La nostalgia di vedere un viso
Novità e trendArredamento

La nostalgia di vedere un viso

Pia Seidel
Zurigo, il 15.02.2021
Traduzione: Sanela Dragulovic
Mascherine, distanza di sicurezza e silenzio come in una città fantasma. Mi mancano le persone e i loro volti. Per contrastare questa «tendenza» ho deciso di aggiungere qualcosa al mio arredamento.

Ogni volta che esco, sorrido alla gente per strada. Voglio qualcosa da loro. Non soldi o chiacchiere. Voglio vedere i loro volti. Quelli che si nascondono sotto le mascherine. I denti storti che mi sorridono sono meglio di qualsiasi mascherina di lusso o delle mascherine verdi monouso.

E così mi lascio prendere dalla pareidolia. Tutte le forme che ricordano anche solo vagamente delle caratteristiche del viso umano diventano negli ultimi tempi volti per me. Fuori sulle macchine guardo gli smiley e a casa sul muro del soggiorno un pagliaccio che mi sorride. Si chiama Gustavo e il suo viso mi rasserena.

Sempre pronto per una smorfia: Gustavo, il clown di ceramica.
Sempre pronto per una smorfia: Gustavo, il clown di ceramica.

Prima del lockdown, mi bastava dare un'occhiata fuori dalla finestra e vedere gli ospiti del ristorante alla moda davanti a casa. Ora non c'è nessuno, tranne i corrieri di Uber Eats.

Il motivo per cui improvvisamente vedo facce ovunque è spiegato in un articolo della NZZ sulla pareidolia e in quanto essere sociale, cerco «i miei simili». Così, quando Gustavo mi guarda, trovo quello che cerco e mi sento a mio agio. È un po' come ai vecchi tempi, quando potevo osservare la gente dalla finestra di casa. A volte ci scambiavamo addirittura gli sguardi. Ai tempi mi sentivo a disagio, oggi mi limiterei a sorridere.

Oltre a questo, sono un’esteta. Ho bisogno di una qualche delizia per gli occhi. Mi manca tutto ciò. Infatti, mi sembra di vedere volti sia sulle mascherine che nelle vie vuote. Un po' come l'artista israeliana Shira Barzilay, che trasforma il mondo in una tela. Dipinge volti sulla sua shakshuka o sul cioccolato. Io li dipingo sulle mie uova da colazione.

La bambina in me è felice di vedere nuove facce ogni giorno – in tutte le forme.
La bambina in me è felice di vedere nuove facce ogni giorno – in tutte le forme.

I volti non piacciono solo a me e a Shira. Sono anche una decorazione degli accessori per la casa. Due anni fa, ho scritto per la prima volta su questo nuovo trend (articolo attualmente disponibile solo in tedesco). Eppure, è solo ora che lo sento davvero vicino. I design «umani» stuzzicano la mia immaginazione. Così i fiori freschi nel vaso chiamato Waldtraut diventano rapidamente dei capelli che posso acconciare più e più volte e trovo un nuovo amico nella vita di tutti i giorni.

Proiezione o no, sono contenta di vedere che i «capelli» di Waldtraut siano sempre ben sistemati.
Proiezione o no, sono contenta di vedere che i «capelli» di Waldtraut siano sempre ben sistemati.

E guardando Waldtraut sul tavolo della sala da pranzo, spero di vedere molto presto dei veri personaggi nel ristorante hipster davanti a casa. Non vedo l’ora di risentire il tintinnio dei bicchieri e dover guardare fuori dalla finestra due volte prima di precipitarmi alla Migros in tuta. Non si sa mai chi potrei incontrare. Potrebbe esserci un volto noto tra loro. Fino ad allora, mi accontento di Waldtraut e Gustavo.

Half Face (17.50cm)
37.40
Bloomingville Half Face (17.50cm)

A 24 persone piace questo articolo


Pia Seidel
Pia Seidel
Senior Editor, Zurigo

«Ci sono due modi di vivere la vita. Uno è pensare che niente è un miracolo. L'altro è pensare che ogni cosa è un miracolo.» – Albert Einstein


Potrebbero interessarti anche questi articoli