Retroscena

«In Svizzera non c'è alcun motivo per non guidare un'auto elettrica»

Martin Jungfer
01.10.2021
Traduzione: Leandra Amato

Juice Technology costruisce e vende soluzioni di ricarica per veicoli elettrici. Christopher Gewohn è responsabile delle aree business attuali e future. Nell'intervista, parla dell'ansia da autonomia, delle reti di ricarica e di una vecchia BMW Cabrio.

Sopra di noi, gli aerei rimbombano verso l'alto, mentre dietro la siepe del parcheggio, le auto sfrecciano sulla A51. La sede di Juice Technology è situata in una posizione strategica per i trasporti, direttamente all'uscita Bülach-Süd, in una zona industriale simile a dozzine di altre in Svizzera.

Tuttavia, qui succede qualcosa di speciale: in quasi tutti i parcheggi dei dipendenti vi è un veicolo elettrico. La maggioranza è Tesla. Solo una vecchia BMW cabriolet, al limite dello status di auto d’epoca, «disturba» l'uniformità moderna.

Ci troviamo nel quartier generale di Juice Technology. Qui incontriamo Christopher Gewohn per un'intervista. Dal Business Development Manager vogliamo sapere come si sta sviluppando il mercato dell'elettromobilità. Da «Juice», abbreviato per suonare cool, lo devono sapere. È qui che si sviluppano le soluzioni di ricarica di cui ha bisogno chiunque abbia un'auto elettrica.

L'azienda è attualmente in espansione: la nuova sede nella zona industriale di Bachenbülach è stata occupata solo nel giugno di quest'anno, e i lavori sono ancora in corso ovunque. Solo in alcune aree dell'enorme spazio di uffici, tuttavia, ci sono già scrivanie, banchi di lavoro e stazioni di prova. C'è abbastanza spazio per un'ulteriore espansione.

Nel seminterrato troviamo un angolo tranquillo per la nostra intervista. Dietro di noi sul muro sono appesi dei tubi al neon LED piegati in forme che irradiano allegria. Naturalmente, qui ci si dà del «tu».

Christopher, eri bravo in fisica a scuola?
No. Ero più un tipo da lingue straniere. Perché?

Beh, da Juice Technology si parla sicuramente ogni giorno di elettricità, energia, watt e ampere, vero?
Sì, giusto. E quindi devo anche capire la materia a fondo. Alcune volte alla settimana mi siedo con i nostri ingegneri e mi informo sugli sviluppi attuali, sulle innovazioni specifiche dei prodotti e sui dettagli tecnici.

Ma tu non sei un ingegnere.
No. Io ho studiato economia aziendale. Lavoro da Juice Technology dal 2018. A quel tempo, eravamo solo sei dipendenti, oggi ci sono più di 100 dipendenti interni, in tutto il mondo siamo già oltre 200.

Cosa ti ha attratto allora – e forse ti attrae ancora oggi?
Prima di entrare a far parte del team di Juice Technology, ho lavorato per un marchio di elettronica di consumo. Ma c'è sicuramente una differenza enorme nel lavorare per un'industria che sta appena emergendo. Il tema della mobilità elettrica era fresco e di conseguenza aveva bisogno di spiegazioni. Non si trattava solo di elencare i benefici di un prodotto e convincere il consumatore a comprarlo. Si trattava di aumentare la consapevolezza. L'elettromobilità e le auto elettriche sono tutt'altro che nuove, ma fino a questo punto, questa forma di trasporto non si era ancora affermata. La cosa eccitante per me non era solo sviluppare il business di Juice, ma plasmare attivamente l'intero settore.

Una specie di compito educativo, quindi. Posso immaginare che ci sia ancora molto da spiegare quando si parla di elettromobilità.
Non è molto complicato. Guidare, frenare, fare il pieno – o meglio: ricaricare. Invece della benzina o del diesel, l'auto ora deve essere alimentata dall'elettricità. Già solo il processo di ricarica deve essere ripensato. La gente non va più alla stazione di servizio per ricaricare il proprio veicolo, bensì ovunque si trovi – a casa, al lavoro o con i dispositivi mobili, semplicemente ovunque ci sia una presa.

Ma è qui che le cose si complicano. Potenza di carica, CCS, Supercharger e così via – troppi termini e troppe abbreviazioni.
Questo è il compito di Juice Technology e di tutti coloro che vogliono far progredire l'elettromobilità: rendere il mondo più semplice. Ad esempio con soluzioni di ricarica intelligenti.

Juice Booster è disponibile in tanti colori vivaci.
Juice Booster è disponibile in tanti colori vivaci.

