Perché i bicchieri non vanno nel vetro riciclato?

Carolin Teufelberger
Zurigo, il 22.02.2022
Traduzione: Sanela Dragulovic

Bottiglie di birra, vasetti di marmellata, bottiglie di profumo: in Svizzera, oltre il 90% del vetro da imballaggio viene riciclato. I bicchieri rotti, invece, devono essere smaltiti nei normali rifiuti domestici. Per molti questa differenziazione non è per nulla chiara. Eppure le ragioni sono due: il piombo e i soldi.

Un soleggiato martedì pomeriggio d'autunno. Prima di andare a fare la spesa, mi fermo al punto di raccolta per smaltire del vetro. Oltre alle bottiglie di vino, birra e bevande gassate, ho anche un bicchiere rotto. Dato che è trasparente, va nel buco del bidone etichettato come «vetro bianco».

Almeno questo è quello che pensavo fino a quando Vetroswiss, l’organizzazione che riscuote e gestisce la tassa di smaltimento anticipata (TSA) e provvede all'informazione sul riciclaggio del vetro, non ha lanciato una campagna di manifesti. Vicino a casa è apparso questo cartellone:

Immagine: Digicom Digitale Medien AG
Immagine: Digicom Digitale Medien AG

Sopra la tazza c'era scritto con un pennarello nero: «Sì, certo, quella è ceramica», ma sopra il vetro rotto c'era scritto: «Eh, il vetro non va nel vetro?» Proprio quello che avevo pensato io. Gettare i vecchi bicchieri rotti nel vetro è sbagliato, essi devono essere smaltiti nei rifiuti domestici.

Ma perché?

Piombo nel vetro dei bicchieri

La prima cosa che faccio è chiedere maggiori informazioni a Vetroswiss. «Diversi tipi di vetro hanno diversi punti di fusione e composizioni chimiche. I bicchieri, per esempio, hanno un contenuto di piombo più alto; questo è strettamente limitato per legge negli imballaggi per bevande e alimenti per motivi di salute, per questo motivo lo smaltimento avviene nei rifiuti domestici o nei rifiuti edili», mi spiega Lukas Schenk. Markus Marchhart, Marketing Manager presso il distributore austriaco di imballaggi alimentari Müller Glas aggiunge: «La diversa composizione influenzerebbe la qualità nella vasca di fusione.»

Ora ti starai chiedendo se anche il piombo contenuto nei bicchieri non sia dannoso per la salute. No, a patto che tu non abbia l’intenzione di conservarci del vino per mesi. Il metallo pesante ha bassa solubilità, quindi non rappresenta alcun problema durante il consumo normale. Tuttavia, la conservazione prolungata di bevande acide come il vino può causare la dissoluzione del piombo. Per questo motivo, la composizione è strettamente regolata.

Non tutti i bicchieri sono uguali. I bicchieri in vetro soda-calcico, il vetro utilizzato per la maggiore, non contengono piombo e potrebbero quindi essere smaltiti nel contenitore del vetro usato. Al contrario, il cristallo al piombo usato nei bicchieri da vino di alta qualità, è più resistente e ha un suono e una lucentezza migliori grazie al metallo pesante. Sfortunatamente, la differenza non è chiara per noi profani, per cui nulla può essere smaltito nel bidone.

Almeno ora ho capito perché gli imballaggi e i bicchieri in vetro non possono essere smaltiti insieme. Ma perché allora non vengono messi appositi bidoni per il vetro dei bicchieri nei punti di raccolta? Nella Legge federale sulla protezione dell'ambiente all’articolo 30 si legge: «La produzione di rifiuti deve essere prevenuta nella misura del possibile.», seguita immediatamente da: «Nella misura del possibile, i rifiuti devono essere riciclati.»

Il vetro dei bicchieri disturba (quasi) ovunque

Philipp Suter, responsabile del mandato presso Vetroswiss, spiega perché questo non è (ancora) possibile con il vetro dei bicchieri. «Oltre alle ben note materie prime, la ricetta dettagliata del vetro dei bicchieri è un segreto strettamente custodito dai produttori.» Poiché una composizione diversa, come già detto, influisce sulla qualità nella vasca di fusione, questo influirebbe anche sulla ricetta propria e quindi sulla qualità dei bicchieri. Ecco perché il vetro frantumato finisce nell'inceneritore dei rifiuti urbani.

Il vetro ha un punto di fusione di circa 1 600 gradi, mentre la temperatura degli impianti di incenerimento dei rifiuti si aggira tra i 700 e i 1 000 gradi. Invece di diventare completamente liquido, il vetro si raggruma e rimane nella vasca. Le scorie devono essere eliminate, il che è inutile e costoso», conclude Suter.

Forse nella città di Zurigo mettere un elenco esplicito alla voce «Das nicht!» (Questo no!) aiuterebbe a far sì che nessun bicchiere da vino finisca nel contenitore.
Forse nella città di Zurigo mettere un elenco esplicito alla voce «Das nicht!» (Questo no!) aiuterebbe a far sì che nessun bicchiere da vino finisca nel contenitore.

Dove smaltire allora i bicchieri di vetro? L'uso più probabile del materiale potrebbe essere nell'industria delle costruzioni: «Teoricamente, sarebbe possibile usare il vetro come componente del cemento riciclato. Tuttavia, solo macinato finemente. Le particelle più grandi, dell'ordine di pochi millimetri, verrebbero attaccate nell'ambiente alcalino del calcestruzzo (valore pH di 13) nella cosiddetta reazione alcali-silice, che porterebbe all'espansione e alla fine alla fessurazione e alla scagliatura», dice il dottor Frank Winnefeld, esperto di calcestruzzo e cemento presso il Laboratorio federale di prova dei materiali e di ricerca (Empa). Ma anche se macinato finemente, ci sono ostacoli all'uso del vetro. «L'Ordinanza sulla prevenzione e lo smaltimento dei rifiuti contiene limiti per le sostanze inquinanti, tra cui il piombo, che non possono essere superati». Ecco perché, fino ad ora, ci si è limitati principalmente agli aggregati riciclati dalla demolizione di edifici in muratura o in cemento.

Per quanto riguarda il riciclaggio del vetro dei bicchieri, Marchart della Müller Glas sospetta un altro motivo, piuttosto economico: «Come azienda austriaca di imballaggi, per ogni confezione venduta versiamo una tassa di licenza a Allstoffrecycling Austria (ARA). ARA utilizza le tasse per organizzare lo smaltimento, il riciclaggio e i punti di raccolta. In linea di principio, questo si applica solo agli imballaggi monouso. Per il vetro dei bicchieri non ci sono tasse ARA .»

Queste tasse esistono anche in Svizzera, è la già citata tassa di smaltimento anticipata (TSA) riscossa da Vetroswiss. La tassa di smaltimento anticipata viene riscossa per gli imballaggi di bevande in vetro con volume di riempimento superiore a 0,09 litri, ma non per i bicchieri. L’ipotesi di Marchart secondo cui il vetro dei bicchieri non viene riciclato perché non si paga alcuna tassa, non è confermata da Suter di Vetroswiss. Il vetro dei bicchieri non viene riciclato a causa del suo possibile contenuto di piombo, ed è per questo che il suo smaltimento non viene finanziato attraverso la TSA, ma attraverso le tasse comunali sui rifiuti. Tutto secondo il principio «chi inquina paga». Chi produce rifiuti deve anche pagare per il loro smaltimento.

Tuttavia, i barattoli di marmellata o sottaceti, ma anche le bottiglie di olio sono esenti dalla tassa di smaltimento anticipato, eppure vengono comunque smaltiti e riciclati nel vetro usato, il che contraddice il principio di cui sopra. Questo significa meno TSA e quindi meno contributi finanziari ai costi della raccolta del vetro usato.

Conclusione

In parole povere, questo significa che non c'è ancora una buona soluzione per lo smaltimento o il riciclaggio del vetro dei bicchieri. Gli imballaggi e il vetro dei bicchieri non possono essere smaltiti insieme a causa del diverso contenuto di piombo. Tuttavia, il contenuto di piombo è anche diverso in ogni bicchiere ed è un segreto strettamente custodito dai produttori. Questo è il motivo per cui i bicchieri non sono adatti al riciclaggio separato del vetro. Finemente macinati potrebbero essere utilizzati per il calcestruzzo riciclato nell'industria delle costruzioni, ma la reazione alcali-silice e i limiti inquinanti per i materiali estranei rendono l'impresa complicata. Inoltre, la quantità di bicchieri smaltiti è relativamente piccola, per cui una soluzione al problema non è economicamente imponente.

In Svizzera, il vetro viene riciclato dalla metà degli anni '70. «Nella produzione di vetro viene usato fino al 90% vetro usato, con un risparmio energetico del 25%», dice Suter. Durante la crisi del petrolio, Vetropack, un grande produttore svizzero di imballaggi in vetro, ha iniziato a raccogliere il vetro usato per risparmiare sui costi. Un'azienda privata di trasporti voleva creare un sistema in cui i rifiuti di vetro venivano raccolti dalle economie domestiche. Da un lato, questo non è stato possibile, perché non c'era separazione per colore e dalla miscela si poteva produrre solo vetro verde. Dall’altro, perché le persone avevano paura di essere giudicate per le loro abitudini di consumo di bevande. È per questo che nel 1976 sono stati creati i primi contenitori accessibili al pubblico, affinché tutti potessero smaltire le loro bottiglie di vino e di birra in modo anonimo e separato per colore.

Proprio come ho fatto io 45 anni dopo, in quel soleggiato martedì dell'autunno scorso, quando per l'ultima volta ho gettato per errore il bicchiere nel bidone del vetro usato.

A 229 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Ampliare i miei orizzonti: si riassume così la mia vita. Sono curiosa di conoscere e imparare cose nuove. Le nuove esperienze si nascondono ovunque: nei viaggi, nei libri, in cucina, nei film o nel fai da te.


Per la casa
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader