Eternals – il film Marvel più noioso di tutti i tempi

Eternals – il film Marvel più noioso di tutti i tempi

Luca Fontana
Zurigo, il 04.11.2021
Traduzione: Leandra Amato

Poteva diventare l'evento cinematografico dell'anno della Marvel, diretto dal premio Oscar Chloe Zhao. Invece no. «Eternals» è un esperimento fallito e noioso.

Una cosa all'inizio: in questa recensione non ci sono spoiler. Leggi solo ciò che è noto dai trailer già rilasciati.


Se «Eternals» non fosse stato posticipato di un anno a causa della pandemia, la regista Chloe Zhao non avrebbe potuto finire «Nomadland». Avrebbe anche significato che il film non le avrebbe fatto vincere l'Oscar per la «Miglior Regia» all'inizio di quest'anno. Il destino, forse. Ma certamente un sogno per il reparto marketing della Marvel:

il capo della Marvel e mente dell'MCU Kevin Feige non si lascia sfuggire l'opportunità di battere vigorosamente il tamburo promozionale per la sua nuova regista premio Oscar. Vengono fuori parole come «spettacolare». Scherzosamente annuncia anche l'Oscar per «Eternals».

Le aspettative sono enormi. La delusione dopo anche. Non perché il film non sia diventato un capolavoro da Oscar. Peggio:

«Eternals» è semplicemente noioso.

Di cosa si tratta

Prima delle sei singolarità – le Gemme dell'Infinito – l'universo era buio e vuoto. Poi arrivarono i divini Celestiali, guidati da Arishem. Dal nulla hanno creato energia e materia, stelle e pianeti, sistemi solari e galassie, nonché la vita stessa.

I Celestiali erano orgogliosi del loro lavoro, ma poi emerse una grave minaccia: i Devianti, che minacciavano di distruggere le opere dei Celestiali. I Celestiali hanno quindi creato nuove creature: gli Eterni (Eternals). Dotati di un potere incredibile, sono stati inviati in tutti gli angoli dell'universo per fermare la minaccia.

Dieci Eterni si stabilirono anche sulla Terra. Per millenni, hanno protetto la vita dai Devianti – e solo dai Devianti, secondo il mandato divino. Quando la minaccia sembrava essere stata scongiurata, il gruppo si scioglie. Per centinaia di anni hanno lasciato l'umanità al suo destino. Poi, la metà della vita che si pensava persa nell'universo ritorna. Ma le energie cosmiche attirano di nuovo i Devianti sulla Terra.

È tempo che gli Eterni escano dalla loro esistenza nell'ombra.

Il tentativo di essere diversi

La regista e co-sceneggiatrice Chloe Zhao fa uno sforzo visibile per sfuggire alla formula Marvel standard, che è diventata troppo costrittiva: prendere la classica struttura in tre atti, molto umorismo, quasi nessuna profondità, e aggiungere una grande battaglia in CGI nel terzo atto. Titoli di coda. Per finire, ci sono una o due scene dopo i titoli di coda che danno più da parlare rispetto a tutto il film.

Per farla breve: il perfetto film da popcorn.

Prendi questo, Deviante!
Prendi questo, Deviante!
Marvel Studios

Ci sono molte ragioni per cui questa formula ha funzionato così bene per oltre dieci anni. Ad esempio un casting perfetto. Ma anche che Kevin Feige porta sempre a bordo registi con il loro stile e la loro voce. Per lo più senza esperienza di grandi budget. I film Marvel sembrano quindi familiari, ma in qualche modo freschi. Una ricetta di successo, perfezionata nel corso degli anni ed estremamente lucrativa.

C'è James Gunn, ad esempio, noto per il suo umorismo morboso, ma perfetto per un film come Guardiani della Galassia, che si destreggia tra molti personaggi. O Taika Waititi, che ha preferito lasciare che i suoi attori e attrici improvvisassero intere scene in «Thor: Ragnarok» invece di attenersi strettamente al copione. E più recentemente, il regista nippo-americano Destin Daniel Cretton è stato autorizzato a portare vibe poco familiari di Jackie Chan nell'universo Marvel.

Chloe Zhao si adatta perfettamente a questa serie. I grandi budget le sono estranei. È raramente sui set cinematografici o davanti a schermi verdi; preferisce lavorare sul posto, in luoghi reali, con pochi membri della troupe intorno. Questo si adatta al suo stile. I film di Zhao hanno spesso una qualità documentaria. Reale. Alcuni parlano di understatement poetico.

Nel film premio Oscar «Nomadland», ad esempio, accompagna l'attrice Frances McDormand nel suo road movie semi-fantastico attraverso le praterie del Nevada. Al centro c'è il ritratto intimo di una donna che tenta la vita da nomade moderna, molto al di fuori dei costumi convenzionali e della società occidentale. A Feige piace lo sguardo intimo di Zhao sulle cose, lo ripete continuamente.

In effetti, lo stile naturalistico di Zhao, che ha reso «Nomadland» degno di una sala cinematografica, si può trovare anche in «Eternals». Visivamente, questo allontana il film dalla solita pomposità dei film Marvel, altrimenti visivamente stupefacenti.

Solo che... il naturalismo di Zhao si rivela essere la scelta completamente sbagliata per il progetto «Eternals».

Raramente diventa molto più spettacolare di questo in termini di immagini.
Raramente diventa molto più spettacolare di questo in termini di immagini.
Marvel Studios

Alla presentazione del materiale demo di Zhao, Kevin Feige avrebbe detto ai capi Disney «Questo è uscito direttamente dalla telecamera, non c'è nessun lavoro VFX». Si vedono una spiaggia, un bel tramonto, onde perfette, nebbia e spruzzi di mare che abbracciano le maestose scogliere.

Certo, ci sono alcune belle inquadrature nel film, ma «Eternals» è per lo più pallido e scarno. Questo mi dà particolarmente fastidio perché conosco il modello del fumetto. Gli Eternals nascono dall'immaginazione spesso deliziosamente esuberante dell'icona Marvel Jack Kirby. Le minacce cosmiche sono sempre al centro del suo lavoro. Divinità contro distruttori del mondo. Multiversi e mondi paralleli. Il tutto raccontato in cacofonie di immagini dai colori sgargianti che potrebbero anche provenire da un trip da LSD.

Ricordi la scena «apri gli occhi» di Dr. Strange? Questo è Jack Kirby in tutto e per tutto, proprio come gli Eternals nei fumetti.

Il film «Eternals» non è nessuna di queste cose. Questo è un problema. Perché la Marvel, con «Eternals», vuole venderci un film di proporzioni cosmiche. Dal punto di vista visivo, però, cade in basso. Non perché i luoghi reali non siano abbastanza spettacolari – il «Signore degli Anelli» di Peter Jackson è stato girato in Nuova Zelanda. Ma perché le location reali scelte sono proprio da sfigati.

Per lo più, gli Eterni si muovono attraverso grandi paesaggi rocciosi, aridi deserti, spiagge grigie, praterie desolate e in mezzo a giungle sorprendentemente incolori. Tutto questo può sembrare naturale. Appunto. Non da computer. Lo stile di Zhao. Si sente a suo agio lì. Ma niente di tutto ciò è epico. Neanche un po' fedele all'originale. Non importa quanto siano colorati i costumi, non importa quanto i personaggi parlino della più grande minaccia che l'umanità abbia mai dovuto affrontare. Non si nota mai quando la storia sembra svolgersi nei luoghi meno interessanti del pianeta.

Questo non è un dietro le quinte degli attori sulla strada per il set, ma è uscito direttamente dal film.
Questo non è un dietro le quinte degli attori sulla strada per il set, ma è uscito direttamente dal film.
Marvel Studios

Ma questo è tutt'altro che l'unico problema.

Storia insipida che si rifiuta di andare avanti

La storia. Se «Eternals» fosse solo visivamente un po' incolore, sarebbe sopportabile. Ma se la storia che Chloe Zhao ha co-scritto è altrettanto noiosa, il film si avvia verso un fiasco totale.

Certo, aggiungere dieci nuovi personaggi non è un gioco da ragazzi. La rivale di Marvel, DC, ha introdotto meno personaggi in due film con «Batman vs. Superman» di Zack Snyder e «Justice League» di Joss Whedon e ha fallito. Zhao cerca di farlo mandando i suoi due personaggi principali, Sersi (Gemma Chan) e Ikaris (Richard Madden), in un viaggio per la maggior parte del film. Si conosce già da «Nomadland». Va più o meno così:

«Ehi, signor o signora Eternal, c'è una nuova minaccia. Dobbiamo tornare insieme. Andiamo!».

«Oh, merda. Ok».

Cambio di scena. Prossimo luogo desolato. Prossimo Eterno. Bah.

Certo, ogni Eterno o Eterna reagisce in modo diverso al pericolo imminente. Alcuni la prendono con calma. Altri sono scioccati o nutrono ancora un antico rancore irrisolto. Per noi spettatori, questo road trip ha lo scopo di darci una caratterizzazione approssimativa dei personaggi. Aha, è lui quello divertente. Quindi è lei che è sempre preoccupata. Oh, questo è il tipico stronzo. E wow, qui abbiamo un personaggio LGBTIQ+, molto progressista, Marvel.

Questo va bene per circa tre, quattro personaggi. Al settimo, ottavo o nono personaggio al più tardi, mi addormento. Guardo l'orologio. Sono passate due ore. La trama non è quasi mai andata avanti dall'inizio. Non si tratta di un accumulo atmosferico di tensione in stile «Dune» di Denis Villeneuve.

Questa è spazzatura.

Poi la fine. Senza spoilerare: dopo due ore e 37 minuti, mi rendo conto che per un film così lungo su esseri cosmici e divini, è successo sorprendentemente poco.

C'è ancora un po' di luce nell'oscurità

Tuttavia, ci sono dei punti brillanti dove «Eternals» funziona. Vale a dire, quando la sceneggiatura di Zhao si prende una pausa dal viaggio eterno e ci racconta in pochi e brevi flashback ciò che gli Eterni hanno fatto e sperimentato sulla Terra negli ultimi 7000 anni.

Forse sarebbe stato il film che avrei voluto vedere.

Blast from the Past – più di questo sarebbe stato incredibilmente buono per il film.
Blast from the Past – più di questo sarebbe stato incredibilmente buono per il film.
Marvel Studios

Perché in questi flashback, gli Eterni sono insieme. La dinamica è palpabile. Anche i motivi. Sorgono conflitti. Il piano divino dei Celestiali è messo in discussione. È moralmente giusto lasciare le persone ai loro conflitti spesso autodistruttivi, quando gli Eterni potrebbero porvi fine con un gesto della mano e portare armonia?

Si formano schieramenti tra coloro che hanno giurato obbedienza ai Celestiali e coloro che pretendono obbedienza dagli altri Eterni. È fantastico. E anche molto più colorato di tutto il viaggio messo insieme. Sa di film. Emerge una trama. Tra una cosa e l'altra, mi commuovo anche un po'. Zhao, potresti...

No, niente. Torniamo al viaggio; ai rompiscatole che si riuniscono ma che in qualche modo non sanno ancora bene se interverranno davvero o no. Gli Eterni non solo rallentano se stessi, ma anche la trama. Più e più volte.

Conclusione: una grande delusione

«Eternals» ha diversi problemi. Prima di tutto, c'è la mancanza di atmosfera. I naturalisti apprezzeranno lo stile di Zhao. Probabilmente hanno ragione. Ma come fan Marvel, mi aspetto che un film Marvel sia un po' più fedele all'originale, ed «Eternals» non è «Nomadland».

Oltre alle immagini noiose, la storia è noiosa perché è ripetitiva e non prende velocità. E come se non bastasse, vengono aggiunti dieci nuovi personaggi principali più quelli di supporto, che io come spettatore non riesco mai ad afferrare veramente fino alla fine. Chi mi piace adesso? Chi no? Di chi mi importa?

Quello che rimane è un film incredibilmente piatto. Peccato. Specialmente ora che serie Marvel come «WandaVision» e «Loki» hanno spalancato la porta per i viaggi mentali multiversali, «Eternals» si avvicina a quella porta aperta e fa esattamente quello che i personaggi del film fanno la maggior parte del tempo: un bel niente.


«Eternals» è nei cinema dal 4 novembre. Durata: 157 minuti.

A 48 persone piace questo articolo


Luca Fontana
Luca Fontana

Editor, Zurigo

La mia zona di comfort consiste in avventure nella natura e sport che mi spingono al limite. Per compensare mi godo anche momenti tranquilli leggendo un libro su intrighi pericolosi e oscuri assassinii di re. Sono un appassionato di colonne sonore dei film e ciò si sposa perfettamente con la mia passione per il cinema. Una cosa che voglio dire da sempre: «Io sono Groot».

Film e serie

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


Potrebbero interessarti anche questi articoli