, nonché tutte le opzioni del dispositivo, possono essere lette e impostate direttamente sull'apparecchio.

Può essere utilizzato anche di notte o in angoli bui: display con retroilluminazione.
Può essere utilizzato anche di notte o in angoli bui: display con retroilluminazione.

La seconda opzione operativa è un'interfaccia web a cui si può accedere tramite un browser Internet inserendo l'indirizzo IP. Tuttavia, questo è disponibile solo se si installa una scheda di espansione corrispondente, come ho fatto io. Le funzioni estese della scheda (server SNMP) non possono essere configurate direttamente sul dispositivo, ma solo tramite l'interfaccia web. La scheda con la connessione di rete è visibile nella seguente immagine in alto a destra.

Il retro dell'UPS.
Il retro dell'UPS.

In alto a sinistra si trovano il connettore per lo spegnimento d'emergenza (EPO) e il connettore USB, mentre in basso si trova la ventola. Di solito è silenziosa, a meno che non manchi la corrente o si stia caricando la batteria. L'alimentazione elettrica è fornita da una presa di ingresso (tipo C14) con interruttore di ingresso automatico e cinque prese di uscita di tipo C13.

Come si può vedere, tre prese sono nere e due grigie. A quelle nere si collegano tutti i dispositivi critici, come il router, un PC o un server, cioè quelli che devono essere sempre alimentati. A quelle grigie si possono collegare stampanti e simili, tutto ciò che può rimanere senza corrente in caso di emergenza. Le prese grigie possono essere programmate, a differenza di quelle nere. Ad esempio, è possibile impostare uno spegnimento in caso di imminente sovraccarico della batteria o definire i valori soglia per la disattivazione e l'attivazione.

Con questo UPS, i dispositivi possono assorbire un totale di 675 watt. In caso di interruzione dell'alimentazione, il dispositivo impiega da quattro a sei millisecondi per commutare e fornisce energia tramite due batterie da 9 amperora. L'efficienza di questo modello è del 95% e il fattore di potenza (Power Factor) è pari a 0,9. I moduli della batteria possono essere sostituiti.

Collegare i dispositivi

L'UPS è dotato di un cavo di alimentazione per la presa di ingresso e di un cavo USB. Per collegare i dispositivi, mi sono procurato i seguenti cavi di alimentazione C14:

Per prima cosa, fornisco corrente all'UPS stesso. A quel punto, la ventola inizia a fare un rumore simile a quello di una stampante laser che si avvia. Lo fa solo quando il dispositivo è in carica e quando la batteria raggiunge una capacità di carica inferiore al 90%. Se mi siedo davanti all'UPS, il mio misuratore di decibel Testo 815 indica un volume di 60 decibel. A una distanza di tre metri, sono ancora 42 decibel. Poiché l'UPS è già carico oltre l'85% dopo il disimballaggio, lo spavento sparisce poco dopo. A partire dal 90% del livello di carica della batteria, la ventola si sente solo silenziosamente, se non addirittura per niente. Sono necessarie circa tre ore e mezza per ricaricare completamente l'1,8 amperora.

Dopo aver alimentato l'UPS, collego il modem e il router, uno Switch e il NAS.

Funzionamento dispositivo e tramite interfaccia web

La corrente non scorre automaticamente dopo l'inserimento della spina, ma l'opzione deve essere prima attivata nelle impostazioni. Poiché il display LCD è retroilluminato, l'operazione può essere eseguita in modo rapido e intuitivo direttamente sul dispositivo anche al buio. Vado nel menu «controllo» e attivo l'alimentazione alla voce «On/Off». L'UPS scatta e i dispositivi si avviano. La ventola dell'UPS rimane silenziosa. Dal display vedo che l'alimentazione sta sfruttando al dodici percento la sua capacità. La capacità della batteria in caso di mancanza di corrente è di 135 minuti.

Informazioni più dettagliate sul massimo sfruttamento si possono trovare nell'interfaccia web. 93 voltampere e 50 watt vengono prelevati direttamente.

Interfaccia web: impostazioni dell'UPS
Interfaccia web: impostazioni dell'UPS

L'interfaccia web non è una bellezza, ma offre informazioni dettagliate e logicamente strutturate sull'ingresso, l'uscita e la batteria, oltre a tutte le impostazioni desiderate.

