Non rinunciare proprio a tutto grazie ai certificati CO2

Non rinunciare proprio a tutto grazie ai certificati CO2

Tobias Billeter
Zurigo, il 05.05.2021
Traduzione: Sanela Dragulovic
Da giugno, i clienti di digitec e Galaxus possono fare acquisti a impatto climatico zero. Alcuni, tuttavia, vogliono bilanciare la loro intera impronta ecologica. Con l'acquisto di certificati di CO2, ciò è attualmente possibile, conveniente e sensato – anche per gli amanti degli animali.

Anche se il virus da Covid-19 ha temporaneamente sostituito il cambiamento climatico sulle testate giornalistiche, il riscaldamento globale rimane probabilmente la più grande sfida del 21° secolo. Una parte crescente della popolazione elvetica ne è ormai convinta. Non c'è dubbio: è lo stile di vita di tutti noi che determinerà se i nostri nipoti domani conosceranno ancora il ghiacciaio dell'Aletsch dalle lezioni di geografia o dai libri di storia. Di conseguenza, sempre più cittadini si pongono la domanda: come posso, in qualità di consumatore ordinario, proteggere il clima senza cambiare completamente il mio stile di vita?

Dimezzare l'impronta di CO2 in modo quasi indolore

Le ambizioni di protezione del clima del nostro paese sono state concordate da tempo. Per raggiungere gli obiettivi climatici stabiliti nell'ambito dell'Accordo di Parigi, la Svizzera si impegna a dimezzare le sue emissioni di CO2 pro capite entro il 2030 e a ridurle addirittura a zero entro il 2050. Specifiche sportive che gridano all'azione. Cominciamo dall’inizio. Secondo l'Ufficio federale di statistica, in Svizzera l'impronta media di CO2 del cittadino medio è attualmente pari a 13,5 tonnellate all'anno. Entro il 2030, cioè nei prossimi 9 anni, dobbiamo ridurla di 7 tonnellate pro capite. Cosa e come fare per raggiungere tale obiettivo, può essere calcolato gratuitamente e in tre minuti usando il Calcolatore dell'impronta ecologica del WWF. Attenzione: guardare la propria impronta climatica, compresi i consigli per la sua riduzione, può provocare stress.

Fonte: Calcolatore dell'impronta ecologica del WWF: impronta climatica media degli abitanti in Svizzera – vacanze al mare incluse.
Fonte: Calcolatore dell'impronta ecologica del WWF: impronta climatica media degli abitanti in Svizzera – vacanze al mare incluse.

Biarritz è la nuova Bali

Prima le buone notizie: se vuoi dimezzare il tuo impatto climatico entro il 2030, non devi trasferirti in un monastero, bensì prima di tutto rivedere la tua mobilità. Se si escludono dall'impronta di carbonio i voli a lunga distanza non necessari, le crociere e gli inutili chilometri percorsi in autostrada, l'impronta di CO2 viene già notevolmente ridotta. Per esempio, se sposti le tue vacanze da Bali a Biarritz e viaggi in treno verso la costa atlantica francese, riduci la tua impronta di CO2 annuale di oltre cinque tonnellate, o in media del 37%. Passare dall'auto al trasporto pubblico è altrettanto efficace, sempre che sia possibile. Sostituire la macchina a benzina con un abbonamento generale delle FFS o in alternativa passare a un’auto elettrica di ultima generazione, ridurrebbe le emissioni di CO2 di un ulteriore 20-35%.

Il consumo intelligente aiuta

Al di là della mobilità, la riduzione di CO2 sarà molto più impegnativa. Poiché la riduzione mirata dei gas a effetto serra nei servizi pubblici, nella scelta dell'alloggio e dell’alimentazione è piuttosto difficile, il consumo di prodotti non alimentari entra inevitabilmente in gioco. E questo ci porta alle questioni dolorose, come gli hobby o gli amati animali domestici. Uno studio pubblicato di recente mostra con spaventosa chiarezza che i due divertenti Border Collie di mia madre pesano molto sull'equilibrio climatico. I due socievoli amici a quattro zampe emettono oltre due tonnellate di CO2 all'anno tra cibo, alloggio, trasporto e altri acquisti. Convertito in una distanza autostradale con il mio minivan francese, corrisponderebbe a circa 10 000 chilometri all'anno.

Compensazione invece di depressione

Biarritz invece di Bali mi va benissimo. La macchina è comunque ferma nel parcheggio e dodici paia di scarpe da ginnastica non mi rendono felice. Tuttavia, dover rinunciare ai cani, a un weekend sugli sci con i bambini o ad altre belle cose della vita, questo sì che sarebbe difficile. Oltre a ridurre l'impronta di carbonio personale, c'è un altro modo per tutelare il clima, almeno temporaneamente, ovvero la compensazione di CO2. Come strumento a breve e medio termine è efficace e anche sensato. Questo perché i fondi confluiscono in progetti selezionati di protezione del clima per mezzo di certificati di CO2 che riducono le emissioni di gas serra in modo efficiente dal punto di vista economico e a lungo termine. Spesso sono attuati in regioni del mondo dove mancano i mezzi finanziari per la protezione del clima.

A proposito: secondo l'Ufficio federale di statistica, una famiglia di quattro persone emette circa 50 tonnellate di CO2 all'anno. Con un prezzo di compensazione di CO2 di 30 franchi per tonnellata, si tratta di 1500 franchi per famiglia, o circa quanto costava un volo diretto da Zurigo alla lontana mecca del surf Bali prima della pandemia di coronavirus.

Ecco i link di alcuni progetti i cui certificati di CO2 sono ora disponibili nel nostro shop: Prony Wind Power
Siam Solar
Kariba Forest Protection
Musi Wasserkraft
Lacondon Forests for Life
Xe Namnoy Hydropower

A 2 persone piace questo articolo


Tobias Billeter
Tobias Billeter

Head of Corporate Communications, Zurigo

Il mio compito è quello di assicurarmi che collaboratori e giornalisti sappiano cosa sta succedendo con Digitec Galaxus. Tuttavia, senza una boccata d'aria fresca e un bel po' di movimento non succede proprio un bel niente! La natura mi rigenera e mi permette di essere sempre aggiornato e il jazz mi dà la pace necessaria per educare i miei figli.

Sostenibilità

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


Potrebbero interessarti anche questi articoli