Nuovo sport di resistenza: usare tutto il make up
Novità e trendBellezza + Salute

Nuovo sport di resistenza: usare tutto il make up

Natalie Hemengül
Zurigo, il 25.03.2021
Traduzione: Sanela Dragulovic
Chi vuole andare controcorrente nella comunità della bellezza, non compra nulla di nuovo, usa quello che ha in casa. In molti ambiti quotidiani questo è lo standard, nel cosmo della bellezza è solo una microtendenza.

I blogger di bellezza e gli youtuber di solito mostrano alle telecamere le ultime novità sul mercato. Non c'è quasi più spazio per i prodotti di ieri nel mondo del make-up e della cura della pelle sempre in più rapida evoluzione. Dopo tutto, le recensioni devono uscire ancora prima che le novità siano disponibili nei negozi. Questo garantisce visualizzazioni e attualità. Tuttavia, sui social media si sta facendo sentire, anche se molto timidamente, un contro-movimento.

Io li chiamo amorevolmente: «i consumatori incalliti».

Gli account Instagram di nicchia come @empties.likemysoul o @hitpanmaker si sono posti come obiettivo quello di utilizzare i loro prodotti fino all’ultima goccia. Sembra una cosa molto banale, dopo tutto i prodotti si comprano per essere usati. Sì, ma questo vale solo per il consumatore medio. I fanatici di bellezza fanno incetta di prodotti e ne testano di nuovi come in una catena di montaggio. Usare un prodotto con costanza in modo che si veda il fondo, è un duro lavoro. Ciò che questo dice sulla nostra società basata sul consumo è aperto all'interpretazione.

Il motivo

Su Youtube si trovano vari video in cui le persone mostrano creme e polveri a cui vorrebbero prestare maggiore attenzione. Fino alla fine. Pubblicano i loro progressi in aggiornamenti regolari e incoraggiano lo spettatore, tu, a fare lo stesso e usare ciò che già hai. Clicca su Google Hit the Pan, Project Pan o Empties e troverai rapidamente quello che stai cercando.

Non di rado, questi video fanno sentire la coscienza sporca, soprattutto quando hai speso soldi per qualcosa che non usi. Una sensazione che probabilmente tutti hanno già vissuto. In particolare quando si tratta di prodotti di bellezza, i sensi di colpa sono ancora più pesanti per i seguenti fattori: una volta aperto, il tempo scorre. La data di scadenza si avvicina. Vige un obbligo di consumo. Per quanto io sostenga questo tipo di articoli, specialmente come controcorrente ai numerosi video sulle novità, lascia l’amaro in bocca. Il rimorso sembra essere la forza motrice. La sostenibilità? Secondaria.

Un altro approccio

Per lavoro o interesse personale, anch’io testo e provo diversi prodotti. Talmente tanti, che non potrei consumarli in una vita intera. Se ti senti come me, c'è un'alternativa all’obbligo di consumo: i rifugi per donne e altre organizzazioni caritatevoli sono felici di ricevere donazioni sotto forma di prodotti di igiene e di bellezza. Non importa se sono già stati aperti e usati una o due volte. A seconda del prodotto, non è così grave, per esempio, shampoo, profumi, creme in tubetto, ecc. In questo modo, riduci la collezione ai tuoi preferiti aiutando una buona causa. Effetto collaterale positivo: utilizzerai fino all’ultima goccia tutti i tuoi prodotti preferiti senza doverti nascondere dietro una sfida come «Project Pan».

A 7 persone piace questo articolo


Natalie Hemengül
Natalie Hemengül
Editor, Zurigo
Sono una fanatica estrema di Disney e il mio mondo è tutto rosa e fiori. Venero le serie tv anni '90 e sono devota alle mie sirenette. Se non sto danzando sotto una pioggia di glitter, mi trovi a un pijama party o a incipriarmi il naso. P.s.: con la giusta tecnica puoi conquistarmi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli