Retroscena

Il ritorno del TV OLED di Samsung: cosa c'è da sapere

Luca Fontana
16.03.2022
Traduzione: Leandra Amato

Samsung si avventura nuovamente nel mondo OLED con la nuova tecnologia QD-OLED. Tuttavia, l'azienda ne parla stranamente poco. Qui ti fornisco le domande e le risposte più importanti sull'argomento.

Quest'anno, il produttore di televisori Samsung lancia il suo primo televisore OLED commerciabile. Lo dimostra la sua presenza al CES 2022. L'annuncio non è sorprendente. Già nel 2019, secondo dei leak, il gigante tecnologico sudcoreano pianificava già il suo ritorno. È strano che i responsabili mantengano ancora un basso profilo nelle dichiarazioni ufficiali.

La versione OLED di Samsung sembra estremamente promettente, e LG Display potrebbe anche perdere il suo monopolio sulla produzione della tecnologia dello schermo. A differenza di LG, Samsung combina gli OLED con nanoparticelle note come punti quantici (quantum dot), che fino ad ora sono stati utilizzati solo nei televisori LCD.

Ma andiamo con ordine e chiariamo le domande più importanti.

Perché tutti continuano a parlare di OLED?

I pixel OLED sono LED contenenti carbonio. La particolarità di questi pixel è che non producono solo l'immagine, ma anche la luce. I pixel LCD non possono farlo. Creano solo l'immagine. Per illuminarsi, richiedono una retroilluminazione aggiuntiva, che consiste in uno strato separato di LED. Tuttavia, questi LED non possono (ancora) essere costruiti piccoli come pixel. La luminosità non può quindi mai essere controllata «precisamente», cioè per singolo pixel. E questo ha una grande influenza sulla qualità dell'immagine.

L'ho spiegato più dettagliatamente in questo articolo:

  • Retroscena

    OLED vs. QLED: scontro tra tecnologie di televisori

    di Luca Fontana

Entrambe le tecnologie hanno i loro vantaggi e svantaggi. Il vantaggio dell'OLED rispetto all'LCD è la visualizzazione del true black grazie al controllo specifico della luminosità – e i migliori contrasti che ne derivano. D'altra parte, i pixel OLED brillano meno dei LED tradizionali: se i televisori OLED fornissero più energia ai loro pixel – più luminosità – si svilupperebbe più calore nei pixel. Questo a sua volta accelererebbe l'usura del materiale e porterebbe più rapidamente al burn-in, cioè a residui di immagine antiestetici.

Tuttavia, l'industria è unanime: i televisori OLED producono oggi la migliore immagine sul mercato e sono quindi migliori dei televisori LCD, come spiega l'esperto CNET David Katzmaier qui. E anche se numerosi produttori vendono televisori OLED, i loro pannelli sono prodotti da una sola marca: LG.

Cosa rende LG il monopolista dei TV OLED?

Samsung e LG hanno lottato per anni per il primato: chi ha la migliore tecnologia per le immagini televisive? Il produttore LG Display è una filiale di LG e ha un vero e proprio monopolio sui pannelli OLED per i televisori. Infatti, a differenza della concorrenza, LG Display ha trovato un modo per migliorare la luminosità dei suoi schermi senza aumentare il rischio di burn-in. Ecco come:

ogni televisore è composto da milioni di pixel disposti in una griglia. Ogni singolo pixel contiene tre piccoli subpixel.

  1. Uno rosso
  2. Uno blu
  3. Uno verde
Ogni pixel è composto da un subpixel rosso, uno verde e uno blu.
Ogni pixel è composto da un subpixel rosso, uno verde e uno blu.
Grafica: Sven Martin

LG Display ha aggiunto un altro subpixel bianco a questa griglia RGB, la cui unica funzione è quella di fornire più luminosità attraverso la sua luce. Questo riduce significativamente il carico di energia per subpixel e quindi il rischio di burn-in. Il nome di questa tecnologia è WOLED.

Nessun altro produttore ha esplorato la tecnologia WOLED in modo così rapido ed efficiente come LG Display. Nemmeno Samsung Display, la filiale di Samsung per la produzione di pannelli TV. E poiché i costi per la ricerca e lo sviluppo sono esorbitanti, è semplicemente più facile per tutti comprare pannelli OLED da LG Display invece di ricercare, sviluppare e costruirli individualmente. Anche se nessun produttore lo ammetterebbe: ormai non è più un segreto che Sony, Philips e Panasonic comprano i loro pannelli OLED da LG Display.

Fino ad ora.

Perché il ritorno di Samsung all'OLED è così degno di nota?

