Elettromobilità: come trovare la giusta wallbox

Elettromobilità: come trovare la giusta wallbox

Martin Jungfer
Zurigo, il 17.09.2021
Traduzione: Leandra Amato

Se hai deciso di acquistare un'auto elettrica, l'ideale sarebbe ricaricarla a casa. Per i proprietari di immobili, vale la pena installare una wallbox. Ma qual è quella giusta?

Le auto elettriche vengono chiamate a volte anche «veicoli plug-in». Ma se pensi di caricare la tua auto elettrica semplicemente collegandola a una normale presa domestica ti sbagli. Per prima cosa, ci vorrebbe troppo tempo; inoltre, la maggior parte delle prese non sono affatto progettate per fornire energia per ore e a pieno carico.

Pertanto, devi avventurarti nella giungla delle stazioni di ricarica per auto elettriche e trovare quella giusta per il tuo veicolo. Ecco alcuni consigli per aiutarti nell'orientamento.

Innanzitutto: cos'è una wallbox?

Una wallbox è un caricatore per auto elettriche. Si presenta sotto forma di una «scatola» («box»), che si monta alla parete («wall») del tuo garage o parcheggio e carica la tua auto mentre dormi o pranzi con la tua famiglia.

Perché ho bisogno di una wallbox?

Una wallbox carica la tua auto direttamente a casa tua. Puoi usarla per acquistare l'elettricità allo stesso prezzo di quella che utilizzi per la tua casa. Rispetto alla ricarica nei punti di ricarica pubblici, i cosiddetti charger, puoi risparmiare fino a due terzi del prezzo di una carica.

  • Secondo SwissCharge, 1 kWh di elettricità in una stazione di ricarica pubblica costa CHF 0.365.
  • Sulla rete EWZ, 1 kWh di elettricità costa CHF 0.3797 in tariffa alta;
  • In tariffa bassa, invece, un 1 kWh di elettricità costa sulla rete EWZ CHF 0.1385.

Inoltre, è più conveniente se l'auto si ricarica mentre si svolgono le solite faccende quotidiane o ci si siede davanti alla TV la sera. Nelle stazioni di ricarica pubbliche occorre aspettare e ammazzare almeno mezz'ora prima di poter continuare a guidare con la batteria piena.

Come posso avere una wallbox?

L'installazione di una wallbox si divide in tre fasi:

  1. Scelta della wallbox: questa guida serve proprio a questo.
  2. Acquisto della wallbox: questo spetta a te. A meno che la società di installazione non ti offra direttamente l'intero pacchetto. Tuttavia, dovresti poi chiedere il prezzo della singola wallbox per poterlo confrontare.
  3. Installazione della wallbox: questo deve essere fatto dall'elettricista – è il regolamento.

Perché è utile una wallbox?

Come già indicato sopra: con una wallbox carichi più velocemente e, soprattutto, in modo più sicuro rispetto a una presa domestica, che spesso non è progettata per carichi elevati permanenti. Ulteriori vantaggi dipendono dal modello di wallbox: gestione del carico, diritti di accesso e di utilizzo per diverse persone, integrazione nel sistema smart home e così via.

Quale wallbox dovrei acquistare?

Se vuoi caricare la tua auto, tre componenti interagiscono per determinare la velocità del processo di ricarica:

  1. il caricatore – nel tuo caso la wallbox
  2. il cavo
  3. l'auto

Quando si installa una wallbox, è spesso il caricatore stesso a fornire meno potenza.

I livelli di potenza sono rilevanti se scegli la wallbox nel nostro shop. Puoi impostare i seguenti filtri:

  1. 7,4 kW
  2. 11 kW
  3. 22 kW

Più kilowatt ha la wallbox, più veloce sarà la carica – sempre che la tua auto possa gestire una tale quantità di energia. Un ibrido con una sola fase di ricarica può spesso assorbire solo un massimo di 7,4 kW. In Svizzera e in Germania, la carica monofase è limitata per legge a 3,5 kW per evitare carichi di fase ineguali (grazie al membro della Community @Novanion per il suggerimento!).

Quindi, una wallbox da 22 kW non serve a nulla. A meno che tu non stia già pensando al futuro. La maggior parte delle auto 100% elettriche si carica oggi con 11 kW. Alcuni veicoli offrono anche una potenza di ricarica di 22 kW – qui trovi una panoramica (in tedesco).

Quali sono i requisiti per una wallbox in casa?

Le informazioni in questa guida fungono solo da linee guida. Devi prestare attenzione ai seguenti aspetti:

  • Rete elettrica: la rete elettrica di casa tua può fornire abbastanza energia per caricare la tua auto?
  • Rete e connessione: hai una ricezione WiFi o una presa per il cavo di rete nel luogo in cui installi la wallbox?

L'elettricista risponderà alla prima domanda durante una consulenza preliminare.

Di quali spine ho bisogno?

È possibile caricare l'auto con la normale presa da 220 V, anche senza wallbox. Tuttavia, ogni casa automobilistica lo sconsiglia. La soluzione della presa 220 V è destinata solo alle emergenze, ad esempio se hai bisogno di ricaricare per qualche chilometro per arrivare alla prossima stazione di ricarica.

Per un funzionamento efficiente ed efficace di una soluzione di ricarica in casa propria, è necessaria una presa CEE trifase. Anche in questo caso ci sono delle differenze. Questo significa che sono possibili capacità di carica molto più elevate rispetto alla normale presa domestica.

Se non è già presente in casa, questa presa viene installata da un elettricista. Poi si collega la wallbox a questa presa, dalla quale un cavo di ricarica arriva al veicolo. Questo cavo è di solito incluso con l'acquisto della wallbox, ma non con tutte; ad esempio, per le wallbox di Easee deve essere ordinato separatamente. In alternativa, la tua e-car dovrebbe avere un cavo di ricarica nel bagagliaio posteriore («trunk») o in quello anteriore («frunk»).

Devo chiedere il permesso prima di installare una wallbox?

I proprietari di case monofamiliari non hanno bisogno di un permesso: possono decidere autonomamente dove e quale wallbox installare. Da un punto di vista tecnico, hai bisogno di una connessione elettrica dove poter installare la wallbox. È ancora più facile se ha già una presa CEE nel luogo dell'installazione.

Per i proprietari di appartamenti in condominio con garage sotterranei o affittuari, le cose sono spesso più complicate se l'amministrazione o anche i singoli comproprietari si mettono in mezzo. Finora, non esiste un quadro giuridico per l'installazione di strutture di ricarica.

Quanto costa l'installazione di una wallbox?

Questo dipende molto da come è la situazione in loco. Nelle case più vecchie, le installazioni elettriche non sono spesso abbastanza potenti. A volte la cassetta di distribuzione è lontana e occorre posare una linea attraverso i muri. Una cosa del genere causa un aumento significativo del costo dell'installazione. Vale la pena dare un'occhiata alla situazione con l'elettricista di fiducia. Ci sono strumenti su Internet (per esempio questo di AMAG) dove si può ottenere una stima iniziale dei costi con alcuni dettagli. In ogni caso, calcola almeno 2000 franchi, più i costi per la wallbox. Ci sono anche fornitori che offrono una tariffa forfettaria per l'installazione, il che ti dà la certezza dei costi in caso di problemi imprevisti se le linee nella tua zona non ti forniscono ciò di cui hai bisogno.

Che potenza di carica hanno le wallbox?

Nel nostro negozio trovi un sacco di filtri per la potenza di carica. Troppi. Le opzioni più interessanti sono tre:

Carica monofase con 7,4 kW

Se compri un modello di auto elettrica leggermente più vecchio o un determinato modello ibrido, è possibile che il produttore abbia installato solo un caricatore monofase con una potenza di carica massima di 7,4 kW. In tal caso, puoi fare a meno di una wallbox più potente e risparmiare soldi. Oppure puoi scegliere una wallbox da 11 kW o 22 kW con potenza di carica regolabile, come questa:

Carica trifase con 11 kW

Le auto elettriche più moderne permettono potenze di ricarica più elevate. In questo modo puoi ricaricare la tua auto più velocemente. Di regola, 11 KW di potenza di carica sono sufficienti per ricaricare la batteria durante la notte. Ma se vuoi questa comodità, hai anche bisogno della wallbox corrispondente. Se vuoi caricare la tua auto con 11 kW occorre un collegamento trifase.

Carica trifase con 22 kW

Se acquisti un'auto elettrica con una grande batteria, vale la pena investire in una wallbox più potente con 22 kW. Una batteria vuota non può essere caricata più velocemente. Tuttavia, l'installazione di un modello da 22 kW di solito costa di più perché richiede un permesso separato dall'operatore di rete, a differenza di una semplice notifica per i modelli più deboli. Ma soprattutto: la ricarica veloce non è esattamente facile per la batteria. Se carichi sempre alla massima potenza e alla massima velocità, la vita utile diminuirà.

Spesso la differenza di prezzo tra i modelli da 11 kW e quelli da 22 kW non è particolarmente grande. Inoltre, con molti modelli la potenza massima di ricarica può essere limitata a 11 kW quando ci si connette all'elettricità; quindi puoi risparmiarti il costoso permesso e magari recuperare più tardi se necessario.

Importante in termini di potenza di carica: la maggior parte delle auto elettriche offre attualmente una potenza di carica massima di 11 kW. Ci sono alcune eccezioni, come la Renault Zoe o alcuni modelli Smart EQ. Qui trovi una panoramica (in tedesco).

Quanto tempo ci vuole per caricare con la wallbox?

Facciamo dei calcoli. Non preoccuparti, non è così complicato. Per sapere quanto tempo impiega la tua auto elettrica per ricaricarsi, hai bisogno di due cifre: in primo luogo, la capacità di carica della tua wallbox (vedi sopra), e in secondo luogo, la capacità della batteria della tua auto.

Esempio: la batteria di una Skoda Enyaq iV 80 ha una capacità di 77 kWh. Supponiamo che tu abbia guidato fino all'ultimo chilometro di autonomia e che tu voglia ricaricarla fino al 100%. La wallbox di tua scelta carica a 11 kW. Quindi il processo di ricarica – 77 kWh di capacità della batteria divisi per 11 kW di potenza di ricarica – richiede circa sette ore.

E prima che tu, da esperto, cominci a commentare: sì, lo so, si tratta di un calcolo molto approssimativo. A seconda dell'età e della qualità della batteria, della temperatura esterna, dell'intelligenza del software dell'auto, della potenza disponibile del charger e altro, ogni modello di veicolo ha una curva di carica individuale. Di regola, la carica è un po' più veloce all'inizio per poi diminuire verso la fine.

Posso monitorare o controllare la ricarica alla wallbox?

Vuoi essere tu a decidere quando deve essere caricata la tua auto? Ha senso. Per esempio, puoi beneficiare di prezzi energetici favorevoli – parola chiave «tariffa bassa». Per questo hai bisogno di una wallbox che offra una «ricarica intelligente». Oppure hai un'auto che ti permette di controllarla tramite app. Se la wallbox deve controllare il processo di ricarica, deve essere accessibile tramite cavo di rete o WiFi.

Alcuni produttori di wallbox offrono un'app che puoi usare per definire, ad esempio, che la tua e-car deve essere carica all'80%, in tempo per andare a lavoro alle 8 del mattino. Oppure che il processo di ricarica dovrebbe iniziare solo con la tariffa bassa.

Ci sono sovvenzioni per l'acquisto e l'installazione di una wallbox?

In Germania, lo stato fornisce un sussidio forfettario di 900 euro per ogni wallbox installata. Il programma ha avuto e ha ancora un tale successo che i fondi sono stati aumentati.

In Svizzera, la situazione varia da cantone a cantone – sai com'è. Qui trovi una panoramica dei benefici offerti dai vari cantoni (in tedesco e francese). Per esempio, i cantoni Berna, Sciaffusa, Ticino e Vallese promuovono l'acquisto e l'installazione di wallbox. Ci sono anche alcune iniziative di comuni e città. Vale la pena quindi informarsi direttamente nel proprio comune o città di residenza.

Quali sono le migliori wallbox?

Le wallbox sono ripetutamente sottoposte a prove comparative. Tuttavia, il mercato si sta sviluppando rapidamente e le esigenze sono molto diverse.

In Germania, ADAC ha testato sei wallbox da 11 kW nel giugno 2021. La vincitrice del test è stata la costosa Kostad TX-1000. In Svizzera, la stessa unità è disponibile sotto il marchio del produttore ABB con la designazione del tipo Terra AC W22-G5-R-C-0.

Le altre wallbox «buone» non sono attualmente disponibili in Svizzera (settembre 2021). Solo la wallbox offerta direttamente da Volkswagen, l'ID.Charger, è offerta anche qui.

L'organizzazione indipendente dei consumatori Stiftung Warentest ha testato l'ultima volta nel 2019 delle wallbox. Il modello Menneks Amtron Xtra 22 ha vinto tra i dispositivi da 22 kW, mentre l'ABL eMH1 ha vinto tra quelli da 11 kW.

Posso caricare anche senza wallbox?

L'installazione di una wallbox non è del tutto economica. Forse stai per traslocare, vuoi provare prima un'auto elettrica o in generale non sei il tipo a cui piace impegnarsi? In questo caso, puoi anche fare a meno di una wallbox e continuare a caricare la tua auto acquistando una stazione di ricarica mobile. Si tratta di cavi con una scatola in cui la corrente viene convertita. In linea di principio, si può quindi collegare a qualsiasi presa e caricare l'auto abbastanza rapidamente tramite presa CEE, ma più lentamente con una normale presa domestica.

Vuoi saperne di più?

Queste erano nove domande e risposte sulle wallbox. Se hai altre domande che ti interessano, postale nei commenti. Le aggiungeremo poi a questo articolo. Puoi trovare l'assortimento di wallbox su Galaxus qui.

Foto di copertina: Ed Harvey / Unsplash

A 69 persone piace questo articolo


Martin Jungfer
Martin Jungfer

Head of Content, Zurigo

Giornalista dal 1997 con sedi in Franconia, sul lago di Costanza, a Obvaldo e Nidvaldo e a Zurigo. Padre di famiglia dal 2014. Esperto in organizzazione editoriale e motivazione. Focus tematico sulla sostenibilità, strumenti per l'ufficio domestico, cose belle in casa, giocattoli creativi e articoli sportivi.

Elettromobilità

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


Sostenibilità

Segui gli argomenti e ricevi gli aggiornamenti settimanali relativi ai tuoi interessi.


Potrebbero interessarti anche questi articoli