ESA
Questo articolo è stato tradotto automaticamente.
Novità e trend

L'ombrellone si è srotolato: Il telescopio James Webb sulla strada del successo

Durante il viaggio verso il suo posto in orbita, il nuovo telescopio spaziale ha potuto dispiegare completamente il suo scudo solare. Ora la prossima manovra di precisione è all'orizzonte.

La vela di protezione solare del James Webb Space Telescope (JWST), lanciato nello spazio a Natale, è completamente spiegata. La NASA lo ha annunciato ieri sera in un post sul blog. La manovra, molto complessa, è iniziata lunedì. Sono stati coinvolti 139 meccanismi di rilascio, 70 cerniere, 8 motori di distribuzione, 400 paranchi e 400 metri di cavo. Allungata, la vela è ora grande come un campo da tennis. Poteva essere trasportato dalla terra nello spazio solo ripiegato.

  • Retroscena

    Telescopio spaziale James Webb: l'inizio di un enorme progetto

    di David Lee

I fogli sottilissimi offrono protezione

La protezione solare consiste in cinque lamine di plastica con un rivestimento metallico riflettente. I singoli strati sono sottili come un capello umano. Tuttavia, offrono al nuovo telescopio spaziale un fattore di protezione solare di oltre un milione. Come promemoria: la nostra crema solare ha un fattore di protezione solare di 50.

Hauchdünne Folien, hoher Schutz: Das Sonnenschutzsegel des James-Webb-Weltraumteleskops ist so gross wie ein Tennisplatz.
Hauchdünne Folien, hoher Schutz: Das Sonnenschutzsegel des James-Webb-Weltraumteleskops ist so gross wie ein Tennisplatz.
ESA

Questo è fondamentale per gli strumenti sensibili a bordo. Perché la loro temperatura di funzionamento è molto al di sotto del congelamento. Quindi, affinché gli strumenti funzionino, devono essere protetti dal calore della terra, del sole e della luna. La differenza di temperatura tra il lato caldo e quello freddo della vela è attualmente di circa 100-200 gradi Celsius.

La prossima manovra è già all'ordine del giorno

La vela di protezione solare non è l'ultima parte del JWST a dispiegarsi. La prossima impresa orbitale nello spazio è già in partenza: Il telescopio estende il braccio dello specchio secondario. Una volta fatto questo, anche le ali laterali dello specchio primario dorato si dispiegheranno a breve.

Il JWST è in viaggio da undici giorni. La sua destinazione è il cosiddetto punto di Lagrange L2. Si tratta di circa 1,5 milioni di chilometri dalla Terra - secondo i calcoli attuali, il telescopio dovrebbe arrivare lì in circa 16 giorni.

Tutte le manovre del JWST devono anche andare in modo impeccabile, affinché il progetto, che vale miliardi, possa dare i suoi frutti. È guidato dalle agenzie spaziali americana, europea e canadese. Numerose aziende e università sono anche coinvolte nel mega-progetto.

Se tutto va come previsto, l'osservatore spaziale dovrebbe essere in grado di inviare le prime immagini sulla Terra in circa cinque mesi e mezzo. Gli scienziati vogliono usare queste immagini per esplorare meglio le origini dell'universo.

A 30 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

«Io voglio tutto: le discese ardite e le risalite stordite, la crema in mezzo!» – queste parole di un noto personaggio televisivo statunitense rispecchiano pienamente il mio pensiero. Vivo secondo questa filosofia di vita anche a lavoro. In altre parole: trovo che ogni storia, dalla più insignificante alla più incredibile, abbia il suo fascino. 


Robotica
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Foto e video
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

Commenti

Avatar