L'idrogeno o i cosiddetti carburanti verdi non hanno quindi alcuna possibilità?
Per le autovetture, i carburanti prodotti sinteticamente potrebbero servire una nicchia, per esempio per le auto d'epoca o le auto sportive. Tuttavia, il passaggio alla mobilità elettrica è in pieno sviluppo. Dopo che tutte le grandi case automobilistiche hanno iniziato a seguire il flusso, e anche il governo ha spinto l'elettromobilità, era chiaro che questo sviluppo non poteva più essere fermato. Tra dieci anni al massimo, almeno il 90% dei veicoli sarà elettrico.

Per allora avremo risolto anche i problemi che esistono ancora oggi, come la scarsa autonomia e la ricarica lenta?
Non è proprio corretto chiamarli problemi. Ci sono abbastanza fonti di energia per caricare il veicolo, devono solo essere rese accessibili. E anche le autonomie dei veicoli stanno aumentando sempre di più. In linea di principio, tuttavia, possiamo supporre che nel compromesso tra ricarica veloce e autonomia, i produttori di auto sceglieranno la via di mezzo. In termini concreti, questo potrebbe significare autonomie effettivamente raggiungibili di 600 o 700 chilometri. Non ha senso fare più di così, perché nessuno vuole guidare così a lungo senza interruzioni, felicemente e con il massimo della concentrazione. Durante la ricarica, non saremo in grado di ricaricare completamente in cinque minuti, come possiamo fare oggi con la benzina alla stazione di servizio. Ritengo però che la gente possa accettare dai 15 ai 30 minuti. C'è abbastanza tempo per andare in bagno o prendere un caffè prima di continuare.

Come automobilista, voglio essere sicuro di poter trovare una stazione di ricarica gratuita e che funzioni.
Sicuramente. Attualmente il mercato è in pieno fervore. Tesla, per esempio, ha annunciato che aprirà la sua rete Supercharger alle auto di altri produttori. Non credo che tra qualche anno i marchi continueranno a limitare la propria rete di ricarica solo ai loro veicoli.

Al momento, però, occorre pianificare bene prima di andare in giro con un veicolo elettrico.
In Svizzera, la nostra infrastruttura di ricarica è così buona che non c'è più una buona ragione per non guidare un veicolo elettrico. La distanza media normale per giorno e per persona è di circa 40 chilometri. Nessuno ha bisogno di avere la famigerata ansia da autonomia. Come ho detto, si guida e poi si carica sul posto di lavoro o a casa.

Questo è diverso per i viaggi più lunghi o per i viaggi all'estero.
Per i lavoratori di aziende che guidano 200 o 300 chilometri ogni giorno, non funziona sempre alla perfezione, ma funziona. Per i viaggi più lunghi, soprattutto verso paesi con infrastrutture non ancora ben sviluppate, è ancora necessaria un po' di pianificazione al momento e quindi forse è necessaria una piccola decelerazione. In questi tempi frenetici, tuttavia, lo vedo più come un guadagno di qualità. È anche un'esperienza molto bella quando giri tranquillamente per le stradine di una città italiana e nessuno si arrabbia troppo.

Ovviamente tu guidi un'auto elettrica. Sembra essere quasi una condizione di impiego nella vostra azienda. Cosa consiglieresti a qualcuno che è ancora indeciso?
Provare per credere. Guida un modello completamente elettrico per un fine settimana o anche una settimana. Molte paure e preoccupazioni spariranno. E puoi sperimentare il piacere di guida come l'accelerazione continua. Oppure cerca di stabilire dei record di autonomia o di ridurre il consumo di energia.

Parli per esperienza?
Certo. È piuttosto eccitante quando l'indicatore dell'autonomia è solo a una cifra e sei su un'autostrada alle tre del mattino.

Questo non sarebbe successo al tuo collega che ha la vecchia BMW decappottabile che abbiamo visto nel parcheggio.
Dipende. Se il conducente di un motore a combustione guida con il serbatoio completamente vuoto, prima o poi avrà anche problemi in autostrada. Il vantaggio delle auto elettriche è che posso utilizzare una presa normale per la ricarica. La benzina che esce dal rubinetto negli edifici residenziali, invece, è piuttosto rara (ride).

Christopher, grazie per l'intervista.

A 78 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

Giornalista dal 1997 con sedi in Franconia, sul lago di Costanza, a Obvaldo e Nidvaldo e a Zurigo. Padre di famiglia dal 2014. Esperto in organizzazione editoriale e motivazione. Focus tematico sulla sostenibilità, strumenti per l'ufficio domestico, cose belle in casa, giocattoli creativi e articoli sportivi. 


Elettromobilità
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Sostenibilità
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader