Test del prodotto

«Pentiment»: avvincente thriller medievale dalla grafica unica

Traduzione: Leandra Amato

Per me, «Pentiment» è la più grande sorpresa gaming dell'anno, e non solo per la sua grafica unica. Il gioco investigativo medievale racconta una tragica storia di omicidio e sento davvero le conseguenze delle mie azioni.

Obsidian Entertainment è infatti nota per i giochi di ruolo epici fantasy e fantascientifici come «Fallout: New Vegas» e «The Outer Worlds». Con il gioco medievale storicamente accurato «Pentiment», Obsidian si lancia verso nuovi lidi senza abbandonare completamente le competenze principali dello studio in materia di giochi di ruolo.

Il risultato è una miscela unica di avventura storica, thriller e gioco di ruolo. Al centro del gioco c'è una storia di omicidio che viene influenzata in modo significativo dalle mie decisioni.

Questa recensione non contiene spoiler sulla storia. Se vuoi buttarti alla cieca nel caso di omicidio, è meglio scorrere direttamente alla conclusione.

Omicidio nel Medioevo

In «Pentiment» assumo il ruolo dell'artista itinerante Andreas Maler nel XVI secolo. Dopo gli anni di vagabondaggio, Andreas si stabilisce nel villaggio bavarese di Tassing per completare il suo capolavoro, cioè la sua opera finale, nella vicina abbazia di Kiersau. Entrare nel gioco è difficile. Mi faccio strada tra interminabili muri di testo e faccio la conoscenza di innumerevoli personaggi di cui non ricordo mai il nome.

Andreas lavora al suo capolavoro. Non sa ancora cosa lo aspetta nell'abbazia apparentemente idilliaca.
Andreas lavora al suo capolavoro. Non sa ancora cosa lo aspetta nell'abbazia apparentemente idilliaca.

Dopo una o due ore, però, la storia prende davvero piede. Un nobile viene assassinato tra le mura dell'abbazia. Un amico di Andreas è accusato dell'omicidio. Per dimostrare la sua innocenza e salvare così la sua vita, l'artista intraprende l'indagine. Ben presto diventa chiaro che dietro l'omicidio c'è più di quanto sembri.

Più imparo a conoscere il caso, più mi ritrovo in una rete di intrighi, faccende e macchinazioni occulte. Non riesco a liberarmi dalla sensazione che stia per accadere qualcosa di molto peggio. L'atmosfera cupa mi ricorda giochi come «A Night in the Woods» e «Oxenfree».

Chi ha ucciso il barone? Non mancano i possibili sospetti con tanto di moventi.
Chi ha ucciso il barone? Non mancano i possibili sospetti con tanto di moventi.

Il tutto è presentato in uno stile grafico unico che ricorda le miniature medievali. La grafica dettagliata attraversa tutti gli elementi del gioco e mi affascina ancora dopo diverse ore di gioco.

Anche i dialoghi, presentati in modo diverso a seconda dello status sociale, sono fatti davvero bene. I contadini parlano con una grafia poco leggibile e i nobili con una scrittura artistica splendidamente ornata. Chi trova i caratteri di difficile lettura, troppo faticosi alla lunga, può attivare una modalità con caratteri semplici.

Lo stile visivo del gioco è convincente, con illustrazioni medievali dettagliate e un'ampia gamma di caratteri.
Lo stile visivo del gioco è convincente, con illustrazioni medievali dettagliate e un'ampia gamma di caratteri.

L’imbarazzo della scelta

La particolarità della storia dell'omicidio medievale è che è influenzata dalle mie azioni. Il gioco mi dà la sensazione che ogni decisione presa possa avere conseguenze di vasta portata sull'esito della storia. Qui l'influenza delle radici RPG di Obsidians è evidente.

All'inizio decido come Andreas ha trascorso i suoi anni di vagabondaggio. La mia versione è che l'artista ha studiato storia e legge a Basilea. Nel tempo libero, si dilettava con i libri di occultismo. Ed è anche un donnaiolo incallito. Tutti questi attributi influiscono sulle opzioni di dialogo e sulla risoluzione degli enigmi. Con il mio Andreas, posso decifrare messaggi segreti occulti nelle indagini e flirtare con le donne per ottenere informazioni.

La scelta della storia di Andreas deve essere attentamente valutata.
La scelta della storia di Andreas deve essere attentamente valutata.

Per svelare la vera identità dell'assassino, Andreas deve parlare a lungo con gli abitanti del villaggio e i frati dell'abbazia e cercare prove. Di tanto in tanto ci sono anche piccoli minigiochi e puzzle da risolvere. A volte vorrei che Andreas potesse camminare un po' più speditamente attraverso Tassing e Kiersau per risolvere i misteri ancora più velocemente.