Interfaccia web: impostazioni della scheda aggiuntiva SNMP
Interfaccia web: impostazioni della scheda aggiuntiva SNMP

Una scheda con la denominazione UPS contiene tutte le opzioni del dispositivo. Una seconda scheda, denominata «Communications», conduce alle opzioni della scheda aggiuntiva installata. Oltre all'impostazione di SNMP (v1 Trap, v1/v2c Access o v3 User), è possibile effettuare anche le impostazioni di rete per IPv4, IPv6 e LLDP. È possibile impostare fino a dieci utenti per l'utilizzo dell'interfaccia web. Sono anche possibili impostazioni di notifiche via e-mail e SMS, e impostazioni di un servizio remoto.

Connessione dati via USB e SNMP

Quello che già sapevo prima di ricevere il dispositivo è che i NAS Synology non sono compatibili con la connessione USB. Ciò significa che il NAS viene alimentato ma non può stabilire una connessione dati con l'UPS. Sul sito web del produttore di Synology trovo un elenco di compatibilità, che purtroppo non include i dispositivi di Vertiv. O non ancora, perché Vertiv mi ha informato che l'azienda sta chiarendo se in futuro i suoi prodotti UPS saranno certificati da Synology.

A parte alcuni sistemi operativi specifici del produttore per i quali non è prevista la compatibilità per motivi di licenza, l'UPS funziona con Windows, Linux e macOS via USB. Sia con mezzi propri che utilizzando il software Vertiv Power Assist.

Lo testo con un PC Windows: collego il cavo USB, installo il software, lo avvio e mi rallegro perché tutto funziona subito e senza ulteriori interventi.

La pagina di riepilogo del programma non mostra solo che tutto funziona bene, ma anche il carico attuale e il tempo rimanente stimato per la ricarica della batteria.
La pagina di riepilogo del programma non mostra solo che tutto funziona bene, ma anche il carico attuale e il tempo rimanente stimato per la ricarica della batteria.

Il tipo di connessione può essere definito nelle impostazioni del programma. Oltre all'USB, sono disponibili SNMP e una modalità client. Quest'ultima viene utilizzata per collegarsi a un altro dispositivo già connesso all'UPS. Se la connessione all'UPS è stabilita, come nel mio caso, è possibile definire quando il computer deve spegnersi automaticamente in caso di interruzione della corrente. Ciò può avvenire immediatamente, dopo qualche minuto, quando la carica della batteria scende al di sotto di un certo limite di capacità o quando l'autonomia residua stimata scende al di sotto di un certo tempo rimanente.

Le condizioni di spegnimento in caso di interruzione della corrente.
Le condizioni di spegnimento in caso di interruzione della corrente.

È anche possibile essere notificati via e-mail quando ci sono delle interruzioni di corrente. A tal fine, è necessario memorizzare un server SMTP e i relativi dati di accesso.

È inoltre possibile impostare una notifica direttamente sull'UPS con una scheda aggiuntiva. Tuttavia, è pratico che anche Vertiv Power Assist offra questa opzione.
È inoltre possibile impostare una notifica direttamente sull'UPS con una scheda aggiuntiva. Tuttavia, è pratico che anche Vertiv Power Assist offra questa opzione.

Una pessima idea: collegare l'UPS Vertiv e il NAS Synology tramite SNMP

Ho già detto che l'UPS Vertiv non può essere collegato a un NAS Synology via USB a causa della mancanza di una licenza. Ma non funziona nemmeno tramite SNMP con me. Almeno il server SNMP della scheda aggiuntiva funziona di principio, perché la connessione funziona senza problemi quando la uso con il software Power Assist sul computer Windows.

Prima del test, sono fiducioso del NAS perché Vertiv fornisce file SNMP MIB sul suo sito web e poiché ho trovato una guida MIB Synology DiskStation. MIB è l'acronimo di Management Information Bases, cioè un database per la gestione di dispositivi nelle reti di comunicazione. Si tratta di diversi file in formato testo presenti in più dati. Si possono immaginare come una guida o descrizione di vari oggetti di rete che serve come una sorta di driver per il dispositivo collegato all'UPS. In breve: senza questi file guida, la connessione dati al NAS Synology non funziona. E stupidamente, solo i partner UPS con licenza sono presenti nell'elenco di selezione di MIB SNMP nelle impostazioni del NAS.

Purtroppo non c'è connessione senza un MIB SNMP corretto.
Purtroppo non c'è connessione senza un MIB SNMP corretto.

È anche stupido che io non abbia esaminato più da vicino la guida MIB prima di questo test. Tra le altre cose, descrive come convertire i file MIB in file Oidlib per poterli importare di seguito. La conversione funziona perfettamente, ma non riesco a importare i dati perché non trovo le informazioni su come farlo nel sistema operativo Synology «DiskStation Manager». Poi mi rendo conto che le istruzioni risalgono al 2013: non riesco a trovarne di più recenti. E così perdo la pazienza con Putty e SSH rovistando sul server.

Decido quindi di abbandonare il tentativo. Il NAS rimane collegato all'UPS senza la possibilità di uno spegnimento automatico in caso di interruzione della corrente. Finché un'interruzione non dura più di due ore e rotti con solo un carico di circa 50 watt, non è tragico perché la batteria basta.

Se la corrente viene a mancare: come Vertiv Edge affronta il crollo decuplicato del rifornimento

Il LED di attivazione menzionato all'inizio si illumina permanentemente di verde non appena i dispositivi collegati ricevono corrente. Il LED di allarme lampeggia in rosso non appena si verifica un sovraccarico o un'interruzione di corrente. Inoltre, l'UPS emette un allarme, un segnale acustico che si sente in tutto l'appartamento. È possibile disattivarlo nelle opzioni, se lo si desidera.

A causa del sovraccarico, il dispositivo emette un solo segnale acustico per settimane. Collego una stampante laser All-In-One. Sebbene assorba solo circa 10 watt in modalità idle, nei primi secondi dopo l'accensione è un vero e proprio mostro, che intacca la potenza nominale dell'alimentazione ininterrotta Dopo qualche secondo di allarme, però, tutto torna a posto. Tuttavia, decido di non collegare nuovamente la stampante e di non effettuare ulteriori test. Ci si accorge che sia opportuno pensare sempre con attenzione a ciò che si collega e a ciò che non si collega.

La prima interruzione di corrente l'ho avuta quando, dopo le vacanze autunnali, ho attivato una ciabatta nel mio ufficio a cui erano collegati troppi PC. Il fusibile si brucia e, di conseguenza, l'UPS emette un allarme e passa al funzionamento a batteria. I dispositivi collegati rimangono accesi però.

Provoco artificialmente altre dieci interruzioni di corrente staccando manualmente la spina. Collego nuovamente il computer Windows alla porta USB e verifico se lo spegnimento automatico funziona. Funziona indipendentemente dall'impostazione, cioè subito dopo l'interruzione di corrente, dopo pochi minuti e anche se la carica della batteria scende al di sotto del valore predefinito. Anche la commutazione elettrica funziona sempre senza problemi.

Se si desidera sapere per quanto tempo l'1,8 amperora delle batterie fornisce energia con diversi carichi, è possibile scoprirlo online con il Vertiv Runtime Tool. Basta selezionare «EDGE-750IMT» per il modello. Se dovessi collegare il mio server Plex, il router e il mio TV all'UPS, come indicato all'inizio, avrei un consumo di energia fino a 210 watt. Ciò mi consentirebbe di guardare 30 minuti di televisione. Se la luce LED delle mie piante di cannabis fosse collegata all'UPS, che ho abbassato a 450 watt, un'interruzione di corrente non dovrebbe durare più di undici minuti.

Conclusione: un buon UPS con una protezione impeccabile contro le mancanze di corrente e un potenziale di connessione espandibile

Con l'Edge-750IMT, Vertiv offre un gruppo di continuità facile da gestire per coloro che sono alle prime armi con gli UPS. Le interruzioni di corrente sono state affrontate in modo impeccabile dall'unità che ha sempre fornito energia ininterrotta ai dispositivi collegati. L'installazione è semplice, il display LCD retroilluminato mostra tutte le informazioni e permette di accedere rapidamente a tutte le opzioni.

Un piccolo problema però è che Vertiv non ha ancora ottenuto una licenza da Synology, motivo per cui la connessione dati al mio NAS non è possibile. Tuttavia, la corrente deve mancare per più di due ore, dato che si tratta della durata della batteria quando vi sono collegati l'archiviazione di rete, il router, uno Switch e il modem.

Per quanto riguarda il prezzo: a mio parere, le carte aggiuntive dovrebbero costare meno. Quasi la metà del prezzo dell'UPS è troppo per una connessione RJ45 e un server SNMP, anche con il valore aggiunto di un'interfaccia web. È un peccato che il dispositivo non disponga di una connessione di rete oltre alla porta USB. D'altra parte, non ritengo che il prezzo dell'UPS sia troppo elevato, in quanto si colloca nella fascia media rispetto a dispositivi con potenza nominale e capacità della batteria simili.

A 37 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

La mia musa ispiratrice si trova ovunque. Quando non la trovo, mi lascio ispirare dai miei sogni. La vita può essere vissuta anche sognando a occhi aperti.


Informatica
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Rete
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

Commenti

Avatar