L'uomo dei 15 000 jeans
Ritratto

L'uomo dei 15 000 jeans

Vanessa Kim
Zurigo, il 03.12.2018
Immagini: Thomas Kunz
Ruedi Karrer possiede una delle più grandi collezioni di jeans al mondo. Scopri nell’articolo seguente perché non laverebbe «mai» un tessuto in denim e quando lo indossa.

Come un fulmine, Ruedi Karrer corre fino al quinto piano. Fa due scalini contemporaneamente. Il fotografo Thomas Kunz ed io riusciamo a malapena a stargli dietro, anche se ha quasi il doppio della nostra età. Una volta in soffitta, dove si trova il suo museo dei jeans, passiamo subito al sodo. Senza troppi giri di parole, comincia a parlare del suo orgoglio e della sua gioia: il denim. Più precisamente, «denim grezzo». Gli occhi dell'autoproclamato «Swiss Jeans Freak» si illuminano quando parla della sua collezione di jeans, che conta quasi 15 000 pezzi.

Come fai ad avere una panoramica di tutti gli scatoloni?
Ruedi Karrer, collezionista di jeans: Non è facile. I primi 2 000 pezzi sono ordinati – principalmente pantaloni e giacche. I restanti 12 000 sono ancora in fase di sistemazione. Ordino la mia merce per marca, età e nel caso di una giacca se è foderata o no. Nel frattempo, ho creato una banca dati. Questo mi aiuta quando presto singoli pezzi a musei, fiere o mostre.

Quando un denim è interessante? Accetto regali in qualsiasi momento, anche i modelli dei grandi magazzini. Molte aziende di jeans mi riforniscono di novità. La difficoltà consiste nel procurarsi dei modelli con patina (sono i segni d’usura). La mia passione è il denim grezzo. Per i visitatori della mia mostra sono questi i modelli interessanti.

Cosa si intende esattamente?
Il denim grezzo è un tessuto che non è stato prelavato ed è duro come una tavola. La sua tipica colorazione è grigio-azzurra. È solo attraverso un'usura regolare che il tessuto si adatta individualmente alla forma del corpo e acquisisce la sua patina in altre parole: segni di sfregamento e pieghe. Questo si ottiene dopo circa 200 giorni.

1557de2784161fa9d4c0a249d095eb08359deda32b0e9515da2439c2a4235deb
Le scatole si accumulano nel magazzino. Ce ne sono undici per pila, che raggiungono il soffitto alto quattro metri.

Allora compri due paia di jeans per ogni modello?
Sì, se è possibile. Questo è l'unico modo in cui posso mostrare ai miei visitatori l'effetto prima e dopo. Il modo in cui un paio di jeans cambia quando viene indossato è la parte più interessante.

Come è iniziato tutto questo?
Sono cresciuto in una famiglia numerosa in un piccolo villaggio dei Grigioni. Eravamo così poveri che ricevevamo donazioni di vestiti. Un giorno io e i miei fratelli abbiamo ricevuto due paia di jeans Levi's. Fino ad allora, conoscevo solo i pantaloni a coste. Da quel momento indosso solo denim. Ai tempi, dovevo condividere le due paia di pantaloni Levi's con i miei fratelli. Ero il quarto, e dovevo farmi valere per poterli indossare; quel materiale mi dava forza e incarnava una forma di ribellione per me.

I tuoi jeans erano una specie di costume da Superman?
Ero molto debole, un bambino prematuro e il mio fratello minore è nato prima del mio primo compleanno. Nella foto di classe di scuola media, sembravo un bambino accanto ai miei amici già in pubertà. A 22 anni li avevo però raggiunti – meglio tardi che mai (ride). In quei tempi, i jeans erano una sorta di guscio protettivo in cui mi sentivo forte e che mi faceva apparire più audace e ribelle al mondo esterno.

Cosa è successo dopo?
Ho continuato a collezionarli durante i miei studi, per i quali mi sono trasferito a Zurigo. Fino a quando la mia stanza e la cantina non erano strapiene Allora ho deciso di aprire un piccolo museo privato. Era il 2001. Vi sono modelli dalla A di APC fino alla Z di Zara. Il modello più vecchio è di Carhartt e risale agli anni Venti. La mia collezione oggi conta più di 14 000 pezzi.

I jeans Carhartt degli anni '20 sono l'orgoglio e la gioia di Ruedi.
I jeans Carhartt degli anni '20 sono l'orgoglio e la gioia di Ruedi.
Denim, denim e ancora denim.
Denim, denim e ancora denim.

Perché un museo?
Non esistono ancora musei del denim. Questi tendono ad essere archivi aziendali di marchi come Levi's e Mustang. Il mio museo dei jeans è aperto al pubblico su richiesta. Con la mia conoscenza, voglio sensibilizzare in particolare i giovani a optare per i modelli scuri e piuttosto noiosi di denim grezzo. Ma sono spesso impazienti. Per i segni di usura, tutto quello che devono fare è andare in un negozio e rifornirsi di un modello economico che si consuma dopo poche volte che si indossa.

Come finanzi il tutto?
Lavoro come geografo per il Cantone di Zurigo. Il mio budget è di 20 000 franchi all'anno, che pago di tasca mia. La metà va per l'affitto. L'altra metà la spendo in nuovi modelli e fiere. Per ora non ho uno sponsor, ma ci sto lavorando. Il mio concetto è pronto, ma ho bisogno di uno spazio espositivo più grande di circa 500 metri quadrati (oggi sono solo 140 metri quadrati).

Quante paia di jeans indossi nella tua vita privata?
Indosso sempre le stesse due o tre paia, che cambio ogni settimana. Attualmente indosso un modello di Nudie e uno di Benzak. Devo indossarli entrambi per un altro anno più o meno per ottenere l’effetto desiderato, far sbiadire determinate zone e far risaltare le pieghe e ottenere così la giusta patina.

Il tuo record?
Ho indossato i miei pantaloni Iron Heart per 1 002 giorni – non consecutivi, naturalmente. Ma senza mai lavarli. Per arrivare a così tanti giorni, ci vogliono diversi anni, perché non indossi sempre e solo quel paio.

1557de2784161fa9d4c0a249d095eb08359deda32b0e9515da2439c2a4235deb
Ruedi ha indossato questi jeans Iron Heart per un totale di 1 002 giorni. La patina è chiaramente evidente.

In quali occasioni non indossi i jeans?
Indosso sempre i jeans, anche ai funerali e ai matrimoni, tuttavia per queste occasioni opto per modelli puliti. I miei amici non mi riconoscerebbero altrimenti. Non li indosso a letto, durante lo sport e per fare i bagni. Non permetterei mai all'acqua di toccare i miei jeans.

Come «lavi» i tuoi pantaloni?
I puritani come me amano la tonalità originale. Lavando il denim grezzo anche solo una volta, il tipico colore indaco si lava, diventando blu reale. Per quanto concerne tutti gli altri jeans trattati si possono lavare senza problemi. Una volta a settima è comunque troppo anche in questi casi. L’ideale sarebbe ogni sei mesi, a meno che non si sudi molto.

Come fai con il sudore?
Non indosso i mei denim (belli) quando faccio lavori in giardino o in cantiere. Ma per il lavoro in ufficio questo non è un problema. Inoltre, il denim grezzo è repellente allo sporco quando è asciutto. Se non sudi molto, puoi indossare i pantaloni anche per 200 giorni. E se li alterni con un altro paio di pantaloni, fino a uno o due anni.

Cosa succede quando arriva il giorno X?
Questo è un dilemma perché non c'è soluzione. O li lavi e hai dei pantaloni blu reale o li indossi solo nel tempo libero. I tipici segni di usura che gli amanti dei jeans vogliono ottenere, si hanno solo se non si lavano mai i pantaloni. Oppure si può provare ad arieggiarli e congelarli. Un altro trucco per evitare i cattivi odori è indossare un modello di una taglia in più, in questo modo si suda meno.

«Con i miei oltre 37 000 seguaci, sono già considerato un influencer. Trascorro circa una o due ore al giorno su Instagram.»

Guardi le persone negli occhi o i loro pantaloni?
Non per giudicare, ma sì, il mio sguardo è magicamente attratto dai jeans. Quando vedo un bell’esemplare, ne parlo con la persona e gli lascio il mio biglietto, una specie di biglietto da visita, dicendo: «Non importa cosa succede, per favore non buttare via i pantaloni». Non è comunque mia intenzione spogliare la gente per strada.

Qual è stata la cosa più pazza che hai fatto per un paio di pantaloni?
Durante un pranzo nel quartiere di Niederdorf, ho visto per strada uno studente giapponese che indossava dei blue jeans Big Smith. Ho lasciato tutto e gli sono corso dietro. Con mani e piedi ho cercato di convincerlo a incontrarmi alle 13 al Central di Zurigo. Ho preso spontaneamente il pomeriggio libero in ufficio, gli ho mostrato la mia collezione di jeans e, dopo tre ore di tentativi, sono riuscito a scambiare i suoi pantaloni con un paio di Levi's nuovi di zecca.

Quanto ti è costato finora il tuo hobby?
In tutti questi anni, devo aver speso circa tra i 200 000 e i 300 000 franchi. Una passione costosa, lo so. Altri a 59 anni guidano una Ferrari (ride).

1557de2784161fa9d4c0a249d095eb08359deda32b0e9515da2439c2a4235deb
Solo nello showroom ci sono circa 1000 pezzi.

Raw denim o no, se anche a te piace il jeans, dai un’occhiata al nostro assortimento.

Ti è piaciuto questo articolo? Clicca su «segui l’autore» per non perderti la prossima intervista.

A 42 persone piace questo articolo


Vanessa Kim
Vanessa Kim

Editor, Zurigo

Quando non sto esplorando le profondità del mare aperto come una subacquea, mi piace immergermi nel mondo della moda. Tengo gli occhi aperti sulle strade di Parigi, Milano e New York per trovare le ultime tendenze e ti mostro come portarle dalla passerella alla vita di tutti i giorni.

Potrebbero interessarti anche questi articoli