Curare i postumi della sbornia con Kaex: «Unico nel suo genere»

Curare i postumi della sbornia con Kaex: «Unico nel suo genere»

Simon Balissat
Zurigo, il 30.07.2020
Traduzione: Leandra Amato
L'integratore alimentare «Kaex» aiuta a smaltire i postumi della sbornia se il giorno prima hai bevuto troppo. Improvvisamente gli atleti si interessano alla pozione magica. Il CEO Pedro Schmidt spiega in un'intervista il motivo per cui non ha creato un nuovo marchio.

La preparazione e la ricerca sono il mio pane quotidiano. In questo caso combino l’utile al dilettevole e raccolgo alcune idee per la mia prossima storia con Caro bevendo una birra dopo il lavoro. Non rimango troppo a lungo. Devo alzarmi presto. Ho un'intervista con il fondatore di «Kaex». Il nostro brainstorming si conclude dopo la prima birra e ce ne concediamo un'altra per brindare alla sessione «di successo». Poi all’improvviso manca poco a mezzanotte, la cameriera prende l'ultimo ordine e vengo assalito dalla mia coscienza. Ho bevuto troppo e domani devo presentarmi da «Kaex». Dopo un po’ spariscono anche i rimorsi. «Kaex» è un rimedio contro i postumi della sbornia, il mio deragliamento è quindi una preparazione perfetta per l’intervista con Pedro Schmidt, il fondatore e CEO di «ph.» e inventore di «Kaex». Inizia la ricerca.

«Kaex Basic» è disponibile in confezione da tre. Tre polveri identiche. Una prima di andare a letto, due la mattina dopo – nel peggiore dei casi. Così sciolgo il contenuto della prima bustina in tre decilitri di acqua prima di andare a letto e bevo fino all'ultima goccia. Il retrogusto di limone ricorda «Isostar». La bevanda è solo più densa. Il sapore non è buono, ma se aiuta? Dopo essermi alzato, ripeto il procedimento con la seconda bustina e mi sento un po' più in forma e meno sbronzo del solito. Andiamo da Pedro. Lascio la terza bustina per le emergenze.

Pedro Schmidt nell’ufficio di «ph.» a Zurigo Wiedikon
Pedro Schmidt nell’ufficio di «ph.» a Zurigo Wiedikon

Start-up al posto di una farmacia

Pedro Schmidt ha lanciato «Kaex Basic» nel 2017. Lo incontro negli uffici del distretto 3 di Zurigo. Indossa maglietta e pantaloncini al posto di un camice o di un completo. Tipico stile da strat-up. Solo durante la sessione fotografica, Pedro nasconde un po' il braccio tatuato. «Le grandi banche investono nella nostra azienda. Mi piacciono i miei tatuaggi, ma non devono attirare l’attenzione», dice ridendo. Anche se il prodotto è fatto per la società del divertimento e si suppone che ti rimetta in piedi la mattina dopo se hai fatto troppa festa. Start-up non significa divertirsi su uno scivolo in ufficio, ma è sinonimo di business. Pedro ha fondato la società «ph.» quattro anni fa. Da allora è cresciuta fino ad arrivare a più di dieci dipendenti, la maggior parte dei quali part-time. Da qualche settimana il suo secondo prodotto è disponibile in farmacia: «Kaex Dolo» è un antidolorifico contro il mal di testa da sbornia. Il CEO di «ph.» non ha un background commerciale, ma si è laureato in farmacia al Politecnico di Zurigo.

Cosa fa un farmacista dopo la laurea se non fonda una start-up?
Un terzo dei laureati sostiene l'esame di stato e diventa farmacista, due terzi sono attratti dall'industria farmaceutica nel settore ricerca e sviluppo. In Svizzera si tratta per lo più di farmaci antitumorali. Dopo gli studi sono entrato in una grande azienda farmaceutica, ma ho lavorato nel marketing.

Allora ti è venuta l'idea di sviluppare un rimedio anti-sbronza. Un prodotto che conosco solo dall’Asia... Come è successo?
Si è accesa una lampadina. Nel 2011, verso la fine dei miei studi, sono andato a Colonia con degli amici, dove abbiamo bevuto un bel po’ come è solito fare durante le gite studentesche. La mattina dopo siamo andati con le teste in piena esplosione in una di quelle enormi farmacie che si trovano in Germania. Non c'era niente di specifico contro i postumi della sbornia, il che mi ha sorpreso e naturalmente infastidito. Tornato in Svizzera, mi sono occupato dell’argomento. Ho iniziato a leggere degli studi su cosa succede esattamente con i postumi. Di cosa ha bisogno il cervello? Di cosa ha bisogno il fegato? Perché esistono i postumi della sbornia? Una cosa tira l'altra, e quattro anni dopo ho inventato una formula con sostanze utili da assumere dopo aver bevuto alcolici. Così ho comprato una bilancia di precisione e le sostanze necessarie su Internet e, come Walter White in «Breaking Bad», ho allestito il mio laboratorio a casa. Prima ho testato tutto io stesso e poi l'ho dato ai miei colleghi, chiedendo loro di essere scettici. Sapevo già allora che volevo portare il prodotto sul mercato e per questo avevo bisogno di opinioni oneste. Ci sono un sacco di soldi in un prodotto come questo. Il feedback è stato molto positivo, così ho fondato la mia azienda nel 2016.

Quindi hai ordinato quelle polveri online? Non è facile acquistarle. Almeno su Galaxus non si può...
Molte cose sono ora disponibili per uso privato. Magnesio per esempio, anche se noi usiamo una forma speciale di magnesio. Gli elettroliti sono disponibili nei negozi di articoli sportivi. Ma ci sono cose che sono difficili da ottenere: fosfatidilserina, L-triptofano e così via. Queste sono tutte sostanze legali, logicamente. Ma ho dovuto cercare a lungo alcuni di questi ingredienti e alla fine li ho trovati presso dei rivenditori specializzati.

Non ho chiesto cosa fanno esattamente queste sostanze. Sono naturali, aiutano a smaltire i postumi della sbornia... mi basta.

Allora hai mischiato tutto nel tuo laboratorio e ora lo chiami Kaex?
Non proprio. Nel 2015 ho messo insieme un prototipo che ha funzionato. Ho fondato l'azienda nel 2016. Tra gennaio 2016 e agosto 2016 ho trascorso il 100 percento del mio tempo sulla ricerca. Ho lasciato il mio lavoro e ho sviluppato «Kaex Basic». Il compito era quello di perfezionare la formula e di richiedere un brevetto mondiale per «Kaex Basic»... Ora la ricetta è ben protetta.

Non tutti sono entusiasti...
Non tutti sono entusiasti...

Ci sono molti commenti riguardanti «Kaex» sul nostro sito, comprese critiche. I nostri clienti criticano il gusto o la consistenza di «Kaex Basic».
Riceviamo questo feedback più e più volte. Abbiamo anche cambiato la ricetta una volta, perché alcuni composti di zolfo hanno in realtà causato un sapore sgradevole all'uovo. Forse i vostri clienti hanno provato la vecchia formula. Il prodotto è davvero piuttosto viscoso. Non possiamo cambiarlo, perché ogni ingrediente di «Kaex Basic» ha i suoi benefici ed è specificatamente dosato. Ma c'è un trucco: più freddo è, meglio è. Consiglio di agitare la polvere in uno shaker con ghiaccio. In questo modo non diventa troppo viscoso.

La polvere richiede l'approvazione di Pharmasuisse o qualcosa del genere?
Non è stato necessario con «Kaex Basic» in quanto integratore alimentare, ma con «Kaex Dolo» sì, perché i principi attivi sono considerati un medicinale. «Kaex Basic» viene regolarmente controllato dagli ispettori alimentari. Nel nostro caso, hanno guardato con particolare attenzione, probabilmente perché siamo un'azienda giovane che produce un rimedio anti-sbornia. Ma non hanno mai avuto nulla di cui lamentarsi. «Kaex Dolo» è considerato un medicinale. Quindi occorre l'approvazione di SwissMedic, che abbiamo ricevuto. Il prodotto è sul mercato da qualche settimana.

«Kaex Dolo» è una pastiglia effervescente contro il dolore. Mi affido ad «Alka Seltzer» se a fine giornata bevo un paio di birre di troppo.
Non è male. «Kaex Dolo» è simile. Se bevi troppo, allora hai davvero bisogno del nostro integratore alimentare e di un antidolorifico. «Kaex Basic» riempie i serbatoi vuoti e ti reidrata. Il corpo ha molti piccoli serbatoi con sostanze che si svuotano dopo aver bevuto o fatto sport. «Basic» li ricarica. Ma l'alcol è una tossina che causa danni alle cellule e sintomi infiammatori. In questo caso ci vuole «Kaex Dolo». È il 30% più potente di «Alka Seltzer», ma è più digeribile in combinazione con Basic. Puoi anche sbagliare con gli antidolorifici per i postumi di una sbornia. Quello che molti hanno in casa è il paracetamolo (nota del redattore: ad esempio Panadol). Ma non si dovrebbe assolutamente prendere dopo aver bevuto, perché attacca il fegato. Purtroppo, molti medici non lo sanno e non avvertono i loro pazienti. Molti farmacisti non vedono l'ora che arrivi «Kaex Dolo», così hanno un prodotto da consigliare a chi entra in farmacia con la testa che scoppia.

Negli ultimi anni si è manifestata un'enorme tendenza fitness. Associo gli integratori alimentari a tipi muscolosi che bevono shaker proteici come se fossero acqua. Il consumo di alcol in Svizzera diminuisce anno dopo anno. Tu crei un prodotto che in realtà contraddice totalmente questa tendenza... Non è un rischio?
Sni. Se guardi «Kaex Basic», gli ingredienti sono naturali. Si trovano tutti nel cibo, solo che qui sono concentrati. Dovresti mangiare 15 uova per ottenere la stessa quantità di acido pantotenico. La promozione della salute con sostanze naturali è l'ultima tendenza. Tuttavia, all'inizio abbiamo avuto un periodo difficile a causa dei pregiudizi. «Kaex Basic» era inizialmente disponibile solo nelle farmacie. Siamo stati percepiti come prodotti farmaceutici. Ma la situazione è cambiata ora che siamo disponibili anche presso Manor, Coop e Migros. All'improvviso, gli atleti professionisti ci sono venuti incontro...

Perché anche agli atleti professionisti piace bere?
Forse. Ma molto di più, perché durante lo sport succedono al corpo le stesse cose che succedono dopo aver bevuto. Il corpo si disidrata, i serbatoi si svuotano. Per questo hanno scoperto «Kaex Basic». Stefan Studer ci ha chiesto se «Kaex Basic» è sulla lista doping. Può succedere con gli integratori alimentari. Ad esempio, la caffeina in grandi quantità si trova su questa lista. Voleva usare «Kaex Basic» durante la «Festa federale» tra un combattimento e l'altro. Abbiamo poi chiarito questo punto e gli abbiamo confermato che «Kaex Basic» non è sulla lista doping.

Allora perché non avete fatto una versione sportiva di «Kaex Basic»? Un nuovo marchio, per così dire?
Ne abbiamo discusso e abbiamo deciso di non farlo. La birra dopo lo sport è una pratica comune tra gli sportivi dilettanti. È lo stesso gruppo target. Ma ora stiamo pubblicizzando «Kaex Basic» in modo più consapevole con lo sport in mente, posizionandolo così sul mercato. Anche se il mercato svizzero è già stato conquistato...

Cosa intendi esattamente?
Puoi acquistare «Kaex Basic» ovunque. Siamo uno dei 30 prodotti di drogheria più venduti in Svizzera. L'obiettivo è stato quindi raggiunto. Ora ci concentriamo in Svizzera su «Kaex Dolo» e osiamo passare il confine. L'idea, il nome e l'aspetto sono sempre stati internazionali. Lo scorso autunno Pro 7 ha investito un milione nella nostra azienda. Questo ci permette di entrare nel mercato tedesco quest'autunno. Ci aspettiamo un vero boom lì. In un colpo solo abbiamo decuplicato le dimensioni del mercato e siamo pronti per l'UE e per gli altri mercati. In effetti, i requisiti sono gli stessi in tutta l'UE. Quindi tutto ciò di cui abbiamo bisogno sono partner di distribuzione in altri paesi.

Dove i prodotti hanno successo, appaiono rapidamente delle imitazioni. Alcune hanno anche più successo dell’originale...
Grazie al nostro brevetto è difficile copiare il nostro prodotto. Ci sono delle imitazioni, certo. Ma si tratta solo di gag di marketing. I preparati a base di vitamine o magnesio sono venduti come rimedi per i postumi della sbornia. Ma non funzionano quasi mai e di solito scompaiono velocemente. I clienti non devono essere presi in giro. Nel mondo occidentale, siamo l'unico rimedio contro i postumi della sbornia che si è dimostrato scientificamente efficace.

Ho superato davvero i postumi della sbornia della scorsa notte. «Kaex» è stato utile. Dopo l'intervista torno a casa con il caldo torrido di mezzogiorno e sudo come un maiale. Per fortuna ho ancora la razione di emergenza di Kaex Basic quando arrivo a casa disidratato...

A 27 persone piace questo articolo


Simon Balissat
Simon Balissat
Senior Editor, Zurigo
Quando 15 anni fa ho lasciato il nido di casa, mi sono improvvisamente ritrovato a dover cucinare per me. Ma dalla pura e semplice necessità presto si è sviluppata una virtù, e oggi non riesco a immaginarmi lontano dai fornelli. Sono un vero foodie e divoro di tutto, dal cibo spazzatura alla cucina di alta classe. Letteralmente: mangio in un battibaleno..

Potrebbero interessarti anche questi articoli