Samsung ha già provato i pannelli OLED. Tuttavia, dopo una serie di prototipi falliti, l'azienda ha annunciato nel 2014 che si sarebbe ritirata dal business dei TV OLED.

Da allora, il produttore si è ripetutamente espresso con veemenza contro i televisori OLED, proprio a causa del rischio di burn-in. Non sarebbe mai venuto in mente all'azienda sudcoreana di ammettere la sconfitta e comprare l'ambita tecnologia del pannello dall'arcirivale LG. Invece, hanno commercializzato i loro televisori LCD con tecnologia a nanoparticelle e mini LED come la vera star del mercato. In breve: Neo QLED.

Al di fuori dei circoli di influenza di Samsung – tranne che per il partner QLED TCL – questa valutazione ha incontrato poca approvazione. Non era raro che gli esperti speculassero sul fatto che Samsung stesse addirittura segretamente rimpiangendo il suo allontanamento dall'OLED, anche se Samsung è ancora il più grande produttore di TV al mondo.

La quota di mercato dei TV misurata in base alle consegne

«Samsung Electronics ritiene che l'attuale tecnologia dei pannelli OLED debba essere migliorata tecnologicamente, prima di poter essere utilizzata nei televisori.»
Dichiarazione ufficiale di Samsung nell'agosto 2019 (su richiesta)

Nel frattempo, i suddetti miglioramenti tecnologici sembrano essere stati fatti. La presenza di Samsung all'ultimo CES può quindi essere considerata storica. Infatti, in quella occasione, Samsung ha presentato la sua propria, nuova e commerciabile versione di OLED. Non ha ancora un nome ufficiale. Gli esperti, tuttavia, parlano comunemente di Quantum Dot OLED, in breve: QD-OLED.

Cosa rende il QD-OLED di Samsung diverso dall'OLED di LG?

LG ha introdotto il subpixel bianco per creare un'immagine ancora più luminosa senza rischiare un maggiore burn-in. Samsung, d'altra parte, fa affidamento sulle nanoparticelle che l'azienda già utilizza per garantire una luce particolarmente pura nei suoi televisori LCD. Questo rende i televisori a nanoparticelle migliori dei normali televisori LCD. Samsung vuole ora applicare lo stesso principio ai televisori OLED.

Ecco come: inizialmente, Samsung usa solo OLED blu. Invece di usare filtri di colore convenzionali come LG, Samsung usa uno strato di nanoparticelle che assorbe la luce blu degli OLED e ne cambia il colore. Si tratta di un fenomeno fisico che gioca con le dimensioni delle nanoparticelle per creare specificamente nuove oscillazioni, che a loro volta percepiamo come colori. E tutto questo senza alcuna perdita di luminosità. Questo strato è chiamato «quantum dot color converter», in breve: QDCC:

Architettura di un pixel QD-OLED: la luce degli OLED blu viene colorata dal filtro colorato a punti quantici.
Architettura di un pixel QD-OLED: la luce degli OLED blu viene colorata dal filtro colorato a punti quantici.
Grafica: Sven Mathis

Si tratta solo di un piccolo cambiamento nell'architettura di un pixel OLED, ma ha un impatto enorme.

Il QD-OLED di Samsung è migliore dell'OLED di LG?

In teoria: sì. Samsung vuole combinare il meglio dei due mondi nei suoi schermi QD-OLED. In particolare:

  1. Livelli di nero e contrasti perfetti grazie alla tecnologia OLED
  2. Un'immagine luminosa come i televisori LCD
  3. Nessun burn-in
  4. Colori ancora più puri grazie alle nanoparticelle (punti quantici).

L'idea di usare le nanoparticelle come sostituti del filtro di colore non è solo buona, ma geniale. I filtri di colore di LG hanno uno svantaggio tecnologico. Reminder: un pixel WOLED è composto da quattro subpixel. In ogni subpixel, gli OLED rossi, verdi e blu si irradiano ugualmente: questo è ciò che percepiamo come «bianco». I filtri di cui sopra bloccano quindi i colori indesiderati. Ad esempio, verde e blu se il subpixel deve brillare di rosso. In questo modo, ogni subpixel ottiene il colore assegnatogli.

Qui viene mostrato graficamente:

Architettura di un pixel WOLED: quattro subpixel formano un pixel WOLED. Se il rosso, il verde e il blu si irradiano con la stessa intensità, percepiamo il bianco.
Architettura di un pixel WOLED: quattro subpixel formano un pixel WOLED. Se il rosso, il verde e il blu si irradiano con la stessa intensità, percepiamo il bianco.

Ma c’è un problema: il filtro riduce anche la luminanza dei colori, cioè la loro luminosità. Da qui il subpixel bianco extra di LG. Questo rende l'immagine di nuovo più luminosa, ma allo stesso tempo sbianca gli altri colori. Non che i colori OLED siano cattivi per questo, al contrario. Ma non sfruttano tutto il potenziale. Ho descritto la fisica dietro a questo in modo più dettagliato qui:

  • Retroscena

    Nicht Pixelmasse, sondern Farbe macht das perfekte Bild

    di Luca Fontana

Le nanoparticelle di Samsung, invece, non filtrano. Invece, ricolorano la luce bluastra dell'OLED. È fondamentale e significa che i colori dei pixel QD-OLED non perdono luminanza – o luminosità. In questo modo, sfruttano molto più potenziale. Concretamente:

  1. I pixel QD-OLED brillano di più dei pixel WOLED perché non perdono luminanza.
  2. I pixel QD-OLED possono quindi fare a meno del subpixel bianco.
  3. I pixel QD-OLED producono quindi un'immagine più luminosa con colori più ricchi con lo stesso input energetico.

Ricordiamo: più energia = più calore = più rischio di burn-in. Samsung aggira tutto questo con la sua nuova architettura. Almeno in teoria.

Ci sono già le prime prove pratiche?

Sì. Tra queste, quelle di Linus Tech Tips. Linus sembra confermare la teoria nella pratica, anche se i suoi rapporti dovrebbero essere presi con cautela per il momento. Linus è stato invitato da Samsung per dei test. Lui stesso dice che Samsung ha sponsorizzato il suo video.

Tuttavia, Linus gode di un'ottima reputazione come esperto. La sua opinione conta. Inoltre, spiega Linus, Samsung non ha mai permesso a un tester esterno di provare in anticipo una nuova tecnologia, certamente non con materiale di origine esterna e dispositivi che appartengono al tester e non a Samsung. Se questo è vero, allora testimonia ancora una volta la grande fiducia di Samsung nella propria tecnologia.

In ogni caso, le cifre che Linus presenta nel suo video sono impressionanti. Cominciamo con la luminosità. Per fare un confronto, prendiamo il pannello Evo OLED di LG e il pannello Neo QLED di Samsung dello scorso anno. Ho preso le loro cifre da rtings.com. Le colonne mostrano tre dimensioni di finestre: 2%, 50% e 100% del display.

2 %50 %100 %
WOLED
(LG G1 Evo OLED)
846 Nit281 Nit169 Nit
Neo QLED
(Samsung QN90A)
1363 Nit1153 Nit735 Nit
QD-OLED1400 Nit300 Nit200 Nit
nit è l'unità di misura inglese per candela per metro quadrato (cd/m²) – cioè luminanza o luminosità. Considera il confronto dei numeri solo come una linea guida, poiché ci sono fonti diverse dietro le misure nit.

La luminosità complessiva del televisore – l'intera dimensione della finestra – ci dice che c'è poca differenza tra QD-OLED e WOLED; in stanze inondate di luce, i televisori LCD sono ancora i più visibili. Tuttavia, il confronto è impressionante con una dimensione della finestra del 2%, cioè con aree di immagine molto piccole. Sole. Lanterne. Fanali. Il QD-OLED supera persino l'LCD. I televisori QD-OLED possono anche brillare molto più di quelli WOLED in punti specifici e senza subpixel bianchi aggiuntivi. Questo significa più luminanza, migliori contrasti e quindi colori più forti.

Questo è esattamente ciò che SGS, uno dei principali gruppi internazionali di test, conferma tramite il comunicato stampa di Samsung. È stata misurata la copertura di due spazi colore. In primo luogo, lo spazio colore DCI-P3, che è attualmente il più utilizzato per i contenuti HDR e Dolby Vision. L'altro è BT.2020, noto anche come Rec.2020, che è considerato lo spazio colore del futuro. Allo stesso modo, ecco il confronto con Evo OLED e Neo QLED.

DCI-P3BT.2020 / Rec.2020
WOLED
(LG G1 Evo OLED)
99,79 %77,17 %
Neo QLED
(Samsung QN90A)
95,52 %76,49 %
QD-OLED>120 %>90 %
Considera il confronto dei numeri solo come una linea guida, poiché ci sono fonti diverse dietro alle misurazioni nit.

QD-OLED supera di gran lunga le altre tecnologie. Probabilmente non ci vorranno test a lungo termine per prevedere già ora che il QD-OLED produrrà la migliore immagine dei prossimi anni.

La supremazia di LG nell'OLED sta per finire?

Sì. Ma non nell'immediato futuro. L'attuale posizione di monopolio di LG Display è troppo forte. Dopo tutto, LG Display è l'unico produttore di pannelli OLED per i televisori. A tal fine, non sarà Samsung a lanciare il primo TV QD-OLED, ma Sony.

Aspetta, cosa?

In effetti, il produttore di TV giapponese è l'unico finora ad aver già annunciato un modello concreto – il Sony Bravia A95K, sopra nella foto di copertina. Le vendite potrebbero iniziare già a maggio. Sony non ha voluto dire da dove viene il suo pannello QD-OLED quando gli è stato chiesto dalla redazione. Ma è ragionevole che possa averlo acquistato da Samsung Display.

Samsung stessa prevede di lanciare il suo primo TV QD-OLED quest'anno. Samsung Svizzera non è stata in grado di dire esattamente quando.

«Il televisore da 65 pollici di Samsung con display QD ha ricevuto il CES 2022 Innovation Award. Mentre i piani specifici per la commercializzazione non sono ancora stati determinati, non vediamo l'ora di offrire nuove esperienze televisive ai nostri clienti nel prossimo futuro.»
Martin Zust, Head of Corporate Communication, Samsung Svizzera

Fonti ben informate mi hanno spiegato che il lancio ritardato potrebbe essere dovuto a battibecchi interni tra Samsung e Samsung Display. Ma non c'è nulla di certo.

Tutto dipende dalla domanda del mercato. E questa, a sua volta, dal prezzo dei televisori. Ma nessuno ha parlato di questo. Nemmeno Sony. Quindi dubito che il QD-OLED porterà a dei cambiamenti importanti nel mercato televisivo a breve termine.

Dovrei aspettare a comprare un televisore OLED in favore degli QD-OLED?

No. Gli esperti del settore, tra cui Caleb Denison di digital Trends, suggeriscono che i primi televisori QD-OLED saranno ancora troppo costosi per la maggior parte di noi nei prossimi anni. Questo è in linea con quello che fonti ben informate mi hanno detto finora: il prezzo al dettaglio per un modello da 65 pollici si dice che si aggiri tra i 4500 e i 5000 franchi. Più o meno.

LG Display, d'altra parte, ha consolidato la posizione di mercato del WOLED negli ultimi anni: la tecnologia è più sofisticata, efficiente e più economica da produrre che mai. Sempre più persone possono permettersi i TV OLED. Inoltre, è ancora vero che gli OLED producono un'immagine migliore di qualsiasi altra cosa conosciuta prima del QD-OLED.

Questa tesi è supportata anche dalla seguente dichiarazione di Sony:

«Oltre all'A95K con la nuova tecnologia QD-OLED [...] la quota maggiore della gamma di TV di Sony [...] si basa sulla tecnologia OLED, seguita dai TV con tecnologia LCD. La tecnologia OLED è quindi di importanza strategica per Sony.»
Olaf Emmerich, Marketing Head Sony Switzerland & Austria

Questo potrebbe anche essere uno dei motivi per cui Samsung è stata finora così stranamente reticente sulla sua nuova tecnologia QD-OLED: è ancora troppo costosa per porre fine rapidamente al WOLED. Samsung ha lavorato per anni su Micro LED, una tecnologia LCD che dovrebbe rimpiazzare l'OLED. Presto. L'anno prossimo. O quello successivo. I sudcoreani hanno rimandato il lancio sul mercato per molto tempo.

  • Novità e trend

    Samsung erfindet die TV-Welt neu – behaupten sie

    di Luca Fontana

Quindi LG Display ha ancora tempo per rispondere con la propria versione di QD-OLED. E questo sarà necessario. LG non comprerà più pannelli dal suo arcirivale di quanto Samsung abbia comprato da LG Display in tutti questi anni. Questo è a vantaggio di noi consumatori. La concorrenza non solo stimola gli affari, ma riduce anche i prezzi.

LG Svizzera non ha voluto commentare il QD-OLED quando gli è stato chiesto dalla redazione.


Aggiornamento 18 marzo, 1:55 pm:

Heise Online sostiene di aver scoperto delle debolezze clamorose nel QD OLED di Samsung. Qual è la storia?

  • Retroscena

    Samsung annuncia QD-OLED – con un'evidente debolezza?

    di Luca Fontana

Grazie alla colonna dei commenti per averlo fatto notare!


Immagine di copertina: Sony

A 121 persone piace questo articolo


User Avatar
User Avatar

La mia zona di comfort consiste in avventure nella natura e sport che mi spingono al limite. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono un appassionato di colonne sonore dei film e ciò si sposa perfettamente con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot». 


TV
Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.

Potrebbero interessarti anche questi articoli

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader

  • Skeleton Loader

    Skeleton Loader