Se non si sta attenti, si possono fare molti pasticci nei dialoghi. Se ti comporti come un completo idiota, come ho fatto io nell'abbazia, di solito ti viene negato l'accesso a informazioni importanti.

Fortunatamente, spesso c'è più di un modo per ottenere indizi. Posso provare altri personaggi o entrare nelle case da solo e curiosare. Ma non ho abbastanza tempo per seguire tutte le tracce. Andreas ha solo pochi giorni per dimostrare l'innocenza del suo amico. Devo quindi decidere in fretta in che direzione andrà la mia indagine e chi sono per me i principali sospettati.

Collaboro all'autopsia del corpo. Le informazioni ottenute mi aiuteranno davvero nell'indagine?
Collaboro all'autopsia del corpo. Le informazioni ottenute mi aiuteranno davvero nell'indagine?

Nonostante le prove e le motivazioni raccolte, trovo dannatamente difficile incolpare gli altri abitanti del villaggio e i monaci. Non importa quali personaggi scelgo, in qualche modo mi sembra sbagliato. So che le mie accuse hanno conseguenze di vasta portata per gli accusati e le loro famiglie. Ma devo salvare il mio amico dall'esecuzione.

Nel corso del gioco, sono ripetutamente tormentato dal rimorso. Sono stato abbastanza scrupoloso nelle mie indagini? Cosa succede se ho condannato a morte una persona innocente? E se il vero assassino fosse ancora a piede libero?

Il gioco non mi dà una risposta chiara sull'identità del colpevole: sono io a decidere il corso e il canone della storia con le mie indagini.

Le prove da me raccolte possono fare la differenza tra la vita e la morte dei sospettati.
Le prove da me raccolte possono fare la differenza tra la vita e la morte dei sospettati.

Crescono così in fretta

Nel corso del gioco, Andreas viene coinvolto in altri casi misteriosi che sollevano ancora più domande e mettono in gioco nuovi sospetti. La storia completa è raccontata in «Pentiment» con diversi salti temporali nell'arco di 25 anni. Imparo sempre di più sul passato oscuro del villaggio e vedo come il villaggio bavarese cambia nel corso del tempo.

I bambini diventano un po' più grandi e gli anziani del villaggio passano a miglior vita. Vengono costruiti edifici e nuovi residenti si trasferiscono nel villaggio. Decisioni apparentemente banali che prendo all'inizio del gioco possono avere conseguenze importanti anni dopo.

È divertente tornare più volte a Tassing e scoprire cosa è cambiato nel corso degli anni. Il villaggio e i suoi abitanti mi sono entrati nel cuore nel corso del tempo.

Oltre ai terribili omicidi e ai misteri, ci sono anche momenti belli da celebrare nella vita degli abitanti del villaggio.
Oltre ai terribili omicidi e ai misteri, ci sono anche momenti belli da celebrare nella vita degli abitanti del villaggio.

D'altra parte, però, non mi piace affatto la navigazione caotica del menu. Gli appunti di Andrea sulle indagini in corso sono ordinati in modo confuso. Ogni volta perdo di vista i punti di indagine aperti e dimentico come i personaggi si relazionano tra loro e quali decisioni ho preso. Questo crea molta confusione, soprattutto dopo i salti temporali.

Conclusione: un must per tutti gli appassionati di giochi investigativi e d'avventura

«Pentiment» racconta un'avvincente storia di omicidio che attraversa due decenni ed è significativamente influenzata dalle mie azioni.

I colpi di scena scioccanti mi tengono incollato allo schermo fino al brillante finale. Anche dopo i titoli di coda, sono tormentato dal rimorso e mi chiedo se ho davvero preso le decisioni giuste. Il gioco non dà risposte definitive alle mie domande, quindi sto pensando di ricominciare da capo e di chiarire i misteri aperti.

La storia è confezionata in una presentazione grafica unica che convince per l'attenzione ai dettagli e la coerenza visiva. Piccoli difetti come la navigazione confusa nei menu e l'avvio lento non possono rovinare in modo significativo il quadro generale. «Pentiment» è uno dei giochi più originali dell'anno e merita di essere giocato da tutti gli appassionati di giochi investigativi e d'avventura.

«Pentiment» è disponibile su Game Pass per Xbox e PC e su Steam. Il gioco mi è stato fornito da Microsoft per la recensione.

A 49 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Il mio amore per i videogiochi si è svegliato alla tenera età di cinque anni con il Gameboy originale ed è cresciuto a dismisura nel corso degli anni.


Videogiochi
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

18 commenti

Avatar