Non sei connesso a internet.
Corporate logo
FotografiaSportOutdoorNovità e tendenze 327

«L'elicottero decolla tra 45 minuti»

Filip Zuan è un fotografo. E fa il suo lavoro così bene che ti lascia a bocca aperta. Il suo studio? Le montagne dell’Engadina. Le sue foto? Spettacolari.

Incontro Filip a metà aprile nell'innevata e ancora molto invernale Alta Engadina per un'intervista. Il 37enne vive a Silvaplana. Ci sediamo con lui al tavolo della cucina, sua figlia Ella accanto a noi sul pavimento. Gioca soddisfatta con i suoi blocchi di costruzione, mentre in cucina si diffonde il profumo del caffè appena preparato. Atmosfera da domenica mattina, in un venerdì qualsiasi. Vorresti che il tempo si fermasse, ma ovviamente non accade.

«L'elicottero decolla tra 45 minuti, preparati».

Filip mi racconta come ha incontrato l'icona del surf Robby Naish per un servizio di alcuni anni fa. E dice: «Devi dare alla fortuna una possibilità, guardare sempre avanti, essere sempre pronto per un momento speciale, per la fortuna». Per lui come fotografo questo significa che le batterie delle sue macchine fotografiche sono sempre, completamente cariche, sempre «pronte a scattare» (in tutti i sensi). Voglio saperne di più e indago.

Come sei riuscito a fare questo servizio con Robby Naish?

«Era stato annunciato un evento di Stand Up Paddle (SUP) a St. Moritz, a cui era ospite Robby Naish. Era in tournée promozionale per le sue SUP gonfiabili. Un mio amico ha co-organizzato l'evento ed era in contatto con il management di Naish. Naturalmente, per fare questa foto con Robby ho pregato il mio amico in ginocchio. Tutta la faccenda si trascinava da tempo, era complicata, e pensavo: ‘Va bene, non c’è speranza.’ Fino a due giorni prima dell'evento, non avevo notizie dal mio amico».

E improvvisamente il telefono suona.

«Esatto. Erano le 10 del mattino, ero seduto in ufficio e dall'altro capo della linea il mio amico mi fa: ‘Ehi Filip, Robby è arrivato. Sta andando a fare SUP. L'elicottero parte tra 45 minuti.’ E lì ho iniziato a sudare. Ma siccome sono «sempre pronto a scattare», ho afferrato la mia attrezzatura e sono partito subito. È stata una giornata incredibile, di quelle che ricorderò per sempre».

Sul viso di Filip si fa strada un sorriso. E così, l'icona del surf Robby Naish, direttamente dalle Hawaii, con la sua tavola di Stand Up Paddle, si trova su un lago di montagna dell'Alta Engadina.

Robby Naish © Filip Zuan
© Filip Zuan
© Filip Zuan

Filip Zuan studia Graphic Design a Barcellona. Vive nella metropoli catalana da sei anni. Barcellona era ed è un luogo molto popolare per gli skater, che è un altro motivo per cui Filip si è recato in Spagna nel 2003. Ed è lì che scopre la fotografia. O è la fotografia che scopre lui? Studia, va in skate e documenta tutto con la macchina fotografica. Dopo i tre anni di studio rimane a Barcellona e lavora fino al 2009. Quest’uomo, che viene dalle montagne dei Grigioni, cura il layout di una rivista spagnola di snowboard nella città portuale catalana.

«L'Engadina, per me come fotografo, è un paradiso. Il paesaggio e la luce sono unici».

Oggi Filip è tornato a vivere e lavorare nel suo paese d'origine. Vive a Silvaplana con sua moglie e la loro bambina. Come fotografo sportivo e per l’outdoor, per lui la regione intorno a St. Moritz è il luogo ideale per lavorare sia in estate che in inverno. Negli ultimi anni l'Engadina è diventata la mecca della mountain bike. Oltre ad altri sentieri, qui c'è anche la leggendaria Route 673, nota anche come «Bernina Express», che va da Pontresina a Poschiavo. Alcuni mountain biker sostengono che sia il tour più bello del mondo.

Filip è molto vicino all'azione e di recente ha lanciato una rivista: «Currently Bike Movement» documenta la scena della mountain bike in più di 100 pagine. È appena stato pubblicato il secondo numero. Nel frattempo siamo al secondo caffè, mentre Ella continua a giocare con i suoi mattoncini, completamente immersa in quello che sta facendo.

Che ruolo hanno le tue radici in Engadina?

«L'Engadina è casa mia. Qui mi sento bene».

Come si riflette questo nelle tue foto?

«Pianifico i miei scatti con molta attenzione. Conosco la zona e la montagna, e questo naturalmente rende le cose molto più facili. E penso che questo si rifletta nel mio lavoro. Fare scatti in un luogo nuovo o sconosciuto è emozionante, ma ci sono moli fattori imprevedibili».

Cosa vuoi dire?

«In studio, puoi mettere in scena una foto dalla A alla Z. All'aperto puoi farlo solo in misura limitata e ci vuole una buona dose di fortuna. Una pianificazione precisa, la mia esperienza, il mio «sesto senso» per le condizioni meteo, la luce e così via sono di grande aiuto. Se non scatto a casa, tutte queste cose mi mancano, e così potrei perdermi il momento magico che cerco».

Sul Piz Nair © Filip Zuan

Filip si ritiene fortunato. Ma, per ritenersi fortunati, bisogna prima essere pronti ad aprirsi alla fortuna. La sua filosofia: la fortuna arriva grazie a una preparazione meticolosa. Ci vogliono esperienza, spontaneità e una buona dose di intuito, perché a volte tutto accade molto rapidamente.

Puoi farmi un esempio concreto?

«Per la mia rivista di mountain bike ho messo insieme una storia su un rifugio in una valle laterale dell'Alta Engadina: il rifugio Kesch. L'organizzazione del servizio è stata molto difficile. Ho trascorso gran parte dell'estate 2016 a trovare una data che andasse bene sia ai piloti che a me. A volte ero io a non essere disponibile; a volte uno dei piloti; altre volte ci eravamo accordati per una data, ma le previsioni meteo erano pessime. Per farla breve, a un certo punto ho dovuto prendere una decisione e fissare una data. Le prospettive meteorologiche erano pessime e quel giorno ha piovuto per tutta la mattinata.

E lo stato d’animo?

«Come il tempo (ride). Ma poi improvvisamente le condizioni migliorano e possiamo scattare per il resto della giornata. La sera, mentre fa di nuovo nuvoloso, arriviamo al rifugio Kesch esausti e stanchi. Mentre ci sediamo dentro per una tazza di tè caldo, guardo fuori dalla finestra e in quel preciso momento so esattamente cosa sta per accadere. A quel punto, non possiamo perdere tempo. Devono uscire tutti, subito, e montare sulle mountain bike. Questo tipo di cose non ti rende particolarmente popolare tra i soggetti delle tue foto. Mentre ci troviamo fuori, il sole si fa di nuovo strada attraverso le nuvole per alcuni minuti e boom, ecco la foto per la copertina. Se mi fossi perso questo momento, oggi sarei molto, molto infastidito».

Altopiano sopra l'Alp Funtauna vicino al rifugio Kesch © Filip Zuan

Ma, per fortuna, non è andata così: lo scatto è riuscito. E cosa pensa Filip Zuan della post-elaborazione del suo materiale? Quanto utilizza Photoshop? Naturalmente, dopo gli scatti regola il colore e il contrasto. Tuttavia, in questo ambito rimane un puritano. I suoi esordi risalgono alla fotografia analogica, perciò cerca di rendere il più possibile direttamente «In camera». Non gli piace manipolare e ritoccare.

«Scattare foto in mountain bike è estremamente impegnativo».

Quando fa servizi di questo genere, parte con pochissima attrezzatura. Un corpo, tre lenti: 24/70, teleobiettivo, ampio, pronto. Infine, anche lui va in mountain bike nel tour, quindi si porta qualche chilo in più sulla schiena. Aggiungi a questo mix l'alta concentrazione, la ricerca costante della luce perfetta e l'ambientazione perfetta: la sera, dopo un servizio, è felice e soddisfatto, ma anche distrutto.

E per finire voglio sapere: qual è il dispositivo migliore? Nikon, Canon, Sony o un’altra marca? Filip Zuan alza gli occhi al cielo e risponde:

«Non sono interessato a questo argomento, perché lo ritengo del tutto superfluo. A me interessano le foto».

Ha ragione!

Nair © Filip Zuan

Altre informazioni su Filip Zuan qui

Altre informazioni sulla fotografia qui

Potrebbero interessarti anche questi articoli

<strong>Che la tenda sia con te!</strong>
OutdoorPresentazione prodotti

Che la tenda sia con te!

<strong>Sfida le leggi della genetica:</strong> raggiungi i tuoi obiettivi!
SaluteRetroscena

Sfida le leggi della genetica: raggiungi i tuoi obiettivi!

Il richiamo del trail: sono arrivate le nuove <strong>Commencal</strong> del 2018!
CiclismoAssortimento

Il richiamo del trail: sono arrivate le nuove Commencal del 2018!

User
Crunches, High Plank Limb Raises, Low Plank, Russian Twist, Side Plank Oblique Crunch, Jumping Jacks, Mountain Climbers, Quick Feet, Squat Stars, Butt Kicker Jump Squats, Calf Raises, Curtsy Lunges, Jump Squats, Lunge & Twist, Lunge to Front Kick, Single-Leg Deadlift, Wall Sit, Alligator Push-ups, Commander Push-ups, Declined Wall Push-ups, Narrow Push-ups, Narrow-to-Wide Push-ups, Single-Leg Push-ups, Stagger Push-ups, Burpees und 10k – 21.1k Runs und Arbeit, Familie, Hund, Katzen … und schon ist wieder eine Woche rum.

3 Commenti

3000 / 3000 caratteri

User schLEIMER

Super Artikel! Schaade nur dass ich diesen nur durch Zufall gesehen da ich aus versehen auf das Galaxus Angebot auf der Digitec Seite geklickt habe. :( würde sehr gut auf Digitec passen. Outdoor hin oder her.

25.04.2018
User Patrick Bardelli

Hey DirtbagLogan, danke für dein Feedback. Dann hatte ich Glück, dass du aus Versehen auf meinen Artikel gestossen bist. Man muss dem Glück eben eine Chance geben ;)

25.04.2018
Rispondi